Apri il menu principale

Sergio Albelli (Pescia, 5 ottobre 1965) è un attore italiano.

Indice

BiografiaModifica

Nel 1986 viene ammesso alla scuola di recitazione del Teatro Stabile di Genova dove si diploma col massimo dei voti nel 1989. Nello stesso anno debutta nel Tito Andronico di William Shakespeare per la regia di Peter Stein. Nei successivi dieci anni si dedica quasi esclusivamente al teatro entrando a far parte sia di compagnie pubbliche, Teatro Verdi di Pisa (Una Città Proletaria), Teatro Stabile di Genova (Tito Andronico), Teatro Due di Parma (La tragedia spagnola, Lungo Pranzo di Natale), Teatro Stabile di Torino (La scuola delle mogli), che di compagnie private (Come le foglie, La Celestina).

Dal 2000, dopo la partecipazione al film Il mandolino del capitano Corelli, regia di John Madden, inizia a lavorare prevalentemente per il cinema e la televisione. Nel 2001 entra a fare parte come co-protagonista del cast della serie tv Carabinieri di cui gira la prima e la seconda serie nel ruolo di Gigante. Lavora poi da co-protagonista per altre serie tv tra cui Codice rosso, Il mostro di Firenze, I cerchi nell'acqua. Al cinema si alterna in film drammatici (El Alamein - La linea del fuoco) e commedie (Voce del verbo amore, Aspettando il Sole, Una canzone per te). La conoscenza dell'inglese gli permette di essere attivo anche su set internazionali. Tra le interpretazioni più significative degli ultimi anni quella del partigiano Rodolfo in Miracolo a Sant'Anna di Spike Lee e Mario Michelucci ne La prima cosa bella di Paolo Virzì, con le quali riceve l'attenzione di critica e pubblico. Lo stesso Virzì lo chiama a lavorare nel suo primo spettacolo teatrale Se non ci sono altre domande, dove è co-protagonista accanto a Silvio Orlando e Roberto Citran. Nel 2013 partecipa all'ultimo progetto di Ivan Cotroneo Una mamma imperfetta per la regia di Stefano Chiantini, una fiction pensata per il web, trasmessa sul sito del Corriere della Sera.

È protagonista del cortometraggio La casa di Ester a fianco di Cecilia Dazzi, per la regia di Stefano Chiodini, vincitore del Globo d'Oro 2012.

Nel 2015 appare in una scena del film Il giovane favoloso del regista Mario Martone.

FilmografiaModifica

CinemaModifica

CortometraggiModifica

TelevisioneModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie