Sesto Atilio Serrano

Console romano nel 136 a.C.
Sesto Atilio Serrano
Nome originaleSextus Atilius Serranus
GensAtilia
Consolato136 a.C.

Sesto Atilio Serrano [1] (in latino: Sextus Atilius Serranus; ... – ...) è stato un politico romano.

BiografiaModifica

Serrano fu eletto console nel 136 a.C. con Lucio Furio Filo; non ci sono riportati eventi memorabili del suo consolato. Viene menzionato da Cicerone nel De officiis [2] e nelle epistole ad Attico [3].

L'anno successivo fu probabilmente proconsole della Gallia Cisalpina; il suo nome viene ricordato perché in tale anno fissò i confini tra le città venete di Vicenza ed Ateste.

Magistrato monetarioModifica

Denario
 
Testa elmata di Roma; dietro X, segno di valore Vittoria su biga; S A R sotto, ROMA in esergo
AR; 18mm; 3,79 g

A Sesto Atilio Serrano è attribuita una emissione, databile nel 155 a.C. composta da un denario e da cinque monete in bronzo dall'asse al sestante[4][5]. La serie è caratterizzata al rovescio dalle lettere SAR, a volte in nesso[4]. Il denario ha al dritto la testa elmata della dea Roma e al rovescio una biga condotta dalla Vittoria.

NoteModifica