Apri il menu principale
Servino
SiglaSRV
RangoFormazione
Caratteristiche litologiche
LitologiaCalcari, marne, dolomia, siltiti
Spessore e variazionida alcune decine di metri a 300 m
Etàinduano olenekiano
Ambiente di formazioneTidale trasgressivo
Rapporti stratigrafici
Formazione sovrastanteCarniola di Bovegno, Formazione di Bellano
Formazione sottostanteVerrucano Lombardo, Basamento metamorfico
Formazione eteropicaFormazione di Werfen
Unità strutturale di appartenenzaDominio Sudalpino
Localizzazione unità
AutoreBrocchi, 1808
Sezione tipoPasso Valdì

Servino è il nome dato ad una formazione geologica costituita da una caratteristica successione di sedimenti, da transizionali a marini, che affiora tipicamente nelle Alpi meridionali lombarde.

Descrizione e ambiente sedimentarioModifica

L'unità è suddivisibile in vari membri, per lo più informali, in cui si possono ritrovare alcune caratteristiche dominanti:

  • Membro di Prato Solaro, composto da conglomerati fini rosati e subarkose biancastre. Per questo membro è stata proposta la formalizzazione [1]
  • Calcare di Praso, composto da alternanze di dolomie giallastre e siltiti
  • Membro di Ca' san Marco, composto da quarzareniti e subarkose, alternate a siltiti e dolomie. Presenza di laminazioni da ambiente tidale e bioturbazione
  • Calcari oolitici a gasteropodi, composto da calcareniti rosate, spesso dolomitizzate con abbondante presenza di ooliti.
  • Membro di Acquaseria, formato da arkose, si rinviene principalmente sul lago di Como, nell'area compresa tra Bellano e Acquaseria
  • Strati a Myophoria, calcari bioclastici ed oolitici spesso dolomitizzati.
  • Membro superiore, alternanze di siltiti, marne e dolomie marnose.

Lo spessore totale della formazione varia dai 150 m fino ai 300 m nella zona del lago di Como. Gli spessori minimi (alcune decine di metri) si rinvengono nell'area di Campione d'Italia. In base agli strati riconosciuti è possibile interpretare l'ambiente di deposizione come ambiente tidale trasgressivo con moderati apporti di delta-conoidi.

Rapporti stratigrafici e datazioneModifica

Il Servino rappresenta la trasgressione marina con cui inizia la sedimentazione triassica nel sudalpino. L'unità sottostante al Servino è il Verrucano Lombardo, di età permiana, e localmente (nell'area ad ovest del lago di Como) con il basamento metamorfico. Il contatto è paraconcordante e on-lap con il basamento[2]. Il limite superiore della formazione presenta un passaggio graduale con la Carniola di Bovegno e un contatto erosionale con la Formazione di Bellano. Ad est si trova, tramite il sistema giudicariense la formazione di Werfen

NoteModifica

  1. ^ Sciunnach D., Garzanti E. & Confalonieri M.P. (1996) - Stratigraphy and petrography of Upper Permian to Anisian terrigenous wedges (Verrucano Lombardo, Servino and Bellano Formations; western Southern Alps). Riv. It. Paleont. Strat, 102: 27-48, 12 figg., 2 tab., Milano.
  2. ^ Sciunnach D., Garzanti E., Posenato R. & Rodeghiero F. (1999) - Stratigraphy of the Servino Formation (Lombardy, Southern Alps): towards a refined correlation with the Werfen Formation of the Dolomites. Mem. Sc. Geol., 51: 103-118, 10 figg., 2 tab., Padova.

Collegamenti esterniModifica

  Portale Scienze della Terra: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di scienze della Terra