Apri il menu principale

San Matteo in Merulana (titolo cardinalizio)

San Matteo in Merulana
Titolo presbiterale soppresso
Stemma cardinalizio generico
Maggi 1625 San Matteo in Merulana.jpg
La chiesa in un'incisione di Giovanni Maggi del 1625
Istituzione 112
Soppressione 1801
istituito da papa Alessandro I
soppresso da papa Pio VII
Dati dall'annuario pontificio

Il titolo cardinalizio di San Matteo in Merulana, fu eretto circa il 112 da papa Alessandro I. Compare nell'elenco del sinodo di Roma del 1º marzo 499. Papa Gregorio I Magno soppresse il titolo nel 600 e lo sostituì con il titolo già esistente di Santo Stefano al Monte Celio ma la sostituzione non sembra abbia avuto effetto. Fu ripristinato da papa Leone X quando aumentò il numero dei cardinali nel Concistoro del 1º luglio 1517 ed assegnato al cardinale agostiniano Egidio da Viterbo, che ne aveva espressamente chiesto il ripristino al papa, essendo San Matteo un'antica chiesa agostiniana sin dal V secolo. Papa Pio VI cessò di assegnare il titolo dal 1776 perché la chiesa era divenuta fatiscente. Il 23 dicembre 1801, papa Pio VII soppresse il titolo e lo trasferì a Santa Maria della Vittoria.

TitolariModifica

Voci correlateModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN257212540 · WorldCat Identities (EN257212540
  Portale Cattolicesimo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cattolicesimo