Sam Gold

regista statunitense

Sam Gold (New York, 1978) è un regista statunitense.

BiografiaModifica

Dopo aver studiato letteratura inglese alla Cornell University e regia alla Juilliard School, ha fatto il suo debutto nell'Off Broadway, dirigendo diverse nuove opere teatrali. Nel 2008 ha iniziato un proficuo sodalizio artistico con la drammaturga Annie Baker, di cui ha diretto le prime assolute delle sue opera Circle Mirror Transformation (2009), The Aliens (2010), The Flick (2013), John (2015) e il suo adattamento di Zio Vania. Nel 2011 fece il suo debutto a Broadway come regista di Seminar con Alan Rickman, mentre nel 2013 diresse sempre a Broadway un revival del dramma Premio Pulitzer Picnic con Sebastian Stan.[1] Nello stesso anno diresse la prima produzione del musical Fun Home nell'Off Broadway; il grande successo dello show spinse i produttori a riproporlo a Broadway nel 2015, quando Fun Home vinse il Tony Award al miglior musical e Gold il Tony Award alla miglior regia di un musical.[2] Oltre a lavorare su opere moderne, Gold ha anche diretto classici shakespeariani, tra cui Otello con David Oyelowo e Daniel Craig nell'Off Broadway nel 2016 e Re Lear con Glenda Jackson a Broadway nel 2019.[3]

Dal 2011 è sposato con la drammaturga Amy Herzog.[4]

FilmografiaModifica

TelevisioneModifica

NoteModifica

  1. ^ (EN) Harry Haun, PLAYBILL'S BRIEF ENCOUNTER With Seminar and 'Harry Potter' Star Alan Rickman, su Playbill, Sat Nov 26 01:00:00 EST 2011. URL consultato il 23 marzo 2019.
  2. ^ (EN) Sam Gold Wins Best Direction of a Musical, in The New York Times, 7 giugno 2015. URL consultato il 23 marzo 2019.
  3. ^ (EN) Olivia Clement, King Lear, Starring Glenda Jackson, Begins on Broadway, su Playbill, Thu Feb 28 00:00:00 EST 2019. URL consultato il 23 marzo 2019.
  4. ^ (EN) Designed by Contexture International | http://www.contextureintl.com, Amy Herzog Provides an Eerie Tour of Belleville, her Yale Rep show Which Premieres Tonight | New Haven Theater Jerk, su scribblers.us. URL consultato il 23 marzo 2019.

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN18154620874944591864 · LCCN (ENno2018176558 · WorldCat Identities (ENlccn-no2018176558