Sensibilità (filosofia)

Nicola Abbagnano ha definito la sensibilità in senso filosofico in quattro tipi:

« 1°, L'intera sfera delle operazioni sensibili dell'uomo, comprensiva sia della conoscenza sensibile sia degli appetiti, degli istinti e delle emozioni. 2°, La capacità di ricevere sensazioni e di reagire agli stimoli. Per es., "La S. delle piante". 3°, La capacità di giudizio o di valutazione in un campo determinato. Per es., "S.morale", "S.artistica", ecc. 4°, la capacità di partecipare alle emozioni altrui o di simpatizzare. In questo senso si dice sensibile chi si commuove con gli altri e insensibile chi resta indifferente alle emozioni altrui. »
(N.Abbagnano, Dizionario di filosofia, UTET 1971, p.782)

IntroduzioneModifica

In filosofia la parola ha due significati principali, quello di s.estetica e quello di s.morale. Nel primo caso essa è facoltà concernente l'intuizione della bellezza nell'arte, nella musica e nella poesia, nel secondo si tratta dell'intuizione della moralità e della solidarietà umana.

Storia del termineModifica

Per quanto la storia del concetto di sensibilità si leghi a quello di senso, se ne distingue per il suo valore assiologico rispetto alla neutralità di senso. Tutti provano in qualche misura un senso derivante da azioni di qualcosa o qualcuno dall'esterno sul nostro pensare, ma non tutti sono "sensibili" a ciò, per cui la sensibilità è "misura" della capacità di senso.

Voci correlateModifica

  Portale Filosofia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di filosofia