Salvatore Sirigu

calciatore italiano
Salvatore Sirigu
20150616 - Portugal - Italie - Genève - Salvatore Sirigu 1 (cropped).jpg
Sirigu con la nazionale italiana nel 2015
Nazionalità Italia Italia
Altezza 192 cm
Peso 80 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Portiere
Squadra Torino
Carriera
Giovanili
2002-2005Venezia
2005-2007Palermo
Squadre di club1
2006-2007Palermo0 (0)
2007-2008Cremonese19 (-22)[1]
2008-2009Ancona15 (-24)
2009-2011Palermo69 (-101)
2011-2016Paris Saint-Germain145 (-108)
2016-2017Siviglia2 (-3)
2017Osasuna18 (-51)
2017-Torino130 (-181)
Nazionale
2004-2005Italia Italia U-183 (-1)
2005Italia Italia U-192 (-3)
2007-2009Italia Italia U-213 (-2)
2010-Italia Italia26 (-18)
Palmarès
UEFA European Cup.svg Europei di calcio
Argento Polonia-Ucraina 2012
Transparent.png Confederations Cup
Bronzo Brasile 2013
Transparent.png Europei di calcio Under-21
Bronzo Svezia 2009
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 19 febbraio 2021

Salvatore Sirigu (Nuoro, 12 gennaio 1987) è un calciatore italiano, portiere del Torino e della nazionale italiana con la quale è stato vicecampione d'Europa nel 2012.

Caratteristiche tecnicheModifica

Talvolta accostato a Walter Zenga[2][3] – sebbene il suo ex allenatore Emiliano Mondonico lo ritenesse caratterialmente più simile a Dino Zoff[4] – Sirigu è un portiere affidabile, dotato di forte personalità, freddo e sicuro tra i pali.[5][6][7]

CarrieraModifica

ClubModifica

Inizi, esordio nel PalermoModifica

Nato a Nuoro, ma cresciuto nella frazione La Caletta di Siniscola (NU),[8] comincia a giocare da attaccante, divenendo poi portiere,[9] anche per via di una leggera asma che rendeva difficoltoso il suo impiego come giocatore di movimento.[10]

Dopo essere cresciuto nelle giovanili del Posada e del Siniscola, è stato ceduto alla Puri e Forti di Nuoro e, nel 2002, dopo essere stato scartato dal Cagliari in una sola settimana,[11] è passato al settore giovanile del Venezia, restandovi fino al 2005 senza collezionare presenze in prima squadra. Il 22 agosto 2004, in seguito alla partita di Coppa Italia persa in trasferta contro la Triestina (1-0), viene trovato un rapporto testosterone-epitestosterone superiore a 6 (laddove il massimo è 1) nel suo corpo, rischiando una squalifica mai arrivata.[12]

L'anno seguente, svincolatosi a causa del fallimento del Venezia,[13] si trasferisce al Palermo, dove diventa il portiere titolare della Primavera e viene utilizzato come terzo portiere della prima squadra.[14] Nella stagione 2006-2007, a 19 anni, esordisce tra i professionisti giocando da titolare in Coppa Italia l'8 novembre 2006 in trasferta contro la Sampdoria (1-0 per i blucerchiati). Il successivo 23 novembre scende in campo anche nella gara di Coppa UEFA persa per 3-0 contro il Fenerbahçe a Istanbul. Nella medesima annata, con la Primavera vince il girone meridionale, potendo vantare la difesa meno battuta a livello nazionale e portando la sua squadra alla seconda semifinale consecutiva del Campionato Primavera.

Prestiti a Cremonese e AnconaModifica

Nel luglio 2007 passa in prestito alla Cremonese,[15] in Serie C1, per giocare e fare esperienza, con cui disputa 19 partite (con 22 gol subìti) nella stagione regolare, giungendo al secondo posto dietro al Sassuolo, più 3 partite (con 4 reti al passivo) nei play-off disputati contro il Foggia in semifinale e contro il Cittadella in finale: all'andata di tale atto conclusivo, i cremonesi vincono per 1-0 a Cittadella, ma si vedono sfumare la promozione a causa della sconfitta interna, per 1-3, subita nella partita di ritorno contro la formazione veneta, sconfitta causata da un fallo sul grigiorosso Ferrarese in occasione dell'1-3 di Carteri, oltre che per un gol del cremonese Cozzolino apparso regolare ma annullato al 93' (in caso di parità di gol segnati nelle due gare di finale, sarebbe stata promossa la squadra lombarda, meglio posizionata in classifica al termine della stagione regolare).

L'allenatore Emiliano Mondonico disse del nuorese: «Sirigu sarà il portiere dei prossimi dieci-quindici anni.».[16]

Per la stagione 2008-2009 viene ceduto in prestito con diritto di riscatto e controriscatto della metà del cartellino all'Ancona, in Serie B,[17] con la quale disputa 15 incontri subendo 24 reti. Perde il posto da titolare in seguito a un'influenza, con il mister Francesco Monaco che gli inizia a preferire da Costa.[16] L'epilogo, comunque, vide i marchigiani raggiungere la salvezza, grazie al trionfo nel play-out contro il Rimini.

Ritorno al PalermoModifica

 
Salvatore Sirigu durante Lazio-Palermo del 27 settembre 2009

Nel calciomercato estivo del 2009 torna, per fine prestito, al Palermo, che lo inserisce nella rosa della stagione 2009-2010, inizialmente come secondo portiere alle spalle di Rubinho. Il 27 settembre, a 22 anni, esordisce in Serie A alla sesta giornata di campionato all'Olimpico contro la Lazio (1-1), disputando un'ottima partita e salvando il risultato in un paio di occasioni.[18][19] Titolare anche nella successiva e delicata partita casalinga contro la Juventus (2-0 per il Palermo), si dimostra affidabile e sicuro,[20] tanto da meritarsi il rinnovo del contratto fino al 2014[21] per un ingaggio di circa 135 000 euro annui.[22] Una serie di circostanze favorevoli, come le perplessità iniziali di Rubinho e un'intuizione dell'allenatore Walter Zenga, gli hanno consentito di ritagliarsi uno spazio importante in squadra, restando poi titolare fino alla fine della stagione. Chiude la sua prima stagione in massima serie con 32 presenze e 39 gol subiti, a cui si aggiungono una presenza e due gol subiti in Coppa Italia nell'ottavo di finale perso per 2-0 contro la Lazio.

Titolare anche nella stagione 2010-2011, nella sesta giornata di campionato vinta dal Palermo per 2-1 in casa della Fiorentina,[23] al 65' para un calcio di rigore per la prima volta in massima serie, ad Adem Ljajić, salvando il risultato.[24] A livello di prestazioni, è stato il portiere con la media-voto più alta del 2010 e del girone di andata del campionato 2010-11.[25] Il 27 febbraio 2011 subisce però sette reti - per la prima volta nella sua carriera - nella gara di ritorno Palermo-Udinese (0-7).[26] La vittoria per 1-0 sul Milan alla 30ª giornata ferma la serie negativa di violabilità della porta di Sirigu che durava da nove partite.[27] Chiude la stagione con 45 presenze e 74 gol complessivi subiti fra campionato, Coppa Italia (ha giocato tutte le 5 partite che hanno visto coinvolti i rosanero nella coppa nazionale persa in finale contro l'Inter per 3-1) ed Europa League; in particolare, le 62 reti subite in campionato lo rendono il portiere della seconda difesa più perforata del torneo. Nei quarti di finale della coppa Italia, ha parato un rigore ad Hernán Crespo.

Paris Saint-GermainModifica

 
Salvatore Sirigu, insieme a Maxwell e Diego Costa durante Chelsea-Psg, 11 marzo 2015

Il 28 luglio 2011, a 24 anni, viene ceduto alla squadra francese del Paris Saint-Germain[28][29][30] per 3,9 milioni di euro,[31] dopo aver firmato un contratto quadriennale da 1,2 milioni a stagione.[32] Debutta nel campionato francese il 6 agosto 2011 in Paris Saint-Germain-Lorient (0-1) alla prima giornata.[33] Nel corso del campionato le sue prestazioni sono di alto livello.[34][35][36] Chiude il campionato al secondo posto, alle spalle del Montpellier; contando anche le coppe, totalizza 41 presenze stagionali e 42 gol subiti.

Nella stagione 2012-2013 ottiene il record di imbattibilità per un portiere del PSG, superando il primato di 697 minuti che apparteneva a Bernard Lama.[37][38] A fine anno, dopo 33 presenze in campionato e 10 in Champions League, vince il suo primo campionato e il suo nome appare due volte nel Trophées UNFP du football, come Miglior portiere della Ligue 1 e come componente della Squadra ideale della Ligue 1. Inoltre, l'IFFHS lo piazza al 7º posto nella classifica dei migliori dieci portieri dell'anno.

Apre la stagione 2013-2014 vincendo la Supercoppa di Francia in cui la sua squadra batte per 2-1 il Bordeaux il 3 agosto 2013. Il 19 aprile 2014 vince la Coupe de la Ligue battendo in finale l'Olympique Lione per 2-1, mentre a fine stagione vince nuovamente il campionato e il suo nome appare nuovamente due volte ai Trophées UNFP du football. Conclude la stagione con 37 presenze e 23 gol subiti.

Apre la stagione 2014-2015 con la vittoria della Supercoppa di Francia disputata il 2 agosto contro il Guingamp (2-0). Durante la stagione è nuovamente uno dei titolari fissi della squadra, anche se a volte finisce nel mirino della critica dei tifosi per alcune sue prestazioni non esaltanti[senza fonte]. A seguito degli ottavi di finale di Champions League, giocati contro il Chelsea e superati grazie all'1-1 in Francia e al 2-2 al ritorno a Stamford Bridge, il 18 aprile 2015, nella vittoria per 3-1 in casa del Nizza, compie interventi importanti che contribuiscono in maniera decisiva al risultato finale.[senza fonte] Proprio nel post-partita di Nizza-PSG si sfoga contro i tifosi in un'intervista.[senza fonte] Frattanto l'11 aprile, pur non totalizzando alcuna presenza nella competizione a favore del compagno di squadra Nicolas Douchez, vince la Coupe de la Ligue per la seconda volta consecutiva.

L'anno successivo, la società e l'allenatore Laurent Blanc puntano da subito sul nuovo acquisto Kevin Trapp, arrivato a luglio dall'Eintracht Francoforte, così Sirigu viene relegato al ruolo di secondo portiere. Viene tuttavia schierato come titolare nelle due coppe nazionali, vinte entrambe da protagonista, chiudendo la stagione con 12 presenze totali.

Prestiti a Siviglia e OsasunaModifica

Il 26 agosto 2016 viene ceduto in prestito alla squadra spagnola del Siviglia. Esordisce il 17 settembre 2016, alla 4ª giornata di Liga, nella partita pareggiata 1-1 contro l'Eibar. Gioca però solo tre partite tra campionato e Coppa del Re, in quanto l'allenatore Sampaoli gli preferisce il portiere spagnolo Sergio Rico.

Il 31 gennaio 2017 rescinde il prestito con i Sevillistas, per poi trasferirsi, sempre con la formula del prestito, all'Osasuna, fino al termine della stagione.[39][40] Il 15 aprile 2017, nella sconfitta in trasferta per 3-0 contro l'Atletico Madrid, Sirigu para due calci di rigore in due minuti (88' e 90') a Carrasco e a Thomas.[41] Gioca titolare ed ottiene 18 presenze nella seconda parte del campionato, non riuscendo, tuttavia, ad evitare la retrocessione della squadra di Pamplona.

TorinoModifica

Risolto il contratto con il Paris Saint-Germain,[42] il 27 giugno 2017 firma con il Torino,[43] dove si impone subito come titolare e disputa una stagione di alto profilo,[44][45] che gli vale il rientro nel giro della nazionale; chiude la sua prima stagione in granata con 45 gol subiti in 37 presenze.

L'annata successiva, il 3 marzo 2019 (nel 3-0 interno contro il Chievo) batte il record di minuti senza subire reti per un portiere del Torino, prima detenuto da Luciano Castellini (che ne aveva totalizzati 517).[46] Al termine della Serie A 2018-2019, contribuisce in maniera determinante alla conquista del settimo posto che successivamente sancisce, complice l'esclusione del Milan, il ritorno della squadra granata (e un ritorno personale per Sirigu) nelle competizioni UEFA per club, in Europa League (dopo essere stato per un breve periodo anche in lotta per i preliminari di Champions League).

Il cammino nella seconda coppa europea per prestigio si fermerà agli spareggi, perdendo contro il Wolverhampton. La stagione seguente il Torino sembra ripetersi in massima serie, concludendo il girone di andata all’ottavo posto, ma poi, iniziato il girone di ritorno, subisce un crollo che lo porta al sedicesimo di posto, un crollo che inizia nella partita contro l'Atalanta del 25 gennaio 2020, dove il Torino subisce la peggior sconfitta in casa della propria storia, perdendo per 0-7 e che, sempre a causa del medesimo risultato, Sirigu subisce - per la seconda volta in carriera - sette reti.[47] Nei successivi due incontri di campionato, in casa del Lecce (4-0) e a Torino contro la Sampdoria (1-3), la squadra subisce altri 7 gol, portando il totale di reti incassate in tre partite a 14, il peggior passivo in tre incontri dal gennaio 1959[48]. La sconfitta contro i salentini costa inoltre la panchina al tecnico Walter Mazzarri, sostituito il 4 febbraio 2020 dall'ex calciatore granata Moreno Longo[49]. Tuttavia, nonostante questo ribaltamento, i granata perdono altre 3 partite, contro Sampdoria, Milan e Napoli, ottenendo una striscia negativa di 6 sconfitte consecutive in campionato.[50] Subito dopo il match perso allo stadio San Paolo di Napoli, il campionato di Serie A viene interrotto a causa dell'emergenza Covid-19. Il campionato riprende il 20 giugno: le tre vittorie contro Udinese, Genoa e Brescia, ottenute con squadre in lotta per la salvezza come il Torino, permettono ai granata di salvarsi. Nonostante ciò, sotto la guida di Longo, il girone di ritorno è un disastro: solo 13 punti, frutto di tre vittorie, quattro pareggi e nove sconfitte. Il Torino termina così il campionato al 16º posto con 40 punti, peggior risultato dalla stagione 2008-2009 (18º posto e retrocessione). Il 3 agosto 2020, al termine della suo terzo anno in granata, si aggiudica il premio di calciatore dell'anno per i tifosi del Torino, succedendo a Belotti e Nkoulou[51].

NazionaleModifica

Nazionali giovaniliModifica

Ha giocato con l'Under-18 e l'Under-19.

È stato convocato per la prima volta in Under-21 dal tecnico Pierluigi Casiraghi per la partita Italia-Albania (4-0) del 1º giugno 2007, prima gara delle qualificazioni all'Europeo. Esordisce con l'Under-21 il 21 agosto 2007, nel secondo tempo dell'amichevole Italia-Francia (2-1). Nel biennio 2007-2009 è il secondo portiere dell'Under-21, dietro il titolare Andrea Consigli.

Ai Giochi olimpici del 2008 è una delle quattro riserve convocate dalla Nazionale Olimpica di Casiraghi.[52]

Nel 2009 partecipa, senza scendere in campo, all'Europeo Under-21 svolto in Svezia[53] nel quale gli Azzurrini vengono eliminati in semifinale.

Nazionale maggioreModifica

 
Sirigu prima dell'amichevole contro il Portogallo

Il 28 febbraio 2010 ha ricevuto la prima convocazione in nazionale maggiore, a opera del CT Marcello Lippi, in vista dell'amichevole del 3 marzo contro il Camerun allo Stadio Louis II del Principato di Monaco, nella quale tuttavia non viene impiegato.[54][55]

Viene inserito nella lista dei 30 giocatori pre-convocati in vista del Mondiale 2010,[56] poi ridotta a 28.[57] Il 1º giugno 2010 viene però escluso della lista ufficiale dei 23 convocati per la competizione.[58]

Il 6 agosto 2010 viene convocato dal nuovo CT Cesare Prandelli per la partita amichevole contro la Costa d'Avorio.[59] Viste anche le indisponibilità di Gianluigi Buffon e Federico Marchetti,[60] il successivo 10 agosto, all'età di 23 anni, ha fatto il suo esordio giocando titolare nella gara terminata 1-0 per la squadra africana.[61] [62] Sirigu è stato il 61º portiere schierato nella storia della nazionale.[63]

Convocato anche per le successive partite contro Estonia e Fær Øer valide per le qualificazioni a Euro 2012,[64][65] gioca da titolare la prima di queste vinta in trasferta per 2-1,[66] esordendo dunque nelle competizioni ufficiali.

Viene inserito dal CT Prandelli nella lista dei 23 convocati per l'Europeo 2012, come terzo portiere dietro Buffon e De Sanctis.[67] La nazionale arriva fino alla finale, persa 4-0 contro la Spagna.

Nel 2013 viene convocato da Prandelli per la Confederations Cup.[68] Non gioca alcuna partita in tale torneo, ma vince la medaglia di bronzo dopo la finale per il terzo posto vinta contro l'Uruguay.

Convocato anche per il Mondiale 2014 in Brasile, è lui a difendere i pali degli Azzurri nella gara di esordio vinta per 2-1 contro l'Inghilterra, per via di un infortunio occorso a Buffon alla vigilia della partita.[69] Autore di un'ottima prestazione,[70] con il rientro di Buffon resta in panchina per le successive due partite contro Costa Rica e Uruguay, perse entrambe per 1-0. L'Italia non va oltre la fase a gironi.

Viene confermato come secondo portiere anche per l'Europeo 2016 in Francia,[71] dove a qualificazione già avvenuta viene schierato titolare dal CT Conte nella terza partita del girone persa 1-0 contro l'Irlanda.

Esce dal giro della nazionale durante la gestione di Gian Piero Ventura, per poi tornarvi due anni dopo con il CT Roberto Mancini. Torna ad indossare la maglia della Nazionale il 1º giugno 2018 in occasione della partita amichevole contro la Francia disputata a Nizza.[72]

Il 26 marzo 2019, nella gara di qualificazione a Euro 2020 vinta per 6-0 contro il Liechtenstein, indossa la fascia da capitano dopo l'uscita dal campo di Bonucci. Nella corsa di avvicinamento all'Europeo, che l'Italia completa con dieci successi in altrettante partite, Sirigu si alterna con Gianluigi Donnarumma: i due disputano cinque partite ciascuno e nelle sue apparizioni Sirigu subisce una sola rete, ad opera di Edin Dzeko, nella sfida vinta 2-1 contro la Bosnia ed Erzegovina l'11 giugno 2019 a Torino.

L'11 novembre 2020 scende in campo per la prima volta con la fascia da capitano, nella partita amichevole vinta 4-0 contro l'Estonia a Firenze.[73]

StatisticheModifica

Presenze e reti nei clubModifica

Statistiche aggiornate all' 19 febbraio 2021

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
2006-2007   Palermo A 0 0 CI 1 -1 CU 1 -3 - - - 2 -4
2007-2008   Cremonese C1 19+3[74] -22 + -4 CI-C 2 -2 - - - - - - 24 -28
2008-2009   Ancona B 15 -24 CI 0 0 - - - - - - 15 -24
2009-2010   Palermo A 32 -39 CI 1 -2 - - - - - - 33 -41
2010-2011 A 37 -62 CI 5 -6 UEL 3[75] -6[76] - - - 45 -74
Totale Palermo 69 -101 7 -9 4 -9 - - 80 -119
2011-2012   Paris Saint-Germain L1 38 -41 CF+CdL 2+0 -1 UEL 1[77] 0 - - - 41 -42
2012-2013 L1 33 -16 CF+CdL 0+0 0 UCL 10 -8 - - - 43 -24
2013-2014 L1 37 -23 CF+CdL 0+1 -1 UCL 10 -9 SF 1 -1 49 -34
2014-2015 L1 34 -28 CF+CdL 0+0 0 UCL 10 -15 SF 1 0 45 -43
2015-2016 L1 3 0 CF+CdL 6+3 -4 + -2 UCL 0 0 SF 0 0 12 -6
Totale Paris Saint-Germain 145 -108 12 -8 31 -32 2 -1 190 -149
2016-gen. 2017   Siviglia PD 2 -3 CR 1 -1 UCL 0 0 - - - 3 -4
gen.-giu. 2017   Osasuna PD 18 -51 CR - - - - - - - - 18 -51
2017-2018   Torino A 37 -45 CI 1 -1 - - - - - - 38 -46
2018-2019 A 36 -35 CI 2 -2 - - - - - - 38 -37
2019-2020 A 36 -64 CI 2 -5 UEL 6[78] -7 - - - 44 -76
2020-2021 A 21 -37 CI 0 0 - - - - - - 21 -37
Totale Torino 130 -181 5 -8 6 -7 - - 141 -196
Totale carriera 401 -494 27 -28 41 -48 2 -1 471 -571

Cronologia presenze e reti in nazionaleModifica

Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale ― Italia
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
10-8-2010 Londra Italia   0 – 1   Costa d'Avorio Amichevole -1
3-9-2010 Tallinn Estonia   1 – 2   Italia Qual. Euro 2012 -1
15-8-2012 Berna Inghilterra   2 – 1   Italia Amichevole -2
14-11-2012 Parma Italia   1 – 2   Francia Amichevole -2
31-5-2013 Bologna Italia   4 – 0   San Marino Amichevole -   71’
11-6-2013 Rio de Janeiro Italia   2 – 2   Haiti Amichevole -   46’
18-11-2013 Londra Italia   2 – 2   Nigeria Amichevole -2
31-5-2014 Londra Italia   0 – 0   Irlanda Amichevole -
14-6-2014 Manaus Inghilterra   1 – 2   Italia Mondiali 2014 - 1º turno -1
4-9-2014 Bari Italia   2 – 0   Paesi Bassi Amichevole -
18-11-2014 Genova Italia   1 – 0   Albania Amichevole -   72’
28-3-2015 Sofia Bulgaria   2 – 2   Italia Qual. Euro 2016 -2
12-6-2015 Spalato Croazia   1 – 1   Italia Qual. Euro 2016 -   46’
16-6-2015 Ginevra Italia   0 – 1   Portogallo Amichevole -1
17-11-2015 Bologna Italia   2 – 2   Romania Amichevole -1   69’
6-6-2016 Verona Italia   2 – 0   Finlandia Amichevole -
22-6-2016 Lilla Italia   0 – 1   Irlanda Euro 2016 - 1º turno -1   39’
1-6-2018 Nizza Francia   3 – 1   Italia Amichevole -3
20-11-2018 Genk Italia   1 – 0   Stati Uniti Amichevole -
26-3-2019 Parma Italia   6 – 0   Liechtenstein Qual. Euro 2020 -
8-6-2019 Atene Grecia   0 – 3   Italia Qual. Euro 2020 -
11-6-2019 Torino Italia   2 – 1   Bosnia ed Erzegovina Qual. Euro 2020 -1
15-10-2019 Vaduz Liechtenstein   0 – 5   Italia Qual. Euro 2020 -
18-11-2019 Palermo Italia   9 – 1   Armenia Qual. Euro 2020 -   76’
7-10-2020 Firenze Italia   6 – 0   Moldavia Amichevole -   67’
11-11-2020 Firenze Italia   4 – 0   Estonia Amichevole - Cap.
Totale Presenze 26 Reti -18

PalmarèsModifica

ClubModifica

Paris Saint-Germain: 2012-2013, 2013-2014, 2014-2015, 2015-2016
Paris Saint-Germain: 2013, 2014, 2015
Paris Saint-Germain: 2013-2014, 2014-2015, 2015-2016
Paris Saint-Germain: 2014-2015, 2015-2016

IndividualeModifica

Miglior portiere della Ligue 1: 2013, 2014
Squadra ideale della Ligue 1: 2013, 2014

NoteModifica

  1. ^ 22 (-26) se si comprendono anche i play-off.
  2. ^ Massimo Norrito, Salvatore Sirigu, in la Repubblica, 27 ottobre 2009. URL consultato il 30 dicembre 2016.
  3. ^ Valerio Tripi, Sirigu, da Parigi con amore. Il ritorno di "Walterino" nello stadio che l'ha lanciato, in la Repubblica, 10 ottobre 2014. URL consultato il 30 dicembre 2016.
  4. ^ Mondonico: "Contro la Juve il Palermo se la gioca" Tuttomercatoweb.com
  5. ^ Fabio Monti, Campionato a sorpresa, in Corriere della Sera, 6 ottobre 2009, p. 48 (archiviato dall'url originale il 19 ottobre 2015).
  6. ^ Palermo, Sirigu il portiere trovato Tuttopalermo.net
  7. ^ Palermo, chances mondiali per Sirigu? Tuttopalermo.net
  8. ^ Una pizza dedicata a Sirigu - Orgoglio di Siniscola e La Caletta, su unionesarda.it. URL consultato il 15 giugno 2014 (archiviato dall'url originale il 16 giugno 2014).
  9. ^ Palermo, Sirigu: "Ecco come sono diventato portiere. Palermo? Ci manca ancora qualcosa..." Tuttopalermo.net.net
  10. ^ Salvatore Sirigu ricerca.repubblica.it
  11. ^ Cagliari-Palermo: la partita di Tore Palermo24.net
  12. ^ Venezia, dopo 8 mesi considerato positivo il portiere Sirigu archiviostorico.gazzetta.it
  13. ^ FOSCHI: "I miei top 11 del decennio di Zamparini"[collegamento interrotto] Mediagol.it
  14. ^ Ancora da blindare Palermo24.net
  15. ^ Giuseppe Di Napoli, UFFICIALE: il portiere Salvatore Sirigu dal Palermo alla Cremonese, su tuttomercatoweb.com, 12 luglio 2007. URL consultato il 26 luglio 2008.
  16. ^ a b Quando il Cagliari bocciò Walterino Palermo24.net
  17. ^ Tommaso Veneri, UFFICIALE: Sirigu all'Ancona, su tuttomercatoweb.com, 23 luglio 2008. URL consultato il 26 luglio 2008.
  18. ^ Lazio-Palermo, le pagelle dei rosanero Tuttopalermo.net
  19. ^ Zarate è il sollievo della Lazio Zenga si consola con Sirigu archiviostorico.corriere.it
  20. ^ Palermo, Sirigu si conferma: sicurezza da veterano Tuttopalermo.net
  21. ^ Sirigu: "Felice per il mio momento" Ilpalermocalcio.it
  22. ^ Sirigu, le cifre del rinnovo Archiviato il 24 ottobre 2009 in Internet Archive. Mediterraneonline.it
  23. ^ Fiorentina-Palermo 1-2 Archiviato il 10 ottobre 2010 in Internet Archive. Ilpalermocalcio.it
  24. ^ Per Gilardino 130 gol in serie A Gazzetta.it
  25. ^ Alessio D'Urso, Gazzetta dello Sport, 30 dicembre 2010.
  26. ^ Palermo-Udinese 0-7 Archiviato il 28 febbraio 2011 in Internet Archive. Ilpalermocalcio.it
  27. ^ Palermo, porta inviolata contro il Milan. Non accadeva dal 22 gennaio... Tuttopalermo.net
  28. ^ (FR) Sissoko et Sirigu s'engagent avec le PSG Psg.fr
  29. ^ (FR) Sirigu et Sissoko présentés à la presse Psg.fr
  30. ^ Sirigu ceduto al PSG Ilpalermocalcio.it
  31. ^ Un Palermo che investe Archiviato il 14 gennaio 2012 in Internet Archive. Palermocalcio.it
  32. ^ Esclusiva TMW - Psg, Sirigu ha firmato Tuttomercatoweb.com
  33. ^ (FR) PSG-Lorient: 0-1 (0-1) Psg.fr
  34. ^ Un Sirigu "enorme", il Psg sempre più primo Archiviato il 30 gennaio 2012 in Internet Archive. Corrieredellosport.it
  35. ^ (FR) L'équipe type de L1 - 19e journée Maxifoot.fr
  36. ^ Ligue 1, Sirigu miglior portiere del campionato Palermo24.net
  37. ^ Psg, Sirigu recordman: entra nella storia del club Tuttopalermo.net
  38. ^ Record en cours pour Sirigu Psg.fr
  39. ^ Sirigu rescinde y se marcha al Osasuna, su sevillafc.es, 31 gennaio 2017.
  40. ^ (ES) El Club Atlético Osasuna logra la cesión de Sirigu, su osasuna.es, 31 gennaio 2017. URL consultato il 31 gennaio 2017 (archiviato dall'url originale il 6 maggio 2018).
  41. ^ Sirigu batte due colpi: in 101 secondi para rigori a Carrasco e Thomas, su foxsports.it.
  42. ^ (EN) Salvatore Sirigu leaves Paris Saint-Germain, su psg.fr, 27 giugno 2017.
  43. ^ Sirigu al Toro, su torinofc.it, 27 giugno 2017.
  44. ^ Pierfrancesco Catucci, Sirigu è il Salvatore del Torino: l'Inter attacca, lui para, su gazzetta.it, 8 aprile 2018.
  45. ^ Fabrizio Turco, Sirigu è da record tra rigori parati e prodezze da Toro, in La Gazzetta dello Sport, 1º maggio 2018, p. 25.
  46. ^ Sirigu è da record: 557 minuti di imbattibilità, su sport.sky.it. URL consultato il 3 marzo 2019.
  47. ^ Torino-Atalanta 0-7, granata umiliati: in casa è la peggior sconfitta della storia, su toro.it.
  48. ^ Torino, quarta sconfitta consecutiva e 14 gol subiti: i numeri della crisi, su toronews.net.
  49. ^ UFFICIALE: Moreno Longo è il nuovo allenatore del Torino, su toronews.net.
  50. ^ Torino, a Napoli la 6° sconfitta consecutiva: record negativo eguagliato, su toronews.net.
  51. ^ Redazione Toro News, Toro News Award 2019/2020: Sirigu riceve il premio come miglior granata dell’anno, su Toro News. URL consultato il 3 agosto 2020.
  52. ^ Tommaso Veneri, Olimpiadi, la lista definitiva di Casiraghi, su tuttomercatoweb.com, 23 luglio 2008. URL consultato il 26 luglio 2008.
  53. ^ Euro Under 21: Casiraghi presenta lista convocati[collegamento interrotto] Agi.it
  54. ^ Amichevole Italia-Camerun. Tre le novità di Lippi: Sirigu, Bonucci e Cossu. Archiviato il 3 marzo 2010 in Internet Archive. Figc.it
  55. ^ Cassani e Sirigu convocati in Nazionale Ilpalermocalcio.it
  56. ^ Ufficializzata la lista dei 30: c'è Giuseppe Rossi al posto di Legrottaglie Archiviato il 14 maggio 2010 in Internet Archive. Figc.it
  57. ^ Italia, la lista ufficiale dei 28 convocati Tuttopalermo.net
  58. ^ Pronta la squadra azzurra: ecco la lista dei 23 per il Mondiale Archiviato il 4 giugno 2010 in Internet Archive. Figc.it
  59. ^ L'Italia di Prandelli: 8 novità, tra cui Balotelli e Amauri. Torna Cassano Archiviato il 28 ottobre 2013 in Internet Archive. Figc.it
  60. ^ Prandelli presenta la sua Italia: "Regole, ma anche generosità e qualità" Archiviato il 20 agosto 2017 in Internet Archive. Figc.it
  61. ^ Italia-Costa d'Avorio 0-1 Gazzetta.it
  62. ^ Italia sconfitta, ma il nuovo corso porta novità, qualità e impegno Archiviato il 6 gennaio 2014 in Internet Archive. Figc.it
  63. ^ Durante la telecronaca della partita su Rai1.
  64. ^ Euro 2012: tornano Pirlo, Gilardino e Pazzini. Novità in difesa Archiviato il 29 agosto 2010 in Internet Archive. Figc.it
  65. ^ Bovo, Cassani e Sirigu convocati in Nazionale Ilpalermocalcio.it
  66. ^ Cassano e Bonucci salvano l'Italia it.uefa.com
  67. ^ Consegnata all'UEFA la lista dei 23 giocatori convocati per gli Europei Archiviato il 24 settembre 2015 in Internet Archive. Figc.it
  68. ^ Inviata alla FIFA la lista per la Confederations Cup: c'è anche Barzagli Figc.it
  69. ^ Inghilterra-Italia 1-2: gol di Marchisio, Sturridge e Balotelli Gazzetta.it
  70. ^ Il ct: "Sirigu, grande prestazione Gigi Buffon sarà pronto per la prossima", su unionesarda.it, 15 giugno 2014. URL consultato il 16 giugno 2014 (archiviato dall'url originale il 18 giugno 2014).
  71. ^ Inizia il ‘Sogno Azzurro’: su Rai 1 ufficializzata la lista dei convocati per l’Europeo, su figc.it, 31 maggio 2016. URL consultato il 31 maggio 2015 (archiviato dall'url originale il 3 giugno 2016).
  72. ^ Francia-Italia 3-1: Sirigu incolpevole, 3 minuti per Belotti. Ancora in panchina Baselli, su Toro.it, 2 giugno 2018. URL consultato il 4 marzo 2019.
  73. ^ Quattro gol, doppio Grifo e cinque debuttanti: l’Italia si diverte con l’Estonia, su gazzetta.it, 11 novembre 2020. URL consultato l'11 novembre 2020.
  74. ^ Play-off
  75. ^ 2 presenze nei play-off.
  76. ^ 3 gol subiti nei play-off.
  77. ^ Nei play-off.
  78. ^ Nei turni preliminari.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica