Apri il menu principale

Le Scuole di archivistica, paleografia e diplomatica sono delle strutture di formazione pubbliche, gratuite e di livello parauniversitario presenti in Italia.

Situate presso diciassette sedi degli Archivi di Stato, offrono una formazione di durata biennale, regolamentata dagli articoli 58-64 del regio decreto 2 ottobre 1911, n. 1163 e dall'art. 14 del D.P.R. 30 settembre 1963 n. 1409 (noto come "legge archivistica del 1963").

Cenni storiciModifica

Molte di queste scuole erano già attive in epoca preunitaria (ad esempio, la scuola presso l'Archivio di Stato di Napoli risale al 1811, in piena epoca murattiana), ma la definitiva regolamentazione, come detto, risale al 1911.

Nel 1989 è stato istituito il numero chiuso, in base alla circolare dell'Ufficio centrale per i beni archivistici n. 8/89 (12) del 1º febbraio 1989; titolo base per l'accesso è il diploma di scuola media superiore.

Le sediModifica

Gli Archivi di Stato presso cui è attiva una Scuola di archivistica, paleografia e diplomatica sono quelli di:

Avvio dei corsiModifica

I corsi biennali hanno avvio, a seguito della prova selettiva d'ammissione:

  • negli anni dispari, presso le Scuole di Bari, Bologna, Cagliari, Firenze, Mantova, Milano, Napoli, Parma, Roma, Torino e Venezia;
  • negli anni pari, presso le Scuole di Bolzano, Genova, Modena, Palermo, Perugia e Trieste.

Attività formativeModifica

L'insegnamento è articolato in quattro ambiti disciplinari: paleografia, diplomatica, archivistica (generale e speciale) e discipline ausiliarie (metrologia, numismatica, araldica).

Al termine del biennio, è previsto un esame articolato in tre prove: due scritte (trascrizione, regesto e commento di una pergamena latina inedita del periodo compreso tra XII e XV secolo; prova scritta di archivistica) e una orale. Agli alunni che superano l'esame finale è rilasciato il diploma di archivistica, paleografia e diplomatica.

Sbocchi professionaliModifica

Il possesso di questo diploma, in base all'art. 31 della legge archivistica del 1963, è un requisito per la direzione degli archivi storici delle regioni, delle province, dei comuni capoluogo di provincia, di eventuali consorzi di enti pubblici (la cui istituzione è consentita in base al secondo comma dell'art. 30 della legge medesima), nonché di archivi dichiarati di particolare interesse storico.[18]

NoteModifica

  1. ^ Sito della Scuola di Archivistica, Paleografia e Diplomatica di:Bari.
  2. ^ Sito della Scuola di Archivistica, Paleografia e Diplomatica di Bologna.
  3. ^ Sito della Scuola di Archivistica, Paleografia e Diplomatica di Bolzano.
  4. ^ Sito della Scuola di Archivistica, Paleografia e Diplomatica di Cagliari.
  5. ^ Sito della Scuola di Archivistica, Paleografia e Diplomatica di Firenze.
  6. ^ Sito della Scuola di Archivistica, Paleografia e Diplomatica di Genova.
  7. ^ Sito della Scuola di Archivistica, Paleografia e Diplomatica di Mantova.
  8. ^ Sito della Scuola di Archivistica, Paleografia e Diplomatica di Milano.
  9. ^ Sito della Scuola di Archivistica, Paleografia e Diplomatica di Modena.
  10. ^ Sito Archiviato il 17 luglio 2010 in Internet Archive. e regolamento[collegamento interrotto] della Scuola di Archivistica, Paleografia e Diplomatica di Napoli.
  11. ^ Sito della Scuola di Archivistica, Paleografia e Diplomatica di Palermo.
  12. ^ Sito della Scuola di Archivistica, Paleografia e Diplomatica di Parma.
  13. ^ Sito della Scuola di Archivistica, Paleografia e Diplomatica di Perugia.
  14. ^ Sito della Scuola di Archivistica, Paleografia e Diplomatica di Roma.
  15. ^ Sito Archiviato il 14 luglio 2011 in Internet Archive. della Scuola di Archivistica, Paleografia e Diplomatica di Torino.
  16. ^ Sito Archiviato il 16 gennaio 2017 in Internet Archive. della Scuola di Archivistica, Paleografia e Diplomatica di Trieste.
  17. ^ Sito della Scuola di Archivistica, Paleografia e Diplomatica di Venezia.
  18. ^ Valore del titolo nel sito della Scuola di APD di Modena.

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica