Apri il menu principale
Shōta Iizuka
Shōta Iizuka Rio2016.jpg
Shōta Iizuka a Rio de Janeiro 2016
Nazionalità Giappone Giappone
Altezza 185 cm
Peso 78 kg
Atletica leggera Athletics pictogram.svg
Specialità Velocità
Record
100 m 10"08 (2017)
200 m 20"11 (2016)
Carriera
Nazionale
2011-Giappone Giappone
Palmarès
Giochi olimpici 0 1 0
Mondiali 0 0 1
Giochi asiatici 1 1 1
Giochi dell'Asia orientale 1 1 0
Universiadi 0 1 1
Mondiali under 20 1 0 0
Per maggiori dettagli vedi qui
Statistiche aggiornate al 31 agosto 2017

Shōta Iizuka (飯塚 翔太 Iizuka Shōta?; Omaezaki, 25 giugno 1991) è un velocista giapponese.

BiografiaModifica

La prima partecipazione in campo internazionale avviene ai mondiali juniores di Moncton 2010; qui ottiene dapprima l'oro nei 200 m piani con il tempo di 20"67 e successivamente arriva quarto in 39"89 nella staffetta 4×100 metri.

Il 16 agosto 2013, ai campionati del mondo di Mosca, è eliminato nella semifinale dei 200 metri piani chiudendo penultimo in batteria con un tempo di 20"61. Due giorni dopo arriva sesto nella staffetta 4×100 metri con una prestazione di 38"39, insieme ai compagni di squadra Yoshihide Kiryū, Kenji Fujimitsu e Kei Takase.

L'agosto del 2016 rappresenta il Giappone ai Giochi olimpici di Rio de Janeiro. Il 16 agosto sfiora il passaggio alle semifinali dei 200 metri fermando il cronometro a 20"49, dietro a Salem Eid Yaqoob (20"19), Ramil Guliyev (20"23) e Aaron Brown (20"23). Durante l'ultima giornata della rassegna a cinque cerchi conquista la medaglia d'argento con la staffetta giapponese, composta anche da Ryōta Yamagata, Yoshihide Kiryū e Asuka Cambridge, nella prova della 4×100 metri, con un nuovo record asiatico di 37"60.

Ai mondiali di Londra 2017 si cimenta sui 200 m piani e sulla 4×100 m; nella prova individuale sfiora di poco il passaggio in finale correndo in 20"62, preceduto da Isiah Young (20"12), Isaac Makwala (20"14), Nethaneel Mitchell-Blake (20"19) e David Lima (20"56). La staffetta riserverà tuttavia al giapponese una consolazione: in una gara contrassegnata da un clamoroso infortunio del giamaicano Usain Bolt in ultima frazione,[1] Iizuka conquista la medaglia di bronzo in 38"04 con la staffetta giapponese, formata oltra a lui da Shūhei Tada, Yoshihide Kiryū e Kenji Fujimitsu, alle spalle di Regno Unito (37"47) e Stati Uniti (37"52).

Record nazionaliModifica

SenioresModifica

ProgressioneModifica

100 metri pianiModifica

Stagione Tempo Luogo Data Rank. Mond.
2017 10"08   Tottori 4-6-2017
2013 10"22   Tokyo 6-9-2013
2012 10"35   Osaka 8-6-2012
2010 10"45   Chiba 2-10-2010
2009 10"38   Niigata 2-10-2009

200 metri pianiModifica

Stagione Tempo Luogo Data Rank. Mond.
2017 20"40   Osaka 24-6-2017
2016 20"11   Nagoya 26-6-2016
2015 20"42   Niigata 26-6-2015
2014 20"39   Fukuroi 3-5-2014
2013 20"21   Fukuroi 3-5-2013
2012 20"45   Osaka 10-6-2012
2011 20"64   Kumagaya 11-6-2011
2010 20"58   Fukuroi 3-5-2010
2009 21"01   Nara 1-8-2009
2008 21"32   Shizuoka 11-5-2008

PalmarèsModifica

Anno Manifestazione Sede Evento Risultato Prestazione Note
2010 Mondiali juniores   Moncton 200 m piani   Oro 20"67
4×100 m 39"89
2011 Campionati asiatici   Kōbe 200 m piani 21"10
Universiade   Shenzhen 200 m piani Semifinale 21"02
4×100 m Batteria sq
2012 Giochi olimpici   Londra 200 m piani Batteria 20"81
4×100 m 38"35
2013 Universiade   Kazan' 200 m piani   Bronzo 20"33
4×100 m   Argento 39"12
Mondiali   Mosca 200 m piani Semifinale 20"61
4×100 m 38"39
Giochi dell'Asia orientale   Tientsin 200 m piani   Argento 21"01
4×100 m   Oro 38"44  
2014 IAAF World Relays   Nassau 4×100 m 38"40
Giochi asiatici   Incheon 200 m piani 20"87
4×100 m   Argento 38"49
4×400 m   Oro 3'01"88  
2016 Giochi olimpici   Rio de Janeiro 200 m piani Batteria 20"49
4×100 m   Argento 37"60  
2017 Mondiali   Londra 200 m piani Semifinale 20"62
4×100 m   Bronzo 38"04  
2018 Giochi asiatici   Giacarta 200 m piani 20"68
4x400 m   Bronzo 3'01"94

NoteModifica

  1. ^ Nazareno Orlandi, Atletica, Mondiali: Bolt non è un gran finale: s'infortuna all'ultima corsa (La Gazzetta dello Sport), 12 agosto 2017. URL consultato il 10 settembre 2017.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica