Apri il menu principale
Sami Khedira
20180602 FIFA Friendly Match Austria vs. Germany Sami Khedira 850 0707.jpg
Khedira con la maglia della Germania nel 2018
Nazionalità Germania Germania
Altezza 189 cm
Peso 90 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Centrocampista
Squadra Juventus
Carriera
Giovanili
1992-1995 non conosciuta Oeffingen
1995-2004 Stoccarda
Squadre di club1
2004-2006Stoccarda II22 (1)
2006-2010Stoccarda98 (14)
2010-2015Real Madrid102 (6)
2015-Juventus87 (21)
Nazionale
2002-2003Germania Germania U-1610 (2)
2007-2009Germania Germania U-2115 (5)
2009-Germania Germania77 (7)
Palmarès
Coppa mondiale.svg Mondiali di calcio
Bronzo Sudafrica 2010
Oro Brasile 2014
UEFA European Cup.svg Europei di calcio
Bronzo Polonia-Ucraina 2012
Bronzo Francia 2016
Transparent.png Europei di calcio Under-21
Oro Svezia 2009
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 6 aprile 2019

Sami Khedira (Stoccarda, 4 aprile 1987) è un calciatore tedesco, centrocampista della Juventus e della nazionale tedesca, con cui si è laureato campione del mondo nel 2014.

Durante la sua carriera ha vinto 1 campionato tedesco (2007), 1 campionato spagnolo (2012), 2 Coppe del Re (2011 e 2014), 1 Supercoppa di Spagna (2012), 3 campionati italiani (2016, 2017 e 2018), 3 Coppe Italia (2016, 2017 e 2018), 2 Supercoppe italiane (2015 e 2018), la Champions League 2013-2014, la Supercoppa UEFA 2014 e il Mondiale per club 2014.

Con la nazionale tedesca Under-21 è stato campione d'Europa di categoria nel 2009. Dallo stesso anno è stato convocato per giocare con la nazionale maggiore, con la quale ha preso parte a tre campionati del mondo (Sudafrica 2010, Brasile 2014 e Russia 2018) e due campionati d'Europa (Polonia-Ucraina 2012 e Francia 2016).

Indice

BiografiaModifica

Figlio di padre tunisino e madre tedesca,[1] Sami Khedira è nato a Stoccarda. Anche suo fratello minore Rani è calciatore.[2] Khedira ha frequentato la modella tedesca Lena Gercke da maggio 2011 al 2015. Entrambi sono stati presentati in una cover story del GQ del febbraio 2012.

Caratteristiche tecnicheModifica

Centrocampista centrale, ha giocato la maggior parte della sua carriera come mediano. Destro naturale, si distingue per forza fisica, dinamismo, visione di gioco e tecnica;[3] grazie alla sua stazza, si è inoltre reso protagonista di numerosi gol di testa.[4] È considerato uno dei centrocampisti più forti al mondo.[5][6][7]

CarrieraModifica

ClubModifica

Esordi, Stoccarda II e StoccardaModifica

Sami Khedira inizia con il gioco del calcio nella F-Jugend del club TV Öffingen, del quale il padre Lazhar era allenatore.[8] Viene scoperto nel 1995 dallo Stoccarda, con il quale svolge tutta la trafila delle squadre giovanili, arrivando a vincere i titoli tedeschi di classe A-Jugend e B-Jugend.

 
Khedira alza il Meisterschale vinto con lo Stoccarda nel 2007

Debutta in seconda squadra, militante in Regionalliga, nella stagione 2004-2005. Gioca saltuariamente, anche a causa di un grave infortunio al ginocchio che gli pregiudica la stagione 2005-2006,[9] collezionando 21 presenze in 3 stagioni. Nel 2006-2007 l'allenatore Armin Veh lo inserisce nella rosa della prima squadra in Bundesliga, dove fa il suo debutto da subentrante il 1º ottobre 2006, durante la sesta di campionato sul terreno dell'Hertha Berlino.[10]

Il 29 ottobre 2006, durante la nona giornata, in casa contro lo Schalke 04, Khedira realizza i suoi primi gol in massima serie: mette infatti a segno una doppietta.[11] Fin dalla prima stagione, viene schierato con regolarità e con un suo gol di testa all'ultima giornata contro l'Energie Cottbus, lo Stoccarda si assicura la vittoria del campionato 2006-2007.[12] Nello stesso anno il club raggiunge la finale della coppa nazionale.

Firma il primo contratto da professionista con il club del Baden-Württemberg il 29 gennaio 2007.[13]

Real MadridModifica

Il 30 luglio 2010 lo Stoccarda e il Real Madrid ufficializzano il passaggio del calciatore al club spagnolo.[14][15] Il 29 agosto 2010 ha debuttato con la maglia dei madrileni nel pareggio esterno per 0-0 con il Maiorca. Ha terminato la stagione con la vittoria della Coppa del Re, mentre in campionato il Madrid si è posizionato secondo.

 
Khedira con la maglia del Real Madrid nel 2012

La stagione successiva è riuscito a realizzare il suo primo gol con il Real Madrid, nella partita della fase a gironi di Champions League giocata il 18 ottobre 2011 e vinta per 4-0 con i francesi del Lione. Il 21 aprile 2012 ha messo a segno il primo dei due gol con cui i blancos hanno vinto il Clásico, superando il Barcellona sul suo campo per 2-1; l'incontro si è rivelato decisivo per la vittoria finale del campionato.

Inizia la stagione seguente vincendo la Supercoppa di Spagna 2012 nella doppia sfida contro il Barcellona.[16][17]

La stagione 2013-2014 per Khedira è particolarmente sfortunata. Con i Blancos colleziona solo 11 presenze in campionato, segnando anche 1 gol, e 4 in Champions League, prima dell'infortunio, rimediato in nazionale in seguito ad un contrasto con Andrea Pirlo, che lo tiene fuori fino al termine della stagione, riuscendo però a tornare in campo per la vittoriosa finale di Champions League disputata contro l'Atlético Madrid.

L'annata 2014-2015 si apre con la conquista della Supercoppa europea, vinta il 12 agosto 2014 battendo 2-0 il Siviglia,[18] vincitore dell'Europa League. Il 20 dicembre conquista il Mondiale per club, battendo 2-0 in finale il San Lorenzo.[19][20] In Champions invece il Real non ripeterà quanto fatto l'anno prima venendo eliminato in semifinale dalla Juventus. A fine stagione decide di non rinnovare il suo contratto in scadenza con il Real Madrid, rimanendo quindi svincolato.

JuventusModifica

Il 9 giugno 2015 viene ufficializzato l'accordo raggiunto tra la Juventus e il giocatore, che si lega ai bianconeri a partire dal 1º luglio seguente.[21] Sceglie di indossare inizialmente la maglia numero 28, ma poi, in seguito alla scelta del suo compagno di squadra Paul Pogba di prendere la numero 10, opta per la maglia numero 6.[22] Il 1º agosto, durante un'amichevole contro l'Olympique Marsiglia, è costretto a lasciare il campo a causa di un infortunio alla gamba destra, che lo costringe ad uno stop di circa due mesi.[23] Effettua il suo esordio ufficiale il 30 settembre nella partita di Champions League contro il Siviglia (vittoria dei bianconeri per 2-0).[24] Segna il suo primo gol con la maglia bianconera il 4 ottobre, nella partita vinta per 3-1 contro il Bologna.[25] Nonostante sia spesso vittima di problemi fisici, disputa una prima ottima stagione alla Juventus, dando un grande contributo[senza fonte] alla conquista del quinto scudetto consecutivo e della seconda Coppa Italia consecutiva (i primi per il tedesco).

Nella sua seconda stagione juventina risulta molto più continuo nel rendimento[senza fonte] e nell'impiego in campo, vincendo la sua seconda Coppa Italia, terza di squadra, e il sesto scudetto consecutivo della Juventus, secondo personale (entrambi record della Juventus); disputa inoltre la finale di Champions League contro il Real Madrid, sua ex squadra, che si impone sui bianconeri per 4-1.

Il 22 ottobre 2017 sigla la sua prima tripletta in carriera nella gara di campionato contro l'Udinese, terminata 6-2 in favore dei campioni d'Italia.[26]. Il 7 marzo 2018, Khedira ha conseguito la sua centesima apparizione per la Juventus nella vittoria per 2-1 sul Tottenham allo stadio di Wembley, nella gara di ritorno degli ottavi di finale di UEFA Champions League,[27] fornendo peraltro l'assist a Higuaín per il gol del momentaneo pareggio. Chiude la stagione ottenendo il suo terzo double nazionale consecutivo e con un bottino di ben 9 reti realizzate in campionato, suo record personale.

Esordisce nella nuova stagione di Serie A 2018-2019 segnando il gol che sblocca il risultato nella partita vinta 3-2 contro il Chievo. A riprova dell'ormai maturata leadership all'interno dello spogliatoio bianconero, da quest'annata gli viene frequentemente affidata la fascia di capitano ogni qual volta non è in campo Chiellini, a cominciare dalla sfida del 16 settembre 2018 vinta 2-1 contro il Sassuolo.[28] Il 20 febbraio 2019 gli viene diagnosticata un'aritmia cardiaca che lo costringe a stare fuori per un mese.[29][30]

NazionaleModifica

 
Khedira contrasta Messi nei quarti di finale del campionato del mondo 2010

Nel 2009, come capitano della nazionale Under-21,[31] allenata da Horst Hrubesch, vince il campionato d'Europa Under-21.

Il 5 settembre 2009 debutta nella nazionale maggiore contro il Sudafrica.[32]

Viene selezionato il 1º giugno 2010 per il campionato del mondo 2010 in Sudafrica dal CT Löw. Esordisce nel il 13 giugno nella prima gara del girone vinta per 4-0 contro l'Australia.[33] Gioca da titolare in tutti gli incontri dei tedeschi, vincendo tutte e tre le gare della fase a gironi, agli ottavi contro Inghilterra e ai quarti contro l'Argentina. Con i teutonici, viene eliminato poi in semifinale contro la Spagna per 1-0. Nella finale per il terzo e quarto posto, mette anche a segno la sua prima rete in nazionale, quella del 3-2 decisivo, nella finale per il terzo posto contro l'Uruguay.[34]

Il CT Löw lo inserisce nella lista dei 23 che prenderanno parte al campionato d'Europa 2012, che si svolgerà in Polonia e Ucraina.[35] Khedira, che disputa il suo primo Europeo, va in gol nella gara dei quarti contro la Grecia, terminata 4-2 per i tedeschi.[36] La squadra verrà eliminata al turno successivo per 2-1 contro l'Italia.

Il 15 novembre 2013, in occasione dell'amichevole a San Siro contro l'Italia terminata 1-1, durante uno scontro di gioco con Andrea Pirlo, Khedira si infortuna seriamente, lasciando anzitempo il terreno di gioco e riportando la rottura del legamento crociato anteriore del ginocchio destro, infortunio che lo ha tenuto lontano dai campi da gioco per sei mesi.[37]

 
Khedira e Bernard nel cosiddetto Mineirazo del campionato del mondo 2014

Rientrato dall'infortunio, verrà incluso nella lista dei convocati per il campionato del mondo 2014 in Brasile, dove Khedira conquista un posto da titolare nella formazione tedesca e nella semifinale contro il Brasile, vinta 7-1 dai tedeschi, mette a segno la quinta rete tedesca.[38][39] Il 13 luglio 2014 Khedira non disputa la finale a causa di un infortunio, ma si laurea comunque campione del mondo grazie alla vittoria ottenuta in finale contro l'Argentina, battuta 1-0 ai tempi supplementari grazie al gol decisivo di Götze.[40][41]

Convocato per il campionato d'Europa 2016 in Francia,[42] scende in campo in cinque occasioni durante la manifestazione continentale. Prende parte anche al campionato del mondo 2018, in cui la Germania, a sorpresa, non supera la fase a gironi arrivando ultima.[43]

Dopo il fallimentare Mondiale in Russia viene (a seguito di un colloquio tra allenatore e federazione) escluso dai piani futuri del commissario tecnico dei tedeschi Joachim Löw.[44][45]

StatisticheModifica

Presenze e reti nei clubModifica

Statistiche aggiornate al 10 aprile 2019.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
2004-2005   Stoccarda II RL 5 0 - - - - - - - - - 5 0
2005-2006 RL 8 0 - - - - - - - - - 8 0
2006-2007 RL 9 1 - - - - - - - - - 9 1
Totale Stoccarda II 22 1 - - - - 22 1
2006-2007   Stoccarda BL 22 4 CG 4 0 - - - - - - 26 4
2007-2008 BL 24 1 CG+CdL 4+1 0+0 UCL 5 0 - - - 34 1
2008-2009 BL 27 7 CG 2 0 Int+CU 2+6 0+1 - - - 37 8
2009-2010 BL 25 2 CG 2 1 UCL 8 0 - - - 35 3
Totale Stoccarda 98 14 13 1 21 1 - - 132 16
2010-2011   Real Madrid PD 25 0 CR 7 0 UCL 8 0 - - - 40 0
2011-2012 PD 28 2 CR 6 1 UCL 8 1 SS 0 0 42 4
2012-2013 PD 25 3 CR 8 1 UCL 9 0 SS 2 0 44 4
2013-2014 PD 13 1 CR 0 0 UCL 5 0 - - - 18 1
2014-2015 PD 11 0 CR 3 0 UCL 2 0 SU+SS+Cmc 0+0+1 0 17 0
Totale Real Madrid 102 6 24 2 32 1 3 0 161 9
2015-2016   Juventus A 20 5 CI 1 0 UCL 4 0 SI 0 0 25 5
2016-2017 A 31 5 CI 3 0 UCL 11 0 SI 1 0 46 5
2017-2018 A 26 9 CI 4 0 UCL 8 0 SI 1 0 39 9
2018-2019 A 10 2 CI 2 0 UCL 4 0 SI 1 0 17 2
Totale Juventus 87 21 10 0 27 0 3 0 127 21
Totale carriera 309 42 47 3 80 2 6 0 442 47

Cronologia presenze e reti in nazionaleModifica

Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale ― Germania
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
5-9-2009 Leverkusen Germania   2 – 0   Sudafrica Amichevole -   73’
3-3-2010 Monaco di Baviera Germania   0 – 1   Argentina Amichevole -   75’
13-5-2010 Aquisgrana Germania   3 – 0   Malta Amichevole -   72’
29-5-2010 Budapest Ungheria   0 – 3   Germania Amichevole -   46’
3-6-2010 Francoforte sul Meno Germania   3 – 1   Bosnia ed Erzegovina Amichevole -
13-6-2010 Durban Germania   4 – 0   Australia Mondiali 2010 - 1º turno -
18-6-2010 Port Elizabeth Germania   0 – 1   Serbia Mondiali 2010 - 1º turno -   22’
23-6-2010 Johannesburg Ghana   0 – 1   Germania Mondiali 2010 - 1º turno -
27-6-2010 Bloemfontein Germania   4 – 1   Inghilterra Mondiali 2010 - Ottavi di finale -
3-7-2010 Città del Capo Argentina   0 – 4   Germania Mondiali 2010 - Quarti di finale -   77’
7-7-2010 Durban Germania   0 – 1   Spagna Mondiali 2010 - Semifinale -   81’
10-7-2010 Port Elizabeth Uruguay   2 – 3   Germania Mondiali 2010 - Finale 3º posto 1
3-9-2010 Bruxelles Belgio   0 – 1   Germania Qual. Euro 2012 -
7-9-2010 Colonia Germania   6 – 1   Azerbaigian Qual. Euro 2012 -
8-10-2010 Berlino Germania   3 – 0   Turchia Qual. Euro 2012 -
12-10-2010 Astana Kazakistan   0 – 3   Germania Qual. Euro 2012 -
17-11-2010 Göteborg Svezia   0 – 0   Germania Amichevole -   60’
9-2-2011 Dortmund Germania   1 – 1   Italia Amichevole -
26-3-2011 Kaiserslautern Germania   4 – 0   Kazakistan Qual. Euro 2012 -
3-6-2011 Vienna Austria   1 – 2   Germania Qual. Euro 2012 -   69’
7-10-2011 Istanbul Turchia   1 – 3   Germania Qual. Euro 2012 -
11-10-2011 Düsseldorf Germania   3 – 1   Belgio Qual. Euro 2012 -   76’
11-11-2011 Kiev Ucraina   3 – 3   Germania Amichevole -   46’
15-11-2011 Basilea Germania   3 – 0   Paesi Bassi Amichevole -   88’
29-2-2012 Brema Germania   1 – 2   Francia Amichevole -   70’
26-5-2012 Basilea Svizzera   5 – 3   Germania Amichevole -   46’
31-5-2012 Lipsia Germania   2 – 0   Israele Amichevole -   88’
9-6-2012 Leopoli Germania   1 – 0   Portogallo Euro 2012 - 1º turno -
13-6-2012 Charkiv Paesi Bassi   1 – 2   Germania Euro 2012 - 1º turno -
17-6-2012 Leopoli Danimarca   1 – 2   Germania Euro 2012 - 1º turno -
22-6-2012 Danzica Germania   4 – 2   Grecia Euro 2012 - Quarti di finale 1
28-6-2012 Varsavia Germania   1 – 2   Italia Euro 2012 - Semifinale -
15-8-2012 Francoforte sul Meno Germania   1 – 3   Argentina Amichevole -   69’
7-9-2012 Hannover Germania   3 – 0   Fær Øer Qual. Mondiali 2014 -
11-9-2012 Vienna Austria   1 – 2   Germania Qual. Mondiali 2014 -
12-10-2012 Dublino Irlanda   1 – 6   Germania Qual. Mondiali 2014 -   46’
6-2-2013 Parigi Francia   1 – 2   Germania Amichevole 1
22-3-2013 Astana Kazakistan   0 – 3   Germania Qual. Mondiali 2014 -   82’
26-3-2013 Norimberga Germania   4 – 1   Kazakistan Qual. Mondiali 2014 -
14-8-2013 Kaiserslautern Germania   3 – 3   Paraguay Amichevole -
6-9-2013 Monaco di Baviera Germania   3 – 0   Austria Qual. Mondiali 2014 -   59’
10-9-2013 Tórshavn Fær Øer   0 – 3   Germania Qual. Mondiali 2014 -
11-10-2013 Colonia Germania   3 – 0   Irlanda Qual. Mondiali 2014 1   57’ -   82’
15-11-2013 Milano Italia   1 – 1   Germania Amichevole -   67’
1-6-2014 Mönchengladbach Germania   2 – 2   Camerun Amichevole -   73’
6-6-2014 Magonza Germania   6 – 1   Armenia Amichevole -   59’
16-6-2014 Salvador Germania   4 – 0   Portogallo Mondiali 2014 - 1º turno -
21-6-2014 Fortaleza Germania   2 – 2   Ghana Mondiali 2014 - 1º turno -   69’
30-6-2014 Porto Alegre Germania   2 – 1 dts   Algeria Mondiali 2014 - Ottavi di finale -   70’
4-7-2014 Rio de Janeiro Francia   0 – 1   Germania Mondiali 2014 - Quarti di finale -   54’
8-7-2014 Belo Horizonte Brasile   1 – 7   Germania Mondiali 2014 - Semifinale 1   76’
14-11-2014 Norimberga Germania   4 – 0   Gibilterra Qual. Euro 2016 -   60’
18-11-2014 Vigo Spagna   0 – 1   Germania Amichevole -   90’
25-3-2015 Kaiserslautern Germania   2 – 2   Australia Amichevole -   63’
10-6-2015 Colonia Germania   1 – 2   Stati Uniti Amichevole -   46’
13-6-2015 Faro Gibilterra   0 – 7   Germania Qual. Euro 2016 -   67’
13-11-2015 Parigi Francia   2 – 0   Germania Qual. Euro 2016 -   61’
26-3-2016 Berlino Germania   2 – 3   Inghilterra Qual. Euro 2016 -
29-5-2016 Augusta Germania   1 – 3   Slovacchia Qual. Euro 2016 -   46’
4-6-2016 Gelsenkirchen Germania   2 – 0   Ungheria Qual. Euro 2016 -   46’
12-6-2016 Lilla Germania   2 – 0   Ucraina Euro 2016 - 1º turno -
16-6-2016 Saint-Denis Germania   0 – 0   Polonia Euro 2016 - 1º turno -   3’
21-6-2016 Parigi Irlanda del Nord   0 – 1   Germania Euro 2016 - 1º turno -   69’
26-6-2016 Lilla Germania   3 – 0   Slovacchia Euro 2016 - Ottavi di finale -   76’
2-7-2016 Bordeaux Germania   1 – 1 dts
(6 - 5 dcr)
  Italia Euro 2016 - Quarti di finale -   16’
4-9-2016 Oslo Norvegia   0 – 3   Germania Qual. Mondiali 2018 -   49’ -   84’
8-10-2016 Amburgo Germania   3 – 0   Rep. Ceca Qual. Mondiali 2018 -
11-10-2016 Hannover Germania   2 – 0   Irlanda del Nord Qual. Mondiali 2018 1
11-11-2016 Serravalle San Marino   0 – 8   Germania Qual. Mondiali 2018 1 cap.   77’
26-3-2017 Baku Azerbaigian   1 – 4   Germania Qual. Mondiali 2018 - cap.   12’
4-9-2017 Stoccarda Germania   6 – 0   Norvegia Qual. Mondiali 2018 -   61’
14-11-2017 Colonia Germania   2 – 2   Francia Amichevole -   75’
23-3-2018 Düsseldorf Germania   1 – 1   Spagna Amichevole -   53’
2-6-2018 Klagenfurt Austria   2 – 1   Germania Amichevole -   46’
8-6-2018 Leverkusen Germania   2 – 1   Arabia Saudita Amichevole -
17-6-2018 Mosca Germania   0 – 1   Messico Mondiali 2018 - 1º turno -   60’
27-6-2018 Kazan' Corea del Sud   2 – 0   Germania Mondiali 2018 - 1º turno -   58’
Totale Presenze 77 Reti 7

PalmarèsModifica

OnorificenzeModifica

NoteModifica

  1. ^ Emanuele Gamba, Sami Khedira: "Le mille culture del mio mondo senza pregiudizi", su repubblica.it, 13 marzo 2017.
  2. ^ (DE) Khedira und der VfB: Rani eifert Sami nach, su kicker.de.
  3. ^ Khedira è bianconero, su juventus.com. URL consultato l'11 ottobre 2015.
  4. ^ (EN) Sami Khedira profile, su realmadrid.com. URL consultato il 19 agosto 2010 (archiviato dall'url originale il 30 ottobre 2010).
  5. ^ Khedira al Napoli, Benitez sogna il Centrocampista, su calciomercato.napoli.it. URL consultato l'11 ottobre 2015.
  6. ^ Juventus, ora è ufficiale Khedira. Ansia a mille per Tevez perché…, su affaritaliani.it. URL consultato l'11 ottobre 2015.
  7. ^ Khedira, un tuttocampista per la Juve, su calciomercato.com. URL consultato l'11 ottobre 2015.
  8. ^ (DE) Gunnar Wiehl, Khedira, der neue Ballack: Hier wurde Sami groß, su mopo.de, 21 maggio 2010. URL consultato il 7 luglio 2010 (archiviato dall'url originale il 24 maggio 2010).
  9. ^ (DE) Sven Geisler, Der Mann, der im Team die Musik macht [collegamento interrotto], su sz-online.de, 17 giugno 2010. URL consultato il 7 luglio 2010.
  10. ^ (DE) Spielbericht Hertha BSC Berlin - VfB Stuttgart 2:2 (2:1), su fussballdaten.de (archiviato dall'url originale il 3 gennaio 2009).
  11. ^ (DE) Spielbericht VfB Stuttgart - FC Schalke 04 3:0 (1:0), su fussballdaten.de (archiviato dall'url originale il 9 settembre 2009).
  12. ^ (DE) Spielbericht VfB Stuttgart - FC Energie Cottbus 2:1 (1:1), su fussballdaten.de (archiviato dall'url originale il 1º gennaio 2008).
  13. ^ (DE) Gunnar Wiehl, Sami Khedira verlängert seinen Vertrag bis 2011, su sport.t-online.de, 9 luglio 2008. URL consultato il 7 luglio 2010.
  14. ^ (DE) Einigung mit Real Madrid [collegamento interrotto], su vfb.de, 30 luglio 2010.
  15. ^ (ES) Sami Khedira, nuevo jugador del Real Madrid, su realmadrid.com, 30 luglio 2010 (archiviato dall'url originale il 31 luglio 2010).
  16. ^ 3-2: The Supercup to be decided in Madrid, su realmadrid.com, 23 agosto 2012. URL consultato il 30 agosto 2012 (archiviato dall'url originale il 25 agosto 2012).
  17. ^ Supershow: il Real piega il Barça. Mou si prende il primo trofeo, su gazzetta.it, 29 agosto 2012. URL consultato il 30 agosto 2012.
  18. ^ Supercoppa Europea, Real Madrid-Siviglia 2-0: doppietta di Ronaldo, su gazzetta.it, 12 agosto 2014. URL consultato il 21 dicembre 2014.
  19. ^ Real Madrid-San Lorenzo 2-0: Ramos e Bale portano i Blancos sul tetto del Mondo, su goal.com, 20 dicembre 2014. URL consultato il 21 dicembre 2014.
  20. ^ Il Real Madrid è campione del mondo, su ilpost.it, 21 dicembre 2014. URL consultato il 21 dicembre 2014.
  21. ^ Khedira è bianconero, su juventus.com, 9 giugno 2015.
  22. ^ UFFICIALE - I numeri di maglia per la stagione 2015/16. Pogba nuovo 10. Il suo "vecchio" 6 a Khedira, su tuttojuve.com, 6 agosto 2015.
  23. ^ Juventus, timori confermati: Khedira fuori per due mesi, su repubblica.it, 3 agosto 2015.
  24. ^ Juve-Siviglia, il film della partita: 2-0, su lastampa.it, 30 settembre 2015.
  25. ^ Juve-Bologna, il film della partita: 3-1, su lastampa.it, 4 ottobre 2015.
  26. ^ Khedira: «Tripletta speciale, per me e per la squadra», su juventus.com, 22 ottobre 2017.
  27. ^ Khedira, che traguardo! Sono 100 le presenze con la maglia della Juve, su Calciomercato.com | Tutte le news sul calcio in tempo reale. URL consultato il 21 febbraio 2019.
  28. ^ La fascia senza Chiellini: Khedira capitano, Dybala vice. E Bonucci..., su ilbianconero.com, 17 settembre 2018.
  29. ^ Juve, Khedira operato al cuore: tornerà tra un mese, su LaStampa.it. URL consultato il 21 febbraio 2019.
  30. ^ Juventus, ok l'intervento su Khedira. Ora uno stop di 30 giorni per l'aritmia, su La Gazzetta dello Sport - Tutto il rosa della vita. URL consultato il 21 febbraio 2019.
  31. ^ (DE) Kristina Ellwanger, Herbert Rudel, Khedira: Ich will den Titel!, su bild.de, 9 giugno 2009. URL consultato il 7 luglio 2010.
  32. ^ (DE) Spielerinfo Khedira, su dfb.de.
  33. ^ (EN) Benjamin Strack-Zimmermann, Germany vs. Australia (4:0), su www.national-football-teams.com. URL consultato il 21 febbraio 2019.
  34. ^ (EN) Uruguay 2:3 Germany, su fifa.com.
  35. ^ Euro 2012, la lista della Germania: Low fa fuori Cacau, su Today. URL consultato il 21 febbraio 2019.
  36. ^ (EN) Benjamin Strack-Zimmermann, Germany vs. Greece (4:2), su www.national-football-teams.com. URL consultato il 21 febbraio 2019.
  37. ^ Germania: grave infortunio per Khedira. Sei mesi di stop, su tgcom24.mediaset.it.
  38. ^ Mondiali, Brasile-Germania 1-7: umiliazione storica, tedeschi in finale, su gazzetta.it, 8 luglio 2014. URL consultato il 9 luglio 2014.
  39. ^ Brasile umiliato, la Germania vince 7-1, Scolari: “Chiedo scusa a tutto il popolo”, su lastampa.it, 8 luglio 2014. URL consultato il 9 luglio 2014.
  40. ^ Mondiali, Germania campione! Argentina battuta 1-0: Götze al 113', su gazzetta.it, 14 luglio 2014. URL consultato il 14 luglio 2014.
  41. ^ Germania campione del mondo, su ilpost.it, 13 luglio 2014. URL consultato il 14 luglio 2014.
  42. ^ (DE) LÖW STREICHT BELLARABI, BRANDT, REUS UND RUDY, su dfb.de, 31 maggio 2016. URL consultato il 31 maggio 2016.
  43. ^ Sky Sport, Germania, stesso titolo: umori opposti, su sport.sky.it. URL consultato il 21 febbraio 2019.
  44. ^ Germania, Khedira out: Löw taglia lo juventino per la Nations League, su La Gazzetta dello Sport - Tutto il rosa della vita. URL consultato il 21 febbraio 2019.
  45. ^ Germania, Löw: "Khedira out? Voglio provare i giovani. Özil ha esagerato...", su ITA Sport Press, 29 agosto 2018. URL consultato il 21 febbraio 2019.
  46. ^ (DE) Elenco degli insigniti dell'Ordine (PDF), su stm.baden-wuerttemberg.de.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN310508149 · GND (DE1052565220