Sam Posey

pilota automobilistico e giornalista statunitense

Sam Posey, vero nome Samuel Posey (New York, 26 maggio 1944), è un ex pilota automobilistico e giornalista statunitense.

Samuel "Sam" Posey
Nazionalità Bandiera degli Stati Uniti Stati Uniti
Automobilismo
Categoria Formula 1, Campionato internazionale sportprototipi, Campionato del mondo sportprototipi, 500 Miglia di Indianapolis, USAC, Campionato CanAm, NASCAR Cup Series
Ruolo Pilota
Termine carriera 23 agosto 1981
Carriera
Carriera in Formula 1
Esordio 3 ottobre 1971
Stagioni 1971-1972
Scuderie Surtees 1971
Bandiera degli Stati Uniti Champcarr Inc. 1972
GP disputati 2
Carriera nello Sport Prototipi
Esordio 6 febbraio 1966
Stagioni 1966-1981
Scuderie Bandiera degli Stati Uniti Sam Posey 1966
Bandiera degli Stati Uniti Filippo Theodoli 1966
Bandiera dell'Italia Prototip Bizzarrini SAL 1966
Bandiera degli Stati Uniti Harry Theodoracopulos 1967
Pilota privato 1968
Bandiera degli Stati Uniti Mathews Racing Team 1968
NART 1969-1973
Bandiera degli Stati Uniti Ted Trudon Porsche Audi Inc. 1974
Bandiera della Germania Ovest BMW of America 1975
Bandiera della Germania Ovest BMW Motorsport 1975
Bandiera della Germania Ovest BMW Faltz Alpina Essen 1976
Bandiera della Germania Ovest Faltz Alpina 1976
Bandiera degli Stati Uniti BMW North America 1977
Bandiera degli Stati Uniti Grand Touring Cars Inc. 1978
Bandiera degli Stati Uniti G. H. Sharp 1978
Bandiera degli Stati Uniti Bob Sharp Racing 1979
Bandiera degli Stati Uniti NTS Racing 1980-1981
Bandiera degli Stati Uniti Z & W Enterprises 1981
Bandiera degli Stati Uniti Cooke Woods Racing 1981
GP disputati 40
Podi 3
Dal 1966 al 1971 era noto come Campionato internazionale sportprototipi, dal 1972 era noto come Campionato del mondo sportprototipi
Carriera nella USAC
Esordio 30 maggio 1969
Stagioni 1969-1974
Scuderie Bandiera degli Stati Uniti Andy Granatelli 1969
Pilota privato 1970-1971
Bandiera degli Stati Uniti ChampCarr 1972-1974
Miglior risultato finale 17º (1972)
GP disputati 17 (13 partenze)
Podi 1
Punti ottenuti 500
 

Carriera modifica

Gli inizi modifica

Rimasto orfano di padre durante la seconda guerra mondiale, Posey cominciò ad appassionarsi all'automobilismo fin da giovanissimo e nel 1959 fece il suo debutto nelle competizioni guidando una monoposto di Formula Junior.[1] Nel 1965 ottenne poi ottimi risultati in Formula Vee, prima di affermarsi nelle gare per vetture sport. L'anno seguente fece anche il suo debutto alla 24 Ore di Le Mans, ma venne squalificato. Contemporaneamente partecipò ai campionati CanAm e Trans Am, ottenendo in quest'ultimo un successo in una gara in Maryland e rivelando una grande versatilità di guida.[1] Anche negli anni a seguire partecipò a corse di diverse categorie, conquistando nel 1968 i primi punti nella CanAm, in cui concluse nono. In quegli anni partecipò poi spesso alla 24 Ore di Daytona e alla 12 Ore di Sebring, pur senza mai ottenere risultati rilevanti.

Nel 1969 continuò a gareggiare nel campionato Trans Am cogliendo l'unica vittoria del suo team, cosa che gli permise di procurarsi per il 1970 un contratto per guidare una Dodge Challenger, ma la stagione si rivelò deludente.[1] Lo stesso anno ottenne i suoi migliori risultati nell'ICM, correndo per la NART, con cui giunse quarto a Daytona e a Le Mans, risultato che migliorò nel 1971 concludendo terzo. Lo stesso anno cominciò a prendere parte a gare a ruote scoperte e debuttò in Formula 1.

Formula 1 modifica

Posey si accordò infatti con John Surtees per partecipare al Gran Premio degli Stati Uniti 1971 e, dopo un confronto con Gijs van Lennep, gli venne concessa una vettura del team inglese.[1] Nonostante una discreta qualifica fu autore di una brutta partenza e dopo quindici giri fu costretto al ritiro per un guasto.

Anche per il 1972 Posey, appoggiato dai suoi sponsor e dal team Champcarr, riuscì a prendere parte all'appuntamento statunitense alla guida di una Surtees TS9B. In gara concluse dodicesimo e questa rappresentò la sua ultima gara in Formula 1.

Dopo la Formula 1 modifica

Negli stessi anni era impegnato nelle corse di Formula A, in cui ottenne alcuni successi, pur senza mai riuscire a vincere il titolo. Prese pure parte ad alcune edizioni della 500 Miglia di Indianapolis, in cui concluse quinto nel 1971.

Per il 1973 Posey era intenzionato a gareggiare in Formula 2, ma dopo alcune valutazioni di carattere tecnico e sulla sicurezza decise di correre in Formula 5000, nel campionato Indy, nell'IMSA e nella CanAm, categorie nelle quali rimase anche negli anni seguenti.[1] Nel 1975 ottenne poi la vittoria alla 12 Ore di Sebring e svariati buoni risultati, tra cui un secondo posto a Riverside. A partire da questo periodo decise comunque di concentrarsi soprattutto sull'IMSA, tralasciando le altre serie.

L'attività di giornalista modifica

Nel 1980 corse le sue ultime gare, prima di dedicarsi all'attività di giornalista a partire dal 1982. Fece inoltre da comparsa nel film Il cuore come una ruota del 1983. Nel 1992 venne poi nominato presidente onorario della Pittsburgh Vintage Grand Prix. Continuò poi la sua attività di commentatore televisivo fino al 2001, anno in cui si ritirò dalle scene.

Risultati modifica

Formula 1 modifica

1971 Scuderia Vettura                       Punti Pos.
Surtees Surtees TS9 Rit 0
1972 Scuderia Vettura                         Punti Pos.
Champcarr Inc. Surtees TS9B 12 0
Legenda 1º posto 2º posto 3º posto A punti Senza punti/Non class. Grassetto – Pole position
Corsivo – Giro più veloce
Squalificato Ritirato Non partito Non qualificato Solo prove/Terzo pilota

Gare extra campionato modifica

Anno Vettura 1
1971 Surtees-Chevrolet  
QUE
22
Legenda

Sportprototipi modifica

Campionato internazionale sportprototipi modifica

1966 Scuderia Vettura                          
Sam Posey Porsche 904 GTS 11
Filippo Theodoli Alfa Romeo Giulia TZ2 Rit
Prototip Bizzarrini SAL Bizzarrini Super America Stradale A3C SQ
1967 Scuderia Vettura                            
Harry Theodoracopulos Alfa Romeo GTA Rit
1968 Scuderia Vettura                    
Ford Mustang 21
Mathews Racing Team Ford Mustang Rit
1969 Scuderia Vettura                    
NART Ferrari 275 GTB/C
Ferrari Dino 206 GT[2]
Ferrari 250 LM[3]
23 36 8
1970 Scuderia Vettura                    
NART Ferrari 312P Coupe
Ferrari 512 S[4]
4 Rit 4
1971 Scuderia Vettura                      
NART Ferrari 512 S
Ferrari 512M[5]
8 Rit Rit 3 Rit

Campionato del mondo sportprototipi modifica

1972 Scuderia Vettura                      
NART Ferrari 365 GTB/4 Rit 13 6 Rit
1973 Scuderia Vettura                    
NART Ferrari 365 GTB/4 Rit 14
1974 Scuderia Vettura                    
Ted Trudon Porsche Audi Inc. Porsche Carrera RSR 8
1975 Scuderia Vettura                  
BMW of America BMW 3.0 CSL 33
BMW BMW 3.0 CSL 6
1976 Scuderia Vettura                            
Alpina BMW 3.5 CSL 10 2
1977 Scuderia Vettura                                  
BMW North America BMW 320i Turbo 40
1978 Scuderia Vettura                          
Grand Touring Cars Inc. Mirage M9 10
G. H. Sharp Datsun 200SX Rit
1979 Scuderia Vettura                                  
Bob Sharp Racing Datsun 280ZX Rit
1980 Scuderia Vettura                                
NTS Racing Datsun 240Z 14 Rit Rit
1981 Scuderia Vettura                              
NTS Racing Datsun 280ZX Rit Rit 13
Z & W Enterprises Mazda RX-7 31
Cooke Woods Racing Lola T600 2

24 Ore di Le Mans modifica

Anno Classe Gomme Vettura Squadra Co-pilota Giri Pos.
Assol.
Pos. di
Classe
1966 P
+5.0
11 D Bizzarrini Super America Stradale A3C
Chevrolet 5.4L V8
  Prototipi Bizzarrini SAL   Massimo Natili 39 SQ SQ
1969 S
5.0
16 G Ferrari 365 GTB/4
Ferrari 4.9L V12
NART   Robert "Bob" Grossman - NP NP
1969 S
5.0
17 G Ferrari 250 LM
Ferrari 3.3L V12
NART   Teodoro Zeccoli 329
1970 P
3.0
39 G Ferrari 312 P Coupé
Ferrari 3.0L V12
NART   Tony Adamowicz - NP NP
1970 S
5.0
11 G Ferrari 512 S
Ferrari 5.0L V12
NART   Ronald "Ronnie" Bucknum 313
1971 S
5.0
12 G Ferrari 512 M
Ferrari 5.0L V12
NART   Tony Adamowicz 366
1972 GTS
5.0
74 G Ferrari 365 GTB/4
Ferrari 4.4L V12
NART   Tony Adamowicz 304
1973 GTS
5.0
6 G Ferrari 365 GTB/4
Ferrari 4.4L V12
NART   Milton "Milt" Minter 254 Rit Rit
1975 TS 93 D BMW 3.0 CSL
BMW 3.5L I6
  Hervé Poulain   Hervé Poulain
  Jean Guichet
- Rit Rit
1976 Gr.5 42 G BMW 3.5 CSL
BMW 3.5L I6
  BMW Motorsport GmbH/Alpina   Harald Grohs
  Hugues de Fierlant
299 10º
1977 S
+2.0
11 G Mirage GR8
Renault 2.0L Turbo V6
  Grand Touring Cars Inc.   Michel Leclère 58 Rit Rit
1978 S
+2.0
11 G Mirage M9
Renault 2.0L Turbo V6
  Grand Touring Cars Inc.   Michel Leclère 33 Rit Rit
1978 S
+2.0
10 G Mirage M9
Renault 2.0L Turbo V6
  Grand Touring Cars Inc.   Vernon "Vern" Schuppan
  Jacques Laffite
293 10º

12 Ore di Sebring modifica

Anno Scuderia Costruttore Vettura Numero Categoria Classe Co-Pilota Giri Risultato
assoluto
Risultato
di classe
1966   Filippo Theodoli Alfa Romeo Alfa Romeo Giulia TZ2 64 Sport S 1.6   Harry Theodoracopulos 16 Rit Rit
1969 NART Ferrari Ferrari Dino 206 GT 38 Prototipo P 2.0   Bob Dini 166 36º 10º
1970 NART Ferrari Ferrari 512S Spyder 24 Sport S 5.0   Ronald "Ronnie" Bucknum
  Bert Everett
92 Rit Rit
1971 NART Ferrari Ferrari 512 S 23 Sport S   Ronald "Ronnie" Bucknum 114 Rit Rit
1972 NART Ferrari Ferrari 365 GTB/4 21 Gran Turismo GT +2.5   Tony Adamowicz 199 13º
1973   Grand Touring Cars Inc. Ferrari Ferrari 365 GTB/4 21 Gran Turismo GTO   Harley Cluxton - NP NP
1975   BMW Motorsport BMW BMW 3.0 CSL 24 Gran Turismo GTO   Hans-Joachim Stuck 102 Rit Rit
1975   BMW Motorsport BMW BMW 3.0 CSL 25 Gran Turismo GTO   Brian Redman
  Allan Moffat
  Hans-Joachim Stuck
238
1980   NTS Racing Nissan Datsun 240Z 96 Gran Turismo GTU   George Alderman
  Fred Stiff
211 14º
1981   NTS Racing Nissan Datsun 280ZX 28 Gran Turismo GTO   Fred Stiff 187 Rit Rit
Legenda

500 Miglia di Indianapolis modifica

Anno N° auto Partito Media qualifica Finito Giri Giri in testa Causa ritiro
1969 94 NQ - - - 0 /
1970 95 NQ - - - 0 /
1971 78 NQ - - - 0 /
1972 34 184.379 198 0 /
1973 34 NQ - - - 0 /
Totale 198 0

USAC Championship Car modifica

Anno Squadra Telaio Motore 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 Punti Posizione
1969 Andy Granatelli Lotus 56 Plymouth PHX HAN INDY
NQ
MIL LAN PPR CDR NAZ TRE IRP
8
IRP
7
MIL ISF DOV DUQ INF BRN
16
BRN TRE SAC SIR
4
SIR
3
PHX RSD
25
0 -
1970 Pilota privato - - PHX SON TRE INDY
NQ
MIL LAN CDR MCH IRP ISF MIL ONT DUQ INF SED TRE SAC PHX 0 -
1971 Pilota privato - - RAF RAF PHX TRE INDY
NQ
MIL POC MCH MIL ONT TRE PHX 0 -
1972 ChampCarr Eagle 72 Offenhauser PHX TRE INDY
5
MIL MCH POC
5
MIL ONT
19
TRE PHX 500 17º
1973 Eagle TWS TRE TRE INDY
NQ
MIL POC
9
MCH MIL ONT
11
ONT ONT
6
MCH MCH TRE TWS PHX 0 -
1974 Talon MR1 Chevrolet ONT ONT ONT PHX TRE INDY MIL POC MCH MIL MCH TRE TRE PHX
13
0 -

NASCAR Cup Series modifica

Anno Team Numero Marca 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 Punti Pos.
1970 Dave Schenk Dodge/Cotton Owens 6 Dodge RIV
28
DAY DAY DAY RIC ROC SAV ATL BRI ALA WIL COL DAR BEL LAN CHA SMO MAR MIC RIV HIC KIN GRE DAY ALB THO TRE BRI SMO NAS ATL COL ONA MIC ALA BOW BOS DAR HIC RIC DOV CAR WIL CHA MAR GEO ROC LAN 0 NC

Campionato Can-Am modifica

Anno Squadra Vettura Motore 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 Punti Pos.
1966   Autodynamic Corp. McLaren Elva Mark II Ford MON
 
BRI
 
MOS
 
LAG
 
RIV
 
STA
 
0 NC
21 8 Rit Rit 18 Rit
1967   Autodynamics Corp. Caldwell D7 Chevrolet ROA
 
BRI
 
MOS
 
LAG
 
RIV
 
STA
 
0 NC
Rit Rit 12 Rit Rit NP
1968   Caldwell Autodynamics Caldwell D7C
Lola T160[6]
Chevrolet ROA
 
BRI
 
EDM
 
LAG
 
RIV
 
STA
 
5
10 8 4 9 Rit 5
1971   North American Racing Team Ferrari 512 M Ferrari MOS
 
MON
 
ATL
 
WGL
 
MDO
 
ROA
 
BRA
 
EDM
 
LAG
 
RIV
 
16 11º
6
  Roy Woods Racing McLaren M8E Chevrolet MOS
 
MON
 
ATL
 
WGL
 
MDO
 
ROA
 
BRA
 
EDM
 
LAG
 
RIV
 
4
1972   Vasek Polak Racing Team Porsche 917PA Porsche MOS
 
ATL
 
WGL
 
MDO
 
ROA
 
BRA
 
EDM
 
LAG
 
RIV
 
8 17º
5 Rit

Note modifica

  1. ^ a b c d e (EN) Sam Posey - Biography, su f1rejects.com. URL consultato il 10 giugno 2012 (archiviato dall'url originale il 13 agosto 2012).
  2. ^ Alla 12 Ore di Sebring.
  3. ^ Alla 24 Ore di Le Mans.
  4. ^ Alla 12 Ore di Sebring 1970 e alla 24 Ore di Le Mans.
  5. ^ Alla 24 Ore di Daytona e dalla 24 Ore di Le Mans.
  6. ^ Da Laguna Seca.

Altri progetti modifica

Collegamenti esterni modifica

Controllo di autoritàVIAF (EN1380837 · LCCN (ENn83039884