Sebastián Báez

tennista argentino

Sebastián Báez (Buenos Aires, 28 dicembre 2000) è un tennista argentino.

Sebastián Báez
Baez al masters 1000 di Shangai 2023
Nazionalità Bandiera dell'Argentina Argentina
Altezza 170 cm
Peso 70 kg
Tennis
Carriera
Singolare1
Vittorie/sconfitte 76 - 64 (54.29%)
Titoli vinti 6
Miglior ranking 19º (4 marzo 2024)
Ranking attuale ranking
Risultati nei tornei del Grande Slam
Bandiera dell'Australia Australian Open 3T (2024)
Bandiera della Francia Roland Garros 2T (2022)
Bandiera del Regno Unito Wimbledon 2T (2022)
Bandiera degli Stati Uniti US Open 3T (2023)
Doppio1
Vittorie/sconfitte 4 - 23 (14.81%)
Titoli vinti 0
Miglior ranking 514º (12 ottobre 2020)[1]
Ranking attuale ranking
Risultati nei tornei del Grande Slam
Bandiera dell'Australia Australian Open 1T (2023)
Bandiera della Francia Roland Garros 1T (2022, 2023)
Bandiera del Regno Unito Wimbledon 1T (2022, 2023)
Bandiera degli Stati Uniti US Open 1T (2022, 2023)
Palmarès
Competizione Ori Argenti Bronzi
Giochi olimpici giovanili 1 0 0

Per maggiori dettagli vedi qui

1 Dati relativi al circuito maggiore professionistico.
Statistiche aggiornate al 4 marzo 2024

In singolare ha vinto sei titoli nel circuito maggiore, tra cui l’ ATP 500 di Rio nel 2024, diversi altri nei circuiti minori e il suo miglior ranking ATP è stata la 19ª posizione nel marzo 2024.

È stato il nº 1 al mondo tra gli juniores, categoria in cui ha raggiunto la finale in singolare all'Open di Francia 2018 e ha vinto quello stesso anno la medaglia d'oro in doppio ai Giochi olimpici giovanili. Ha esordito nella squadra argentina di Coppa Davis nel 2022.

Carriera modifica

 
Baez con la medaglia d'oro ai Giochi olimpici giovanili del 2018

Juniores modifica

Fa il suo esordio nell'ITF Junior Circuit nel 2014 e l'anno dopo vince il primo titolo in singolare in un torneo di Grade 5. I primi buoni risultati nei tornei maggiori arrivano nel 2017, con la semifinale all'Orange Bowl, i quarti di finale agli US Open e il 4º posto nel prestigioso ITF Junior Masters. Nel marzo 2018 vince i primi titoli in un torneo di Grade A al Campeonato Internacional Juvenil de Tenis de Porto Alegre, dove si impone in singolare e in doppio, e la settimana dopo raggiunge per la prima volta la vetta della classifica mondiale juniores.

A maggio perde la finale al Trofeo Bonfiglio contro Adrian Andreev, il mese dopo raggiunge la finale anche al Roland Garros juniores e cede in tre set a Tseng Chun-hsin, mentre nel torneo di doppio viene eliminato in semifinale. Sempre in doppio a settembre perde la semifinale anche agli US Open e a ottobre conquista la medaglia d'oro ai Giochi olimpici giovanili in coppia con Facundo Diaz Acosta. Quello stesso mese chiude la sua esperienza tra gli juniores dopo aver vinto in totale sei titoli in singolare e quattro in doppio.[2]

2016-2019, inizi da professionista e primi titoli ITF modifica

La sua prima apparizione tra i professionisti risale al maggio 2016, quando viene eliminato in singolare al primo turno di qualificazione al torneo ITF Futures Argentina F7. Supera le qualificazioni la settimana successiva all'Argentina F8 e viene sconfitto al primo turno del tabellone principale. Impegnato nei tornei juniores, nei primi due anni gioca saltuariamente. Nell'ottobre 2017 con una wildcard debutta nel circuito Challenger con una sconfitta al primo turno a Buenos Aires. L'esordio in doppio avviene nell'aprile 2018 al Futures Turkey F13, raggiunge subito la sua prima finale da professionista e viene sconfitto in coppia con Juan Pablo Paz. Inizia a giocare con continuità nel 2019 e in aprile alza il primo trofeo battendo Agustin Velotti nella finale di un torneo ITF M15 di Buenos Aires. Nel corso della stagione si aggiudicherà altri tre titoli ITF in singolare; a novembre vince i suoi primi due incontri nei Challenger a Montevideo e viene eliminato al terzo turno da Facundo Bagnis.

2020-2021, primi sei titoli Challenger e top 100 modifica

Nel 2020 vince un solo titolo ITF in singolare, a novembre arriva per la prima volta nei quarti di finale in un Challenger e raggiunge il suo miglior ranking a fine stagione, in 309ª posizione. Dirada le presenze in doppio ma in settembre vince il primo titolo di specialità a un ITF M25 di Praga. All'esordio nel 2021 a febbraio vince a Concepción il primo titolo Challenger, non perde alcun set contro Daniel Elahi Galán, Hugo Dellien e Andrej Martin, e in finale supera Francisco Cerúndolo con il punteggio di 6-3, 6-7, 7-6. Con questo risultato fa un balzo di 58 posizioni nel ranking e si piazza alla 254ª. Una settimana dopo fa la sua prima esperienza nel circuito maggiore a Buenos Aires e viene eliminato nelle qualificazioni. Le supera invece al successivo ATP di Santiago e viene sconfitto al primo turno da Holger Rune. Si prende subito la rivincita sul giovane danese al primo turno del Santiago Challenger, raggiunge la finale e vince il secondo titolo di categoria battendo in finale Marcelo Tomás Barrios Vera.

A maggio si aggiudica un altro titolo Challenger allo Zagreb Open con il successo in finale su Juan Pablo Varillas, e a fine torneo fa il suo ingresso nella top 200 del ranking. Fa la prima esperienza in una prova del Grande Slam al Roland Garros e viene eliminato al primo incontro di qualificazione. A giugno perde per la prima volta una finale Challenger a Bratislava contro Tallon Griekspoor. Eliminato nelle qualificazioni a Wimbledon, le supera (come lucky loser) in luglio all'ATP 500 di Amburgo, al primo turno del tabellone principale concede due soli giochi a Corentin Moutet e si ritira prima dell'incontro successivo dopo essere stato trovato positivo a un test sul COVID-19.[3]

Torna a giocare dopo quasi un mese e sfiora la qualificazione agli US Open, sconfitto 8-6 nel tie-break del terzo set nell'incontro decisivo da Christopher Eubanks. Tra settembre e ottobre raggiunge altre quattro finali Challenger, perde quelle di Kiev e del Santiago II e vince quelle del Santiago III e di Buenos Aires, sconfiggendo rispettivamente Felipe Meligeni Alves e Thiago Monteiro. Questi risultati gli valgono il nuovo best ranking alla 112ª posizione. A novembre prende parte alle Next Generation ATP Finals, nel Round Robin si impone su Lorenzo Musetti e Hugo Gaston e viene sconfitto da Sebastian Korda; accede così alla semifinale e perde in tre set contro Carlos Alcaraz, che si aggiudicherà il titolo. Nella finale del successivo Challenger di Campinas supera nuovamente Monteiro, vince il sesto titolo stagionale di categoria e il giorno dopo entra per la prima volta nella top 100.

2022, primo titolo ATP e 31º nel ranking modifica

 
Baez al Masters di Monte Carlo 2022

All'inizio del 2022 continua l'ascesa in classifica prendendo parte ai primi tornei ATP stagionali. Supera le qualificazioni sia al Melbourne Summer Set – uscendo poi al primo turno per mano di Emil Ruusuvuori – che a Sydney, dove raggiunge il secondo turno e viene sconfitto da Lorenzo Sonego. Affronta gli Australian Open come 88º nel ranking mondiale, non deve quindi passare per le qualificazioni e al suo esordio assoluto in una prova del Grande Slam sconfigge in 5 set il nº 44 ATP Albert Ramos Viñolas, al secondo turno cede al quarto set al nº 4 del mondo Stefanos Tsitsipas. A Córdoba raggiunge per la prima volta i quarti di finale in un torneo ATP, supera ai primi turni Fernando Verdasco e il nº 18 del ranking Cristian Garin e viene sconfitto a sorpresa da Alejandro Tabilo. Nella sua Buenos Aires viene nuovamente eliminato al secondo turno da Sonego e a fine torneo si trova al 72º posto mondiale, nuovo best ranking. A fine febbraio disputa al Chile Open la prima finale nel circuito maggiore, supera nuovamente Ramos Viñolas in semifinale e nell'incontro che assegna il titolo viene sconfitto da Pedro Martínez con il punteggio di 6-4, 4-6, 4-6. Con questo risultato guadagna 18 posizioni nel ranking e raggiunge la 60ª.

La settimana successiva fa il suo esordio nella squadra argentina di Coppa Davis e sconfigge Jiří Lehečka nella sfida vinta 4-0 contro la Repubblica Ceca. Disputa i suoi primi incontri in carriera in tornei Masters 1000 a Indian Wells e a Miami e viene eliminato in entrambi al primo turno. Supera le qualificazioni al Masters di Monte Carlo battendo Cecchinato e Majchrzak e perde in tre set al primo turno contro Carreño Busta. Dopo un'altra eliminazione al primo turno a Barcellona, il 1º maggio conquista il primo titolo nel circuito maggiore all'Estoril; supera nell'ordine Sousa, Čilić, Gasquet e in semifinale il campione uscente Ramos-Viñolas. Nell'incontro decisivo ha la meglio con il punteggio di 6-3, 6-2 sul nº 29 del mondo Frances Tiafoe, e a fine torneo porta il best ranking alla 40ª posizione. Eliminato dal nº 3 del mondo Alexander Zverev al secondo turno agli Internazionali d'Italia, perde 5-7 il set decisivo contro Cameron Norrie nei quarti di finale a Lione.

Fa il suo esordio assoluto al Roland Garros battendo Dusan Lajovic e viene poi eliminato al quinto set da Zverev dopo aver vinto i primi due parziali. Con questi risultati porta il best ranking al 34º posto. Esce al secondo turno anche nei tornei sull'erba di Maiorca e di Wimbledon. Disputa la sua terza finale ATP in carriera al successivo ATP 250 di Båstad dopo i successi su Fognini, Davidovich Fokina, su un ritrovato Thiem nei quarti e concedendo solo 6 giochi in semifinale al nº 8 del mondo Rublëv, nella sua prima vittoria su un top 10. Nell'incontro che assegna il titolo cede a Francisco Cerundolo per 6-7, 2-6, risultato con cui sale alla 31ª posizione mondiale. Nei mesi successivi viene sempre eliminato al turno di esordio nei tornei ATP e perde inoltre i tre incontri giocati nella fase a gruppi delle finali di Coppa Davis.

2023, tre titoli ATP e top 30 modifica

Dopo altre tre sconfitte nei primi tornei stagionali, tra cui gli Australian Open, a febbraio vince il secondo titolo ATP a Córdoba con il successo in finale al terzo set su Federico Coria. A fine mese si spinge fino ai quarti all'ATP 500 di Rio de Janeiro e la settimana successiva viene eliminato in semifinale a Santiago del Cile. Raggiunge per la prima volta il terzo turno in un Masters 1000 al Indian Wells. Dà inizio alla trasferta europea spingendosi fino ai quarti all'Estoril, risultato con cui porta il best ranking alla 30ª posizione. Raggiunge il terzo turno anche al Masters di Madrid, la semifinale al Challenger 175 di Torino e i quarti all'ATP di Lione. Arriva quindi una serie di risultati negativi e perde diverse posizioni nel ranking. Si sblocca ad agosto vincendo il titolo a Kitzbühel, dove in semifinale elimina la testa di serie nº 1 Tomás Martín Etcheverry e in finale concede 4 soli giochi a Dominic Thiem.

Torna in campo ad agosto a Winston-Salem e subito si aggiudica un altro titolo, sconfigge in semifinale la testa di serie nº 1 Borna Ćorić e in finale ha la meglio su Jiří Lehečka con il punteggio di 6-4, 6-3. Batte di nuovo Ćorić al primo turno degli US Open e si spinge per la prima volta fino al terzo turno in uno Slam; la sua striscia di 12 vittorie consecutive finisce dopo tre set contro il futuro finalista Daniil Medvedev e a fine torneo porta il best ranking alla 28ª posizione.

Statistiche modifica

Singolare modifica

Vittorie (6) modifica

Legenda
Grande Slam (0)
ATP Finals (0)
ATP Masters 1000 (0)
ATP Tour 500 (1)
ATP Tour 250 (5)
N. Data Torneo Superficie Avversario in finale Punteggio
1. 1º maggio 2022   Estoril Open, Estoril Terra rossa   Frances Tiafoe 6–3, 6–2
2. 12 febbraio 2023   Córdoba Open, Córdoba Terra rossa   Federico Coria 6–1, 3–6, 6–3
3. 5 agosto 2023   Austrian Open, Kitzbühel Terra rossa   Dominic Thiem 6–3, 6–1
4. 26 agosto 2023   Winston-Salem Open, Winston-Salem Cemento   Jiří Lehečka 6–4, 6–3
5. 25 febbraio 2024   Rio Open, Rio de Janeiro Terra rossa   Mariano Navone 6–2, 6–1
6. 3 marzo 2024   Chile Open, Santiago Terra rossa   Alejandro Tabilo 3–6, 6–0, 6–4

Finali perse (2) modifica

Legenda
Grande Slam (0)
ATP Finals (0)
ATP Masters 1000 (0)
ATP Tour 500 (0)
Atp Tour 250 (2)
N. Data Torneo Superficie Avversario in finale Punteggio
1. 27 febbraio 2022   Chile Open, Santiago Terra rossa   Pedro Martínez 6–4, 4–6, 4–6
2. 17 luglio 2022   Swedish Open, Båstad Terra rossa   Francisco Cerúndolo 6(4)–7, 2–6

Tornei minori modifica

Singolare modifica

Vittorie (11) modifica
Legenda tornei minori
Challenger (6)
ITF (5)
N. Data Torneo Superficie Avversario in finale Punteggio
1. 5 maggio 2019   M15 Buenos Aires, Buenos Aires Terra rossa   Agustin Velotti 6–4, 6–0
2. 23 giugno 2019   M15 Tabarka, Tabarka Terra rossa   Alexander Weis 6–2, 6–4
3. 28 luglio 2019   M15 Tabarka, Tabarka Terra rossa   Alexander Weis 6–2, 6–2
4. 13 ottobre 2019   M25 Rio de Janeiro, Rio de Janeiro Terra rossa   Tomás Martín Etcheverry 4–6, 6–4, 4–1 rit.
5. 2 febbraio 2020   M15 Monastir, Monastir Cemento   Gauthier Onclin 6–1, 6–2
6. 21 febbraio 2021   Challenger Concepción, Concepción Terra rossa   Francisco Cerúndolo 6–1, 6–2
7. 21 marzo 2021   Santiago Challenger, Santiago del Cile Terra rossa   Marcelo Tomás Barrios Vera 6–3, 7–6(4)
8. 16 maggio 2021   Zagreb Open, Zagabria Terra rossa   Juan Pablo Varillas 3–6, 6–3, 6–1
9. 17 ottobre 2021   Santiago Challenger III, Santiago del Cile Terra rossa   Felipe Meligeni Alves 3–6, 7–6(6), 6–1
10. 24 ottobre 2021   Challenger de Buenos Aires, Buenos Aires Terra rossa   Thiago Monteiro 6–4, 6–0
11. 21 novembre 2021   Campeonato Internacional de Tênis, Campinas Terra rossa   Thiago Monteiro 6–1, 6–4
Finali perse (6) modifica
Legenda tornei minori
Challenger (3)
ITF (3)
N. Data Torneo Superficie Avversario in finale Punteggio
1. 21 luglio 2019   M15 Tabarka, Tabarka Terra rossa   Enrico Della Valle 6–3, 4–6, 4–6
2. 6 ottobre 2019   M15 Santiago, Santiago del Cile Terra rossa   Juan Manuel Cerúndolo 1–6, 6–2, 3–6
3. 20 settembre 2020   M25 Prague, Praga Terra rossa   Jiří Lehečka 6–3, 3–6, 4–6
4. 13 giugno 2021   Bratislava Open, Bratislava Terra rossa   Tallon Griekspoor 6(8)–7, 3–6
5. 12 settembre 2021   Kyiv Open, Kiev Terra rossa   Franco Agamenone 5–7, 2–6
6. 10 ottobre 2021   Santiago Challenger II, Santiago del Cile Terra rossa   Juan Pablo Varillas 4–6, 5–7

Risultati in progressione modifica

Legenda
 V   F  SF QF #T RR Q#  A  Z# PO  O   F-A  SF-B ND

(V) Torneo vinto; raggiunto (F) finale, (SF) semifinale, (QF) quarti di finale, (#T) turni 4, 3, 2, 1; (RR) round - robin; (Q#) Turno di qualificazione; (A) assente dal torneo; (Z#) Zona gruppo Coppa Davis/Fed Cup (con indicazione numero); (PO) play-off Coppa Davis o Fed Cup; vinto un (O) oro, (F-A) argento o (SF-B) bronzo ai Giochi Olimpici; (ND) torneo non disputato.

Aggiornati a fine ATP Tour 2023.

Singolare modifica

Tornei 2021 2022 2023 Titoli V–S
Tornei Grande Slam
  Australian Open A 2T 1T 0 / 2 1–2
  Open di Francia Q1 2T 1T 0 / 2 1–2
  Wimbledon Q1 2T 1T 0 / 2 1–2
  US Open Q3 1T 3T 0 / 2 2–2
Vittorie-Sconfitte 0-0 3-4 2-4 0 / 8 5–8
Nazionale
  Giochi Olimpici A ND 0 / 0 0–0
  Coppa Davis A PO A 0 / 0 1–0
ATP Cup A A ND 0 / 0 0–0
United Cup ND A 0 / 0 0–0
Vittorie-Sconfitte 0-0 1-0 0-0 0 / 0 1–0
Statistiche Carriera
2021 2022 2023 Totale
Titoli / Finali 0 / 0 1 / 3 3 / 3 4 / 6
Totale V–S 3–3 26–30 31–26 60–59
Ranking fine anno 99 43 28

Vittorie contro giocatori top 10 modifica

Stagione 2022 Totale
Vittorie 1 1
# Giocatore Rank Torneo Superficie Turno Punteggio
2022
1.   Andrej Rublëv 8   Swedish Open, Båstad Terra SF 6–2, 6–4

Note modifica

Altri progetti modifica

Collegamenti esterni modifica