Sammo Hung

regista e attore cinese
Sammo Hung

Sammo Hung all'anagrafe Samo Hung Kam-Bo (洪金寶S; Hong Kong, 7 gennaio 1952) è un regista, attore e artista marziale hongkonghese.

BiografiaModifica

Sammo Hung Kam-Bo, il cui nome nella pronuncia pinyin è Hong Jinbao, nasce ad Hong Kong il 7 gennaio 1952, anno del coniglio. Entrato giovanissimo alla China Drama Academy, qui impara le arti marziali e la danza acrobatica. Durante la sua permanenza alla scuola stringe amicizia con Jackie Chan e Yuen Biao, compagni di corso più piccoli entrati successivamente, che chiamerà a collaborare negli anni a venire. Essendo il più "anziano" è anche il primo a finire l'accademia ed entrare a lavorare stabilmente nell'allora prolifica industria del genere arti marziali.

Entrato appena dodicenne a far parte della cinematografia di Hong Kong, Sammo si distingue subito per le sue qualità acrobatiche, malgrado la sua robustezza fisica (dovuta ad un incidente occorso quando era studente, che lo aveva costretto a una lunga degenza durante la quale non aveva fatto altro che mangiare prendendo peso). La scelta di Sammo come nome d'arte deriva dal popolare protagonista della serie a fumetti San Mao (letteralmente "tre capelli").

Nel 1973, ancora ventunenne ma già rispettato nell'ambiente cinematografico, ottiene un piccolo ruolo nel film I 3 dell'Operazione Drago di Robert Clouse, dove interpreta l'avversario di Bruce Lee all'inizio. Nello stesso film è anche stuntman, insieme agli amici Jackie Chan e Yuen Biao, da lui chiamati come in altre occasioni (vedasi Dalla Cina con furore). Il patto stretto con loro e con altri colleghi ai tempi dell'Accademia li obbliga ad aiutarsi reciprocamente ed essendo lui l'allievo più anziano e quello che per primo ha trovato impiego finiti gli studi deve trainare gli altri.

Lo stesso anno, però, Bruce Lee muore, mentre in tutto il mondo è già esplosa da mesi la richiesta di film di arti marziali. Nel 1978 Sammo viene chiamato per il film L'ultimo combattimento di Chen, sempre di Robert Clouse, lavoro messo insieme usando fotogrammi di film di Lee ridoppiati, uniti alle riprese incompiute di Game of Death girato da Lee stesso; per le restanti scene viene usato un trio di sosia. Sammo è sia stuntman che coreografo dei combattimenti per il film, ritagliandosi anche un piccolo ruolo: Chen Lee, l'avversario del personaggio di Robert Wall sul ring.

Quasi a parodiare una simile operazione commerciale, Sammo dirige e interpreta lo stesso anno Enter the Fat Dragon (che già dal titolo cita l'Enter the Dragon di Lee). Il film è una commedia divertita che rielabora gli stereotipi del cinema marziale e dei film di Bruce Lee. In esso, inoltre, Sammo si fa beffe di un sosia di Lee che dimostra di non avere le doti di chi vorrebbe imitare. Peraltro Hung sa imitare Lee, al di là della diversità fisica, e lo farà spesso nel corso della sua carriera.

Nel 1981 Sammo prende parte ancora una volta ad un film che sfrutta la fama di Lee: L'ultima sfida di Bruce Lee (The tower of Death/Game of Death II), di cui è co-regista non accreditato. Ha anche raccontato ai suoi amici di aver sfidato e battuto Bruce Lee in un combattimento amichevole negli studi della Golden Harvest, ma non esistono testimoni di tale "evento", fuorché lui.[1]

Con l'inizio degli anni ottanta si forma il trio Sammo-Chan-Biao: i tre amici della China Drama Academy decidono di lavorare insieme in una fortunata serie di film comici a sfondo marziale, la maggior parte dei quali diretti da Sammo stesso.

Dopo successi come Project A - Operazione pirati (1983), Cena a sorpresa (1984) o l'inedito[Inedito in che senso?] Dragons Forever (1988), il trio si scioglie. Mentre Jackie Chan si crea una carriera personale, e raggiunge il successo internazionale, Sammo e Yuen Biao rimangono nell'area asiatica, anche se con grandi successi.

Nel 1995 Sammo Hung torna a lavorare con Jackie Chan come coreografo nei combattimenti di Thunderbolt, e due anni dopo dirige Chan in Mr. Nice Guy. Generalmente Sammo viene ritenuto un regista migliore tecnicamente rispetto a Jackie Chan, anche se i due si alternano in questa veste di film in film. Tra la fine degli anni ottanta e i primi novanta, a causa di sparatorie (anche gravissime) tra elementi della mafia cinese occorse nel locale di cui Sammo è proprietario, l'attore chiude il night e si sposta per qualche tempo all'estero, soprattutto Canada, in attesa che le acque si calmino. Del resto ad Hong Kong l'osmosi fra cinema e triadi è continua ed è praticamente impossibile lavorare senza una qualche protezione.

Sammo ha collaborato con Jet Li, dirigendolo in Le sette spade della vendetta (1993) e C'era una volta in Cina e America (1997), sesto titolo della serie di Wong Fei Hung che rielabora i film precedenti.

Nel 1998 Sammo partecipa alla serie televisiva statunitense Più forte ragazzi (Martial Law) interpretando un poliziotto di Shanghai "prestato" alla polizia di Los Angeles. Il personaggio compare anche come ospite in un episodio crossover della serie Walker Texas Ranger.

Nel 2004 dirige le scene d'azione di Kung Fusion di Stephen Chow.

Vita privataModifica

Nel 1995 sposa Joyce Godenzi. Da un matrimonio precedente, Sammo ha 4 figli.

FilmografiaModifica

AttoreModifica

CinemaModifica

TelevisioneModifica

RegistaModifica

CoreografoModifica

NoteModifica

  1. ^ Jackie Chan riporta tale voce nel libro autobiografico I'm Jackie Chan-My life in action

BibliografiaModifica

  • Lorenzo De Luca, Dizionario dei film di Kung-Fu - Tutti i titoli usciti in Italia, 1987.
  • Lorenzo De Luca, Bruce & Brandon Lee. Nel nome del drago, Edizioni Mediterranee, 1996.
  • Lorenzo De Luca, Gli eredi di Bruce Lee, Edizioni Mediterranee, 2000, ISBN 88-272-1349-X.
  • Stephen Gunn, Bruce & Brandon Lee - I segreti del cinema di arti marziali, in Segreti @ Misteri, Sperling & Kupfer, 1998, ISBN 88-200-2643-0.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN9453057 · ISNI (EN0000 0001 1437 5936 · Europeana agent/base/60985 · LCCN (ENno97058057 · GND (DE122309251 · BNF (FRcb16633637c (data) · BNE (ESXX1278504 (data) · WorldCat Identities (ENlccn-no97058057