Saltimbanchi si muore

programma televisivo italiano

Saltimbanchi si muore è stato un programma televisivo italiano di genere varietà trasmesso dalla Rete 2 in seconda serata, dal 16 febbraio all' 8 marzo 1980, in quattro puntate, con la conduzione di Gianrico Tedeschi, Diego Abatantuono, Massimo Boldi, Teo Teocoli, Cochi Ponzoni, Maurizio Micheli, Giorgio Porcaro, Felice Andreasi, Enzo Jannacci e le soubrette Diana Scapolan e Kirsten Gille.[1]

Saltimbanchi si muore
PaeseItalia
Anno1980
Generevarietà
Durata54 min
Lingua originaleitaliano
Crediti
ConduttoreGianrico Tedeschi, Cochi Ponzoni, Diego Abatantuono, Massimo Boldi, Teo Teocoli, Maurizio Micheli, Felice Andreasi, Giorgio Porcaro, Enzo Jannacci
RegiaFranco Campigotto, Enzo Jannacci
Rete televisivaRete 2

La trasmissioneModifica

Il programma era ambientato in uno scantinato, dove un gruppo di comici (molti dei quali membri del Gruppo Repellente fondato da Jannacci e Beppe Viola), guidati da Gianrico Tedeschi, si avvicendavano con il sogno di trovare successo televisivo. L'addetto alla portineria era Massimo Boldi, sorta di talent-scout da strapazzo. Il programma fu scritto da Enzo Jannacci, che firmava i testi, che si caratterizzavano dalla verve stralunata e surreale, tipica dell'autore. Jannacci, curava assieme a Franco Campigotto anche la regia e appariva in qualche filmato esterno[2].

Il programma, trasmesso per una sola stagione, vide tra gli altri, alcune fugaci apparizioni di Guido Nicheli, Giorgio Faletti, Mauro Di Francesco, Silvia Annichiarico, Patricia Pilchard, Simone Bongiovanni, Alessandra Scaramuzza, Giuseppe Cederna, Francesco Salvi e Tiziana Pini[3].

Tra gli ospiti musicali Pino Donaggio, Ivan Cattaneo, Paolo Conte e Tullio De Piscopo.

NoteModifica

  1. ^ Varietà 1979-1980, su Rai Teche..
  2. ^ I favolosi programmi TV, su RaiPlay. URL consultato il 28 ottobre 2017 (archiviato dall'url originale il 28 ottobre 2017).
  3. ^ Varietà 1980-1980, su Rai Teche.

BibliografiaModifica

  Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di televisione