Apri il menu principale
Tefnakht
Tefnakht Athens stela (T. Efthimiadis) det.jpg
Tefnakht (a destra) su di una stele proveniente da Sais. Atene, Museo archeologico nazionale.
Re dell'Alto e Basso Egitto
Stemma
In carica Terzo periodo intermedio
Incoronazione 727 a.C.
Predecessore interregno (come faraone)
Osorkon C (come principe di Sais)
Ankhhor (come Grande Capo dell'Occidente)
Successore Bocchoris
Dinastia XXIV dinastia egizia
Figli Bocchoris

Tefnakht (VIII secolo a.C.VIII secolo a.C.) è stato un faraone della XXIV dinastia egizia.

Nome Horo Diodoro Siculo Plutarco Altri nomi
Siakhet Tnephachthos Technatis

Indice

BiografiaModifica

Shepsesra Tefnakht fu il fondatore della XXIV dinastia che ebbe come centro la città di Sais nel delta del Nilo. Intorno a questa città si formò, durante il regno di Sheshonq V, una signoria indipendente retta da un Osorkon di cui però non sappiamo nulla. In una data che non conosciamo la signoria su Sais passò nelle mani di Tefnakht che dette iniziò ad una politica espansionistica, unificando varie piccole signorie nel delta e giungendo a controllare la città di Menfi. Nell'arco di pochi anni la signoria di Sais divenne, di fatto, il più potente tra gli stati in cui era diviso l'Egitto. In questa fase Tefnakht, pur comportandosi di fatto come un sovrano indipendente si attribuì ancora solamente i titoli di Capo dei Libu e di Gran Signore dell'Ovest che gli derivavano dalla sua appartenenza alle stirpi libiche entrate secoli prima in Egitto in qualità di mercenari. Tuttavia, contrariamente a un'idea ricevuta, questo leader non era di origine libica[1].

Mentre il sovrano libico operava per riunire il Basso Egitto, Piankhi, sovrano della XXV dinastia si mosse dalla sua capitale Napata verso nord ed in breve occupò Tebe e tutta la regione circostante.

A questo punto Tefnakht, allo scopo di fermare l'avanzata verso nord del sovrano nubiano strinse alleanza con Iuput II, sovrano di Leontopolis, con Osorkon IV di Bubasti e con i governatori Nimlot di Ermopoli e Neferkara Payeftjauembastet di Eracleopoli.

La guerra che seguì fu favorevole a Piankhi che sconfisse la coalizione, conquistò l'importante fortezza di el-Hiba, prese Menfi e ottenne la sottomissione di Osorkon IV e dei governatori delle città. Tefnakht trovò rifugio nelle paludi del delta.

Per un qualche motivo che non conosciamo il sovrano vincitore non completò la sua conquista bensì, dopo aver lasciato al loro posto i sovrani sconfitti, si ritirò a Napata dove qualche anno dopo morì. Tefnakht riorganizzò allora le sue forze recuperando parte del territorio perduto; fu probabilmente in questo momento che si attribuì le insegne della regalità assumendo il prenomen di Shepsesra. Lo scontro finale per il controllo dell'Egitto avvenne però tra suo figlio Bocchoris ed il figlio di Piankhi, Shabaka.

TitolaturaModifica

Titolo Traslitterazione Significato Nome Traslitterazione Lettura (italiano) Significato
 
ḥr Horo
 
s3 ḫt Sa-khet Figlio di Khet
 
nbty (nebti) Le due Signore
s3 ḫt nbti Sa-khet nebti
 
ḥr nbw Horo d'oro
 
 
 
 
nsw bjty Colui che regna
sul giunco
e sull'ape
 
    
 
sp ss r՚ Shepsesra Nobile, come Ra
  
s3 Rˁ Figlio di Ra
 
   
 
 
   
 
t 3.f n ḫ t Tefnakht

CronologiaModifica

NoteModifica

  1. ^ P.R. Del Francia, Di una statuette dedicate ad Amon-Ra dal grande capo dei Ma Tefnakht nel Museo Egizio di Firenze : Atti del V Convegno Nazionale di Egittologia e Papirologia, Firenze, S. Russo, 2000, p. 94.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica