Apri il menu principale

Sci alpino ai XXI Giochi olimpici invernali - Supergigante maschile

Bandiera olimpica Alpine skiing pictogram.svg
Supergigante maschile
Vancouver 2010
Informazioni generali
Luogo Whistler
Periodo 19 febbraio
Partecipanti 64[1] da 28 nazioni
Podio
Medaglia d'oro Aksel Lund Svindal Norvegia Norvegia
Medaglia d'argento Bode Miller Stati Uniti Stati Uniti
Medaglia di bronzo Andrew Weibrecht Stati Uniti Stati Uniti
Edizione precedente e successiva
Torino 2006 Soči 2014
Sci alpino ai
Giochi di Vancouver 2010
Alpine skiing pictogram.svg
Discesa maschile femminile
Gigante maschile femminile
Slalom maschile femminile
Super-G maschile femminile
Supercombinata   maschile   femminile

Tra le competizione dello sci alpino disputate ai Giochi olimpici invernali di Vancouver 2010 c'è il supergigante maschile, tenuto il 19 febbraio nel comprensorio sciistico di Whistler.

Detentore del titolo di campione olimpico uscente era il norvegese Kjetil André Aamodt, che si è aggiudicato la medaglia d'oro ai Giochi olimpici invernali di Torino 2006 sul tracciato del Sestriere, davanti all'austriaco Hermann Maier (medaglia d'argento) e allo svizzero Ambrosi Hoffmann (medaglia di bronzo). Sia Aamodt che Maier si sono ritirati dall'attività agonistica, rispettivamente alla fine della stagione 2006 e nell'ottobre 2009, mentre Hoffmann non è stato convocato dalla sua nazionale per questa prova. Nessuno dei tre ha quindi potuto difendere la propria medaglia.

La gara è stata vinta dal norvegese Aksel Lund Svindal davanti agli statunitensi Bode Miller e Andrew Weibrecht. Per Svindal e per Miller si è trattato della seconda medaglia ai Giochi di Vancouver dopo quella in discesa libera (rispettivamente argento e bronzo), mentre il bronzo è andato ad un outsider, che mai prima di allora aveva ottenuto risultati di rilievo.[2] Ai piedi del podio sono rimasti per pochi centesimi i tre italiani Werner Heel, Christof Innerhofer e Patrick Staudacher, rispettivamente 4º, 6º e 7º a 2, 8 e 9 centesimi da Weibrecht, e il canadese Erik Guay, staccato di tre centesimi dal bronzo.[3]

Classifica di garaModifica

Pos. Atleta Nazione Tempo Distacco
  Aksel Lund Svindal   Norvegia 1'30"34  
  Bode Miller   Stati Uniti d'America 1'30"62 +0"28
  Andrew Weibrecht   Stati Uniti d'America 1'30"65 +0"31
04 4 Werner Heel   Italia 1'30"67 +0"33
05 5 Erik Guay   Canada 1'30"68 +0"34
06 6 Christof Innerhofer   Italia 1'30"73 +0"39
07 7 Patrick Staudacher   Italia 1'30"74 +0"40
08 8 Carlo Janka   Svizzera 1'30"83 +0"49
09 9 Tobias Grünenfelder   Svizzera 1'30"90 +0"56
10 10 Didier Cuche   Svizzera 1'31"06 +0"72
11 11 Aleš Gorza   Slovenia 1'31"07 +0"73
12 12 Kjetil Jansrud   Norvegia 1'31"21 +0"87
13 13 Adrien Théaux   Francia 1'31"24 +0"90
14 14 Benjamin Raich   Austria 1'31"35 +1"01
15 15 Didier Défago   Svizzera 1'31"43 +1"09
16 16 Ivica Kostelić   Croazia 1'31"47 +1"13
17 17 Georg Streitberger   Austria 1'31"49 +1"15
18 18 Andrej Šporn   Slovenia 1'31"58 +1"24
19 19 Ted Ligety   Stati Uniti d'America 1'31"70 +1"36
20 20 Mario Scheiber   Austria 1'31"93 +1"59
21 21 Michael Walchhofer   Austria 1'32"00 +1"66
22 22 Guillermo Fayed   Francia 1'32"03 +1"69
23 23 Marco Sullivan   Stati Uniti d'America 1'32"09 +1"75
24 24 Jan Hudec   Canada 1'32"09 +1"75
25 25 Lars Elton Myhre   Norvegia 1'32"36 +2"02
26 26 Ivan Ratkić   Croazia 1'32"67 +2"33
27 27 Ferran Terra   Spagna 1'32"75 +2"41
28 28 Aleksandr Chorošilov   Russia 1'32"84 +2"50
29 29 Craig Branch   Australia 1'32"89 +2"55
30 30 Jono Brauer   Australia 1'32"92 +2"58
31 31 Gauthier de Tessières   Francia 1'33"17 +2"83
32 32 Ed Drake   Regno Unito 1'33"20 +2"86
33 33 Roger Vidosa   Andorra 1'33"65 +3"31
34 34 Petr Záhrobský   Repubblica Ceca 1'33"83 +3"49
35 35 Paul de la Cuesta   Spagna 1'34"03 +3"69
36 36 Stepan Zuev   Russia 1'34"13 +3"79
37 37 Jaroslav Babušiak   Slovacchia 1'35"25 +4"91
38 38 Tim Cafe   Nuova Zelanda 1'35"55 +5"21
39 39 Kevin Esteve Rigail   Andorra 1'35"67 +5"33
40 40 Johnny Albertsen   Danimarca 1'35"69 +5"35
41 41 Stefan Georgiev   Bulgaria 1'36"32 +5"98
42 42 Maui Gayme   Cile 1'36"56 +6"22
43 43 Igor Zakurdaev   Kazakistan 1'36"97 +6"63
44 44 Andrei Drygin   Tagikistan 1'38"03 +7"69
45 45 Stefan Jon Sigurgeirsson   Islanda 1'39"12 +8"78
99  Cristian Javier Simari Birkner   Argentina 9'99"99 DNS +9"99 
99  Stephan Keppler   Germania 9'99"99 DNF +9"99 
99  Manuel Osborne-Paradis   Canada 9'99"99 DNF +9"99 
99  Andrej Jerman   Slovenia 9'99"99 DNF +9"99 
99  Robbie Dixon   Canada 9'99"99 DNF +9"99 
99  Patrik Järbyn   Svezia 9'99"99 DNF +9"99 
99  Marco Büchel   Liechtenstein 9'99"99 DNF +9"99 
99  Natko Zrnčić-Dim   Croazia 9'99"99 DNF +9"99 
99  Hans Olsson   Svezia 9'99"99 DNF +9"99 
99  David Poisson   Francia 9'99"99 DNF +9"99 
99  Andreas Romar   Finlandia 9'99"99 DNF +9"99 
99  Benjamin Griffin   Nuova Zelanda 9'99"99 DNF +9"99 
99  Truls Ove Karlsen   Norvegia 9'99"99 DNF +9"99 
99  Sergej Majtakov   Russia 9'99"99 DNF +9"99 
99  Jorge Mandrú   Cile 9'99"99 DNF +9"99 
99  Arni Thorvaldsson   Islanda 9'99"99 DNF +9"99 
99  Peter Fill   Italia 9'99"99 DSQ +9"99 
99  Andrej Križaj   Slovenia 9'99"99 DSQ +9"99 
99  Martin Vráblík   Repubblica Ceca 9'99"99 DSQ +9"99 

Data: venerdì 19 febbraio 2010
Ora locale: 11:30
Pista: Dave Murray
Partenza: 1440 m, arrivo: 825 m
Lunghezza: 2076 m, dislivello: 615 m
Tracciatore: Giovanni Luca Rulfi (  Italia), 44 porte

Legenda:

  • DNF = non arrivato (did not finish)
  • DSQ = squalificato (disqualified)
  • DNS = non partito (did not start)
  • Pos. = posizione

NoteModifica