Scribblenauts Unmasked: A DC Comics Adventure

videogioco del 2013
Scribblenauts Unmasked: A DC Comics Adventure
videogioco
PiattaformaWii U, Nintendo 3DS, Microsoft Windows
Data di pubblicazione3DS, Wii U:
Flags of Canada and the United States.svg 24 settembre 2013
Flag of Australasian team for Olympic games.svg 25 settembre 2013
Microsoft Windows:
Flags of Canada and the United States.svg 24 settembre 2013
Flag of Europe.svg 24 settembre 2013[1]
GenereRompicapo
OrigineStati Uniti
Sviluppo5th Cell
PubblicazioneWB Games
SerieScribblenauts
Modalità di giocoGiocatore singolo
SupportoCartuccia 3DS, Nintendo Optical Disc
Distribuzione digitaleSteam
Preceduto daScribblenauts Unlimited

Scribblenauts Unmasked: A DC Comics Adventure è un videogioco per Nintendo Wii U, Nintendo 3DS e Microsoft Windows, sviluppato dalla 5th Cell e pubblicato dalla Warner Bros. È il quarto capitolo della serie Scribblenauts.

TramaModifica

Maxwell e Lily sono entrambi appassionati di fumetti, ma litigano su quale dei loro personaggi preferiti sia il più forte. Allora entrambi utilizzano i loro oggetti magici (Maxwell un quaderno in grado di creare qualsiasi cosa su cui ci scriva e Lily un globo che la teletrasportasse ovunque nel mondo) per materializzarsi su Gotham City. E qui inizia la loro avventura. Quando sono precipitati nel mondo dei fumetti il globo di Lily si danneggiò e gli stariti (piccole stelle magiche) che gli davano potere sono volate via. I due incontreranno Batman che li ferma con l'accusa che Maxwell è stato avvistato in compagnia del Joker. Dopo un inizio un po' teso i tre si conoscono meglio e i ragazzi chiedono aiuto per ritornare a casa e l'unico modo per farlo è recuperare gli stariti, che sparsi come sono possono essere davvero pericolosi in mani sbagliate. Batman decide di aiutarli, ma dopo aver dato una lezione al Joker e... Doppelganger, la copia negativa di Maxwell. Ma come ci sarà finito lì? Doppelganger aiuta Joker coi suoi poteri di creare qualsiasi cosa a battersi contro il cavaliere oscuro, ma verranno entrambi sconfitti e i due si teletrasportano misteriosamente senza l'ausilio del globo.

Prendendo base alla Batcaverna i nostri si organizzano per recuperare gli stariti e fermare Doppelganger che a quanto pare aiuta tutti i nemici dei supereroi. Maxwell parte per l'avventura e Lily lo assiste dalla Batcaverna attraverso un comunicatore. Lanciandosi all'avventura, Maxwell aiuta i vari eroi del mondo dei fumetti a battere gli avversari assistiti dal suo doppio malvagio:

Durante l'avventura scoprirà che a questi attacchi e tentativi di recupero degli starite ci sta qualcuno dietro le quinte a muovere le fila. Recuperate abbastanza starite, Maxwell, Lily e tutti i supereroi sopra citati si riuniscono alla Sala della Giustizia della Torre di Guradia. Lì Cyborg affermerà di aver scoperto un segnale proveniente da un luogo a loro noto, al vecchio satellite della Injustice Gang, dove possa trovarsi l'ultimo starite. Con il globo Lily teletrasporta tutti sul posto, ma sorpresa scopriranno di essere finiti in una trappola, con le nemesi degli eroi lì presenti, con Cyborg malfunzionante e per giunta su un'astronave sconosciuta. Battendo definitivamente tutti gli avversari, i nostri scopriranno di essere nel rifugio di Brainiac. Infatti è lui a capo di questo caos, desideroso del potere degli starite per trasportare tutti i Brainiac dei 52 Universi e distruggere il multiverso per una loro idea di perfezione unica: Brainiac stesso; per far questo ha fatto manomettere Cyborg durante la visita di Deathstroke e Doppelganger per indirizzare tutti lì. Rubando il globo a Lily lo completerà e userà la magia per far sparire tutti quanti tranne Maxwell e Lily. Doppelganger intanto è confuso, tutto quello che vuole è solo amicizia ed è incerto di cosa fare. Allora Maxwell gli crea una replica di sua sorella, una Replilily per non farlo sentire solo. Così Doppelganger tradirà Brainiac e lo attacca. Maxwell ripara Cyborg e questo prima di sparire gli rivelerà che Brainiac non può trasportare altre cose di altri universi. Maxwell, usando allora le varie versioni degli eroi di altri universi e realtà, riuscirà a battere i Brainiac.

Tornati tutti alla Torre di Guardia e dopo essere stato curato, Doppelganger si dichiara dispiaciuto per quanto ha fatto, ma assieme alla sua nuova gemella Replilily sistemerà tutte le cose. Maxwell e Lily possono così ritornare a casa.

Modalità di giocoModifica

Come nei precedente capitolo, il gioco offre la possibilità di creare oggetti o aggiungere aggettivi mediante parole digitabili attraverso la tastiera (tranne volgarità o parole coperte da copyright). Col mouse si possono far compiere varie azioni ai personaggi e agli oggetti. Le creazioni possono essere eliminate per mezzo di un cestino. Vi è la possibilità di creare i propri oggetti.

Novità del gioco è di raccogliere stavolta un numero limitato di starite, legate alla storia principale. Innumerevoli sono invece le missioni secondarie di ogni scenario, che cambiano continuamente. Ogni volta che Maxwell risolve un problema guadagna dei punti Reputazione da Eroe utilizzabili per sbloccare costumi o scenari. Nel gioco è stata inserita anche la penalità sul riutilizzo di parole già composte in precedenza, che faranno guadagnare ai giocatori meno punti Reputazione se ridigitate. Mister Mxyzptlk sfida i giocatori a risolvere le loro missioni aggiungendo delle difficoltà facoltative (ad esempio i personaggi di uno scenario perdono la testa e sono aggressivi coi giocatori, è proibito l'uso di parole che non siano animali o aggettivi o personaggi DC ecc.).

Disponibile il Batcomputer, dove è possibile selezionare tutti i personaggi, gli oggetti e i costumi da sbloccare dell'Universo DC.

Nel gioco si possono sbloccare le genesi degli eroi principali: Batman, Wonder Woman, Superman, Aquaman, Green Lantern Hal Jordan e Flash

Personaggi del giocoModifica

Nel videogioco vi sono inoltre 2 050 soggetti tratti dai fumetti DC Comics, tra cui personaggi (incluse le loro versioni e team) e oggetti, disponibili attraverso il Batcomputer[2].

NoteModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Nintendo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Nintendo