San Fernando del Valle de Catamarca

città argentina
San Fernando del Valle de Catamarca
comune di prima categoria[1]
San Fernando del Valle de Catamarca – Stemma San Fernando del Valle de Catamarca – Bandiera
San Fernando del Valle de Catamarca – Veduta
Localizzazione
StatoArgentina Argentina
ProvinciaBandera de la Provincia de Catamarca.svg Catamarca
DipartimentoCapital
Amministrazione
SindacoRaúl Jalil[1] dal 2015
Data di istituzione05/07/1683
Territorio
Coordinate28°28′07″S 65°46′45″W / 28.468611°S 65.779167°W-28.468611; -65.779167 (San Fernando del Valle de Catamarca)
Altitudine550 m s.l.m.
Superficie684 km²
Abitanti159 703[1] (2010)
Densità233,48 ab./km²
Altre informazioni
Cod. postaleK4700
Prefisso3834
Fuso orarioUTC-3
Cartografia
Mappa di localizzazione: Argentina
San Fernando del Valle de Catamarca
San Fernando del Valle de Catamarca
Sito istituzionale

San Fernando del Valle de Catamarca (spesso chiamata semplicemente Catamarca) è una città dell'Argentina nord-orientale, capitale della provincia di Catamarca e del dipartimento di Capital.

La città è situata a 550 metri di altitudine ed ha una popolazione di circa 141.000 abitanti, più di 200.000 considerando i sobborghi, il che rappresenta circa il 70% della popolazione dell'intera provincia.

Geografia fisicaModifica

TerritorioModifica

La città sorge sulle rive del Río Valle, ai piedi del Cerro Ambato, ed è situata a 1131 km a nord-ovest di Buenos Aires. Le capitali provinciali più vicine sono La Rioja (154 km), San Miguel de Tucumán (230 km) e Santiago del Estero (209 km).

ClimaModifica

L'arido e mite clima continentale della zona ha una media annuale di 20 °C, con una temperatura media massima di 34 °C in estate, e una media minima di 5 °C in inverno. Nelle zone di alta montagna la temperatura può scendere fino a 30 °C sotto lo zero.

StoriaModifica

Un insediamento originario, chiamato Londres, fu fondato dai coloni spagnoli nel 1558; esso divenne permanente nel 1683, per opera di Fernando de Mendoza y Mate de Luna. Catamarca deriva dalla lingua Quechua e significa "fortezza sul pendio".

La città, che contava soltanto 8.000 abitanti nel 1882 e fu raggiunta dalla ferrovia nel 1888, crebbe molto lentamente, e la regione rimase povera perfino durante il XX secolo, in parte a causa del nepotismo della famiglia Saadi, che ha governato la provincia fino ai primi anni novanta. Nonostante ciò, la provincia rimane politicamente instabile, e buona parte della sua popolazione vive in condizioni precarie.[senza fonte]

Monumenti e luoghi d'interesseModifica

SocietàModifica

ReligioneModifica

La città è sede della diocesi di Catamarca, istituita il 5 febbraio 1910 e suffraganea dell'arcidiocesi di Salta.

CulturaModifica

IstruzioneModifica

MuseiModifica

  • Museo Archeologico "Adán Quiroga"
  • Museo di Belle Arti "Laureano Brizuela"
  • Museo Storico della Città
  • Casa Caravati-Museo d'Arte Contemporaneo

UniversitàModifica

La città è sede dell'università nazionale di Catamarca, fondata nel 1972.

EconomiaModifica

L'agricoltura è la principale attività economica di San Fernando; tuttavia, le scarse precipitazioni rendono necessaria l'irrigazione. Importante la produzione di frutta e di vino nell'area circostante la città. Altre risorse economiche sono la produzione di cotone e l'allevamento, così come le attività minerarie nelle miniere del Farallón Negro, del Bajo de la Alumbrera e delle Capillitas, dove vengono estratti oro, argento, rame e stagno.

Infrastrutture e trasportiModifica

StradeModifica

La principale via d'accesso alla città è la strada nazionale 38 che unisce la provincia di Córdoba con San Miguel de Tucumán.

AeroportiModifica

San Fernando è servita dall'aeroporto Felipe Varela (codice CTC), situato 15 km a sud-est della città, con voli regolari su Buenos Aires e La Rioja.

NoteModifica

  1. ^ a b c (ES) Scheda sul sito del Ministero dell'Interno, su mininterior.gov.ar. URL consultato il 2 marzo 2018.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN133775604 · LCCN (ENn88202511 · GND (DE4085180-1 · BNF (FRcb12322802r (data) · WorldCat Identities (ENlccn-n88202511
  Portale Geografia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di geografia