Sepia apama

specie di mollusco
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Seppia gigante australiana
Sepia apama P1262948.JPG
Stato di conservazione
Status iucn3.1 NT it.svg
Prossimo alla minaccia (nt)[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Superphylum Protostomia
(clade) Lophotrochozoa
Phylum Mollusca
Subphylum Conchifera
Classe Cephalopoda
Sottoclasse Coleoidea
Superordine Decapodiformes
Ordine Sepiida
Famiglia Sepiidae
Genere Sepia
Specie S. apama
Nomenclatura binomiale
Sepia apama
Gray, 1849
Areale

Sepia apama distribution.png

La seppia gigante australiana (Sepia apama Gray, 1849) è un mollusco cefalopode della famiglia Sepiidae, diffuso nelle acque dell'Australia.[1][2]

DescrizioneModifica

Il corpo è di colore arancione con un mantello bruno rossastro in grado di cambiare colore per mimetismo.

BiologiaModifica

Si nutre di pesciolini e piccoli crostacei che prende grazie ai tentacoli che portano al becco.

Può essere preda di squali, foche, leoni marini, mammiferi marini, e uccelli marini pescatori.

Distribuzione e habitatModifica

La specie è un endemismo australiano. Il suo areale si estende dall'Australia meridionale sino a Pointes Cloates nell'Australia occidentale e alla Shoalwater Bay nel Queensland. È presente anche nelle acque circostanti l'Isola di Lord Howe e l'Isola Norfolk.[1]

NoteModifica

  1. ^ a b c (EN) Barratt, I. & Allcock, L. 2012, Sepia apama, su IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2020.2, IUCN, 2020. URL consultato il 16 settembre 2016.
  2. ^ (EN) Finn, J. 2016, Sepia apama, in WoRMS (World Register of Marine Species). URL consultato il 16 settembre 2016.

Altri progettiModifica