Apri il menu principale
Shobu Kirifuda
Shobu kirifuda.PNG
Shobu Kirifuda nell'anime
UniversoDuel Masters
Nome orig.勝舞 切札 (Shōbu Kirifuda)
Lingua orig.Giapponese
AutoreShigenobu Matsumoto
EditoreShogakukan
1ª app. inCoroCoro Comic
Voci orig.
Voce italianaGeorge Castiglia
SpecieUmana
SessoMaschio
EtniaGiapponese

Shobu Kirifuda (切札勝舞 Kirifuda Shōbu?) è il protagonista della serie manga e anime Duel Masters.

Il personaggioModifica

Shobu è un ragazzino allegro, energico, tenace, grintoso e temerario. È un duellante molto abile (un sempai già all'inizio) e il suo sogno è diventare il più grande maestro di Kaijudo, seguendo le orme di suo padre, il famoso e imbattibile Shori Kirifuda. Giocare a Duel Masters è la sua unica passione. Usa un mazzo di carte civiltà del fuoco, e la sua creatura preferita è Drago Bolshack. Shobu è abile negli attacchi veloci.

StoriaModifica

Shobu vive da cinque anni solo con sua madre, la signora Mai, in quanto Shori è partito per studiare i segreti del Kaijudo quando il figlio era un bambino. Ma il padre continua ad aiutare il giovane Kirifuda, che spesso supera le difficoltà ricordando i consigli che il genitore gli dava. Shobu è anche supportato dai suoi amici e compagni di scuola, Rekuta e Sayuki, che il ragazzino batte sempre con le carte. Lui non perde mai una sfida, tant'è che vince il trofeo di un torneo, fin quando non incontra Knight, un maestro di Kaijudo, che diverrà il suo mentore. Questo osserva il protagonista durante la competizione ufficiale e si accorge del suo talento; quindi decide di incontrarlo personalmente e gli dà appuntamento per il giorno dopo al suo Duel Center (una scuola di tirocinio per duellanti) per una sfida.

Durante il duello, Knight insegna a Shobu come generare il mana. Kirifuda viene sconfitto, ma il mentore continua ad avere molta fiducia nelle capacità del giovane, nel suo talento innato. Al ragazzino però non solo sono interessati gli altri gestori del Duel Center, ma anche il Tempio, che invia suoi duellanti contro il protagonista per metterlo alla prova. Il primo avversario di Shobu è Jamira, che lo stuzzica mentre lui è impegnato a spiegare le regole di Duel Masters a Mimi, una nuova compagna di scuola che si unisce subito al gruppo di Kirifuda. Jamira è sleale e usa trucchi per poter vincere, ma viene sconfitto. L'altro duellante del Tempio che si avvicina a Shobu è Thoru, che lascia un biglietto di sfida al Duel Store (il negozio di carte gestito dal padre di Rekuta). Il protagonista, sicuro di sé, giunge sul luogo dell'appuntamento, ma senza saperlo gioca contro Kokujo, che si è sostituito a Thoru, conosciuto per le tecniche tramite cui riesce ad ottenebrare le menti degli avversari e così vincere con le sue carte civiltà delle tenebre. Il giovane Kirifuda, che nel corso dello scontro si accorge dell'inganno, cade nei giochi psichici del rivale e sta perdendo; tuttavia Kokujo interrompe la sfida non ritenendo lo sfidante un degno avversario. Dopo essersi ricordato dell'insegnamento del padre che gli consigliava sempre di avere fiducia in se stesso, Shobu chiede una rivincita. Perde un'altra volta, ma rimane comunque soddisfatto.

Il ragazzino potrà duellare con Thoru solo nel Duel Masters Invitational Tournament, nel corso del quale assiste ad un incontro dimostrativo di Hakuoh, il campione del Tempio. Ammirando le doti del giovane, Shobu lo sfida pubblicamente, entusiasta di potersi confrontare con un asso; gli dice che dopo aver vinto il torneo juniores combatterà con lui. Il sempai è infatti sicuro di sé, come sempre, e riesce a sconfiggere prima Jamira in semifinale (nonostante i trucchi dell'avversario), poi Thoru in finale, divenendo suo amico. Ora il giovane Kirifuda viene ammesso al Duel Center, ma preferisce accettare l'invito del Tempio: qui si trova Hakuoh. Dunque, nonostante Knight gli dica che si tratta di un posto pericoloso, vi si reca insieme ai suoi amici, che vogliono accompagnarlo. Prima di accedere all'ingresso per i principianti però deve rispondere alle tre domande di Shosho, che lo interroga sul Duel Masters. Grazie all'aiuto dei suoi alleati, specie di Rekuta, Shobu riesce a risolvere anche l'ultimo difficile quesito, e come premio riceve un gettone. Ora può accedere al Tempio, ma deve separarsi dai suoi amici, in quanto loro non si sono cimentati nel rispondere al questionario. Adesso il protagonista deve vedersela con duellanti aggressivi che gareggiano per poter affrontare Hakuoh.

Chi vince una sfida reclama un gettone dall'avversario; coloro che li perderanno tutti verranno espulsi dal Tempio, mentre il fortunato che ne vincerà cinquanta combatterà contro il campione. Il giovane Kirifuda vince facilmente i primi incontri, ma la sua bravura attira l'attenzione degli altri giocatori, che analizzano minuziosamente il suo mazzo, riportando quindi una serie di vittorie sul ragazzo, che viene anche mal ridotto. Egli riuscirebbe a vincere se solo modificasse il suo mazzo con delle creature evolute. Shobu però è legato molto ad esso, dato che è un dono che il padre gli aveva fatto prima di partire cinque anni fa. Allora Mimi (riuscita ad entrare nel Tempio con gli altri), che vuole aiutarlo, simulando un piccolo incidente, mescola le sue carte a quelle dell'amico che, ricevendo così Baldios Distruttore Corazzato, riesce a sconfiggere tutti gli avversari e a conquistare cinquanta gettoni. Ora Shosho può consegnargli le chiavi dell'ingresso del Tempio.

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Anime e manga: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di anime e manga