Sernaglia della Battaglia

comune italiano
Sernaglia della Battaglia
comune
Sernaglia della Battaglia – Stemma Sernaglia della Battaglia – Bandiera
Sernaglia della Battaglia – Veduta
La chiesa di Santa Maria Assunta e il campanile
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneCoat of Arms of Veneto.png Veneto
ProvinciaProvincia di Treviso-Stemma.png Treviso
Amministrazione
SindacoMirco Villanova (Lega Nord - lista civica) dal 27-5-2019
Territorio
Coordinate45°53′N 12°08′E / 45.883333°N 12.133333°E45.883333; 12.133333 (Sernaglia della Battaglia)
Altitudine117 m s.l.m.
Superficie20,15 km²
Abitanti6 075[2] (28-2-2022)
Densità301,49 ab./km²
FrazioniFalzè di Piave, Fontigo, Villanova[1]
Comuni confinantiFarra di Soligo, Giavera del Montello, Moriago della Battaglia, Nervesa della Battaglia, Pieve di Soligo, Susegana, Volpago del Montello
Altre informazioni
Cod. postale31020
Prefisso0438
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT026080
Cod. catastaleI635
TargaTV
Cl. sismicazona 2 (sismicità media)[3]
Cl. climaticazona E, 2 416 GG[4]
Nome abitantisernagliesi
Patronosan Valentino
Giorno festivo14 febbraio
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Sernaglia della Battaglia
Sernaglia della Battaglia
Sernaglia della Battaglia – Mappa
Il territorio comunale nella provincia di Treviso.
Sito istituzionale

Sernaglia della Battaglia (Sernaja in veneto) è un comune italiano di 6 075 abitanti della provincia di Treviso in Veneto.

È gemellato con il comune francese di Clécy.

Geografia fisicaModifica

Il territorio comunale si estende nell'area centromeridionale del Quartier del Piave, di fronte al Montello. La zona è pressoché pianeggiante, con altitudini che variano dagli 89 ai 129 m s.l.m. andando dall'estremità sudorientale all'estremità settentrionale.

Corso d'acqua principale è indubbiamente il Piave che segna il confine sud. Il letto del fiume scorre qualche metro più in basso rispetto ai terreni circostanti, formando una sorta di scarpata boscosa di notevole interesse naturalistico. Altro importante fiume è il Soligo, che limita il comune a est, mentre ben più modesti sono alcuni affluenti del Piave quali il Rosper e il Raboso. Nella zona nordorientale, inoltre, si estendono i palù, ambienti umidi tipici dell'alto trevigiano.

StoriaModifica

Le origini del Comune sono antiche: nella frazione di Falzè, antico porto sul Piave e centro di interessi scambi commerciali, sono stati rinvenuti reperti risalenti agli eneolitici e ai paleoveneti e non mancano, nel resto del territorio, tracce della presenza romana.

Col declino della Serenissima Repubblica di Venezia, sotto la cui signoria rimase fino al 1797, seguì come tutto il Veneto, all'occupazione francese, poi da quella austriaca e dall'annessione al Regno d'Italia nel 1866. Le tristi condizioni di vita della popolazione, aggravate dalle due guerre mondiali, hanno determinato durante il XX secolo un massiccio esodo, che diede la possibilità, per coloro che restarono, di ricevere le rimesse dai concittadini all'estero, fondamentali per investire nelle imprese. Nacquero numerose iniziative private di piccoli imprenditori che fecero uscire il paese dalla realtà rurale.[5]

OnorificenzeModifica

  Medaglia d'oro al merito civile
«Cittadina strategicamente importante lungo la linea del Piave, durante il primo conflitto mondiale, subì l'occupazione militare austro - ungarica e la totale distruzione dell'abitato. La popolazione, duramente colpita da lutti e violenze, costretta allo sfollamento e all'abbandono di tutti i beni personali, seppe dimostrare una grande fama d'animo nel soccorrere coloro che si trovavano in stato di bisogno. I sopravvissuti diedero prova di incrollabile volontà, reagendo agli orrori della guerra, con il ritorno nelle proprie terre e con l'inizio della difficile fase della ricostruzione. Ammirevole esempio di spirito di sacrificio ed amor patrio[6]
— 1915 -1918 Sernaglia della Battaglia (TV)

Monumenti e luoghi d'interesseModifica

EconomiaModifica

L'economia si basa sull'agricoltura, sull'allevamento. Alcune piccole-medie imprese hanno dato luogo alla formazione di aree industriali e artigianali, con un primato che spetta alla produzione di mobili d'arredamento.

SocietàModifica

Evoluzione demograficaModifica

Abitanti censiti[7]

Etnie e minoranze straniereModifica

Al 31 dicembre 2017 gli stranieri residenti nel comune erano 557, ovvero il 9,0% della popolazione. Di seguito sono riportati i gruppi più consistenti[8]:

  1. Marocco 179
  2. Macedonia del Nord 101
  3. Romania 49
  4. Bangladesh 47
  5. Cina 39
  6. Albania 23

Infrastrutture e trasportiModifica

Nel 1913 il paese divenne sede di una fermata della tranvia Susegana-Pieve di Soligo, concessa alla Società Veneta e soppressa formalmente nel 1931. Gravemente danneggiata durante la prima guerra mondiale, la stessa venne provvisoriamente trasformata in ferrovia militare e prolungata fino a Revine Lago.

AmministrazioneModifica

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
......1975 ......1980 Lino Zecchinon DC Sindaco[9]
......1980 ......1985 Roberto Spironelli DC Sindaco
29 luglio 1985 6 luglio 1990 Rolando Camilli DC Sindaco
6 luglio 1990 24 aprile 1995 Lamberto Pillonetto DC Sindaco
24 aprile 1995 14 giugno 1999 Lamberto Pillonetto lista civica Sindaco
14 giugno 1999 14 giugno 2004 Giovanni Balliana centro Sindaco
14 giugno 2004 8 giugno 2009 Giovanni Balliana Lega Nord-Liga Veneta Sindaco
8 giugno 2009 26 maggio 2014 Sonia Fregolent Lega Nord - altre Sindaco
26 maggio 2014 27 maggio 2019 Sonia Fregolent Lega Nord - civica Sindaco
27 maggio 2019 in carica Mirco Villanova Lega Nord - civica Sindaco

Altre informazioni amministrativeModifica

L'appellativo "della Battaglia" fu aggiunta all'originale denominazione "Sernaglia" nel 1924, in riferimento agli eventi della Grande Guerra[10].

NoteModifica

  1. ^ Comune di Sernaglia della Battaglia - Statuto; a Villanova, benché considerata dall'ISTAT semplice nucleo abitato, "sono riconosciute, in ordine alla applicazione di quanto disposto dal presente statuto, le prerogative proprie delle frazione".
  2. ^ Bilancio demografico anno 2022 (dati provvisori), su demo.istat.it, ISTAT.
  3. ^ Classificazione sismica (XLS), su rischi.protezionecivile.gov.it.
  4. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile, 1º marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012 (archiviato dall'url originale il 1º gennaio 2017).
  5. ^ Storia del Comune, su comune.sernaglia.tv.it. URL consultato il 5 marzo 2022..
  6. ^ Medaglia d'oro al merito civile - Comune di Sernaglia della Battaglia, su quirinale.it, Quirinale. URL consultato il 19 febbraio 2011.
  7. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  8. ^ Bilancio demografico e popolazione residente straniera al 31 dicembre 2017 per sesso e cittadinanza, su demo.istat.it, ISTAT. URL consultato il 1º agosto 2018.
  9. ^ Tradito da un virus al cuore, su ricerca.gelocal.it, 13 febbraio 2009..
  10. ^ Fonte: ISTAT - Unità amministrative, variazioni territoriali e di nome dal 1861 al 2000 - ISBN 88-458-0574-3

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN238801494 · WorldCat Identities (ENviaf-238801494