Apri il menu principale

Sei Nazioni 2012

13ª edizione del Sei Nazioni, 118ª complessiva


Sei Nazioni 2012
Competizione Sei Nazioni
Sport Rugby union pictogram.svg Rugby a 15
Edizione 118ª
Luogo Francia Francia
Irlanda Irlanda
Italia Italia
Regno Unito Regno Unito
Partecipanti 6
Risultati
Vincitore Galles Galles
Grande Slam Galles Galles
Calcutta Cup Inghilterra Inghilterra
Centenary Quaich Irlanda Irlanda
Trofeo Garibaldi Francia Francia
Whitewash Scozia Scozia
Statistiche
Miglior marcatore Galles Leigh Halfpenny (66)
Record mete Irlanda Tommy Bowe (5)
Incontri disputati 15
Pubblico 1 034 926
(68 995 per incontro)
2012-02-11 Rome Olympic Stadium Italy and England lineups.jpg
Italia e Inghilterra schierate allo Stadio Olimpico l'11 febbraio 2012 su un campo innevato
Cronologia della competizione
Left arrow.svg 2011 2013 Right arrow.svg

Il Sei Nazioni 2012 (ingl. 2012 Six Nations Championship, fr. Tournoi des six nations 2012) fu la 13ª edizione del torneo rugbistico che vede annualmente confrontarsi le Nazionali di Francia, Galles, Inghilterra, Irlanda, Italia e Scozia, nonché la 118ª in assoluto considerando anche le edizioni dell'Home Championship e del Cinque Nazioni. Svoltosi dal 4 febbraio al 17 marzo 2012, vide la vittoria del Galles, che conquistò il trofeo con il Grande Slam. Il Whitewash fu appannaggio della Scozia, sconfitta in tutti gli incontri del torneo.

In tale edizione del torneo l'Italia disputò gli incontri interni allo stadio Olimpico di Roma, stante l'inagibilità dello stadio Flaminio per lavori di ampliamento e ristrutturazione[1].

Nazionali partecipanti e sediModifica

CalendarioModifica

1ª giornataModifica

Saint-Denis
4 febbraio 2012, ore 15:30 GMT+1
Francia  30 – 12  ItaliaStade de France (79 563 spett.)
Arbitro:   Nigel Owens

Edimburgo
4 febbraio 2012, ore 17 GMT
Scozia  6 – 13  InghilterraMurrayfield (67 144 spett.)
Arbitro:   George Clancy

Dublino
5 febbraio 2012, ore 15 GMT
Irlanda  21 – 23  GallesAviva Stadium (51 000 spett.)
Arbitro:   Wayne Barnes

2ª giornataModifica

Roma
11 febbraio 2012, ore 17 GMT+1
Italia  15 – 19  InghilterraStadio Olimpico (53 700 spett.)
Arbitro:   Jérôme Garcès

Saint-Denis
4 marzo 2012, ore 15 GMT+1
Francia  17 – 17  IrlandaStade de France (80 000 spett.)
Arbitro:   Dave Pearson

Cardiff
12 febbraio 2012, ore 15 GMT
Galles  27 – 13  ScoziaMillennium Stadium (73 189 spett.)
Arbitro:   Romain Poite

3ª giornataModifica

Dublino
25 febbraio 2012, ore 13:30 GMT
Irlanda  42 – 10  ItaliaAviva Stadium (51 000 spett.)
Arbitro:   Craig Joubert

Londra
25 febbraio 2012, ore 16 GMT
Inghilterra  12 – 19  GallesTwickenham (80 764 spett.)
Arbitro:   Steve Walsh

Edimburgo
26 febbraio 2012, ore 15 GMT
Scozia  17 – 23  FranciaMurrayfield (67 200 spett.)
Arbitro:   Wayne Barnes

4ª giornataModifica

Cardiff
10 marzo 2012, ore 14:30 GMT
Galles  24 – 3  ItaliaMillennium Stadium (73 892 spett.)
Arbitro:   George Clancy

Dublino
10 marzo 2012, ore 17 GMT
Irlanda  32 – 14  ScoziaAviva Stadium (51 000 spett.)
Arbitro:   Chris Pollock

Saint-Denis
11 marzo 2012, ore 16 GMT+1
Francia  22 – 24  InghilterraStade de France (80 895 spett.)
Arbitro:   Alain Rolland

5ª giornataModifica

Roma
17 marzo 2012, ore 13:30 GMT+1
Italia  13 – 6  ScoziaStadio Olimpico (72 354 spett.)
Arbitro:   Alain Rolland

Cardiff
17 marzo 2012, ore 14:45 GMT
Galles  16 – 9  FranciaMillennium Stadium (72 658 spett.)
Arbitro:   Craig Joubert

Londra
17 marzo 2012, ore 17 GMT
Inghilterra  30 – 9  IrlandaTwickenham (80 567 spett.)
Arbitro:   Nigel Owens

ClassificaModifica

Squadra G V N P P+ P- PT
  Galles 5 5 0 0 109 58 51 10
  Inghilterra 5 4 0 1 98 71 27 8
  Irlanda 5 2 1 2 121 94 27 5
  Francia 5 2 1 2 101 86 15 5
  Italia 5 1 0 4 53 121 -68 2
  Scozia 5 0 0 5 56 108 -52 0

Sei Nazioni Under-20Modifica

Il torneo Under-20 fu vinto per la 3ª volta dall'Inghilterra.

NoteModifica

  1. ^ Claudia Voltattorni, Stadio Flaminio addio, il 6 Nazioni trasloca all'Olimpico, 12 luglio 2011. URL consultato il 17 dicembre 2011.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Rugby: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di rugby