Apri il menu principale

I santi ausiliatori sono un gruppo di quattordici santi invocati dal popolo cristiano in casi di particolari necessità, generalmente per guarire da particolari malattie.

I quattordici santi ausiliatori

Indice

StoriaModifica

 
Altare dei Quattordici Santi nel Santuario di Vierzehnheligen.

La devozione a questi santi nacque in Germania nel XV secolo. Dopo che il 17 settembre 1445 il Gesù Bambino era apparso al pastorello Hermann Leicht di Langheim, figlio del locatario del podere di Frankental, l'apparizione si ripeté con la comparsa del Bambino circondato da candele accese e il 29 luglio 1446, nello stesso luogo, questa volta comparvero attorno al Bambin Gesù altri quattordici bimbi. Alla richiesta del pastorello chi fossero, essi risposero di essere i quattordici salvatori e chiesero che fosse loro dedicata sul luogo una cappella. Essi apparvero anche ad una giovane gravemente ammalata, portata appositamente colà, e miracolosamente guarita. L'abate del vicino monastero cistercense di Langheim cedette alle insistenze popolari e fece erigere per le esigenze immediate degli imminenti pellegrinaggi una cappella in onore dei Quattordici Santi Salvatori.[1] Per loro venne istituita una festa collettiva la cui data venne fissata all'8 agosto: a questa devozione, papa Niccolò V collegò anche particolari indulgenze. Nel 1743 fu iniziata l'erezione, su disegno dell'architetto Balthasar Neumann (1687 – 1753), del Santuario di Vierzehnheligen (Bad Staffelstein, Alta Franconia).

Papa Paolo VI, con la riforma del calendario dei santi del 1969, soppresse il loro culto.

I santi ausiliatoriModifica

Secondo la tradizione l'identità dei santi ausiliatori non fu rivelata e quindi tutte le attribuzioni appartengono ad interpretazioni successive.[1]

Secondo la Chiesa cattolica, i santi ausiliatori sono:

Santo Immagine Data Invocato contro
Sant'Acacio (o Agazio)   8 maggio l'emicrania[2]
Santa Barbara   4 dicembre i fulmini, la febbre e la morte improvvisa
San Biagio   3 febbraio il male alla gola
Santa Caterina d'Alessandria   25 novembre le malattie della lingua
San Ciriaco di Roma   8 agosto le tentazioni e le ossessioni diaboliche
San Cristoforo   25 luglio la peste e gli uragani[3]
San Dionigi   9 ottobre i dolori alla testa
Sant'Egidio   1º settembre il panico e la pazzia
Sant'Erasmo   2 giugno i dolori addominali[4]
Sant'Eustachio   20 settembre i pericoli del fuoco
San Giorgio   23 aprile le infezioni della pelle
Santa Margherita di Antiochia   20 luglio i problemi del parto[5]
San Pantaleone   27 luglio le infermità di consunzione[6]
San Vito   15 giugno la corea, l'idrofobia, la letargia e l'epilessia[7]

NoteModifica

Altri progettiModifica

Controllo di autoritàCERL cnp00539522
  Portale Cristianesimo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Cristianesimo