Apri il menu principale
Sarzano
frazione
Sarzano – Veduta
La chiesa parrocchiale di Santa Margherita.
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneCoat of Arms of Veneto.png Veneto
ProvinciaProvincia di Rovigo-Stemma.png Rovigo
ComuneRovigo-Stemma.png Rovigo
Territorio
Coordinate45°04′58″N 11°49′43″E / 45.082778°N 11.828611°E45.082778; 11.828611 (Sarzano)Coordinate: 45°04′58″N 11°49′43″E / 45.082778°N 11.828611°E45.082778; 11.828611 (Sarzano)
Superficie10,78 km²
Abitanti1 915[1] (2007)
Densità177,64 ab./km²
Altre informazioni
Cod. postale45100
Prefisso0425
Fuso orarioUTC+1
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Sarzano
Sarzano

Sarzano è una frazione del comune di Rovigo di circa 1800 abitanti.

StoriaModifica

Dal 25 febbraio 1867 al 1927 Sarzano ha fatto parte del comune di Buso-Sarzano. Fino al periodo fascista, la zona era quasi totalmente paludosa, poi bonificata grazie alle opere agrarie fasciste.

Oggi si presenta come una zona residenziale, con poche, ma conosciute, aziende, tra cui un Bed&Breakfast.

Geografia fisicaModifica

La frazione di estende per poco più di 10 km² e comprende due dei canali più conosciuti in zona: il Ceresolo e la Rezinella. Il territorio è perlopiù destinato a coltivazioni di vario tipo: mais, grano, soia, barbabietola da zucchero. La frazione confina a nord con la frazione di Mardimago, a sud con la frazione di Buso, ad est con il comune di San Martino di Venezze e ad ovest con il comune di Rovigo.

La chiesaModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Chiesa di Santa Margherita (Sarzano).

Il forte di SarzanoModifica

Nell'imminenza della terza guerra d'indipendenza italiana, gli austriaci dell'imperatore Francesco Giuseppe, che comandavano l'intero Polesine, in cui avevano eretto il Palazzo della Gran Guardia per rendere visibili i propri gendarmi biancovestiti a guardia dello spazio pubblico, dovevano proteggere il proprio territorio dall'attacco del neo costituito esercito italiano; così, il colonnello Daniel von Salis Soglio, comandante della guarnigione austriaca di Rovigo ordinò, in tutta fretta, la costruzione di quattro forti attorno alla città di Rovigo: a Borsea, a Roverdicrè, a Boara e a Sarzano.

Il forte di Sarzano fu costruito nel 1862. Era una massiccia costruzione a forma poligona di ventidue lati composta da trentadue cannoni posti su due livelli (ventidue al livello superiore, dieci in quello inferiore). La guarnigione che lo proteggeva era composta di 150 soldati.

Il 10 luglio 1866, nell'ambito del ritiro delle guarnigioni austriache dal territorio a seguito delle vicende legate alla terza guerra di indipendenza italiana, la fortificazione venne prima evacuata dalla maggior parte delle truppe, minata e successivamente fatta saltare. Le masserizie rimaste vennero raccolte e utilizzate dalla popolazione locale per ricavarne materiale da costruzione, contribuendo così alla scomparsa di ogni memoria della localizzazione dell'edificio.[2][3]

SportModifica

Sarzano ha avuto anche una società di calcio: la Sarzano G.S., fondata nel 1975.

Nei primi 2 anni di vita la società, che giocava sul campo comunale di Sarzano, si è limitata a militare in campionati giovanili ma dalla stagione 1977/78 fino allo scioglimento alla fine degli anni '90 ha militato in terza categoria.

Oggi il paese conosce il Gruppo Ciclistico A.S.D. Sarzano, volto al ciclismo amatoriale.

CuriositàModifica

  • La parrocchia denominata S. Margherita Vergine e Martire, facente parte della diocesi di Adria-Rovigo, è conosciuta anche per i creativi presepi costruiti a fianco della Chiesa nella piazza Santa Margherita;
  • Le vie del paese sono, per la maggior parte, ispirate alla Spedizione dei Mille di Giuseppe Garibaldi;
  • I pochissimi reperti preistorici scoperti a Rovigo sono stati rinvenuti proprio nel territorio di Sarzano, in particolare sono stati scoperti alcuni reperti di bronzo, tra cui due armi attribuite una alla seconda metà del XIII secolo a.C. (Età del Bronzo Recente) e l'altra agli inizi dell'VIII secolo a.C. (Età del ferro);
  • Si narra che Keith Haring, famoso pittore e writer, dopo aver dipinto il negozio Fiorucci a Milano, sia passato per Sarzano a prendere un caffè[4].

NoteModifica

  1. ^ Carla Cibola, Luca Chioetto, Pierluigi Venturini, Dario Bozzo, Rovigo ed i suoi numeri. Anno 2007 (PDF), Comune di Rovigo, 2007. URL consultato il 22 maggio 2014.
  2. ^ Informazioni tratte dalla pagina web: http://www.ventaglio90.it/articolo.php?id=986[collegamento interrotto]
  3. ^ Informazioni tratte dalla pagina web: http://www.fortificazioni.net/Rovigo/sarzano.htm
  4. ^ Informazione tratta dal sito web: http://www.pivari.com/rovigo/keith-haring-prese-un-caffe-a-sarzano-rovigo-24864/

Altri progettiModifica

  Portale Veneto: accedi alle voci di Wikipedia che parlano del Veneto