Apri il menu principale

Salto con gli sci ai VII Giochi olimpici invernali

Bandiera olimpica Ski jumping pictogram.svg
Salto con gli sci
Cortina d'Ampezzo 1956
Informazioni generali
Luogo Trampolino Italia
Periodo 5 febbraio
Partecipanti 51 da 16 nazioni
Podio
Medaglia d'oro Antti Hyvärinen Finlandia Finlandia
Medaglia d'argento Aulis Kallakorpi Finlandia Finlandia
Medaglia di bronzo Harry Glaß Germania Germania
Edizione precedente e successiva
Oslo 1952 Squaw Valley 1960

Nel salto con gli sci ai VII Giochi olimpici invernali fu disputata una sola gara, il 5 febbraio, riservata agli atleti di sesso maschile. Le medaglie assegnate furono ritenute valide anche ai fini dei Campionati mondiali di sci nordico 1956.

Indice

RisultatiModifica

Sul Trampolino Italia gareggiarono 51 atleti di 16 diverse nazionalità, che a partire dalle 11:00 effettuarono due salti con valutazione della distanza e dello stile. Quella di Cortina fu la rassegna olimpica nella quale si confrontarono le due diverse tecniche di salto in uso durante gli anni cinquanta: la tradizionale Kongsberg tipica dei norvegesi e l'innovativa Däscher, più aerodinamica, alla quale erano passati con maggior rapidità finlandesi, tedeschi e sovietici. L'esito della gara olimpica decretò il successo del nuovo stile[1].

Al termine del primo salto la classifica era guidata dal tedesco Harry Glaß davanti ai finlandesi Aulis Kallakorpi e Antti Hyvärinen; solo undicesimi, a pari merito, i primi norvegesi, Arne Hoel e Sverre Stallvik. Nel secondo salto Glaß con il settimo punteggio fu sopravanzato sia da Hyvärinen, autore della migliore prova, sia da Kallakorpi, che con la quinta piazza confermò il suo secondo posto nella classifica generale. Nella seconda prova dietro a Hyvärinen si posizionarono, a pari merito, lo svizzero Andreas Däscher (l'inventore della nuova tecnica di salto) e il finlandese Eino Kirjonen. Soltanto un norvegese, Stallvik, riuscì a classificarsi tra i primi dieci, in una specialità dello sci nordico nella quale fino ad allora erano stati i protagonisti[1].

Pos. Atleta Nazione 1º salto 2º salto Totale
Distanza Punteggio Distanza Punteggio
  Antti Hyvärinen   Finlandia 81,0 111,5 84,0 115,5 227,0
  Aulis Kallakorpi   Finlandia 83,5 114,5 80,5 110,5 225,0
  Harry Glaß   Squadra Unificata Tedesca 83,5 115,0 80,5 109,5 224,5
4 Max Bolkart   Squadra Unificata Tedesca 80,0 111,5 81,5 111,0 222,5
5 Sven Pettersson   Svezia 81,0 109,5 81,5 110,5 220,0
6 Andreas Däscher   Svizzera 82,0 108,0 82,0 111,5 219,5
7 Eino Kirjonen   Finlandia 78,0 107,5 81,0 111,5 219,0
8 Werner Lesser   Squadra Unificata Tedesca 77,5 105,0 77,5 105,0 210,0
9 Sverre Stallvik   Norvegia 77,0 104,5 75,5 103,5 208,0
10 Hemmo Silvennoinen   Finlandia 75,5 102,5 77,0 105,0 207,5
11 Arne Hoel   Norvegia 77,5 104,5 76,5 102,0 206,5
12 Sepp Bradl   Austria 77,5 104,5 77,0 101,0 205,5
13 Hiroshi Yoshizawa   Giappone 80,5 106,5 74,0 98,5 205,0
14 Bror Östman   Svezia 76,0 102,5 75,5 102,0 204,5
15 Walter Habersatter   Austria 77,5 102,0 77,5 99,5 201,5
16 Nikolay Shamov   Unione Sovietica 77,0 103,0 74,5 98,0 201,0
Władysław Tajner   Polonia 74,0 98,0 76,5 103,0 201,0
18 Asbjørn Osnes   Norvegia 75,5 102,0 72,0 97,5 199,5
19 Rudolf Schweinberger   Austria 74,5 100,0 75,0 99,0 199,0
20 Andrzej Gąsienica Daniel   Polonia 78,0 102,0 74,5 96,5 198,5
21 Arthur Devlin   Stati Uniti d'America 74,0 98,5 72,5 96,0 194,5
22 Jože Zidar   Jugoslavia 75,0 99,5 74,0 94,5 194,0
23 Albin Rogelj   Jugoslavia 71,0 94,0 74,5 98,5 192,5
24 Janez Polda   Jugoslavia 74,5 96,5 74,0 95,0 191,5
25 Roman Gąsienica Sieczka   Polonia 77,5 101,5 71,5 88,0 189,5
26 Sepp Kleisl   Squadra Unificata Tedesca 73,0 95,0 71,0 94,0 189,0
27 Jacques Charland   Canada 76,0 94,5 73,0 93,5 188,0
28 Mojmír Stuchlík   Cecoslovacchia 74,0 98,5 74,0 89,0 187,5
29 Jáchym Bulín   Cecoslovacchia 71,5 93,5 70,5 92,5 186,0
30 Józef Huczek   Polonia 70,5 95,5 67,0 89,5 185,0
K'oba Ts'akadze   Unione Sovietica 80,5 107,0 82,5 78,0 185,0
Otto Leodolter   Austria 72,0 94,0 72,5 91,0 185,0
33 Tito Tolin   Italia 69,5 91,0 71,5 93,5 184,5
34 Yury Moshkin   Unione Sovietica 73,0 91,5 74,0 92,5 184,0
35 Sverre Stenersen   Norvegia 72,0 90,5 70,0 93,0 183,5
36 Roy Sherwood   Stati Uniti d'America 71,5 94,0 68,0 89,0 183,0
37 Luigi Pennacchio   Italia 70,5 91,0 67,5 89,5 180,5
38 Alfredo Prucker   Italia 67,5 88,0 68,5 91,5 179,5
39 Koichi Sato   Giappone 68,0 91,0 66,0 87,5 178,5
40 Conrad Rochat   Svizzera 68,5 89,5 68,5 87,5 177,0
41 Holger Karlsson   Svezia 76,0 71,5 77,5 104,5 176,0
42 Nicolae Munteanu   Romania 66,0 85,0 70,0 90,0 175,0
43 Willis Stuart Olson   Stati Uniti d'America 65,0 84,5 69,5 90,0 174,5
44 Erik Styf   Svezia 76,0 102,5 75,0 66,5 169,0
45 Francis Perret   Svizzera 66,0 86,0 64,0 82,5 168,5
46 André Monnier   Francia 67,5 82,5 66,0 85,0 167,5
Richard Rabasa   Francia 66,0 84,5 66,0 83,0 167,5
48 Enzo Perin   Italia 67,0 83,5 63,5 80,5 164,0
Régis Rey   Francia 65,0 82,0 65,0 82,0 164,0
50 Janez Gorišek   Jugoslavia 63,5 81,5 63,5 80,5 162,0
51 Dick Rahoi   Stati Uniti d'America 71,5 86,0 78,0 72,0 158,0

Medagliere per nazioniModifica

MedagliereModifica

Posizione Paese       Totale
1   Finlandia 1 1 0 2
2   Squadra Unificata Tedesca 0 0 1 1
Totale 1 1 1 3

NoteModifica

  1. ^ a b VII Giochi olimpici invernali. Rapporto ufficiale/VII Olympic Winter Games. Official Report, pp. 620-622, 626-628.
    Scheda Sports-reference sulla gara, su sports-reference.com. URL consultato l'11 luglio 2011.

BibliografiaModifica

Collegamenti esterniModifica

  Discipline ai VII Giochi olimpici invernali (Cortina d'Ampezzo 1956)  

Bob | Hockey su ghiaccio | Pattinaggio di figura | Pattinaggio di velocità | Sci alpino Sci nordico (Combinata nordica | Salto con gli sci | Sci di fondo)