Pallavolo

sport di squadra
(Reindirizzamento da Schiacciata (pallavolo))
Nota disambigua.svg Disambiguazione – "Volleyball" rimanda qui. Se stai cercando l'omonimo videogioco Nintendo, vedi Volleyball (videogioco).
Pallavolo
Europei di pallavolo 2005 - Italia-Russia.jpg
Europei 2005: Italia-Russia
FederazioneFIVB
Inventato1895
Componenti di una squadra6
Contattono
Generemaschile, femminile
Indoor/outdoorindoor e outdoor
Campo di gioco9mx18m - altezza rete: 2,43m (maschile) 2,24m (femminile)
Olimpicodal 1964
Campione mondialemaschile
Polonia Polonia
femminile
Serbia Serbia
Campione olimpicomaschile
Francia Francia
femminile
Stati Uniti Stati Uniti

La pallavolo (chiamata anche volley, abbreviazione dall'inglese volleyball) è uno sport di squadra, che si svolge tra due squadre con in campo sei giocatori, ed altri sei in panchina per ognuna delle squadre. Lo scopo del gioco è realizzare punti, facendo in modo che la palla tocchi terra nel campo avversario (fase di attacco), e impedire che la squadra avversaria possa fare altrettanto (fase di difesa).

Per le regole in dettaglio si può consultare "Regole di gioco 2017-2020"[1] e le modifiche relative alla stagione 2019/20[2], entrambi testi ufficiali della federazione italiana di pallavolo. La pallavolo è presente nel programma dei Giochi olimpici estivi dal 1964[3] ed è uno degli sport più praticati.

Le più importanti manifestazioni internazionali per squadre nazionali sono il Campionato mondiale di pallavolo[4] maschile e femminile, entrambi con cadenza quadriennale; il Volleyball Nations Leaguemaschile e femminile entrambi con cadenza annuale; in Europa, il Campionato europeo di pallavolo maschile e femminile, entrambi con cadenza biennale. Tra le manifestazioni internazionali per club, il Campionato mondiale per club FIVB[5] maschile e femminile; in Europa CEV Champions League[6] maschile e femminile, tutti e quattro annuali.

GeneralitàModifica

Si gioca su un campo di forma rettangolare di 18 × 9 m, diviso in due metà campo quadrate di 9 × 9 m, ognuna delle quali assegnata a una delle due squadre. Al centro, per tutta la larghezza, è presente una rete, alta 2,43 m nella pallavolo maschile e 2,24 m nella femminile. Ogni squadra è composta di un massimo di 12 giocatori, di cui 6 titolari; uno o due ulteriori giocatori (ma solo uno presente sul terreno di gioco) possono essere designati come libero, che ha la facoltà di rimpiazzare temporaneamente un difensore senza limitazioni sul numero di sostituzioni. In Italia e per alcune competizioni internazionali è consentito iscrivere a referto fino a 14 atleti, comprensivi di due libero[2]. Ogni squadra ha a disposizione un massimo di tre tocchi per inviare la palla nel campo opposto. I giocatori non possono bloccare, lanciare o trattenere la palla, che può essere giocata solo con tocchi netti con qualunque parte del corpo. Non è possibile fare doppio tocco: sarebbe fallo con conseguente punto alla squadra avversaria.

La partita si divide in set: una squadra si aggiudica la vittoria di un set al raggiungimento del venticinquesimo punto, purché ne abbia almeno due di vantaggio; in caso contrario, il set prosegue finché una delle due squadre non ottenga i due punti di vantaggio necessari (26-24, 27-25, 28-26, ecc.). La squadra, che per prima si aggiudica tre set, pone termine alla partita e si aggiudica la vittoria. L'eventuale quinto set (denominato in gergo tie break ufficialmente set decisivo) termina al raggiungimento del 15º punto, sempre con il vantaggio di almeno due punti sulla squadra avversaria[1].

I ruoli in squadra sono 5: opposto, centrale, schiacciatore, palleggiatore e libero. Tutti i giocatori dovrebbero avere preferibilmente una statura elevata (non il libero), elemento fondamentale per le posizioni di attacco (come ad esempio lo schiacciatore); una buona struttura muscolare, che deve essere forte ma leggera, per garantire al giocatore di spostarsi velocemente ed essere sempre efficace in campo. Infine, ogni pallavolista deve avere una buona prontezza di riflessi e un ottimo affiatamento con i compagni di squadra.

Oltre alla pallavolo propriamente detta, ci sono differenti versioni adottabili in specifiche circostanze, che possono avere regole simili, ma non identiche, come il beach volley (pallavolo da spiaggia).

La storiaModifica

La storia[7] della Pallavolo è recente, ma già nell'antichità esistevano giochi con la palla, che possono essere considerati predecessori della pallavolo. In antichi giochi greci e romani, ad esempio, venivano eseguiti esercizi con la palla a scopo di divertimento e svago, come il follis. In Germania fu introdotto nel 1893 un gioco chiamato Faustball, ma il merito dell'invenzione della pallavolo in forma moderna, nata ufficialmente nel 1895, va riconosciuto a William Morgan, istruttore di educazione fisica presso un college dell'YMCA di Holyoke, nel Massachusetts (Stati Uniti).

Il 9 febbraio 1895 Morgan radunò alcuni insegnanti nel college di Springfield per la dimostrazione di un nuovo sport, da lui chiamato Mintonette. Con l'aiuto di due squadre composte da 5 membri avvenne il battesimo di un nuovo gioco sportivo con caratteristiche profondamente diverse dagli altri sport di moda in quel tempo.

Una caratteristica particolare era quella di non prevedere il contatto fisico tra i partecipanti, per cui la destrezza, la prontezza dei riflessi, la capacità di concentrazione e l'agilità prendevano il posto della forza, qualità fino ad allora primaria nelle attività sportive. Fu però Alfred F. Halstead, il 10 marzo del 1896, a cambiare il nome di Mintonette, un po' troppo femminile, in volleyball (letteralmente palla al volo). Egli riuscì a imporre questo sport nei college YMCA dislocati in tutti gli Stati Uniti.[8]

Due anni dopo, la pallavolo si praticava anche nella maggior parte dell'America Meridionale (Brasile, Argentina, Uruguay). Nel 1898 la pallavolo giunse a Manila, nelle Filippine, grazie a un insegnante di educazione fisica americano; proprio ai filippini viene attribuita l'invenzione della "schiacciata". In Cina e in Giappone ottenne un successo strabiliante. In Europa arrivò durante la prima guerra mondiale, importata dalle truppe americane. Anche in Italia la pallavolo arrivò con l'esercito americano. A Porto Corsini, vicino a Ravenna, i soldati statunitensi della locale base idrovolanti praticavano regolarmente tale sport.[9]

Per un lungo periodo è stata giocata in due modi differenti, all'occidentale e all'orientale, con la cosiddetta "regola dei tre tocchi" ovvero l'obbligo di toccare tre volte la palla prima di mandarla dall'altra parte della rete. Nel 1938 venne introdotta una fondamentale tecnica che rivoluzionò il modo di giocare, il muro. Furono soprattutto i paesi dell'Europa orientale che lo utilizzarono con sistematicità. Nel 1947 i rappresentanti di 15 federazioni si ritrovarono a Parigi e crearono la Fédération Internationale de Volleyball (FIVB). Ancora oggi la pallavolo ha grande seguito, soprattutto nei paesi dell'estremo Oriente (Giappone, Cina, Corea del Sud), nei paesi dell'Europa orientale e dell'Europa meridionale, e in Brasile. Questi paesi possono anche vantare i migliori risultati internazionali sia a livello di club sia a livello di squadre nazionali. Paesi come il Brasile, l'Italia, gli Stati Uniti d'America, la Russia, la Serbia e Cuba, hanno le proprie nazionali ai primi posti del ranking sia maschile sia femminile; altri paesi possono vantare solo una squadra nazionale (maschile o femminile), ai vertici del ranking (Giappone e Cina nel femminile, Argentina nel maschile). Molti altri paesi restano comunque ai margini e, tranne rari casi, sono sempre gli stessi paesi a contendersi gli allori dei tornei più importanti.

La Federazione Italiana di Pallavolo nel 2013 ha registrato 449 776 praticanti.[10] In Italia la pratica della pallavolo è diffusa sia in ambito femminile che maschile, sia tra la popolazione autoctona sia tra i nuovi italiani. Per sottolineare il contributo di questi ultimi, si citano tra le stelle della nazionali femminile e maschile: le afroitaliane Paola Egonu, Miriam Sylla, Sylvia Nwakalor, l'italo-bulgara Ofelia Malinov e l'italo-russo Ivan Zaytsev, nati in Italia; l'italo-lituana Indre Sorokaite, l'italo-tedesca Sarah Fahr e l'italo-cubano Osmany Juantorena, naturalizzati.

La struttura del campo da pallavoloModifica

Terreno di giocoModifica

 
Geometria di un campo di gioco di pallavolo (visto dall'alto)

Organizzazione del campo:[1][2]

Il terreno di gioco della pallavolo è rettangolare, fatto in un materiale sintetico e legno e le sue misure sono 18 metri per 9 metri.

Il campo deve avere uno spazio libero soprastante, spazio aereo senza nessun ostacolo, di 9 metri dal suolo nella serie A1 maschile e di 8 metri dal suolo nella serie A1 femminile.[2]

Il terreno di gioco è suddiviso in:

  1. Linea centrale: che suddivide il campo in due zone di forma quadrata dalle dimensioni di 9 metri per 9 metri.
  2. La linea di attacco: distante 3 metri da quella centrale divide ogni metà del campo in una zona di difesa e una zona di attacco. Le linee laterali, di fondo campo, di attacco e centrale sono larghe 5 centimetri e le linee perimetrali fanno parte del campo a tutti gli effetti.
  3. Zona libera: Una fascia larga 3 metri lateralmente e 5 metri a fondo campo, che circonda tutto il terreno di gioco, ma i giocatori possono inseguire e colpire la palla ovunque con esclusione della metà campo avversaria.[2]
  4. Zona di sostituzione: è delimitata dalla linea laterale e dal prolungamento ideale delle due linee di attacco.
  5. Zona di servizio: è delimitata dalla linea di fine campo o fondo campo e dal prolungamento ideale delle due linee laterali.

La reteModifica

 
Rete di pallavolo

La rete[2] è posta sopra la linea centrale a un'altezza del suo bordo superiore di 2,43 metri per le gare maschili e 2,24 metri per le gare femminili. La misurazione deve essere effettuata nella parte centrale e in corrispondenza delle due linee laterali. L'altezza deve risultare esatta nel punto centrale, mentre è ammissibile una tolleranza di 2 cm ai lati, purché l'altezza resti simmetrica. Nei campionati giovanili, l'altezza della rete varia a seconda della categoria e del comitato d'appartenenza.

La rete è fissata a pali rotondi e lisci alti 2 metri e 55 centimetri ed è lunga 9 metri e 50 centimetri e alta un metro. Due bande bianche verticali, larghe 5 centimetri e alte 1 metro, sono fissate alla rete esattamente al di sopra delle linee laterali. Al bordo esterno di ogni banda è fissata una bacchetta di materiale flessibile, denominata "antenna", che si estende 80 cm al di sopra della rete. Le antenne sono dipinte a bande alternate e delimitano lateralmente lo spazio di passaggio, ossia il piano attraverso il quale la palla deve andare da una porzione del campo all'altra senza toccare le antenne.

Il palloneModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Pallone da pallavolo.

Secondo il regolamento della FIVB, la palla deve essere di cuoio vero o sintetico e deve avere una forma sferica, una circonferenza di 65–67 cm, un peso di 260-280 grammi, la sua pressione interna deve essere di 0,300~0,325 kg/cm² (4,26~4,61 psi – 294,30~318,82 mbar o hPa). Il suo colore può essere uniforme e chiaro o una combinazione di colori. Il materiale sintetico e la combinazione dei colori per i palloni utilizzati nelle competizioni internazionali ufficiali sono stabiliti dalla FIVB.

Le singole federazioni nazionali richiedono tipicamente che le proprie gare vengano disputate con palloni ufficiali, di determinati modelli e marche. La lista dei modelli approvati è stabilita annualmente dalle normative federali e varia a seconda della serie e della categoria. Ad esempio in Italia le gare delle leghe maggiori maschili e femminili devono essere disputate esclusivamente con palloni Mikasa o Molten di determinati modelli.[11]

Posizioni e ruoli dei giocatoriModifica

Nei regolamenti ufficiali i giocatori per ruolo e posizione vengono indicati solamente come giocatori di attacco e di difesa e il solo libero viene identificato come ruolo per le sue specifiche limitazioni.

Posizioni dei giocatoriModifica

La posizione dei giocatori all'inizio di ogni set determina l'ordine di rotazione, che deve essere mantenuto per tutta la durata del set. Le posizioni (o posti) sono numerate da 1 a 6 partendo dal difensore destro in senso antiorario; in questo modo si avranno 3 giocatori in prima linea (attaccanti ufficiali, posti 2, 3 e 4) e 3 giocatori in seconda linea (difensori ufficiali, posti 1, 6 e 5).[1]

I giocatori di entrambe le squadre devono trovarsi all'interno del campo e nel proprio posto al momento del colpo di servizio, per non incorrere nel fallo di posizione, che comporta la perdita dell'azione e l'assegnazione di un punto alla squadra avversaria. Il giocatore a servizio è esonerato dall'ordine di rotazione. Dopo il servizio i giocatori sono liberi di muoversi.

Non esistono aree assegnate a ogni posto: ciò che conta sono le posizioni relative dei giocatori. Il difensore destro (posto 1) deve quindi trovarsi più indietro dell'avanti destro (posto 2) e più a destra del difensore centrale (posto 6); l'avanti centrale (posto 3) deve stare più a sinistra dell'avanti destro (posto 2), più a destra dell'avanti sinistro (posto 4) e più vicino alla rete del difensore centrale (posto 6). Il fatto che la posizione di ogni giocatore sia definita solo dai suoi vicini di posto rende molto più libera la scelta nella disposizione dei giocatori di quanto possa sembrare plausibile.

 
Rotazione in senso orario dei giocatori. I numeri indicano le posizioni dei giocatori (ad esempio per "posto 4" si intende la posizione dell'attaccante a sinistra). Per cui durante la rotazione ad esempio il giocatore nel posto 4 passa al posto 3.

Quando la squadra, che non ha servito, conquista il punto (e quindi anche il servizio), deve ruotare in senso orario: il giocatore in posto 2 diventa quindi il nuovo difensore destro, andando a servire; il precedente difensore destro (posto 1) diventa il nuovo difensore centrale (posto 6) e analogamente tutti gli altri.

Gli schemi di gioco sono elaborati in maniera da rispettare l'ordine di rotazione e al contempo avere una disposizione efficiente, che permetta di non lasciare zone scoperte all'attacco avversario e costruire agevolmente la propria azione di attacco.

Ruoli dei giocatoriModifica

I ruoli dei giocatori in campo sono cinque: palleggiatore, centrale, schiacciatore, libero e opposto.

  1. palleggiatore o alzatore: nella pallavolo è il ruolo decisivo per la buona riuscita degli schemi della squadra. Richiede intelligenza e visione di gioco e per questo è uno dei più difficili. Infatti è il regista, che riceve i palloni dai difensori e che ha poi il compito di smistarli all'attaccante meglio piazzato per la schiacciata, scegliendo l'alzata, definendo di volta in volta l’attacco e determinando l'andamento del gioco. Questo è un ruolo da leader: l’alzatore, non a caso, spesso studia con il tecnico le migliori strategie di gioco. Dati i compiti, durante la battuta avversaria si porta in posto tre e non riceve, se non per salvare su tocco del nastro. Quando occupa un posto sotto rete, deve contribuire al muro, di cui costituisce inevitabilmente l'anello debole per motivi di altezza. In campo ne viene schierato solo uno.
  2. Il centrale, spesso detto anche semplicemente "centro", è un ruolo di grande potenza, in quanto deve schiacciare palle molto veloci, alzate dal regista vicino a sé in posto 3, e che mettono in difficoltà la difesa avversaria. È anche un ruolo di difesa: è proprio il centrale, infatti, che va a muro più spesso degli altri sia a posto due che quattro sugli esterni, a posto tre sul centrale avversario e deve difendere sull'attacco diretto del regista avversario (attacco di seconda). Deve dunque essere anche veloce negli spostamenti, oltre che nell’interpretare l’azione, per riuscire a fare sempre la mossa giusta al momento giusto. In campo ne possono essere presenti sia due che uno, perché, quando passa in seconda linea, nella maggior parte dei casi, viene sostituito col libero (dopo la battuta), in quanto sovente non è molto abile in ricezione e in difesa.
  3. schiacciatore: o martello, schiacciatore-ricevitore o banda, è il giocatore più duttile. Per poter ricoprire il ruolo occorre una padronanza tecnica completa, in quanto è richiesta sia la capacità di ricevere, anche in prima linea, che quella di attaccare. In campo ne possono essere presenti sia due che uno, perché, quando passa in seconda linea, in alcuni casi, viene sostituito da un laterale specializzato nella ricezione eventualmente anche prima della battuta, se chi lo sostituisce è molto bravo in questo fondamentale. Solitamente non sono persone particolarmente alte o basse perché devono essere veloci in ricezione ed efficaci a rete. Attaccano al centro del campo tramite la pipe quando sono in seconda linea; se sono in prima linea, attaccano ai lati più spesso in posto quattro, perché in genere l'opposto attacca in posto due. Il martello in prima linea è spesso il bersaglio preferito della battuta avversaria sia per tenerlo fuori posizione e rendere difficoltoso al regista servirlo e, quindi, il muro può concentrarsi sull'opposto, che per far giungere la palla al palleggiatore da sinistra con l'opposto alle spalle.
  4. libero: Le uniche posizioni occupate dal libero sono di difesa, in quanto è un ruolo specializzato nel recupero di palloni vaganti e nella ricezione della battuta e della schiacciata, per cui si cerca in genere di non battere su di lui; ma deve essere anche in grado di sostituire nel corso dell'azione il regista. Non segue le normali regole relative alle sostituzioni, ma può rimpiazzare illimitatamente qualunque giocatore che si trovi in seconda linea. Di solito sostituisce il centrale dopo la battuta, seguita da cambio palla, per poi rientrare in panchina non appena il compagno deve andare in posto quattro (battuta a proprio favore) e al cambio palla successivo sostituire l'altro centrale. Da regolamento[1] il libero non può andare in battuta, non può andare a muro, non può concludere un’azione d’attacco colpendo la palla sopra la linea della rete e non passa in prima linea. Deve indossare una maglia di colore diverso rispetto agli altri giocatori. Il libero è di solito il giocatore di statura più bassa, caratteristica che gli consente di essere più agile e veloce nella ricezione. In campo per regolamento può esserne presente solo uno. Per convenzione il termine libero è scritto in italiano, forse per analogia con il calcio, con l'iniziale maiuscola ed è invariante rispetto al numero e al genere.
  5. L'opposto
     
    L'opposto Andrea Sartoretti, miglior realizzatore della XXIX Olimpiade, contro Slobodan Boškan
    è il ruolo che nelle posizioni della pallavolo si trova, appunto, diametralmente opposto al palleggiatore e, quindi, per definizione in campo può esserne presente solo uno. Chi ricopre questo ruolo deve essere rapido e versatile, perché deve essere in grado di difendere a muro e di attaccare, schiacciando sia da sotto rete ma anche dalla seconda linea, quando l’alzatore cambia gioco. Deve essere anche in grado di liberare molta potenza sia nella schiacciata che nella battuta. Nel gioco moderno è l'attaccante principale e, quindi, spesso non riceve, anche se è a discrezione dell'allenatore, ma solo se è un martello adattato. Questo è uno dei ruoli della pallavolo in cui è preferibile essere mancini, affinché si possa attaccare facilmente in tutti i punti del campo avversario dalla zona due, la più usuale per l'opposto. Si veda la foto con l'attacco mani-fuori. Essendo l'attaccante principale, non viene mai sostituito per motivi tattici, ma solo per farlo riposare. L'eventuale sostituzione, in situazioni particolari, può avvenire in contemporanea con quella del regista; allora si definisce sostituzione della diagonale e può avvenire ruolo con ruolo o palleggiatore per opposto e opposto per palleggiatore, per avere subito l'opposto in prima linea.

Una tipica disposizione dei giocatori, indipendentemente dal numero di maglia e solo per indicare la alternanza dei ruoli, può essere:

  1. posto uno palleggiatore;
  2. posto due martello;
  3. posto tre centrale;
  4. posto quattro opposto;
  5. posto cinque schiacciatore (eventualmente sostituito da esterno difensivo);
  6. posto sei libero (sostituto di centrale).

In alternativa, può essere:

  1.  
    Il regista alza un primo tempo per la schiacciata del centrale in posto 3
    posto uno palleggiatore;
  2. posto due centrale;
  3. posto tre schiacciatore;
  4. posto quattro opposto
  5. posto cinque libero (sostituto di centrale);
  6. posto sei martello (eventualmente sostituito da esterno difensivo).

Nel sistema con 14 giocatori, si iscrivono a referto in genere due opposti (uno titolare e uno riserva), due palleggiatori (uno titolare e uno riserva), due libero (uno titolare e uno riserva), quattro centrali (tre quasi equivalenti e uno riserva), quattro martelli (tre quasi equivalenti e uno riserva). Nel sistema con 13 giocatori a 2 libero, un centrale o uno schiacciatore deve essere in grado di ricoprire entrambi i ruoli. Nel sistema con 13 giocatori a 1 libero, si rinuncia a un libero.

FondamentaliModifica

Per "fondamentale" si intende un'azione specifica e basilare che un giocatore di pallavolo deve saper compiere. Nella pallavolo sono cinque.

Ogni fondamentale, alcuni maggiormente altri meno, è diviso in varianti, che ne differenziano l'esecuzione.

Per distinguere i vari modi di respingere la palla nella terminologia odierna del campo di gioco, viene definito palleggio il passaggio effettuato con le mani e bagher quello eseguito con le braccia. Quando il passaggio viene indirizzato allo schiacciatore, viene chiamato alzata o palleggio di costruzione.

PalleggioModifica

 
Palleggio

Poiché è usato quasi sempre in ogni azione, uno dei fondamentali più importanti nella pallavolo è il palleggio o passaggio, termini usati un tempo come sinonimi, in quanto, non essendoci la possibilità di toccare due volte consecutive la palla, o la si passava in palleggio a un compagno o si attaccava. Dal 1895 al 1950 circa si è sempre chiamato palleggio il passaggio con le mani, poiché la palla veniva trattata solo con esse. Quando nel 1950 sono apparse le prime respinte a braccia unite, per esse si è parlato di "salvataggio", non potendosi classificare bene il colpo. Per distinguere i vari modi di respingere la palla nella terminologia odierna, viene definito palleggio il passaggio effettuato con le mani e bagher quello eseguito con le braccia.

Quando il passaggio viene indirizzato allo schiacciatore, viene chiamato alzata. A seconda che la palla venga inviata davanti, dietro o lateralmente al corpo abbiamo rispettivamente il palleggio avanti, il palleggio dietro e il palleggio laterale.

In generale, il palleggio è uno dei fondamentali più importanti in quanto si impostano con esso quasi tutte le azioni d'attacco e di contrattacco. Infatti, con la difesa perfetta, l'azione si compone di:

  1. Ricezione in bagher dell'attacco avversario con passaggio al palleggiatore.
  2. Alzata in palleggio del palleggiatore per uno degli schiacciatori.
  3. Schiacciata.

A livello tecnico, il palleggio si effettua portando le mani sopra la testa, in modo tale che i pollici e gli indici (che, assieme alle spalle, controllano la direzione del colpo) formino una figura simile a un cuore rovesciato. Contemporaneamente il resto della mano avvolge la palla e gli arti inferiori, distendendosi dopo la flessione, danno, al rilascio del pallone, la forza desiderata. Se si vuole rendere il gioco più veloce abbassando la traiettoria del palleggio, è necessario ruotare i polsi dall'interno verso l'esterno: maggiore è la rotazione e la velocità di tale azione, minore sarà l'altezza raggiunta dalla palla.

BagherModifica

 
Bagher

La tecnica del bagher consiste nel respingere il pallone con la parte interna delle braccia unite. Quando il bagher è indirizzato all'alzatore si chiama appoggio. Sono stati i Cecoslovacchi a usare per primi la tecnica delle braccia unite, per respingere i palloni, che arrivavano a grande velocità. Le braccia venivano messe sotto la palla, come una scavatrice, dalla quale poi la tecnica ha preso il nome di bagher. Nel giro di vent'anni il bagher è diventato il più importante tocco dei tre, che si hanno a disposizione. Quindi ora non si può più parlare di tecnica di salvataggio, bensì di passaggio.

L'uso del bagher è legato alla ricezione della battuta, alla difesa e in qualsiasi altro tocco dove la palla è troppo bassa per essere palleggiata o schiacciata. Il fondamentale del bagher prevede una posizione di gambe piegate per la successiva spinta con la gamba sinistra davanti se ci si trova a sinistra; al contrario, se ci si trova a destra, sarà la gamba destra a essere portata davanti. La schiena a gobba, con le spalle chiuse e con le braccia unite senza piegarle per la spinta, dà velocità e forza al pallone.

Servizio o battutaModifica

 
Servizio in salto float

Per servizio (comunemente detto battuta) si intende il colpo che mette in gioco la palla. Il servizio[1] deve essere effettuato entro 8 secondi dal fischio di autorizzazione del primo arbitro, colpendo con una mano o con il braccio la palla, che è stata lasciata o lanciata in aria; non è ammesso colpire la palla con due mani o servire in palleggio.

Deve servire il difensore destro (cioè quello in posto uno). Se il servizio viene effettuato dal giocatore sbagliato, l'ordine corretto va ripristinato e la squadra avversaria guadagna un punto e il diritto a servire. Al momento del servizio o dello stacco (in caso di servizio al salto) il giocatore a servizio non deve toccare il campo di gioco, bensì deve trovarsi completamente nella zona di servizio, che è la porzione di zona libera dietro il proprio campo, delimitata lateralmente dai prolungamenti immaginari delle linee laterali. Il giocatore a servizio non può commettere fallo di posizione e può quindi servire da qualunque punto della zona di servizio, indipendentemente dalla posizione dei suoi compagni di squadra.

Il diritto al primo servizio del primo e del quinto set viene assegnato mediante sorteggio; negli altri set, il diritto al primo servizio è della squadra che non lo aveva nel set precedente. Una squadra ottiene il diritto a servire ogni volta che ottiene un punto.

Il punto può essere conquistato già con il servizio, che, in questo caso, prende il nome di ace, in inglese Asso nel senso di campione, dal grido di incitamento e sottolineatura del pubblico. Le battute possono essere fatte dal basso o dall'alto e quelle dall'alto possono essere: dall'alto con i piedi a terra rimanendo fuori dal campo, in salto, in salto float o in salto spin.

MuroModifica

 
Muro a tre

Si chiama muro[1] l'azione dei giocatori nei pressi della rete finalizzata a respingere l'attacco avversario, in genere una "schiacciata", superando il bordo superiore della rete almeno in parte. In deroga alla regola generale secondo cui ogni squadra deve giocare solo nel suo spazio di gioco, i giocatori a muro possono toccare il pallone nel campo avversario oltre il piano verticale della rete (muro invadente), purché la squadra avversaria abbia già effettuato tre tocchi o abbia effettuato il colpo d'attacco, cioè senza interferire con il gioco avversario. In un muro ben eseguito le mani dei giocatori dovrebbero essere rivolte verso l'interno del campo, per dirigervi il pallone e non respingerlo verso l'esterno e mani e braccia dovrebbero essere angolate verso il basso, per mandare il pallone a terra. Un muro invadente siffatto si trasforma da colpo difensivo in colpo d'attacco e in gergo viene chiamato "monster block".

Non è ammesso murare il servizio avversario.

Il muro può essere eseguito da uno o più giocatori (muro collettivo). Può essere effettuato:

  • da tre giocatori (muro a tre) l'opposto, un centrale e un martello; il palleggiatore, un centrale e un martello e, poiché richiede un gran dispendio di energie, si effettua soltanto su un giocatore, la cui schiacciata è molto difficile da contenere in difesa;
  • da due giocatori (muro a due) l'opposto e un centrale, il palleggiatore e un centrale o un martello, un martello e un centrale; è il tipo di muro più usuale;
  • da un solo giocatore (muro a uno), se la difesa sbaglia parzialmente. Si parla in gergo di muro a zero, se la difesa sbaglia totalmente e nessun giocatore si presenta a muro.

Solo i giocatori avanti (ossia in attacco) possono partecipare a un muro effettivo, cioè a un muro che tocca la palla. I difensori possono partecipare a un tentativo di muro, ma commettono fallo se uno dei giocatori a muro tocca la palla, rendendo effettivo il muro. Al libero è vietato anche il tentativo di muro.

I tocchi dei giocatori a muro non sono conteggiati come tocchi di squadra: di conseguenza, indipendentemente dal numero di giocatori a muro che toccano la palla, la squadra ha a disposizione i normali tre tocchi per rinviare la palla. Analogamente, il giocatore a muro che per ultimo ha toccato la palla può effettuare regolarmente anche il primo tocco di squadra senza incorrere nel fallo di doppio tocco.

Una tattica molto utilizzata dagli attaccanti in risposta a un muro è quella comunemente definita "mani-fuori" o "tocco-fuori": l'attaccante indirizza il pallone sulle mani del muro avversario in modo tale che venga toccata dal muro e prosegua la sua corsa, cadendo a terra senza poter essere controllata dalla difesa; si è diffuso erroneamente l'uso della dizione "mani-fuori" anche per la ribattuta del muro, che finisce fuori campo.

Tipologie di colpiModifica

PallonettoModifica

Si intende un palleggio effettuato a una mano, che sorprende l'avversario, passando sopra o lateralmente al muro. Rispetto ai colpi forti d'attacco, rappresenta una delle varianti, con cui si cerca di sorprendere la difesa piazzata, per ricevere un pallone potente; mentre costituisce la principale arma d'attacco nel mini-volley.

SmorzataModifica

È il colpo che smorza il rimbalzo della palla provocando un volo cortissimo e una veloce ricaduta al suolo. La parabola risultante è simile a quella del pallonetto, solo che il tocco viene dato pieno. Fa parte dei colpi per sorprendere.

Attacco piazzatoModifica

La palla viene spinta con una o due mani con una traiettoria, che può essere tesa o a pallonetto, verso un punto del campo avversario lasciato particolarmente sguarnito dalla difesa. Si basa sull'errore di posizionamento, non sulla sorpresa o la forza.

SchiacciataModifica

 
Schiacciata: fase di caricamento del colpo

La schiacciata è il colpo che dovrebbe finalizzare ogni azione. Quello per potere effettuare il quale si fa tutto. Il colpo si dà alla palla con una sola mano dall'alto, cercando di colpire il più forte possibile, affinché gli avversari non riescano a recuperare la palla o non riescano a controllarla, mandandola fuori. Se la palla è lontana da rete o è troppo bassa, lo schiacciatore, invece di tentare di metterla a terra, può mirare a una porzione minima delle mani del muro, in modo che la palla non venga fermata; ma prosegua finendo fuori campo (il cosiddetto "mani e fuori"). Tale strategia viene contrastata, fintando di andare a muro, cosa che richiede una perfetta valutazione della posizione della palla e grande affiatamento tra i componenti del muro.

 
Schiacciata: momento del colpo con muro a due in ritardo

Per effettuare la schiacciata è importante possedere una buona elevazione. Solitamente la effettuano i giocatori più alti, che stanno a rete. Può essere effettuata anche dalla seconda linea, ma in tal caso richiede maggiore elevazione, perché bisogna colpire la palla più in alto, e maggiore coordinazione nel salto, che deve essere effettuato il più vicino possibile alla zona di attacco, evitando di calpestare la linea. Per poter eseguire la schiacciata bisogna fare tre passi, a volte quattro, fondamentali per prendere una buona rincorsa e per poter saltare il più possibile. Nella schiacciata perfetta il giocatore grande campione inizia il movimento per colpire la palla totalmente inarcato all'indietro e termina quasi con mani e piedi in posizione parallela al terreno e che si toccano davanti a lui. Nella foto superiore si vede che la giocatrice è lontana dalla rete e il suo braccio è flesso, per colpire una palla bassa. Quindi o la palleggiatrice è stata così brava da metterla in condizioni di muro a zero o al massimo a uno (vedi sopra) o non ha alcuna possibilità di superare il muro e deve tentare il mani-fuori. Nella foto inferiore la palla è alta, il braccio della giocatrice italiana è quasi completamente disteso, quindi la "fionda" è quasi alla massima estensione, la giocatrice numero sei brasiliana è totalmente fuori tempo. Se il caricamento era stato ottimale, sarà stata una schiacciata molto veloce e potente in gergo "mega spike" (in inglese spike, schiacciata).

I giocatori della squadra avversaria possono difendersi dalla schiacciata attraverso il muro, che può essere eluso, tentando altri colpi come il già citato mani fuori o il pallonetto.

Il giocoModifica

Lo scopo del gioco[1][2] è far in modo che la palla non cada nel proprio campo, ma che cada all'interno del campo avversario (è sufficiente che una porzione infinitesimale della palla tocchi una linea perimetrale, anche in seguito a schiacciamento, affinché sia considerata all'interno del campo), o che i giocatori avversari non riescano a controllarla e a rimandarla nel campo dell'attaccante.

Le fasi di giocoModifica

L'attaccoModifica

L'attacco si utilizza per inviare il pallone nel campo avversario, cercando di ottenere un punto. Il tipo di attacco dipende da variabili come: la distanza da rete del pallone, la sua altezza e la sua traiettoria; la posizione del giocatore; la posizione della difesa, in particolare il tipo, l'altezza e la posizione del muro. L'attaccante può decidere di puntare su un colpo potente fuori dal muro, oppure utilizzare le mani del muro per eseguire il cosiddetto "mani e fuori", oppure può sorprendere la difesa con un pallonetto o una palla smorzata.

L'attacco è soggetto a particolari regole.[1] Possono attaccare con salto in zona d'attacco solo i giocatori che nella rotazione si trovano in prima linea; coloro che si trovano in seconda linea possono concludere il salto in zona d'attacco, ma devono staccare in zona di difesa (cioè compiere l'ultimo passo di rincorsa senza superare o toccare la linea dei 3 metri), altrimenti è fallo con punto alla squadra avversaria. Inoltre, se il libero alza con tecnica di palleggio, mentre si trova coi piedi all'interno della zona d'attacco, è vietato a chiunque attaccare in volo la palla, proveniente dal palleggio, finché essa si trova interamente al di sopra della rete. La violazione delle restrizioni all'attacco determina un fallo di attacco, sanzionato con la perdita dell'azione e l'assegnazione di un punto e del servizio alla squadra avversaria.

La difesaModifica

Fatte salve le già citate restrizioni a muro per il libero e gli altri giocatori, che si trovano in difesa per rotazione, la difesa non è soggetta a restrizioni particolari; tutti i giocatori possono difendere in qualunque punto del proprio campo e della zona libera.

La partitaModifica

Le partite si disputano al meglio dei 5 set e vince la gara la squadra che ne conquista tre. Ogni set viene vinto dalla prima squadra che raggiunge 25 punti con almeno due punti di differenza rispetto alla squadra avversaria, con l'eccezione del quinto set (set decisivo), che termina quando una delle due squadre raggiunge i 15 punti (sempre con distacco di 2 punti) e con cambio campo alla conquista dell'ottavo punto.[12]

Ogni azione incomincia con il servizio (o "battuta"), effettuato dal giocatore difensore destro della squadra, che ne ha ottenuto il diritto. Al fischio dell'arbitro egli ha otto secondi di tempo per inviare la palla verso il campo avversario, utilizzando qualsiasi parte del braccio. L'azione continua fino a che la palla non tocca il campo, e/o viene inviata fuori da esso o viene commesso un fallo.

La squadra che vince un'azione di gioco, conquista un punto e il diritto a servire. Per ogni azione di gioco, la squadra ha a disposizione tre tocchi (escludendo l'eventuale tocco di muro), per inviare la palla nel campo avversario, facendola passare all'interno dello spazio di passaggio tra le due aste. Dopo aver effettuato un muro, un giocatore può colpire nuovamente la palla senza incorrere nel fallo di doppio tocco ed effettuando il primo tocco di squadra. La palla non può essere fermata o trattenuta e può essere colpita con qualunque parte del corpo. Costituisce fallo il contatto e il successivo accompagnamento della palla o il contatto continuo e ripetuto con il corpo. Nel caso in cui la palla tocchi la rete e ritorni indietro, essa può essere rigiocata nel limite dei tocchi rimasti a disposizione della squadra. È vietato toccare sempre e in ogni caso il nastro superiore della rete; mentre qualsiasi altra parte della rete può essere toccata, se il tocco non produce vantaggio, ad esempio, infastidendo l'avversario o consentendo un colpo più potente. In genere, vengono tollerati solo tocchi minimi come quello con capelli lunghi svolazzanti.[1]

Video check systemModifica

Il punto deve essere assegnato dall'arbitro anche quando è evidente. Se l'arbitro non è sicuro dell'accaduto, può chiedere l'ausilio della moviola video check system.[2] Anche gli allenatori delle due squadre possono richiederlo, due volte per ogni set se hanno torto, illimitatamente se hanno ragione. Se è chiesto a fine azione, l'arbitro assegna il punto contro chi ha commesso l'infrazione; se è chiesto durante l'azione, l'arbitro assegna il punto contro chi ha commesso l'infrazione, se è avvenuta; se non è avvenuta, l'arbitro assegna il punto contro chi ha chiesto il check o fa ripetere il punto, se lo ha chiesto l'arbitro.

Lo si può richiedere solo per i falli di invasione e di linea, per i quattro tocchi, attacco falloso del difensore o del libero, palla a terra, "palla in or out" e per i tocchi del muro "tocco sì o no". Per il fallo "palla in or out" in Italia e in alcuni tornei si usano riprese televisive ad alta velocità e ad alta definizione, che mostrano la realtà; in altri paesi, elaborazioni computerizzate della traiettoria della palla e della sua deformazione, che sono molto più imprecise, perché partono da calcoli derivati da immagini televisive.

Per tutti gli altri falli, ovunque si usano riprese televisive ad alta velocità e ad alta definizione. Durante il check i giocatori non possono avvicinarsi all'allenatore, che può usare il tempo del check solo per dare istruzioni da lontano. A volte, in un momento di particolare difficoltà come set o match point contro, un check palesemente assurdo viene chiesto solo per infastidire il battitore avversario e costringerlo ad una battuta più conservativa.

Tempo di riposoModifica

Durante il gioco gli allenatori delle due squadre due volte per ogni set possono richiedere un'interruzione del gioco di trenta secondi[2], detta in gergo time out ufficialmente tempo di riposo, per dare istruzioni alla squadra. Normalmente si richiede quando la propria squadra è in difficoltà, per aver subito molti punti, e si vuol rompere il ritmo avversario. Durante il time out i giocatori in campo e quelli, che fanno le sostituzioni, si riuniscono vicino agli allenatori, mentre gli altri fanno esercizi di riscaldamento. Durante il time out l'allenatore in genere motiva la squadra; offre soluzioni ai problemi, senza calcare sugli errori dei singoli; dà indicazioni di gioco. A volte il time out viene diretto dal viceallenatore, mentre a parte l'allenatore dà indicazioni specifiche a un particolare giocatore in genere il palleggiatore/regista. In alcuni tornei vi sono anche due time out tecnici di un minuto per set: il primo quando una squadra raggiunge per prima gli otto punti, ossia approssimativamente ad un terzo del set; il secondo quando una squadra raggiunge per prima i sedici punti, ossia approssimativamente a due terzi del set.

Formazione e sostituzioniModifica

All'inizio di ogni set ogni allenatore deve consegnare la formazione[1],[2] iniziale della propria squadra, non necessariamente la stessa per ogni set. Rispettivamente ad essa, sono previste sostituzioni dei giocatori in campo sempre ed esclusivamente a palla ferma, quindi dopo che l'arbitro ha assegnato un punto e prima che ordini la ripresa del gioco, salvo quelle per infortunio. Una squadra può effettuare un massimo di sei sostituzioni per set. Un giocatore può essere sostituito solo una volta per set e può rientrare solo riprendendo il proprio posto originario, ossia subentrando al posto del giocatore, che lo aveva sostituito, e determinando così una seconda sostituzione. Uno dei due libero può sostituire qualunque giocatore di difesa e restituirgli il posto al momento in cui dovrebbe passare in attacco; tali sostituzioni non rientrano nelle sei previste per set. Sono possibili in soprannumero anche sostituzioni per infortunio, per non lasciare una squadra in inferiorità numerica.

Il rally point systemModifica

La struttura del gioco è stata cambiata radicalmente nel 2000 con il passaggio al rally point system. Fino ad allora, tutti i set terminavano a soli 15 punti, ma questi venivano acquisiti solo se l'azione veniva vinta dalla squadra al servizio; se l'azione terminava in favore della squadra in ricezione, invece, questa conquistava il diritto a servire (cambio palla), ma non acquisiva alcun punto.

A causa dell'elevato tasso di errore che spesso ha il battitore, la pallavolo rischiava di risultare poco attraente come sport per il grande pubblico, in particolare considerando la difficoltà nella programmazione televisiva delle partite, la cui durata era imprevedibile e spesso molto lunga. Questo ha determinato la decisione di passare al rally point system che, assegnando un punto per ogni azione, riduce drasticamente l'incertezza nella durata di una gara (che raramente supera le due ore e mezzo).[13] Tale modifica è stata introdotta con la modifica del regolamento FIVB del 2000.

Successivamente, per cercare di avere scambi mediamente più prolungati e limitatamente al redivivo Campionato mondiale maschile per club FIVB del 2009, entrò anche in vigore la regola in base alla quale il primo attacco può essere effettuato solo dalla seconda linea[14]. Tuttavia già nell'edizione del 2010 venne abbandonata tale regola, detta Golden Formula, che in un summit di tecnici non incontrò i favori degli addetti ai lavori.

Strategie di giocoModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Schema (pallavolo).
 
Il giocatore a rete chiama con le dita uno schema da eseguire

Esistono molte strategie basate su diversi schemi di gioco: tipicamente la strategia di attacco viene stabilita dal palleggiatore, che la indica ai compagni di squadra con le dita a formare un numero dietro la schiena (perché resti nascosta agli avversari), mentre la squadra avversaria si appresta a servire. La loro realizzazione si basa sul presupposto che la ricezione sia perfetta; tipicamente questo significa che il palleggiatore è in grado di ricevere la palla da alzare tra il posto 2 e il posto 3 a un'altezza maggiore o uguale a quella della rete stessa e al di sopra della sua testa.

In questo modo il palleggiatore sarà in grado:

  • se nella rotazione si trova in prima linea, di attaccare direttamente lui con pallonetto o palla spinta a terra (attacco di seconda), attacco che ha molte probabilità di sorprendere il centrale o il palleggiatore avversario e, quindi, di successo; poiché richiede che il palleggiatore riceva una palla molto vicina a rete è molto raro, ma sempre più diffuso nella pallavolo moderna;
  • se nella rotazione si trova in prima o seconda linea, di smistare la palla fra le seguenti alternative: accanto a sé al centrale (attacco di prima); con traiettoria tesa in prima linea a uno schiacciatore laterale che può essere anche un centrale o un martello, con i quali ha eventualmente invertito la posizione, o l'opposto, se nella rotazione il palleggiatore si trova in seconda linea; dietro di sé a un altro schiacciatore in seconda linea (la cosiddetta pipe) in genere all'opposto ma anche all'altro schiacciatore o al centrale, se sono particolarmente potenti nella schiacciata e in grado di colpire la palla molto in alto per capacità di salto o per altezza.

L'efficacia della strategia prescelta dipende quindi dal fatto che la squadra in attacco sappia già quale di queste opzioni adotterà il palleggiatore mentre la squadra in difesa deve prepararsi a ognuna di esse. Per questo il battitore cerca sempre di mettere il più possibile in difficoltà la ricezione, impedendo così la realizzazione della strategia di attacco prescelta.

VariantiModifica

 
Una partita di biribol a San Paolo (Brasile)

Le varianti della pallavolo sono:

  • Il beach volley è uno sport di squadra giocato sulla sabbia, olimpico dal 1996. Nato come variante del gioco della pallavolo, da semplice ricreazione sulle spiagge si è evoluto fino a diventare sport professionistico in vari paesi del mondo. Due squadre di due giocatori ciascuna si scontrano su un campo di sabbia diviso da una rete.
  • Il biribol (o biriball), simile alla pallavolo ma giocato in acqua. Tale sport, ideato negli anni sessanta dal professor Dario Miguel Pedro a Birigui Brasile, viene giocato perlopiù in Brasile in squadre da 2-4 giocatori in una piscina con 8 m di lunghezza, 4 m di larghezza e 1,3 m di profondità e con una palla di soli 100 g più pesante di quella della pallavolo. Inoltre è prevista una rete a metà campo e alta 2,62 m (maschile) o 2,4 m (femminile), una linea di zona attacco a 1,25 m di distanza dalla rete e una zona di servizio a 0,8 m dal bordo piscina. La partita avviene al meglio di 3/5 set raggiungendo 21 (nell'ultimo 20) per primi in caso di contestazione (20-20 oppure 19-19) con 2 punti di vantaggio di scarto.
  • Fistball: viene giocato in un campo di erba sintetica fra 2 squadre, ciascuna di 5 giocatori con posizioni fisse, e con un pallone di 320-380 g di pelle e ad aria compressa. La palla prima di essere colpita può rimbalzare al massimo una volta.
  • Lo snow volley è la versione invernale del beach volley che si gioca in campi di neve anziché di sabbia. Vigono esattamente le stesse regole del beach volley.
  • Volley ecuadoriano o ecuavolley è una variante inventata e praticata in Ecuador. I giocatori in questo caso sono 3, la rete è alta 2,80 m ed è praticato su cemento.

NoteModifica

  1. ^ a b c d e f g h i j k Normative Federali 2017-2020 (PDF), su federvolley.it.
  2. ^ a b c d e f g h i j Normative Federali 2019-2020 (PDF), su federvolley.it.
  3. ^ Guida Olimpiadi - Storia, su guidaolimpiadi.it, YOOtheme. URL consultato il 20 ottobre 2018 (archiviato il 20 ottobre 2018).
    «La pallavolo viene inserita ai Giochi Olimpici di Tokyo del 1964».
  4. ^ Mondiali | Volleyball.it
  5. ^ FIVB: Mondiale per club in Cina nel 2021 e 2022 | Volleyball.it
  6. ^ https://championsleague.cev.eu/en/
  7. ^ Storia della pallavolo
  8. ^ FIVB - the volleyball story
  9. ^ Filippo Giorgetti, Pallavolo in uniforme
  10. ^ Bilancio Sociale Federazione Italiana Pallavolo
  11. ^ Normative Federali 2019-2020 (PDF), su federvolley.it. URL consultato il 12 dicembre 2020.
  12. ^   https://www.youtube.com/watch?v=HVwSYa3sEKI.
  13. ^ Lunghezza della partita
  14. ^ 2010 FIVB Volleyball World Championship - Italy, su www.fivb.org. URL consultato il 17 agosto 2016.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàThesaurus BNCF 4896 · LCCN (ENsh85144299 · GND (DE4063900-9 · BNF (FRcb11941718x (data) · NDL (ENJA00560523
  Portale Pallavolo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di pallavolo