Apri il menu principale

Sequenza (liturgia)

componimento poetico musicale liturgico

Nella liturgia cattolica, la sequenza, spesso chiamata anche col suo nome latino sequentia, è un componimento poetico musicale liturgico che veniva recitato o cantato nella celebrazione eucaristica solenne prima della proclamazione del Vangelo.
Dal punto di vista letterario, la sequenza rappresenta la prima forma di testo rimato, all'origine di tutte le forme poetiche moderne.

La sequenza appartiene al proprio della messa: il suo testo quindi varia a seconda dell'occasione liturgica celebrata. Viene recitata (o cantata) al termine della seconda lettura mentre l'assemblea rimane seduta fino al suo termine e all'Alleluia che acclama al Vangelo si ci alza.

Indice

OrigineModifica

La sequenza è un canto liturgico che nasce nel IX secolo. La sua origine è da ricercare nella prassi musicale dei monasteri francesi occidentali[1], specie in quello dell'abbazia di Jumièges (Normandia).
Notker Balbulus nel suo Liber hymnorum (raccolta di sequenze) racconta che i suoi monaci di san Gallo, per meglio ricordare le lunghissime melodie senza testo proprie degli alleluia gregoriani, avevano preso l'abitudine di inserire un testo (prosa) alla melodia, trasformandola in canto sillabico. Questi canti vennero in seguito inseriti nella liturgia della Messa, trovando la loro naturale collocazione dopo il canto dell'alleluia, prolungandone lo jubilus.

La soppressioneModifica

La sequenza ebbe in quei secoli un'enorme popolarità, sia in ambito monastico che secolare. Ogni comunità possedeva un proprio repertorio (si arrivò ad averne addirittura 5000 distinte) generalmente di autori anonimi. Nel XVI secolo, con la riforma del concilio di Trento, venne emesso un divieto di usare tropi e sequenze nella liturgia, ad eccezione di sole quattro ricorrenze (la Sequenza dell'Addolorata fu in un primo tempo soppressa e poi ripristinata):

Queste cinque sequenze sono previste nel Messale vigente[2].

Alcuni ordini religiosi hanno mantenuto anche altre sequenze come Laeta Dies per la Festa di S. Benedetto (Benedettini), Laetabundus per il Natale (Domenicani), Sanctitatis nova signa per la Festa di san Francesco (Francescani).
Anche queste ultime sono rimaste presenti nel nuovo testo della Messa seguito alla riforma liturgica anticipata nel Concilio Vaticano II, e possono essere recitate in italiano o in latino dal sacerdote solo o alternato al popolo.

Testo e musicaModifica

Il testo delle prosae era modellato sulla lunghezza delle melodie, che venivano suddivise in coppie per permettere l'esecuzione a cori alternati. Divennero poi composizioni a strofe, molto simili all'inno, ritmicamente impostate sull'accento, sul numero delle sillabe e sulla rima. Non seguivano più la metrica latina classica, ma una nuova struttura, con versi trocaici - vale a dire accentati `_`_`_`_, come il moderno ottonario - e soprattutto rimati.

Il termine significava inizialmente "melodia in aggiunta all'alleluia" (alleluia cum sequentia), in seguito si aggiunse un testo e divenne sequentia cum prosa.

Al canto gregoriano non appartengono, essendo tardive, al repertorio autentico e sono composte in genere salmodico sillabico.

Queste poesie sono tra i testi sacri più musicati: quasi tutti i compositori classici si sono cimentati con esse.

NoteModifica

  1. ^ B. Baroffio osb, Musicus et cantor, Seregno, 1998.
  2. ^ Nozioni sul rito della Messa secondo il Messale Romano, su sanpiox.it, Fraternità sacerdotale San Pio X, 14 ottobre 2018. URL consultato il 26 marzo 2019 (archiviato il 26 marzo 2019).

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàLCCN (ENsh85120144 · GND (DE4181026-0 · BNF (FRcb13319653q (data)
  Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica