Apri il menu principale

Sciamani del coyote

Guerrieri sacerdoti

Gli sciamani del coyote formavano uno dei reparti dell'esercito azteco insieme alle altre unità costituite dai Guerrieri aquila, Guerrieri giaguaro, Guerrieri freccia e Cuahchiqueh.

Gli sciamani facevano parte dell'alto clero azteco e la loro era una funzione eminentemente magico-religiosa che diveniva militare in tempo di guerra per quei sacerdoti che avessero già combattuto e si fossero distinti per aver catturato almeno sei prigionieri.

Lo scopo infatti delle guerre azteche non era quello di eliminare in massa i nemici o conquistare stabilmente dei territori ma era soprattutto quello di fare prigionieri da sacrificare nelle loro cruente cerimonie e di ottenere il pagamento di tributi dai popoli sconfitti. Lo stesso fine era perseguito con le guerre fiorite scontri programmati tra due stati nemici destinati esclusivamente a fare prigionieri per i sacrifici umani.[1]

Rivestiti da una semplice pelle di coyote, gli sciamani combattevano armati di uno scudo chimalli ed una mazza maquahuitl.

NoteModifica

  1. ^ Recentemente questa interpretazione è stata messa in dubbio da studiosi quali Nigel Davies (1968) e Ross Hassig (1988) secondo i quali «il mutuale accordo» delle guerre dei fiori è dubbio.

BibliografiaModifica

  • Ross Hassig, Aztec Warfare: Imperial Expansion and Political Control, Civilization of the American Indian series, no. 188, Norman, University of Oklahoma Press, 1988, ISBN 0-8061-2121-1, , oclc 17106411.
  • Ross Hassig, War and Society in Ancient Mesoamerica, Berkeley, University of California Press, 1992, ISBN 0-520-07734-2, , oclc 25007991.
  • Escalante Gonzalbo Pablo, Una giornata con... Un guerriero azteco,Trad. Domenici D., Editore: Jaca Book, 1998 ISBN 8816571438

Voci correlateModifica