Senti chi parla

film del 1989 diretto da Amy Heckerling
Senti chi parla
Senti chi parla.png
John Travolta e Kirstie Alley in una scena del film
Titolo originaleLook Who's Talking
Lingua originaleInglese
Paese di produzioneStati Uniti d'America
Anno1989
Durata95 min
Rapporto1,85:1
Generecommedia
RegiaAmy Heckerling
SoggettoAmy Heckerling
SceneggiaturaAmy Heckerling
ProduttoreJonathan D. Krane
Casa di produzioneTriStar Pictures
FotografiaThomas Del Ruth
MontaggioDebra Chiate
MusicheDavid Kitay
Interpreti e personaggi
Doppiatori originali
Doppiatori italiani

Senti chi parla (Look Who's Talking) è un film del 1989 diretto da Amy Heckerling, interpretato da John Travolta e Kirstie Alley.

Il bambino protagonista del film nell'originale inglese ha la voce di Bruce Willis mentre in italiano tale ruolo è stato affidato a Paolo Villaggio.

TramaModifica

Mollie è una donna di trent'anni in carriera che lavora come consulente fiscale a New York. È innamorata di Albert, un suo cliente; l'uomo decide di lasciare la moglie per fidanzarsi ufficialmente con lei. Da un rapporto sessuale in ufficio tra i due, viene concepito Mickey, che pur non essendo ancora nato ha la facoltà di pensare e ragionare e fin da subito non è per nulla entusiasta del padre. Albert sembra felice della gravidanza di lei e insieme fanno grandi progetti. Tuttavia al nono mese, la tradisce e si fidanza con un'arredatrice. Mollie deciderà allora di cavarsela con le proprie forze e di mettersi alla ricerca dell'uomo giusto, che si riveli all'altezza di essere il padre per Mickey, ma ad ogni incontro si imbatte in uomini bizzarri e saccenti, quindi poco adatti a fare da padre a suo figlio e allora vengono liquidati immaginandoli troppo severi un domani. Il neonato nutre una particolare simpatia per James, il tassista che ha aiutato Mollie ad arrivare all'ospedale e che entrerà sempre di più nella vita della piccola famiglia, facendo anche da baby-sitter al bambino e facendosi sempre più valere come valida figura paterna. Mollie in un primo momento gli nasconde la verità sulla nascita di Mickey, dicendogli che il piccolo non ha un padre essendo nato con l'inseminazione artificiale. Ma quando Albert si rifà vivo James scopre la verità e dopo aver avuto una violenta colluttazione con l'uomo litiga con Mollie, che afferma che Albert è il più adatto per essere il padre di Mickey, anche per via dell'avere un vincolo genetico con lui e che James secondo lei è un bambino cresciuto, essendo più giovane di lei e per via dei suoi modi strani di ottenere gratis molte cose. Così decide di far conoscere Mickey a suo padre, ma questi dimostrerà di avere come obiettivo soltanto il rifidanzarsi con Mollie, senza preoccuparsi troppo del figlio e per questo la donna, in preda alla rabbia, sbatte il pannolino sporco sul tavolo del nuovo ufficio dell'uomo e distrugge una statua di vetro. I due si separano definitivamente. Alla fine, Mollie si rende conto che James è veramente il padre giusto per suo figlio, che lo fa capire alla madre dicendo ad alta voce la sua prima parola e cioè "Dadà" (storpiatura di papà) alla vista del giovane quando i due si rincontrano in modo rocambolesco e poi si mettono finalmente insieme. Mickey, che finalmente ha visto realizzato il suo desiderio, per paura di una separazione tra la madre e James come con Albert pensa "Io dovrei cambiarmi il pannolino, ma questa volta qui mi conviene aspettare".

Scena dopo i titoli di codaModifica

Dopo i titoli di coda ci viene mostrata una scena immaginata da Mollie, rappresentante parte della nascita della sorella di Mickey, Julie, che comparirà poi in Senti chi parla 2 e in Senti chi parla adesso!.

ProduzioneModifica

Il film è stato girato a Vancouver, Columbia Britannica; l'appartamento di Mollie è il The Manhattan Housing Co-Op, al 784 di Thurlow Street.

SequelModifica

Il film ha avuto due sequel, usciti rispettivamente nel 1990 e nel 1993:

RiconoscimentiModifica

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema