Apri il menu principale

Sbatti il mostro in prima pagina

film del 1972 diretto da Marco Bellocchio
Sbatti il mostro in prima pagina
SbattiIlMostroInPrimaPagina.JPG
Il titolo di testa
Paese di produzioneItalia, Francia
Anno1972
Durata83 min
Rapporto1,85:1
Generedrammatico
RegiaMarco Bellocchio
SoggettoSergio Donati
SceneggiaturaSergio Donati, Goffredo Fofi
ProduttoreUgo Tucci
Produttore esecutivoClaudio Mancini
Casa di produzioneJupiter Generale Cinematografica, UTI Produzioni Associate, Labrador Films
Distribuzione in italianoEuro Internationl Film
FotografiaLuigi Kuveiller, Erico Menczer
MontaggioRuggero Mastroianni
MusicheNicola Piovani
ScenografiaDante Ferretti
CostumiFranco Carretti
TruccoPierantonio Mecacci
Interpreti e personaggi
Doppiatori originali

Sbatti il mostro in prima pagina è un film del 1972 diretto da Marco Bellocchio ed interpretato da Gian Maria Volonté.

Il film mette in evidenza gli stretti legami fra stampa, politica e forze dell'ordine. Racconta come un importante giornale possa manipolare l'informazione pubblica e lo svolgersi delle stesse vicende, per cercare di indurre una precisa reazione nell'elettorato. Il progetto originale vedeva alla regia Sergio Donati, autore della storia e di parte della sceneggiatura, che dovette rinunciare per motivi di salute.

TramaModifica

 
La notizia in prima pagina

Milano, anni settanta. Nel clima teso della contrapposizione politica, nella redazione del quotidiano borghese e di destra Il Giornale, il redattore capo Bizanti, su invito della proprietà, segue gli sviluppi di un omicidio a sfondo sessuale di cui è rimasta vittima una studentessa, allo scopo di incastrare un militante della sinistra extraparlamentare e strumentalizzare politicamente la vicenda.

La campagna mediatica sortisce l'effetto sperato e il "mostro" viene condannato innanzitutto sulle prime pagine del giornale. La condanna, in primis morale, aiuta l'area reazionaria a screditare gli ambienti della sinistra nella fase elettorale. Alla fine, Bizanti viene informato dal giovane giornalista Roveda che il vero colpevole è un'altra persona, ossia il bidello della scuola frequentata dalla vittima.

Bizanti minaccia quindi l'assassino, inducendolo a non rivelare niente alle forze dell'ordine. In una discussione conclusiva con l'ingegner Montelli, un industriale sospettato di finanziare i gruppi squadristici di estrema destra, i due concordano di tenere segreta la vicenda fino a quando si conoscerà l'esito delle elezioni, per poi deciderne l'eventuale utilizzo.

ProduzioneModifica

Il film è stato girato nella primavera del 1972 a Milano. Per la sede del quotidiano fu utilizzata la sezione milanese de l'Unità.

CuriositàModifica

  • Il Giornale protagonista del film è un quotidiano fittizio che non ha nulla a che vedere con l'omonimo il Giornale, che verrà fondato da Indro Montanelli due anni dopo l'uscita di questa pellicola, nel 1974.
  • Il film si apre con alcune riprese reali di un comizio a Milano della Maggioranza silenziosa, un comitato anticomunista a cui aderivano esponenti democristiani, missini, liberali e monarchici. L'oratore è un giovane Ignazio La Russa.
  • La storia dell'omicidio della studentessa ricorda una vicenda che occupò realmente per mesi le prime pagine dei giornali dell'epoca. Si tratta del caso di Milena Sutter, studentessa modello appartenente ad una famiglia della buona società genovese, che fu uccisa in circostanze simili a quelle narrate dal film. Il colpevole arrestato per il delitto, Lorenzo Bozano, venne poi definito «il biondino dalla spider rossa».

CriticaModifica

«Questo film, che Bellocchio ha ereditato da un altro regista, fa pensare ad un affresco soltanto in piccola parte dipinto e per il resto appena abbozzato (...). Gian Maria Volonté, nella parte improbabile del direttore del giornale riesce tuttavia a creare un personaggio molto vivo, insieme corrotto e conscio della propria corruzione.»

(Alberto Moravia, L'Espresso, 12 novembre 1972)

«La manipolazione della notizia da parte della grande stampa d'informazione è stigmatizzata quale offesa grave alla verità e al diritto dei cittadini all'autenticità dell'informazione. Situando però i responsabili di tale ignominia in un preciso contesto socio-politico, il film mira anche a dimostrare che il malcostume giornalistico ha una sola paternità. Un pronunciamento del genere, proprio in forza della sua erezione a principio di condanna, si infrange equivocamente contro il tema base avverso alla manipolazione delle notizie, poiché diviene a sua volta una comunicazione al pubblico di realtà etiche sì obiettive, ma distorte per intenti di parte.»

(Segnalazioni cinematografiche, vol. 75, 1973)

«Cupo melodramma social-politico del fantasioso Marco Bellocchio che costruisce un'assurda, ma senza dubbio avvincente, storiaccia tra cronaca nera e poliziesco. I padroni, ecco i veri mostri, è la rabbiosa morale. Un'avvertenza, il film è del 1972, 'il Giornale', quello vero, è nato nel '74. Stavolta la sarcastica dicitura finale (ogni riferimento è puramente causale) non mente.»

(Massimo Bertarelli, il Giornale, 24 febbraio 2003)

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica