Apri il menu principale
Sambonet
Logo
StatoItalia Italia
Fondazione1856 a Vercelli
GruppoSambonet Paderno Industrie
SettoreMetalmeccanica/Metallurgica
Prodottiposateria, vasellame, pentolame
NoteCompasso d'Oro Premio Compasso d'oro nel 1956
Compasso d'Oro Premio Compasso d'oro nel 1970
Sito web

Sambonet è un marchio italiano di posateria e articoli per la tavola. L'azienda, fondata nel 1856 a Vercelli, dal 1997 è parte del gruppo Sambonet Paderno Industrie, controllato dalle famiglie dei fratelli Pierluigi e Franco Coppo attraverso la holding Arcturus Group.[1]

Indice

StoriaModifica

 
X Triennale di Milano, vassoi e contenitori in acciaio disegnati da Roberto Sambonet, Milano, 1954. Foto di Paolo Monti
 
Showroom di Sambonet: mobili, posate e servizi da tavola in esposizione. Milano, Corso Sempione n. 38, 1973. Foto di Paolo Monti

Nel tardo 1700 il nobiluomo di Vercelli Giuseppe Sambonet inizia l'attività di orafo e argentiere ed in seguito viene incaricato del restauro di preziosi oggetti del "Tesoro del Duomo" cittadino[2][3][4]. Il figlio Giuseppe si diploma all'Istituto di Belle Arti ottenendo il diploma di Maestro Orefice, e il 15 maggio 1856 fonda la ditta Giuseppe Sambonet, depositando presso la Zecca il marchio "GS"[2]. Dal 1900 Sambonet diventa fornitore ufficiale della Famiglia Reale e di altre famiglie nobiliari[2].

Negli anni trenta Sambonet emerge nel mercato della produzione di posateria in acciaio inossidabile ed è la prima in Europa a mettere a punto un sistema per l'argentatura dell'acciaio[4].

Nel 1956 Sambonet si aggiudica la commessa presso l'Hotel Hilton al Cairo[2][5], e da allora inizia la sua tradizione di forniture per alberghi.

Nel 1988 l'azienda si espande negli Stati Uniti, con la fondazione in New Jersey di Sambonet USA Inc.[6].

Nel 1997 Sambonet S.p.A. viene acquisita dal gruppo Paderno; in seguito alla fusione dell'ottobre 2004 viene fondata la società Sambonet Paderno Industrie S.p.A.[4][7].

DesignModifica

Con Sambonet hanno collaborato numerosi designer, tra cui Roberto Sambonet per la Pesciera, Center line e i vassoi Elite della Linea 50, oggi in esposizione al MoMa di New York[8].

Dal 1932 sono in produzione le posate realizzate da Gio Ponti[9]. Nel 1994 Anna Castelli Ferrieri realizza la posata Hannah, premiata con il Compasso d'oro[10], mentre nel 2004 Rodolfo Dordoni realizza per Sambonet la pentola S-Pot[11].

RiconoscimentiModifica

Sambonet ha ricevuto:

NoteModifica

  1. ^ L'Economia del Corriere della Sera, 9 ottobre 2017.
  2. ^ a b c d Guido Curto, Sambonet, non solo posate[collegamento interrotto], La Stampa, 06/04/2008
  3. ^ Mirko Nesurini, Good morning Mr. Brand. Il senso, il valore e la personalità del brand, Hoepli, 2007, pag. 58
  4. ^ a b c Sambonet Paderno Industrie S.p.A. Archiviato il 29 dicembre 2011 in Internet Archive. Confindustria
  5. ^ Claude Feninger, SaNGFROID, Xlibris Corporation, 2006 - pp. 93-106
  6. ^ Sambonet USA INc., businessprofiles.com
  7. ^ Sambonet Paderno Industrie S.p.A. Archiviato il 16 maggio 2006 in Internet Archive., Associazione Industriali di Novara
  8. ^ Roberto Sambonet. (Italian, 1924-1995), MoMa.org
  9. ^ Gio Ponti Sambonet di Sambonet, AT Casa, Corriere della Sera
  10. ^ Hannah di Sambonet, AT Casa, Corriere della Sera
  11. ^ I designer, le loro pentole (e le loro ricette) - foto 8, Donna Moderna, 07/06/2010

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica