Apri il menu principale

DescrizioneModifica

La famiglia comprende sauri di taglia da piccola a media: la specie di maggiori dimensioni, lo scinco arboricolo delle Isole Salomone (Corucia zebrata), può raggiungere i 72 cm di lunghezza[2].
La gran parte delle specie hanno testa piccola, collo tozzo e corpo allungato, con arti piccoli o ridotti a vestigia.

BiologiaModifica

Gli scincidi sono animali prevalentemente diurni e terricoli; alcune specie hanno abitudini fossorie, conducendo la loro esistenza negli strati superficiali del terreno, altre sono arboricole.[3]

La maggior parte delle specie è vivipara, ma alcune, come ad esempio Ablepharus kitaibelii e Plestiodon lagunensis, sono ovipare.

Distribuzione e habitatModifica

La famiglia ha una distribuzione cosmopolita, essendo presente in America, Europa, Africa, Asia e Oceania. L'area con la maggiore biodiversità è rappresentata dall'Africa subsahariana.

Le specie di questa famiglia sono presenti in tutti gli ecosistemi terrestri, dalle foreste tropicali ai deserti, dagli ambienti alpini alle mangrovie.[3]

TassonomiaModifica

Gli Scincidi una delle più grandi famiglie di rettili viventi comprendendo oltre 1500 specie.[1]
In passato venivano riconosciute 4 sottofamiglie: Aconthinae, Feylilinae, Lygosominae e Scincinae[4].
Studi filogenetici del 2003 hanno evidenziato che tali raggruppamenti erano in larga parte polifiletici (con l'eccezione della sottofamiglia Aconthinae che si è confermata monofiletica)[5].

 
Esemplari di Chioninia coctei conservati al MUSE di Trento

Attualmente, al 2014, vengono riconosciute 7 sottofamiglie, comprendenti i seguenti generi:[1]

Alcune specieModifica

Specie presenti in ItaliaModifica

NoteModifica

  1. ^ a b c Scincidae, in The Reptile Database. URL consultato il 13 luglio 2014.
  2. ^ Solomon Island skink, in Australian Reptile Park. URL consultato il 14 luglio 2014.
  3. ^ a b Hutchinson M.N., Family Scincidae (PDF), in Fauna of Australia, p. 9.
  4. ^ Greer A.E. A subfamilial classification of scincid lizards. Bulletin of the Museum of Comparative Zoology 1970; 139: 151-183.
  5. ^ Whiting A.S., Bauer A.M., and Sites J.W.J. Phylogenetic relationships and limb loss in southern African scincine lizards (Squamata: Scincidae). Molecular Phylogenetics and Evolution 2003; 29: 582-598.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàLCCN (ENsh85123201
  Portale Rettili: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di rettili