Apri il menu principale
Sapore di miele
Dramma in due atti
Angela Lansbury Joan Plowright A Taste of Honey Broadway.jpg
Helen (Angela Lansbury) e Jo (Joan Plowright) nella produzione originale di Broadway (1961)
AutoreShelagh Delaney
Titolo originaleA Taste of Honey
Lingua originaleInglese
Generekitchen sink realism
AmbientazioneSalford, anni cinquanta
Composto nel1957-1958
Prima assoluta27 maggio 1958
Theatre Royal (Londra)
Riduzioni cinematograficheSapore di miele di Tony Richardson (1961)
 

Sapore di miele (A Taste of Honey) è un'opera teatrale della drammaturga inglese Shelagh Delaney, debuttata a Londra nel 1958.[1]

Indice

TramaModifica

Primo attoModifica

Helen e la sua figlia adolescente, Jo, si trasferiscono in uno squallido appartamento nella Salford degli anni cinquanta. Le due sono povere e l'unico introito proviene dai soldi che gli amanti di Helen danno alla donna per il piacere della sua compagnia. Jo e Helen hanno un rapporto conflittuale, segnato dal bisogno di indipendenza di entrambe. Jo mostra alla madre i suoi disegni, da cui si evince che la giovane ha un grande talento, anche se Helen non è particolarmente colpita né interessata al talento. Peter, un giovane amante di Helen, entra in casa delle donne: Jo sospetta che la madre abbia voluto cambiare casa per sfuggirgli, ma l'uomo - pur sorpreso dall'età di Helen, che non aveva capito essere così vecchia prima di averne visto la figlia - le chiede di diventare sua moglie. Qualche giorno dopo Jo ritorna a casa con il fidanzatino, un marinaio di colore che le chiede di sposarlo dopo i sei messi che passerà in marina. La ragazza accetta la proposta e l'anello, anche se se lo appende al collo e non lo mette al dito per nascondere il fidanzamento alla madre; Jo decide anche di interrompere gli studi per trovare un lavoro in vista delle nozze. Helen informa la figlia che sposerà Peter, che viene a visitare le due donne e conversa con loro. La relazione conflittuale tra le due donne finisce per coinvolgerlo velocemente e Jo si trova a litigare con la madre ed il fidanzato insieme, ma anche Helen, confusa da un alleato insospettato, finisce per attaccare sia la figlia che l'amante. Per impedire le nozze, Jo comincia a flirtare con Peter per far ingelosire la madre. Dopo che Peter e Helen partono per le vacanze di Natale lasciando sola Jo, il marinaio viene a consolare la ragazza affranta: la giovane lo invita a stare con lui a Natale, anche se ha il presentimento che il ragazzo non tornerà da lei dopo il semestre di servizio. Il giorno dopo Natale Helen sta per sposari e Jo rifiuna di venire, adducendo un raffreddore come scusa. Helen nota la collana con l'anello e scopre la verità: sgrida violentemente Jo e, in un raro momento materno, si preoccupa per la figlia. Jo chiede ad Helen notizie del vero padre: la madre confessa di aver tradito il marito con un uomo più giovane e dalla loro relazione nacque Jo. Finito il racconto, Helen va a sposarsi con Peter.

Secondo attoModifica

Alcuni mesi dopo Jo vive da sola in un appartamento altrettanto squallido, lavora come commessa di giorno e in un pub di notte per poter permettersi l'affitto. Jo è incinta ed il marinaio non è mai tornato da lei. Torna a casa accompagnata da Geof, un giovane studente d'arte omosessuale sfrattata dalla padrona di casa precedente, che sospettava che si intrattenesse con uomini. Jo fa domande scortesi sulla sessualità del giovane che, indispettito, critica i disegni della giovane. La ragazza si scusa e lo invita a trasferirsi da lei: Geof accetta e tra i due nasce un'amicizia. Geof le è molto d'aiuto anche con la gravidanza, consolando Jo quando è depressa o irascibile. Il ragazzo cerca anche di nascondere la propria omosessualità baciando Jo e chiedendole di sposarla, una proposta che la giovane declina. Helen, informata da Geof, viene in visita e la lite tra i tre personaggi è inevitabile. Helen offre alla figlia dei soldi e la prospettiva di tornare a casa da lei, ma in quel momento Peter entra nell'appartamento, ubriaco, e rifiuta alla figliastra sia i soldi che l'ospitalità. Umiliata, Helen torna a casa con il marito. Passano alcune settimane e Jo è prossima al parto. La ragazza è felice con Geof, anche se è preoccupata che il figlio possa essere ritardato, dato che Helen le aveva descritto il padre come non particolarmente sveglio. Geof le ha portato una bambola per allenarsi a cullare ed accudire il bambino, ma Jo rifiuta perché il bambolotto è del colore sbagliato dato che il padre è nero. Mentre i due prendono il tè, Helen entra in casa con una valigia: il matrimonio con Peter è finito e l'uomo l'ha buttata fuori di casa. Helen ha deciso di trasferirsi dalla figlia ed esaspera Geof fino a costringerlo a lasciare l'appartamento mentre la figlia dorme. Quando Jo si sveglia Helen finge che Geof sia solo fuori a fare la spesa, ma si infuria quando scopre che il padre del nascituro è nero. Helen decide allora di andare a bere in un pub, nonostante a Jo siano appena iniziate le doglie. Rimasta sola e in procinto di partorire, Jo canta una melodia che le ha inesgnato Geof - su cui conta per allevare il bambino - senza aver capito che il giovane non tornerà mai.

Personaggi e interpretiModifica

Personaggio Descrizione Londra, 1958 Broadway, 1960 Broadway, 1981 Londra, 2014
Helen Una donna indurita dagli anni e la fatica, con tendenze all'alcolismo e a scegliere uomini discutibili. Avis Bunnage Angela Lansbury Valerie French Lesley Sharp
Josephine Detta "Jo", figlia adolescente di Helen, con un talento per il disegno. Frances Cuka Joan Plowright Amanda Plummer Kate O'Flynn
Geofrey Studente d'arte omosessuale, coinquilino e amico di Jo. Murray Melvin Andrew Ray Keith Reddin Harry Hepple
Marinaio Personaggio senza nome, il giovane di colore che mette incinta Jo prima di partire con la marina inglese. Clinton Jones Billy Dee Williams Tom Wright Eric Kofi Abrefa
Peter Il nuovo marito di Helen, più giovane e alcolista. Nigel Davenport John Carroll Dean Lennox Kelly

NoteModifica

  1. ^ Arthur K. Oberg, "A Taste of Honey" and the Popular Play, in Wisconsin Studies in Contemporary Literature, vol. 7, nº 2, 1966, pp. 160-167.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Teatro: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di teatro