Schistosoma haematobium

genere di animali della famiglia Schistosomatidae

Schistosoma haematobium (Bilharz, 1852) è un platelminta parassita appartenente all'ordine Strigeatida e alla famiglia Schistosomatidae. È uno dei patogeni responsabili della malattia nota come schistosomiasi. La sua morfologia e diffusione ricordano molto quelle di un altro parassita: Schistosoma mansoni.

Come leggere il tassoboxProgetto:Forme di vita/Come leggere il tassobox
Come leggere il tassobox
Schistosoma haematobium
Classificazione scientifica
DominioEukaryota
RegnoAnimalia
PhylumPlatyhelminthes
ClasseTrematoda
SottoclasseDigenea
OrdineStrigeatida
FamigliaSchistosomatidae
GenereSchistosoma
Nomenclatura binomiale
Schistosoma haematobium
Bilharz, 1852

Anatomia e fisiologia modifica

Le cercarie dei Schistosoma haematobium appaiono più grandi di altri protozoi simili, le femmine adulte diventano molto più lunghe (20 mm) dei compagni maschili. La grandezza delle uova risulta essere 115-170 x 40-70 ųm mentre il loro aspetto caratteristico è di color scuro.

Riproduzione e sviluppo modifica

Dopo aver infestato le chiocciole d'acqua dolce attraverso l'operazione chiamata miracidio, passano all'uomo infettando il sistema epatico. La gestazione a tal punto è di 10-12 settimane: attraverso le vene emorroidali arrivano sempre in via venale, alla vescica dando il via alla schistosomosi genitourinaria.

 
Uovo di Schistosoma haematobium, con caratteristico sperone all'estremità dell'uovo.

Diagnosi microscopica modifica

Osservando in laboratorio un preparato di urine umane infette, è possibile vedere con un microscopio ottico a 400 X le uova di questi parassiti. In particolare si possono distinguere, facendo diagnosi differenziale specifica, le uova di Schistosoma haematobium da quelle di Schistosoma mansoni. Le prime infatti hanno un caratteristico sperone collocato all'estremità dell'uovo, mentre in Schistosoma mansoni lo sperone è collocato sul lato dell'uovo.

Epidemiologia modifica

La sua diffusione è nota soprattutto in determinati paesi poco sviluppati come la zona del Madagascar e varie isole situate nell'oceano indiano. Meno diffusa è in Egitto, in Italia è stata ritrovata tale forma nella Sardegna, con un ospite intermedio diverso, ma è esclusa una possibile epidemia nella penisola. Questa per via della temperatura delle acque italiane che sono troppo gelide per il parassita[senza fonte]

Bibliografia modifica

  • Claudio Genchi, Pozio Edoardo, Parassitologia generale e umana, 13ª edizione, Milano, Ambrosiana, 2004, ISBN 88-408-1269-5.

Voci correlate modifica

Altri progetti modifica

Collegamenti esterni modifica

Controllo di autoritàJ9U (ENHE987007560590905171
  Portale Animali: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di animali