Apri il menu principale
San Giacomo Roncole
frazione
San Giacomo Roncole – Veduta
San Giacomo Roncole agli inizi del XX secolo
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Emilia-Romagna-Stemma.svg Emilia-Romagna
ProvinciaProvincia di Modena-Stemma.png Modena
ComuneMirandola-Stemma.png Mirandola
Territorio
Coordinate44°51′48.35″N 11°03′44.1″E / 44.86343°N 11.06225°E44.86343; 11.06225 (San Giacomo Roncole)Coordinate: 44°51′48.35″N 11°03′44.1″E / 44.86343°N 11.06225°E44.86343; 11.06225 (San Giacomo Roncole)
Abitanti
Altre informazioni
Fuso orarioUTC+1
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
San Giacomo Roncole
San Giacomo Roncole

San Giacomo Róncole è una frazione del comune di Mirandola, in provincia di Modena. La località si trova a circa 2,5 km a sud del capoluogo comunale e nel passato era conosciuta prima come Roncole oppure San Giacomo delle Roncole.

StoriaModifica

 
Panorama dal campanile nel 1960

Il paese viene menzionato in un atto del 1212 stipulato dagli eredi di Manfredo Pico, che diedero origine alla casata dei Pico della Mirandola. Verso la metà del Settecento fu sede del marchesato dei Paolucci, su investitura dagli Este.

Il 30 settembre 1944, durante un rastrellamento a seguito dell'uccisione di due soldati tedeschi, i nazifascisti compiono una strage, impiccando sei giovani appartenenti alla Resistenza cattolica davanti al Casinone, luogo simbolo del antifascismo democratico-cristiano[1].

Nel secondo dopoguerra, il parroco del paese don Zeno Saltini costituì l'Opera dei Piccoli Apostoli, da cui poi si originò la comunità di Nomadelfia.

A partire dagli anni 1970 si è sviluppata una vasta zona industriale del distretto biomedicale di Mirandola, specializzato nella produzione di dispositivi medici monouso.

Il 2 aprile 2017, al termine della sua visita pastorale alla diocesi, Papa Francesco si è recato presso la parrocchia roncolese e dopo avere salutato i fedeli presenti e avere reso omaggio al Monumento ai caduti del sisma del 2012, è ripartito in elicottero alla volta del Vaticano.

Monumenti e luoghi d'interesseModifica

 
Il "casinone" di San Giacomo Roncole e il monumento ai caduti

La chiesa parrocchiale dei Santi Giacomo e Filippo risale al XIII secolo e viene menzionata in vari documenti del secolo successivo. Il complesso ecclesiastico è stato gravemente danneggiato dal terremoto dell'Emilia del 2012[2]: il timpano della facciata e alcune volte della chiesa sono crollate, l'oratorio è inagibile e il campanile, seppur rimasto in piedi, è stato troncato alle fondamenta.

Di fronte alla chiesa parrocchiale si trova l'obelisco del monumento ai caduti della prima guerra mondiale[3] e, poco più distante, il cosiddetto "casinone", costruito nel 1911 da don Archimede Gaddi a scopi sociali. Il 18 febbraio 1933 l'edificio fu venduto alla Curia di Carpi. Al secondo piano si trovava un teatro-cinema che si apriva sul cortile antistante.[4]

Altri monumenti degni di nota sono la villa Personali, in passato castello dei conti Personali e trasformato in convento nel XVII secolo, e la villa Molinari Tosatti.

Nel 2016 nel giardino parrocchiale è stata inaugurata una stele in memoria dei caduti del sisma del maggio 2012. [5]

NoteModifica

  1. ^ Daniel Degli Esposti, Strage nazifascista di San Giacomo Roncole (Mirandola), su Atlante elle stragi naziste e fasciste in Italia, 30 settembre 1944.
  2. ^ Parrocchia dei SS. Filippo e Giacomo Ap. in San Giacomo Roncole di Mirandola, su Diocesi di Carpi. URL consultato il 28 marzo 2017 (archiviato dall'url originale il 22 febbraio 2016).
  3. ^ Monumento ai Caduti di San Giacomo Roncole, su Pietre della memoria.
  4. ^ Il “Casinone” di San Giacomo Roncole, in San Giacomo Roncole (Circolo ANSPI “Le Roncole”), 1987.
  5. ^ Diocesi di Carpi - Inaugurata la stele in ricordo delle vittime del sisma, su www.carpi.chiesacattolica.it. URL consultato il 4 aprile 2017.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Emilia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Emilia