Shirley Collins

cantante britannica
Shirley Collins
NazionalitàRegno Unito Regno Unito
(Inghilterra)
GenereFolk
Periodo di attività musicale1958 – in attività
Album pubblicati21
Sito ufficiale

Shirley Elizabeth Collins (Hastings, 5 luglio 1935) è una cantante britannica nota per essere stata figura centrale del movimento del folk revival britannico[1] che ebbe il suo apice negli anni sessanta e settanta.

Ha collaborato a lungo con la sorella Dolly, il cui accompagnamento con il piano e l'organo portativo ha creato un ambiente unico per lo stile personale della sorella. I loro dischi Anthems in Eden e Love, Death and the Lady editi tra il 1969 ed il 1970 hanno ottenuto importanti rinoscimenti da parte della critica musicale.[2]

BiografiaModifica

Inizialmente fu interprete di brani della tradizione folk inglese, accompagnò Alan Lomax durante la sua ricerca sulla tradizione musicale nel sud degli Stati Uniti.[2] Ha collaborato con molti artisti tra cui Davy Graham, Mike Heron e Robin Williamson della Incredible String Band e la Albion Country Band.

Nel febbraio 2014 dopo un lungo periodo in cui ha sofferto di disfonia, è tornata sul palcoscenico, a 35 anni dall'ultimo concerto, aprendo un concerto dei Current 93 di David Tibet, grande fan della cantante, alla Union Chapel di Londra.[3]

Nel 2016, a 82 anni e dopo oltre 40 anni dall'ultimo album solista, incide Lodestar nella sua abitazione privata.[4] Nel 2017 viene prodotto il documentario The Ballad of Shirley Collins dedicato alla sua vita.[5]

DiscografiaModifica

Da solistaModifica

Con Dolly CollinsModifica

Con la Albion Country BandModifica

The Young Tradition and Shirley and Dolly CollinsModifica

Con Davy GrahamModifica

Con la Etchingham Steam BandModifica

AutobiografieModifica

  • Shirley Collins, America Over the Water, SAF Publishing, 2004. ISBN 0-946719-66-7
  • Shirley Collins, All in the Downs: Reflections on Life, Landscape, and Song, Strange Attractor Press, 2018.[4]

NoteModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN10100361 · ISNI (EN0000 0000 2611 2044 · Europeana agent/base/67062 · LCCN (ENnb2010023299 · GND (DE1136298959 · BNF (FRcb14608847j (data) · WorldCat Identities (ENnb2010-023299
  Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica