Apri il menu principale

Serie A 1974-1975 (rugby a 15)

45º campionato italiano di rugby a 15 di prima divisione
Serie A 1974-1975
Competizione Serie A
Sport Rugby union pictogram.svg Rugby a 15
Edizione 45ª
Organizzatore Federazione Italiana Rugby
Date dal 29 settembre 1974
al 20 aprile 1975
Luogo Italia
Partecipanti 12
Formula Girone unico
Risultati
Vincitore Brescia
(1º titolo)
Secondo L’Aquila
Retrocessioni CUS Roma
CUS Genova
Statistiche
Miglior marcatore Galles David Cornwall (151)
Record mete Inghilterra Dick Greenwood (19)
Rugby Brescia 1975.jpg
Una formazione del Brescia campione d'Italia
Cronologia della competizione
Left arrow.svg Serie A 1973-1974 Serie A 1975-1976 Right arrow.svg

La Serie A 1974-75 fu il 45º campionato nazionale italiano di rugby a 15 di prima divisione.

Disputatosi tra 12 squadre che si affrontarono a girone unico, vide il ritorno in serie A del Parma e la migrazione dello sponsor Intercontinentale dal CUS Roma al Frascati[1].

A vincere il titolo nazionale fu, per la prima e a tutt'oggi unica volta, il Brescia guidato in terza linea da Marco Bollesan[1][2]; i lombardi furono quindi l'undicesimo club a iscrivere il proprio nome nell'albo d'oro del campionato; dopo di allora si dovettero attendere 27 stagioni per vedere di nuovo un club vincere il suo primo scudetto, il Viadana nel 2001-02. Il Brescia vinse il titolo imponendosi di un punto su L’Aquila, dopo avere sorpassato la squadra abruzzese alla penultima giornata battendola nell'incontro diretto per 8-7.

Il CUS Genova che, solo due stagioni prima, nel 1972-73 era giunto secondo a un punto dal Petrarca campione, retrocesse perdendo 22 incontri su 22 e finendo penalizzato di un ulteriore punto per aver rinunciato a scendere in campo in un incontro con l'Amatori Catania[1]. Insieme al CUS Genova retrocedette anche il CUS Roma.

Squadre partecipantiModifica

RisultatiModifica

  1ª/12ª giornata  
9-12 Rugby Roma - Parma 12-6
40-3 Brescia - Amatori Catania 15-12
6-19 Frascati - Petrarca 3-16
10-6 Treviso - L'Aquila 15-26
30-13 Rovigo - Fiamme Oro 12-10
9-15 CUS Genova - CUS Roma 3-21
 
  4ª/15ª giornata  
0-7 Amatori Catania - Petrarca 3-30
24-9 Parma - CUS Genova 35-0
3-23 CUS Roma - Brescia 0-19
15-9 Fiamme Oro - Treviso 16-13
15-12 Frascati - Rugby Roma 16-0
3-3 Rovigo - L'Aquila 12-12
 
  7ª/18ª giornata  
6-20 CUS Roma - Rugby Roma 6-22
7-13 Amatori Catania - L'Aquila 0-29
18-4 Parma - Rovigo 9-19
3-6 CUS Genova - Brescia 4-46
24-6 Frascati - Treviso 0-20
3-12 Petrarca - Fiamme Oro 12-6
 
  10ª/21ª giornata  
95-6 Rugby Roma - CUS Genova 40-12
3-3 Fiamme Oro - Parma 12-16
26-12 Frascati - CUS Roma 30-3
13-9 L'Aquila - Brescia 7-8
19-4 Treviso - Amatori Catania 9-17
10-8 Rovigo - Petrarca 6-6
  2ª/13ª giornata  
12-0 Amatori Catania - Frascati 0-18
3-16 Parma - Brescia 6-17
13-15 CUS Roma - Treviso 15-16
39-15 L'Aquila - Fiamme Oro 16-3
23-6 Petrarca - CUS Genova 21-0
7-25 Rovigo - L'Aquila 15-16
 
  5ª/16ª giornata  
22-3 Rugby Roma - Treviso 19-7
12-6 Amatori Catania - Rovigo 4-35
26-3 Brescia - Fiamme Oro 7-9
3-6 CUS Genova - Frascati 7-56
15-7 L'Aquila - Parma 6-0
18-14 Petrarca - CUS Roma 39-6
 
  8ª/19ª giornata  
17-32 Rugby Roma - Petrarca 10-10
41-4 Parma - Amatori Catania 6-7
9-3 Fiamme Oro - CUS Roma 11-6
16-3 L'Aquila - CUS Roma 13-9
6-6 Treviso - Brescia 13-22
34-3 Rovigo - CUS Genova 41-0
 
  11ª/22ª giornata  
12-10 Amatori Catania - Fiamme Oro 3-27
10-3 Parma - Frascati 4-10
24-6 Brescia - Rugby Roma 19-12
12-13 CUS Genova - Treviso 4-33
6-12 CUS Roma - Rovigo 16-51
3-4 Petrarca - L'Aquila 6-10
  3ª/14ª giornata  
16-9 Rugby Roma - L'Aquila 6-10
12-6 Brescia - Frascati 3-3
6-16 CUS Genova - Amatori Catania 0-6[3]
19-9 Fiamme Oro - CUS Roma 9-12
4-10 Treviso - Rovigo 6-19
13-0 Petrarca - Parma 0-4
 
  6ª/17ª giornata  
3-16 Brescia - Petrarca 12-12
21-0 CUS Roma - Amatori Catania 13-20
22-28 Fiamme Oro - Rugby Roma 9-17
60-0 L'Aquila - CUS Genova 20-3
20-8 Treviso - Parma 16-31
14-0 Rovigo - Frascati 19-14
 
  9ª/20ª giornata  
0-17 Amatori Catania - Rugby Roma 6-32
11-3 Brescia - Rovigo 6-4
6-19 CUS Genova - Fiamme Oro 8-86
10-0 CUS Roma - Parma 7-29
10-6 Frascati - L'Aquila 6-49
26-0 Petrarca - Treviso 4-13

ClassificaModifica

Squadra G V N P PF PS Pt
  1. Brescia 22 16 3 3 350 147 35
2. L’Aquila 22 16 2 4 382 151 34
3. Rugby Roma 22 14 1 7 453 252 29
4. Petrarca 22 13 3 6 324 145 29
5. Rovigo 22 13 3 6 366 202 29
6. Parma 22 10 1 11 272 212 21
7. Fiamme Oro 22 10 1 11 338 290 21
8. Frascati 22 10 1 11 261 247 21
9. Treviso 22 9 1 12 266 319 19
10. Amatori Catania 22 8 0 14 148 394 16
  11. CUS Roma 22 5 0 17 220 409 10
  12. CUS Genova[4] 22 0 0 22 104 716 -1

VerdettiModifica

NoteModifica

  1. ^ a b c Volpe, pag. 51.
  2. ^ Il Concordia vince a Roma e conquista il titolo n. 1 (PDF), in l'Unità, 21 aprile 1975, p. 10. URL consultato il 5 agosto 2019.
  3. ^ Per decisione del Giudice Sportivo a seguito di rinuncia del CUS Genova
  4. ^ Un punto di penalizzazione dal Giudice Sportivo

BibliografiaModifica

  • Francesco Volpe, Paolo Pacitti, Rugby 2009, Roma, ZESI, 2008.


  Portale Rugby: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di rugby