Sarcofago di Ottone e Giovanni Visconti

monumento sepolcrale situato nel duomo di Milano
Sarcofago nel duomo di Milano

Il sarcofago di Ottone e Giovanni Visconti è un monumento sepolcrale situato nel duomo di Milano, realizzato da un anonimo Maestro Campionese per ospitare le spoglie di Ottone Visconti e Giovanni Visconti, arcivescovi di Milano.

Storia e descrizioneModifica

Il monumento è tra i più antichi esempi scultorei gotici a Milano: risalente alla fine del XIII secolo, è conservato nella navata destra del duomo di Milano. Il monumento è realizzato in marmo rosso di Verona con la struttura del sarcofago a falde spioventi, chiaro riferimento ai monumenti funebri romani in porfido: il monumento, sorretto da due colonne aggiunte nel tardo Trecento, presenta la figura dell'arcivescovo distesa sulla falda anteriore, a cui vengono affiancati da due statue di Evangelisti e da Diaconi. Tale soluzione trova ampi precedenti nella statuaria francese dell'epoca, ma soprattutto nel Monumento funebre del cardinale De Braye di Arnolfo di Cambio presso la chiesa di San Domenico di Orvieto[1][2]. Il sarcofago fu il modello di ispirazione per l'Arca di Berardo Maggi, sempre di scuola campionese, conservato presso il duomo vecchio di Brescia[3].

NoteModifica

  1. ^ Rossi, p. 115.
  2. ^ Balzarini, p. 50.
  3. ^ Rossi, p. 116.

BibliografiaModifica

  • Maria Grazia Balzarini, Il Gotico, Milano, Nodo Libri, 2000, ISBN 88-7185-078-5.
  • Marco Rossi (a cura di), Lombardia gotica e tardogotica, Milano, Skira, 2005, ISBN 88-7624-451-4.

Voci correlateModifica