Apri il menu principale
Amenemhat (I)
Amenhet.jpg
Amenemhat I con divinità (08.200.5), dettaglio della figura del re. Metropolitan Museum of Art, New York.
Re dell'Alto e Basso Egitto
Stemma
In carica Medio Regno
Incoronazione 1994 a.C.[1]
Predecessore Mentuhotep (IV) (XI dinastia)
Successore Sesostri (I)
Morte 1964 a.C.[1]
Sepoltura piramide
Luogo di sepoltura necropoli di el-Lisht
Dinastia XII dinastia egizia
Padre Senusret
Madre Nefret
Consorte Nefertitatjenen
Figli Sesostri (salito poi al trono come Sesostri (I), Neferu, Sobekneferu, Dedet, NeferusHerit

Amenemhat I Hor Sehetepibtawy poi Hor Wehem-mesut (... – 1964 a.C.) è stato un faraone appartenente alla XII dinastia egizia.

Indice

BiografiaModifica

Fondatore della XII dinastia, questo sovrano ricoprì quasi sicuramente la carica di visir sotto Mentuhotep IV, ultimo sovrano della dinastia precedente, ricevendo da costui incarichi di notevole importanza. Salì al trono senza avere alcuna particolare legittimazione al rango reale forse sfruttando la mancanza di pretendenti legittimi, probabilmente attraverso l'adozione da parte del suo predecessore.
Anche il Canone Reale sottolinea questo cambio netto di dinastia riportando alla riga 5.19:

()  
 
    
 
  
 
   
 

... ẖnw it t3.wy

[Re] della residenza di Ity Tawy (la nuova capitale che Amenemhat fondò nella regione del Fayyum), a cui fanno seguito le righe riportanti i nomi dei sovrani della XII dinastia.

 
Rovine della piramide di Amenemhat I a el-Lisht
 
schema del recinto funerario di Amenemhat I a el-Lisht

Ad un certo punto del suo regno, forse nel 16º anno (dato che Manetone interpreta, erroneamente, come durata del regno stesso) il sovrano modificò parte della sua titolatura sostituendo il nome Horo con l'epiteto "rinnovatore delle nascite", con evidenti allusioni alla fondazione di una nuova dinastia. Nel 20º anno di regno associò il figlio Sesostri al trono, iniziando una pratica che sarebbe divenuta tradizione per tutta la dinastia ed anche in seguito.

In politica estera Amenemhat operò nelle tre direzioni tradizionali: verso la Nubia, la Libia e la penisola del Sinai. In Nubia il controllo venne portato fino alla seconda cateratta del Nilo. Verso il Sinai, per tenere a bada i predoni nomadi, venne eretto, nel Delta orientale, un complesso sistema di fortificazioni detto il "muro del Principe".

Il fatto che tutte le azioni verso l'esterno siano datate negli ultimi anni del regno porta a ritenere che Amenemhat abbia dovuto dedicare molte delle sue energie nella ristrutturazione dello stato ed anche a riaffermare e consolidare il suo diritto al trono: alcune fonti confermano infatti l'esistenza di altri pretendenti al trono (Kakara Ini, Ibkhenetra e Segerseni) il cui potere si sarebbe limitato alla regione di Coptos ed alla Nubia e che vennero sconfitti dopo alcuni anni di guerra.

Le circostanze della morte di Amenemhat, ucciso da una congiura di palazzo in un momento in cui il figlio Sesostri si trovava impegnato in una campagna militare contro le popolazioni libiche, portano a pensare che esistesse un'opposizione, anche interna alla famiglia reale, alla stabilizzazione della nuova dinastia.
Rilevante testo risalente al regno di questo sovrano è l'opera sapienziale L'insegnamento di Amenemhat per il figlio Sesostri, testamento politico del sovrano (è probabile che alcune parti siano state scritte, o modificate, durante il regno del figlio).

Amenemhat I venne sepolto nel proprio complesso piramidale, nella necropoli di el-Lisht.

FamigliaModifica

Senuseret (Sesostri)

   
 
 
 

s-n-wrt

Il nome del padre di Amenemhat, probabilmente un sacerdote, è noto da una iscrizione rinvenuta nel tempio di Karnak.

Nefret

  
 
 

nfrt

La madre di Amenemhat era originaria di Elefantina.

Nefertitatjenen

  
 
 
  
 
 
 
   
 
 

nfrti -t3-tnn Nefertitatjenen fu la moglie principale, grande sposa reale, di Amenemhat

Neferu (figlia)

   

nfrw

Sobekneferu (figlia)

      

sbk-nfrw

Dedet (figlia)

   

ddt

Neferusherit (figlia)

    
 
  
 

nfrw-šrit

Liste RealiModifica

Lista di Abydos Lista di Saqqara Canone Reale Anni di regno
(Canone reale)
Sesto Africano Anni di regno
(Sesto Africano)
Eusebio di Cesarea Anni di regno
(Eusebio di Cesarea)
Altre fonti:
Sala degli antenati di Karnak
59
 
   
 
  
 

s htp ib rˁ- Sehetepibra

44
 
   
 
  
 

s htp ib rˁ- Sehetepibra

5.20
 
     
 

... p ib .. - [Sehete]pib[ra]

Ammenemes 16 Ammenemes 17
 
   
 
  
 

s htp ib rˁ

TitolaturaModifica

Prima parte del regno


Titolo Traslitterazione Significato Nome Traslitterazione Lettura (italiano) Significato
 
ḥr Horo
  
 
 
 
 
s ḥtp ib t3wy Sehetepibtawy Colui che rende
felici le Due Terre
 
nbty (nebti) Le due Signore
  
 
 
 
s ḥtp ib t3wy Sehetepibtawy Colui che rende
felici le Due Terre
 
ḥr nbw Horo d'oro
   
 
ḥr nbw sm3 Hor nebu sma Il falco d'oro che unifica
 
 
 
 
nsw bjty Colui che regna
sul giunco
e sull'ape
 
   
 
 
s ḥtp ib rˁ Sehetepibra Felice (è)
il cuore di Ra
  
s3 Rˁ Figlio di Ra
 
  
 
  
 
i mn m ḥ3t Amenemhat Amon è davanti
(nel senso di importanza)

Seconda parte del regno

Titolo Traslitterazione Significato Nome Traslitterazione Lettura (italiano) Significato
 
ḥr Horo
    
 
wḥm ms w t Wehem-mesut Rinnovatore delle nascite
 
nbty (nebti) Le due Signore
     
wḥm ms w t Wehem-mesut Rinnovatore delle nascite
 
ḥr nbw Horo d'oro
     
 
ḥr-nbw wḥm-mswt hor-nebu Wehem-mesut Colui che rinnova le nascite
 
 
 
 
nsw bjty Colui che regna
sul giunco
e sull'ape
 
   
   
 
 
s ḥtp ib rˁ Sehetepibra Felice (è)
il cuore di Ra
  
s3 Rˁ Figlio di Ra
 
  
 
  
 
i mn m ḥ3t Amenemhat Amon è davanti
(nel senso di importanza)

Altre datazioniModifica

NoteModifica

  1. ^ a b Cimmino, Franco - Dizionario delle dinastie faraoniche, pag 470
  2. ^ Grimal, Storia dell'Antico Egitto, pag 209
  3. ^ (con John Baines), Atlante dell'antico Egitto, ed. italiana a cura di Alessandro Roccati, Istituto geografico De Agostini, 1980 (ed. orig.: Atlas of Ancient Egypt, Facts on File, 1980)
  4. ^ Chronologie des Pharaonischen Ägypten (Chronology of the Egyptian Pharaohs), Mainz am Rhein: Verlag Philipp von Zabern. (1997)

BibliografiaModifica

  • Cimmino, Franco - Dizionario delle dinastie faraoniche - Bompiani, Milano 2003 - ISBN 88-452-5531-X
  • Gardiner, Alan - La civiltà egizia - Oxford University Press 1961 (Einaudi, Torino 1997) - ISBN 88-06-13913-4
  • Hayes, W.C. - Il Medio Regno in Egitto: dall'ascesa dei sovrani di Herakleopolis alla morte di Ammenemes III - Storia antica del Medio Oriente 1,4 parte seconda - Cambridge University 1971 (Il Saggiatore, Milano 1972)
  • Wilson, John A. - Egitto - I Propilei volume I - Monaco di Baviera 1961 (Arnoldo Mondadori, Milano 1967)
  • Nicolas Grimal, Storia dell'antico Egitto, 9ª ed., Roma-Bari, Biblioteca Storica Laterza, 2011, p. 192, ISBN 978-88-420-5651-5.
  • Elio Moschetti, Mario Tosi, Amenemhat I e Senusert I, Torino, Ananke, 2007, ISBN 978-88-7325-206-1.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN3264242 · ISNI (EN0000 0001 0534 9568 · LCCN (ENnr90006803 · GND (DE118653016 · WorldCat Identities (ENnr90-006803