Santuario di San Pancrazio (Pianezza)

Santuario di San Pancrazio
Santuario San Pancrazio.JPG
Santuario visto dal cortile interno
StatoItalia Italia
RegionePiemonte
LocalitàPianezza
Religionecattolica
TitolareSan Pancrazio
OrdineCongregazione della Passione di Gesù Cristo
Arcidiocesi Torino
Consacrazione1657
FondatoreCarlo Emanuele Giacinto Simiana
ArchitettoFrancesco Lanfranchi, Lorenzo Basso, Amedeo Bordoni
Stile architettoniconeogotico toscaneggiante
Inizio costruzione1647, 1937 e 1956
Sito webSito ufficiale www.santuariosanpancrazio.it

Il santuario di San Pancrazio è un santuario consacrato a San Pancrazio che si trova a Pianezza, in provincia di Torino.

StoriaModifica

La tradizione popolare narra che, il 12 maggio 1450, un contadino di nome Andrea Casella, mentre stava falciando il prato, inavvertitamente troncò di netto la gamba alla moglie, mentre questa stava giungendo sul posto per rifocillarlo. Durante quei minuti di disperazione, i due ebbero la mistica apparizione di un ragazzo, che li rassicurò sulla guarigione della gamba recisa, qualora avessero fatto voto al santo del giorno (Pancrazio), con relativa costruzione di un pilone votivo. Fatto il voto, l'arto della moglie si riattaccò miracolosamente. Tuttavia, forse per pigrizia, il pilone votivo non fu costruito, e il voto non fu mantenuto.
Esattamente dopo un anno, nello stesso giorno, alla stessa ora, la gamba della moglie si ristaccò di colpo. Disperato, Andrea Casella chiese aiuto al parroco, dunque, rifece il voto, e questa volta lo onorò. Come per miracolo, l'arto si riattaccò nuovamente e la moglie si salvò. Il contadino costruì immediatamente il pilone votivo e, successivamente, fu eretta anche una cappella, come meta di pellegrinaggio.
Crescente fu, infatti, la fama taumaturgica del luogo, in particolare il primo evento prodigioso degno di nota avvenne il 12 maggio 1562, con la guarigione di un indemoniato, tale Michele di Arvio.

Il primo santuario (XVII-XIX secolo)Modifica

Nel 1640, il marchese di Pianezza, Carlo Emanuele Giacinto di Simiana, fedele a Madama Cristina, a sua volta vicina all'Ordine degli agostiniani scalzi di san Carlo, volle donare a quest'ultimi un convento; con la promessa di mantenere almeno dodici monaci al suo interno, ottenne il permesso dall'allora arcivescovo Giulio Barbera, appena succeduto a Antonio Provana, il figlio del conte Giovanni Provana di Collegno.
La prima chiesa fu costruita nel periodo 1647-1657, con disegni barocchi probabilmente di Francesco Lanfranchi [1], mentre il resto del convento fu ultimato soltanto a metà del XVIII secolo. Nell'agosto 1657, il marchese riuscì anche ad ottenere dal cardinale vicario di Roma una reliquia del santo, più precisamente una parte dell'osso dell'avambraccio, che fu posta sotto l'altare principale.

Nel 1771, fu eseguito un imponente restauro dell'intera struttura conventuale; fu in questo periodo che gli agostiniani istituirono la Confraternita della Madonna della Cintura, culto molto caro all'ordine stesso. Ancor oggi, la ricorrenza viene celebrata il 9 settembre, il giorno successivo alla Natività di Maria.

La soppressione napoleonica degli ordini e la relativa confisca dei beni ecclesiastici, costrinsero l'abbandono degli Agostiniani dal convento nel 1801. La struttura fu affidata a dei privati, secondo la Legge Siccardi, tuttavia fu proprio in questo periodo che fu introdotta dai sacerdoti, provenienti da Torino, la tradizionale messa delle tre di notte di ogni 12 maggio, come ricorrenza del miracolo del 1450.

Nel 1886, l'arcidiocesi di Torino riottenne in toto il complesso religioso, che affidò alla Congregazione dei Passionisti, tuttora custodi. Questi riuscirono a far costruire anche un alto campanile, in prossimità della Cappella dell'Apparizione, che, tuttavia, fu abbattuto nel nuovo rifacimento del 1937.

Il santuario odiernoModifica

 
La facciata del santuario

Terminata la prima guerra mondiale, iniziò l'attuale rifacimento di tutto il complesso. Nel 1920-1924, fu chiamato l'architetto genovese Lorenzo Basso a dirigere i progetti dell'attuale porticato antistante, costituito da 44 arcate neogotiche[2]. Lo stesso architetto, nel 1937, ridisegnò l'intera cappella dell'Apparizione, che si trova nella parte nord-orientale del complesso, completamente rifatta con una cupola e una lanterna ottagonali, accessibile da un cancello finemente lavorato, sulla navata destra. Al suo interno, troviamo la saletta dedicata al Santo, dalla quale si accede a sua volta alla cripta sotterranea, attraverso due corridoi ricchi di numerosi ex-voto.

 
Panorama

Nel 1949 fu abbattuta l'intera chiesa nord-occidentale barocca, ormai fatiscente, per creare l'odierno edificio, sempre in stile neogotico, di tipo toscaneggiante, su progetto di Amedeo Bono. La facciata si presenta in pietra liscia lavorata, con rosone centrale a dodici petali, una statua del santo che troneggia in alto, e quattro statue teriomorfe simili a garguglie, che ricordano la Sacra quadriga degli evangelisti (uomo, aquila, leone, bue).
I lavori di questa parte iniziarono nel 1956, ma terminarono soltanto nel 1995 [3], con lo sbiancamento totale delle pareti.

NoteModifica

  1. ^ http://www.comune.pianezza.to.it/ComSchedaTem.asp?Id=4925
  2. ^ Copia archiviata, su santuariosanpancrazio.it. URL consultato il 5 gennaio 2016 (archiviato dall'url originale il 5 marzo 2016).
  3. ^ http://old.camperclublagranda.it/Luoghi-Speranza/santuario_san_pancrazio.htm[collegamento interrotto]

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica