San Dalmazzo di Tenda

frazione del comune francese di Tenda

San Dalmazzo di Tenda[1][2][3][4] (in francese Saint-Dalmas-de-Tende, in piemontese San Dalmass, in occitano Sant Dalmatz, in ligure San Dàlmazo, in dialetto brigasco San Damâsi[5]) è una località di Tenda nell'alta val Roia francese.

San Dalmazzo di Tenda
località
(FR) Saint-Dalmas-de-Tende
San Dalmazzo di Tenda – Veduta
San Dalmazzo di Tenda – Veduta
San Dalmazzo di Tenda negli anni '20.
Localizzazione
StatoBandiera della Francia Francia
Regione Provenza-Alpi-Costa Azzurra
Dipartimento Alpi Marittime
ArrondissementNizza
CantoneTenda
ComuneTenda
Territorio
Coordinate44°03′24.52″N 7°35′13.52″E / 44.05681°N 7.58709°E44.05681; 7.58709 (San Dalmazzo di Tenda)
Altitudine696 m s.l.m.
Abitanti400 (1928)
Altre informazioni
Cod. postale06430
Fuso orarioUTC+1
Codice INSEE06163
Nome abitanti(FR) sandalmassiers
Cartografia
Mappa di localizzazione: Francia
San Dalmazzo di Tenda
San Dalmazzo di Tenda

Dal punto di vista geografico, la località fa parte della regione geografica italiana, trovandosi all'interno del bacino idrografico del fiume Roia.

Storia modifica

Il paese nacque con il nome di Bergeggi, poi prese il nome di San Dalmazzo dato che era sede di un monastero dipendente dall'abbazia di Pedona (poi Borgo San Dalmazzo) che oggi è un albergo. Si è sviluppato in seguito alle miniere di galena argentifera e blenda presenti nella miniera di Vallauria attiva fino al 1929. Nel 1914 venne costruita la centrale idroelettrica di Mesce e vicino alla frazione la centrale idroelettrica di Confine (ora chiamata Paganin), le centrali furono costruite dalla Società elettrica Riviera di Ponente Ing. Negri (poi CIELI - Compagnia Imprese Elettriche LIguri). Nel 1929 venne costruita la stazione sulla ferrovia Cuneo-Limone-Ventimiglia. Fino al 1947 era anche un importante posto di frontiera sia sulla SS 20 che sulla ferrovia Cuneo-Limone-Ventimiglia tra Italia e Francia, con il passaggio alla Francia la dogana venne spostata a Tenda. È stato annesso alla Francia in seguito al Trattato di Parigi del 1947. La popolazione passò dai 25 abitanti del 1881 ai 400 abitanti del 1928. Tuttora è un posto di villeggiatura per italiani e francesi.

 
Vecchio confine fino al 1947 tra SS 20 e RN 204 presso San Dalmazzo di Tenda.

Note modifica

  1. ^ Touring Club Italiano, Nuovissimo atlante geografico mondiale, Touring Editore, Borgaro Torinese (TO) 2001, tav. 20.
  2. ^ Atlante stradale d'Italia, Touring Editore, 1998, tav. 32.
  3. ^ Nuovo atlante Treccani, vol. Cartografia, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, Milano 1995, tav. 7.
  4. ^ Atlas. L'atlante geografico de Agostini, Istituto geografico de Agostini, Novara 1993, p. 60.
  5. ^ Articolo sulla toponomastica brigasca su A Vastera, su vastera.it. URL consultato il 30 settembre 2014 (archiviato dall'url originale il 4 marzo 2016).

Bibliografia modifica

  • Giuseppe Garibaldi, Tra Centa e Roia - Ambiente, popolazione, economia dell'estremo Ponente ligure, pag. 273 e 287-288, Imperia, 2005

Voci correlate modifica

Altri progetti modifica

Collegamenti esterni modifica

  • (FR) Saint-Dalmas-de-Tende, su tendemerveilles.com. URL consultato il 16 ottobre 2013 (archiviato dall'url originale il 17 ottobre 2013).
Controllo di autoritàJ9U (ENHE987007567684805171
  Portale Francia: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Francia