Apri il menu principale

Shebitqo

faraone egizio
(Reindirizzamento da Shabataka)
Shenitqo
Shebitku’s statue (Nubian Museum).jpg
Statua di Shebitqo al Museo nubiano
Signore dell'Alto e del Basso Egitto
Stemma
In carica 707 a.C.[1] –
690 a.C.
Predecessore Shabaka
Successore Taharqa
Morte 690 a.C.
Dinastia XXV dinastia egizia
Padre Pianki
Coniugi Arti
Kalhat
Figli Tanutamani

Shebitqo (... – 690 a.C.) è stato un faraone della XXV dinastia egizia.

BiografiaModifica

Figlio di Piankhi; con Shabataka, e con il suo successore Taharqa, la XXV dinastia visse la sua fase di massimo splendore e potere.
Nei suoi, circa, dodici anni di regno (Sesto Africano gliene attribuisce quattordici, Eusebio di Cesarea dodici mentre la data più alta attestata a livello archeologico è il 3° anni di regno) governò quasi tutto l'Egitto ad esclusione di alcuni principati autonomi della regione del delta del Nilo.
Durante il suo regno l'Egitto riprese ad avere un ruolo nella politica internazionale del Medio Oriente. Per tentare di contrastare la pressione espansionistica assira l'Egitto entrò a far parte, ancora una volta, della coalizione tra i regni di Giuda e di Israele e le città di Ascalon e Sidone.
L'esercito della coalizione, rafforzato da un contingente egizio al comando del fratello del sovrano, Taharqa, venne sconfitto da Sennacherib ad Ashdod e, solo una rivolta in Babilonia, prima, ed un'epidemia, dopo, impedirono al sovrano assiro di attaccare direttamente l'Egitto.

In politica interna Shabataka cercò di rafforzare il potere regio esautorando i vari principi locali, minandone il potere attraverso l'incameramento dei loro beni.
Tracce dell'attività edilizia di Shabataka sono reperibili a Tebe (cappella del lago sacro e rilievi a Luxor), a Menfi e nell'oasi di Kawa.
La notizia, riportata da Manetone (e giuntaci attraverso i suoi epitomatori) che il sovrano sarebbe stato assassinato dal fratello Taharqa sembra essere priva di conferme in quanto Shabataka fu sepolto nella necropoli reale (piramide 18) di el-Khurru proprio dal fratello e successore.

Nome Horo nomen Sesto Africano Eusebio di Cesarea Altri nomi
Ka-nekhet heka-im-uaset Shabataka Sebicos Sebicos Shebiku

TitolaturaModifica

Titolo Traslitterazione Significato Nome Traslitterazione Lettura (italiano) Significato
 
ḥr Horo
 
 
    
 
 
k3 nḫt ḫ՚i m w3st Ka nekhet heka im uaset Toro possente, signore in Tebe
 
nbty (nebti) Le due Signore
 
ḥr nbw Horo d'oro
 
 
 
 
nsw bjty Colui che regna
sul giunco
e sull'ape
 
   
 
 
 
dd k3w r՚ Djedkaura Stabile è il Ka di Ra
  
s3 Rˁ Figlio di Ra
 
  
 
 
   
 
 
sbtk mr imn Shabataka meriamon Shabataka, amato da Amon

NoteModifica

  1. ^ R. Krauss and D.A. Warburton, "Chronological Table for the Dynastic Period" in Erik Hornung, Rolf Krauss & David Warburton (editors), Ancient Egyptian Chronology (2006), p.494

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  1. ^ R. Krauss and D.A. Warburton, "Chronological Table for the Dynastic Period" in Erik Hornung, Rolf Krauss & David Warburton (editors), Ancient Egyptian Chronology (2006), p.494