Apri il menu principale

Shizuka Kawai

personaggio di Yu-Gi-Oh!
Shizuka Kawai
Serenitywheeler.png
Shizuka nell'anime del 2000
UniversoYu-Gi-Oh!
Nome orig.静香 川井 (Shizuka Kawai)
Lingua orig.Giapponese
AutoreKazuki Takahashi
Studio
EditoreShūeisha
1ª app.1996
1ª app. inWeekly Shōnen Jump
Editore it.Panini Comics
app. it.2003
Voci orig.
Voci italiane
SpecieUmana
SessoFemmina
EtniaGiapponese

Shizuka Kawai (川井静香 Kawai Shizuka?) è un personaggio del manga Yu-Gi-Oh!, nonché dell'omonima serie anime del 1998 e di quella del 2000, che in un arco la vede come uno dei personaggi principali. Nella prima, la ragazza viene chiamata Shizuka Jonouchi. Nella seconda, con il cognome "Kawai", ereditato dalla madre, con la quale Shizuka vive dalla separazione dei genitori; nell'edizione distribuita da 4Kids, di conseguenza anche nel doppiaggio italiano dell'anime, il nome è Serenity Wheeler.

Il personaggioModifica

Shizuka è la dolce e sensibile sorellina di Katsuya Jonouchi, il quale, da sempre, ha un forte legame con lei. La ragazza è la ragione per cui Jonouchi decide di partecipare al torneo che si svolge nel Regno dei Duellanti, e rimarrà per il giovane un sostegno importante, uno stimolo per vincere nei duelli. Shizuka ha lunghi capelli castani ed occhi verdi, ma nella prima serie televisiva tratta dal manga, prodotta dalla Toei Animation nel 1998, appare diversa, con capelli colorati da una tonalità di rosa.

StoriaModifica

Anime del 1998Modifica

Shizuka compare in un episodio, all'ospedale perché malata.

Anime del 2000Modifica

Il Regno dei DuellantiModifica

Katsuya Jonouchi riceve una videoregistrazione, in cui Shizuka gli rivela che la malattia degli occhi che ha da tanto tempo la farà divenire cieca. Dopo il divorzio dei genitori, avvenuto durante l'infanzia, Shizuka è stata portata via dalla madre, con cui vive, e separata dal fratello, con il quale però condivide tuttora un profondo legame. Per ottenere la somma necessaria all'operazione che salverà la ragazza, Jonouchi partecipa al torneo organizzato da Pegasus nel Regno dei Duellanti, dove il vincitore può esprimere un suo desiderio e ottenere un premio in denaro. Il giovane perde in finale contro Yami Yugi, però riceve dal migliore amico la carta utile per ritirare la somma voluta.

La Città dei DuelliModifica

Shizuka si opera, ma non prima di vedere il fratello. Rimane bendata per un po' di giorni, ma Honda, seguendo gli incontri sul computer portatile, la tiene informata sui duelli di Jonouchi, che intanto sta partecipando al torneo della Città dei Duelli. Dopo essere stata dimessa, Shizuka, accompagnata dall'amico, vuole raggiungere Jonouchi, nella città in cui era cresciuta. La stessa sera, le è stato detto, potrà togliere le bende, ma la ragazza teme di scoprire che l'operazione non sia riuscita. Il malvagio Malik viene a sapere che la sorella di Jonouchi, della cui mente si è impossessato, è in città, e credendo che ella possa essergli utile ordina ai Rare Hunter di catturarla. Con l'aiuto di Honda, Otogi e Mai, Shizuka riesce a sfuggire ai Rare Hunter e a raggiungere suo fratello, il quale, controllato da Malik, sta disputando un pericoloso duello contro Yugi. Shizuka toglie le bende per salvare Jonouchi, finito in acqua dopo lo scontro.

Il dirigibileModifica

Shizuka accompagna Katsuya Jonouchi sul dirigibile a bordo del quale si svolgono le finali, e veglia sull'amica Mai, la cui mente, in seguito ad un duello perso contro Malik, è prigioniera del Regno delle Ombre.

Mondo virtualeModifica

Volando verso l'isola su cui è stata innalzata la Torre dei Duelli, sede delle semifinali del torneo, il dirigibile modifica la sua rotta, controllato da Noah, il quale intrappola Shizuka e gli altri in un mondo virtuale. Qui le vittime devono affrontare i Big 5, che vogliono vincere in un duello un corpo per fuggire dall'universo digitale, in cui sono imprigionati, e tornare nel mondo reale. Shizuka duella, costretta dal nemico, in squadra con Honda e Otogi contro Soichiro Ota. Honda viene sconfitto per proteggerla, e lei, priva di fiducia in se stessa, diventa inerme, finché non rivede Jonouchi, che l'ha raggiunta insieme a Yugi ed Anzu e la incoraggia. Nonostante non abbia mai giocato prima a Duel Monsters, la giovane sconfigge il membro dei Big 5 assieme ad Otogi. Successivamente, Yugi ed Anzu seguono lo scontroso Seto per aiutarlo a salvare il fratellino Mokuba; anche Shizuka vuole aiutare, ma la galleria in cui si sono inoltrati gli altri scompare. I Big 5 attaccano lei, Jonouchi, Honda (che ha il corpo di una scimmietta robotica) e Otogi con l'intento di impossessarsi dei corpi con la forza, ma presto vengono costretti a ritirarsi da Noah, che li ammonisce per aver infranto il suo regolamento.

Nel duello contro Yami Yugi, Noah si stanca di essere insultato dagli amici dell'avversario, e decide di pietrificare qualcuno alla fine di ogni turno in cui non verrà sconfitto. Jonouchi parla contro di lui, ed il nemico stabilisce perciò che nel prossimo turno sarà Shizuka la sua vittima. La ragazza chiede aiuto al fratello, ma nel momento in cui il sortilegio di Noah sta per colpirla, allontana Jonouchi, per evitare che egli subisca la sua stessa sorte. Shizuka diventa di pietra, e si salva solo dopo la vittoria di Yami Yugi. Dietro Noah si nascondeva Gozaburo Kaiba, il quale digitò la sua mente. L'uomo vuole trasferire il mondo reale in quello virtuale, di cui ha intenzione di essere il dominatore. Inizialmente, Noah finge di guidare Shizuka e gli altri verso l'uscita dell'universo digitale, di cui, i ragazzi scoprono, solo le loro menti sono prigioniere, non i corpi; tornando nel loro mondo, gli amici potranno avvisare della minaccia di Gozaburo. In realtà, Noah, che riesce a tornare nella realtà, programma il satellite di Gozaburo perché distrugga il computer centrale e, di conseguenza, cancelli le menti di Shizuka e del suo gruppo. Compreso lo sbaglio, il ragazzino non può riparare al danno, visto che Malik ha distrutto tutti i computer, ma guida, in una corsa contro il tempo, i prigionieri del mondo virtuale verso le uscite.

La Torre dei DuelliModifica

Il torneo prosegue, e Jonouchi duella con il pericoloso Malik. Intanto, Shizuka veglia su di Mai. Ishizu si offre di sostituirla, ma la ragazzina raggiunge il fratello solo quando questo, privo ormai di energie, perde i sensi. La mente di Jonouchi è ora prigioniera del Regno delle Ombre, e ciò suscita la disperazione della Kawai. Questa verserà lacrime di gioia al risveglio del parente.

Terminato il torneo, Otogi si separa da Shizuka e dagli altri amici, lasciando alla prima il suo numero telefonico. Anche Mai, che Shizuka considera come una sorella, si congeda dal gruppo, ringraziando l'amica per aver vegliato su di lei. Shizuka stessa dovrà tornare nella sua città; prima della partenza, trascorre un po' di tempo insieme ad Anzu.

Il risveglio dei draghiModifica

Shizuka non compare in questa serie. Soltanto, Jonouchi parla al telefono con lei prima di andare in California.

Le memorie del FaraoneModifica

Otogi dice di aver telefonato ad un po' di amici per avvisarli del viaggio in Egitto del gruppo del fratello della Kawai: Shizuka appare in una scena.

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Anime e manga: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di anime e manga