Apri il menu principale

Si alza il vento

film del 2013 diretto da Hayao Miyazaki
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando l'omonimo romanzo di Tatsuo Hori, vedi Si alza il vento (romanzo).
Si alza il vento
Si alza il vento bluray screenshot.png
Nahoko in una scena del film
Titolo originale風立ちぬ
Kaze tachinu
Lingua originalegiapponese, tedesco
Paese di produzioneGiappone
Anno2013
Durata126 min
Genereanimazione, biografico, drammatico, sentimentale
RegiaHayao Miyazaki
SoggettoTatsuo Hori (romanzo Si alza il vento) e Hayao Miyazaki (manga Kaze tachinu)
SceneggiaturaHayao Miyazaki
ProduttoreToshio Suzuki
Produttore esecutivoKoji Hoshino
Casa di produzioneStudio Ghibli, Toho
Distribuzione (Italia)Lucky Red
FotografiaAtsushi Okui
MontaggioTakeshi Seyama
MusicheJoe Hisaishi
Character designKatsuya Kondo
AnimatoriKitarō Kosaka
SfondiYōji Takeshige
Doppiatori originali
Doppiatori italiani

Si alza il vento (風立ちぬ Kaze tachinu?) è un film d'animazione del 2013 scritto e diretto da Hayao Miyazaki e animato dallo Studio Ghibli per Nippon Television, Dentsu, Hakuhodo DY Media Partners, Walt Disney Japan, Mitsubishi, KDDI e Toho, che l'ha anche distribuito[1]. È la trasposizione cinematografica dell'omonimo manga dello stesso regista (a sua volta lontanamente ispirato all'eponimo romanzo di Tatsuo Hori), un'opera semi-biografica (l'unica del regista[2]), che rielabora in maniera fittizia un periodo della vita di Jirō Horikoshi (1903–1982), progettista ed inventore del Mitsubishi A5M e del modello successivo Mitsubishi A6M Zero, gli aerei da caccia usati dalla Marina dell'Impero giapponese durante la Seconda guerra mondiale[3].

Durante una conferenza tenutasi il 6 settembre del 2013 a Musashino, ad ovest di Tokyo, Miyazaki lo definì come il suo ultimo lavoro prima del suo ritiro dalla carriera cinematografica[4]. Tuttavia, nel 2017, egli ritornò sui suoi passi[5], annunciando di star lavorando ad un nuovo anime, dal titolo Kimi-tachi wa Dō Ikiru ka (君たちはどう生きるか?) (la cui traduzione in italiano sarebbe "Voi come vivete?"), ispirato al libro omonimo del 1937 di Genzaburō Yoshino[6][7].

Uscito nelle sale giapponesi il 20 luglio 2013[8] e presentato in concorso alla 70ª Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia[9][10], fu il più grande successo del 2013 al botteghino giapponese e venne acclamato dalla critica cinematografica mondiale.[11] Inoltre venne candidato a numerosi e prestigiosi riconoscimenti, come l'Oscar al miglior film d'animazione, il Golden Globe per il miglior film straniero e il premio della Japanese Academy nella categoria "Miglior animazione dell'anno"[12].

Indice

TramaModifica

(FR)

«Le vent se lève!...
il faut tenter de vivre»

(IT)

«Si alza il vento!...
bisogna tentare di vivere»

(Paul Valéry, Le cimetière marin[13][14])

Nel Giappone del 1918, Jirō Horikoshi, un ragazzino di provincia, spera di diventare un pilota d'aereo, ma la sua miopia glielo impedisce. Ispirato da una rivista d'aviazione, Jirō sogna il famoso progettista d'aerei Caproni, che gli fa capire quanto costruirli sia meglio che farli volare.

Cinque anni dopo, Jirō prende un treno diretto a Tokyo per studiare ingegneria e a bordo incontra una ragazza di nome Nahoko che viaggia con la domestica. Durante il viaggio, un devastante terremoto costringe il treno a fermarsi e semina distruzione tutto intorno, la domestica si rompe una gamba e Jirō corre in suo aiuto trasportandola in spalla vicino alla casa di famiglia di Nahoko; risolta l'emergenza, il ragazzo se ne va senza lasciar detto il suo nome.

Finiti gli studi, Jirō inizia a lavorare allo stabilimento della Mitsubishi e viene assegnato a un team di progettisti di aerei da caccia. Su mandato dell'azienda, si reca in Germania per acquisirne le tecniche di costruzione e per ottenere la licenza di produzione di uno Junkers G 38 . Sogna ancora Caproni, che gli spiega quanto il mondo sia migliore grazie alla bellezza degli aerei, anche se gli esseri umani li usano come armi di distruzione.

Nel 1932 Jirō viene promosso a ingegnere capo per la progettazione del Mitsubishi 1MF10, un caccia monoplano imbarcato per la marina militare, ma il progetto fallisce miseramente. Deluso, visita un luogo di villeggiatura estiva e qui incontra di nuovo Nahoko. I due si fidanzano, ma la ragazza, che ha la tubercolosi, si rifiuta di sposarlo fino a quando non sarà guarita. Un turista tedesco, Hans Castorp, critico del regime nazista e della politica guerrafondaia giapponese, assiste alla storia d'amore dei due prima di scampare all'arresto da parte della polizia imperiale.

La malattia di Nahoko peggiora, provocandole un'emorragia ai polmoni. Jirō oltre alla preoccupazione per la salute della sua amata, deve fare i conti con la polizia segreta, che lo cerca perché entrato in contatto con Castorp. Il ragazzo viene quindi tenuto nascosto in casa del suo supervisore Kurokawa, mentre lavora al nuovo progetto per la marina. Nahoko per recuperare le forze si reca in un sanatorio, ma non riuscendo a stare lontano dal fidanzato, ritorna da lui. Gli ospiti di Jirō, per consentire ai due di vivere sotto lo stesso tetto, organizzano quindi un matrimonio tradizionale. Sebbene la salute di Nahoko non migliori, lei e il neo sposo passano dei bei momenti insieme.

Finito il progetto, Jirō deve partire per recarsi al collaudo di uno dei suoi prototipi: il Ka-14, che sarebbe diventato il Mitsubishi A5M. Nahoko, rimasta sola in casa, sempre più debole a causa della malattia, decide di ritornare di nascosto al sanatorio per morirvi, lasciando delle lettere di addio al marito, ai familiari e agli amici. Al sito di collaudo, Jirō viene distratto dal suo successo da una raffica di vento: non lo sa ancora, ma Nahoko non c'è più.

Durante il coinvolgimento del Giappone nella seconda guerra mondiale, Jirō in uno dei suoi sogni fa di nuovo visita a Caproni a cui dice quanto rimpianga che i suoi aerei siano stati usati in guerra. Caproni lo conforta, rispondendogli che comunque il sogno di Jirō di costruire un aereo bellissimo è stato realizzato: un gruppo di Zero sfreccia davanti ai due. Nahoko compare nel sogno ed esorta il marito a vivere.

PersonaggiModifica

 
Jirō Horikoshi nel 1924 da studente universitario.
  • Jirō Horikoshi (堀越二郎 Horikoshi Jirō?): Il protagonista del film, è appassionato di aerei fin dall'infanzia, studia ingegneria aeronautica all'Università Imperiale di Tokyo. Durante un viaggio in Germania con altri colleghi immagina il progetto di un aereo da caccia. Tornato in Giappone, è incaricato dalle autorità di creare un aereo per la marina militare, ma il progetto fallisce e per riprendersi dal fallimento si ritira in villeggiatura a Karuizawa, qui ritrova Nahoko, che aveva incontrato per la prima volta anni prima. Dimostrerà tutto il suo talento nella progettazione del prototipo Ka-14, che darà vita al caccia Mitsubishi A5M e in seguito, in qualità di ingegnere capo della Mitsubishi, svilupperà il famoso aereo da caccia Zero.
  • Nahoko Satomi (里見菜穂子 Satomi Nahoko?): Jirō la incontra giovanissima in un treno per Tokyo. Dopo averla aiutata a raggiungere casa durante il terribile terremoto del Kanto, i loro cammini si separeranno, poi i due si ritroveranno a Karuizawa. Si confesseranno di essersi innamorati al loro primo incontro, il loro amore è però ostacolato dalla tubercolosi di Nahoko che morirà poco tempo dopo il loro matrimonio improvvisato.
  • Caproni (カプローニ Kapurōni?): Il personaggio è ispirato a Giovanni Battista Caproni, ingegnere aeronautico italiano e fondatore dell'azienda aeronautica Caproni. Jirō lo incontra diverse volte in sogno ed è per lui un'importante fonte d'ispirazione e d'incoraggiamento nei momenti difficili.
  • Kirō Honjō (本庄 季郎 Honjō Kirō?): Ingegnere aeronautico, amico e collega di lavoro di Jirō. I due si incontrano sui banchi dell'Università Imperiale di Tokyo. Lavora al prototipo Mitsubishi G3M, il primo bombardiere giapponese dell'era moderna.
  • Kurokawa (黒川?): Il capo di Jirō. Molto rigoroso sul lavoro, fin dall'inizio gli affida progetti molto difficili. Comprensivo verso Jirō, lo proteggerà dalla polizia speciale giapponese. Anche se disapprova l'amore tra Nahoko e Jirō, fa tutto il possibile per aiutarli e accetta di fare il testimone al loro matrimonio tradizionale, celebrato a casa sua.
  • Castorp (カストルプ Kasutorupo?): Tedesco residente a Karuizawa. Per caso, alloggia nello stesso albergo di Jirō e Satomi e assiste quindi alla storia d'amore di Jirō e Nahoko. Disprezza i nazisti e la politica militarista giapponese. Il nome Hans Castorp era stato utilizzato dallo scrittore tedesco Thomas Mann per il protagonista del romanzo La montagna incantata.
  • Satomi (里見?): Padre di Nahoko. È lui che dirà a Jirō, durante una vacanza in montagna in cui si incontrano, della malattia di sua figlia.
  • Kayo Horikoshi (堀越加代 Horikoshi Kayo?): La sorella minore di Jirō. Da adulta diverrà medico e si renderà subito conto della gravità della malattia di Nahoko.
  • Hattori (服部?): Responsabile del gruppo di lavoro di Jirō, è lui che lo manda in Germania dopo il fallimento del primo progetto. Cosciente del talento di Jirō, ne raccomanda più volte il lavoro presso le autorità.
  • Junkers: Hugo Junkers, ingegnere meccanico tedesco, progettista di aerei e fondatore della società metallurgica Junkers & Co. Sviluppa il primo aereo interamente di metallo, lo Junkers J 1, nel 1915. Durante il loro viaggio in Germania, Jirō e Honjō lo incrociano per caso durante una visita a un hangar della sua società: permetterà ai due di visitare l'interno dei suoi aerei.

ProduzioneModifica

Genesi del progettoModifica

«Me incluso, una generazione di giapponesi che è cresciuta in un certo periodo ha dei sentimenti molto complessi a proposito della seconda guerra mondiale, e lo "Zero" simboleggia la nostra psiche collettiva. Il Giappone è sceso in guerra per cieca arroganza, ha causato problemi in tutta l'Asia orientale e infine si è distrutto da solo. [...] Ma nonostante questa storia umiliante, lo Zero rappresentava una delle poche cose di cui noi giapponesi potevamo andare fieri. C'erano 322 caccia Zero allo scoppio della guerra. Erano una presenza veramente formidabile, così come i piloti che li guidavano. Fu il genio straordinario di Jirō Horikoshi, il progettista dello Zero, che lo rese l'aereo più avanzato del suo tempo.»

(Hayao Miyazaki in un'intervista all'Asahi Shimbun[15])

Da sempre appassionato di aerei e aviazione, Hayao Miyazaki cominciò a delineare una storia sulla vita di Jirō Horikoshi nel 2008, dopo il completamento di Ponyo sulla scogliera[16][17]. Il frutto delle sue ricerche si concretizzò in un breve manga, pubblicato a puntate sulla rivista mensile Model Graphix da aprile 2009 a gennaio 2010, per il cui titolo si rifece al romanzo di Tatsuo Hori, Kaze tachinu, a sua volta ispirato ad un passo del poema Le Cimetière marin di Paul Valéry, "Le vent se lève" (lett. "Si alza il vento")[18][19].

Inteso come un semplice diletto personale, Miyazaki non prevedeva di dare seguito alla cosa, ma, dopo aver letto il suo lavoro, il produttore Toshio Suzuki gli suggerì di trarne il suo prossimo lungometraggio d'animazione[19]. Inizialmente scettico all'idea che una storia che affrontava in maniera diretta un soggetto come la guerra fosse adatto ad un pubblico di bambini, per il quale avrebbe dovuto essere concepita l'animazione e target tradizionale delle opere dello Studio Ghibli, egli cedette infine all'insistenza del collega e, il 28 dicembre 2010, diede il via libera al progetto[20]. In un'intervista del 2011, Miyazaki rivelò di essere stato ispirato, durante la realizzazione dell'opera, dalla lettura di una frase di Horikoshi: «Tutto quello che volevo fare era creare qualcosa di bello»[21].

Regia e sceneggiaturaModifica

(JA)

«リアルに、幻想的に 時にマンガに 全体には美しい映画をつくろうと思う。»

(IT)

«Voglio creare qualcosa di realistico, fantastico, a tratti caricaturale, ma, nel complesso, un bel film.»

(Hayao Miyazaki[22])
 
Hayao Miyazaki

Con l'anno nuovo Miyazaki iniziò immediatamente a realizzare lo storyboard[20]. Nella proposta di progetto avanzata allo Studio Ghibli, egli descrisse sommariamente le premesse del film e la trama generale: l'opera avrebbe descritto la società giapponese degli anni trenta, seguendo un periodo della vita di Jirō (il quale avrebbe rappresentato, fusi in una sola persona, il progettista Jirō Horikoshi e lo scrittore Tatsuo Hori) fino alla creazione del suo modello più rappresentativo, lo Zero, ponendo attenzione anche alla sua vicenda d'amore con Nahoko, una ragazza malata di tubercolosi, e ad alcune suoi sogni nei quali ci sarebbe stato Caproni, «per aggiungere un po' di colore al racconto»[20]. La relazione amorosa è un elemento narrativo interamente fittizio (mentre la carriera di Horikoshi è più fedele alla realtà storica) e fu appositamente concepita affinché il lungometraggio non fosse soltanto focalizzato sulla realizzazione di un aereo da guerra, ma anche sulle aspirazioni e sui sentimenti del protagonista e sul tentativo di vivere la vita pienamente in tempi sconvolti da grandi conflitti bellici[23]. Il ricorso alla rappresentazione di scene oniriche permise inoltre a Miyazaki di superare la difficoltà di raffigurare i sentimenti del vero ingegnere giapponese, viste le scarse fonti lasciate al riguardo nei suoi scritti personali[24].

Il regista incontrò subito difficoltà con la sceneggiatura e lo storyboard ed il suo lavoro procedette molto lentamente. Era timoroso infatti che il film non avrebbe incontrato i gusti del pubblico e non intendeva ancora, in queste fasi iniziali, rinunciare all'interesse dei più piccoli[19][23]. Inoltre era la prima volta che si accostava alla creazione di una storia basata su un personaggio realmente esistito e con un arco narrativo che doveva coprire trent'anni di Storia e che quindi era ben lontano dai soliti tre, quattro giorni in cui si esaurivano le vicende delle sue produzioni precedenti[20]. Il soggetto, tra l'altro, era particolarmente delicato (l'esistenza di un progettista di un aereo da combattimento per l'esercito imperiale) e suscitò dissensi anche all'interno dello studio, tra chi non voleva passare per apologeta della guerra; anche Miyazaki era consapevole di questo problema, visto che da sempre la sua passione per gli aeroplani militari strideva con il suo pacifismo[19]. Il terremoto dell'11 marzo 2011, avvenuto a lavori già iniziati, pose il nuovo problema di quanto potesse essere indelicato, in quel momento, raffigurare nel film il sisma del Kantō del 1923[23].

Ad ottobre 2012 il grosso dello storyboard era completato, ma l'autore era ancora incerto su come far finire la storia. Egli sentiva infatti che il decollo dell'aereo non doveva per forza essere una conclusione soddisfacente e non riusciva a trovare un modo per descrivere efficacemente la reazione di Jirō nel vedere il suo sogno trasformato in strumento per uccidere. Questa sua indecisione si ripercosse sui disegni: aveva infatti chiesto agli animatori di disegnare l'ingegnere «con una faccia neutra e senza dargli troppi sentimenti», scatenando delle diffuse lamentele tra i collaboratori, che avevano difficoltà a seguire questa sua direttiva[23]. La visita di un'esposizione sulla lebbra e sulle condizioni di vita dei contagiati, i quali, seppur osteggiati e ammassati in lazzaretti, cercavano di vivere la propria vita dignitosamente, gli fece comprendere il valore di un'esistenza vissuta al completo[23]. Indifferentemente dalle circostanze storiche capì quindi che Jirō doveva cercare di vivere anche nel suo tempo, dove la guerra non era una scelta per la gente, e riprese in mano una serie di tavole del primo progetto fallimentare del personaggio, accentuando il suo tratto e l'espressione per sottolineare la sua determinazione nell'andare avanti[23]. Infine fece separare i due protagonisti, con il ritorno al sanatorio di Nahoko, decidendosi per il finale definitivo, che, dal suo punto di vista, non doveva essere triste[23].

Design e scenografiaModifica

 
Donna in kimono sul tatami di un albergo di Shimabara (1935).

Più realista dei precedenti film di Miyazaki, Si alza il vento tenta di ricostruire e di mostrare sullo schermo il Giappone degli anni 1920-1930, un'epoca in cui si portavano ancora gli abiti tradizionali, si avevano maniere molto cerimoniali anche tra i membri di una stessa famiglia, e che era contraddistinta dalla grande povertà in un Paese ancora prevalentemente rurale e segnato dalle conseguenze della crisi economica del 1929[24]. Se Miyazaki poteva contare sui propri ricordi per quella che era la generazione dei suoi genitori, gli animatori dello studio dovettero lavorare molto intensamente per la ricostruzione storica, in quanto la società nipponica era molto cambiata e le tradizioni di quel periodo stavano andando rapidamente scomparendo. Venne ricercata ed assunta allora una donna che conoscesse ancora quegli gli usi ed il modo appropriato di indossare un kimono, ripiegarlo e riporlo e questo lavoro di documentazione fu portato avanti anche grazie ad un gran numero di vecchie foto[25][26]. Come fonti d'ispirazione per «le dure condizioni in cui la società giapponese si è evoluta prima della guerra», il regista citò i film in bianco e nero di Yasujirō Ozu, Tomu Uchida e Mikio Naruse[25]. Tale stessa logica di realismo fu usata nella rappresentazione del tabagismo, altro tratto comune tra i giapponesi di quel decennio, soprattutto tra gli studenti[27].

Per ricreare l'abitazione dove vivono Jirō e Nahoko, Miyazaki si ispirò alla casa della famiglia Maeda, a Tamana nella prefettura di Kumamoto, dove visse l'apprezzato scrittore Sōseki Natsume (1867-1916), che visitò nel 2010, in occasione di un viaggio organizzato dallo Studio Ghibli per i suoi dipendenti[28]. Tra gli altri luoghi rappresentati nel film si riconoscono: la città di Tokyo, dove Jirō giovane frequenta la facoltà di ingegneria aeronautica all'Università Imperiale; Fujioka, la città che ha dato i suoi natali; la pianura del Kantō, teatro nel 1923 di un devastante terremoto in concomitanza con il primo incontro tra lui e Nahoko durante un viaggio in treno; Karuizawa, la cittadina dove i due si ritrovano dopo dieci anni dal loro primo incontro; la città tedesca di Dessau, presso cui si trovano gli stabilimenti Junkers, operanti nel settore aeronautico civile e militare; e Kakamigahara, presso la quale sorgono le fabbriche Mitsubishi nelle quali sono progettati e sviluppati gli aerei Mitsubishi A6M.

Gli aerei del filmModifica

Il film presenta una vasta gamma di aerei storici[29][30]:

  Caproni Ca.36

Progettato da Caproni come bombardiere della prima guerra mondiale.

Nel film: compare durante il primo sogno di Jirō e in una rivista di aeronautica in lingua inglese che viene data al giovane Jirō da un suo insegnante[31].

  Caproni Ca.4

Bombardiere usato alla fine della prima guerra mondiale[32].

Nel film: compare durante il primo sogno di Jirō[31].

  Caproni Ca.48

Caproni lo ricavò dalla serie 4, trasformandolo da aereo da guerra a aereo di linea[33].

Nel film: compare durante il primo sogno di Jirō[34].

  Caproni Ca.60 Transaereo

Aereo costruito da Caproni e concepito come idrovolante transatlantico adibito al trasporto di 100 passeggeri. Il 4 marzo 1921, nel secondo test di volo sul Lago Maggiore, raggiunse i 18 metri di altezza per poi cadere rovinosamente sul lago danneggiandosi irreparabilmente[33].

Nel film: compare durante il primo sogno di Jirō. Successivamente, compare anche in un flashback in cui Caproni testa l'aereo sul Lago Maggiore[34].

  Caproni Ca.90

Costruito nel 1929, era il più grande bombardiere dell'epoca[33].

Nel film: compare nel sogno che Jirō fa in Germania[34].

  Junkers G 38

Aereo di linea sviluppato dalla Junkers nei tardi anni venti.

Nel film: compare durante la visita di Jirō all'hangar di Junkers[35].

  Junkers F 13

Piccolo aereo adibito al trasporto passeggeri, costruito dalla Junkers, fu diffuso in più di 30 paesi[36].

Nel film: compare in un angolo, nella fabbrica di Junkers[37].

  Mitsubishi 1MF2

Testato il 13 giugno 1928, andò a pezzi, il collaudatore fu il primo pilota giapponese a salvarsi col paracadute[38].

Nel film: Hattori, Jirō e Kurokawa assistono al primo test di volo[39].

  Nakajima A1N

Caccia Imbarcato della Marina, prodotto dalla Nakajima, concorrente della Mitsubishi, sottoposto alla valutazione comparativa con i concorrenti, il modello A1N vinse la fornitura di 50 esemplari.

Nel film: mentre sono a bordo di una portaerei, Jirō e Kurokawa lo vedono fallire il decollo e finire in mare[40].

  Mitsubishi B1M

Aerosilurante e bombardiere leggero in azione nella guerra di Shanghai del 1932 a Suzhou.

Nel film: Jirō e Kurokawa vengono "innaffiati" per ben due volte dall'olio del motore di questo aereo[41].

  Mitsubishi 1MF10

Sviluppato dalla Mitsubishi, con monoscocca in duralluminio, nel luglio del 1933 in un volo di test andò distrutto, senza conseguenze per il pilota. Jirō Horikoshi, criticando il suo stesso operato, lo paragonò ad "un'anatra stordita".

Nel film: Jirō assiste ad un test di volo, l'aereo decolla con successo da una pianura erbosa[42].

  Mitsubishi G1M

Bombardiere a lungo raggio, bimotore, ad ala media basato a terra, sviluppato dalla Mitsubishi nei primi anni trenta e rimasto allo stadio di prototipo. A capo del progetto c'era Kiro Honjō[43].

Nel film: Jirō va a vedere l'aereo sviluppato da Honjō[44].

  Mitsubishi G3M

Attivo durante la seconda guerra sino-giapponese, bombardò molte città cinesi.

Nel film: appare in una conversazione tra Jirō e Honjō, mentre bombarda delle città cinesi.

  Polikarpov I-15

Uno dei caccia più importanti della seconda guerra sino-giapponese, prodotto dall'Unione Sovietica, faceva parte della Forza Aerea della Repubblica di Cina.

Nel film: appare durante la suddetta conversazione, prende di mira il serbatoio di uno degli aerei giapponesi, evidenziandone la mancanza del corazzamento anti-proiettile.

  Ka-14

Il 4 febbraio del 1935 avviene il test che supera di gran lunga le aspettative della marina giapponese. Nelle sue memorie personali, Horikoshi scrisse che questo fu il suo progetto più soddisfacente.

Nel film: mentre Nahoko lascia casa e ritorna per l'ultima volta al sanatorio, Jirō assiste al primo volo di test[45].

  Mitsubishi A6M

Progettato da Horikoshi e costruito dalla Mitsubishi, lo "Zero" entrò in guerra alla fine di luglio del 1940. Prima della fine del 1942, era considerato il più pericoloso tra gli aerei sul teatro di guerra del Pacifico.

Nel film: ultimo sogno di Jirō e ultima scena del film[46].

  Boeing B-29 Superfortress

Bombardiere strategico dell'United States Army Air Forces, famoso per aver preso parte alla campagna di bombardamento sul Giappone, e per aver sganciato le bombe atomiche su Hiroshima e Nagasaki.

Nel film: nel finale, la scena che illustra la sconfitta del Giappone in guerra.

AnimazioneModifica

Il processo di animazione vero e proprio cominciò nel luglio 2011 e mobilitò un team di duecento persone, concludendosi nel giugno del 2013[19]. Il budget stanziato per il film venne stimato in 30 milioni di dollari[47] e per due ore di filmato furono necessarie circa 160.000 tavole, controllate personalmente una per una da Hayao Miyazaki[19]. A causa dell'età avanzata e della vista sempre più debole tuttavia, non poté dedicare le sue solite 12-14 ore giornaliere al lavoro, limitandosi a circa sette[48]. Grande cura fu riservata alle scene affollate, in modo che i personaggi della massa non fossero rappresentati come delle mere comparse di sottofondo, ma che si facesse intuire che dietro ognuno di loro ci fosse una vita; per questo una scena di pochi secondi richiese fino a un anno e tre mesi di tempo prima di vedere la luce[19].

Come per gli altri film dello Studio Ghibli, il lungometraggio venne realizzato ricorrendo in gran parte all'animazione tradizionale; la computer grafica è infatti presente in minima parte, unicamente per assemblare i disegni a mano o per corredarli[49]. Si ricorse inoltre a pochi effetti digitali per fare la neve, il movimento delle nuvole, o per evidenziare la distorsione della vista dovuta alla miopia di Jirō. In una sola sequenza invece si dovette ricorrere in modo più massiccio alla CGI: nella scena in cui Jirō e Nahoko camminano sotto la pioggia, che passa da intensa a più lieve, fino a fermarsi del tutto. Infatti con il disegno tradizionale per rappresentare la pioggia in animazione, consistente nell'effettuare dei tagli nei fogli di rodovetro, si poneva il problema di non poter dare intensità diverse di precipitazione e di non poter sempre riutilizzare le tavole[49]. La tecnica del camera mapping, ovvero di proiettare scenari prearrangiati su intelaiature 3D, permise infine di rendere in modo efficace e poco dispendioso il senso di movimento (e questo si nota nelle scene in cui Jirō guarda il paesaggio dal treno o quando Kayo vede Nahoko andarsene attraverso i finestrini dell'autobus)[49].

Durante il periodo di produzione, una troupe della NHK filmò il lavoro del team allo Studio Ghibili e ne trasse un documentario di due ore sulla realizzazione del lungometraggio. Intitolato 'Kaze tachinu' 1000 nichi no kiroku / Intai sengen shirare zaru monogatari (「風立ちぬ」1000日の記録/引退宣言 知られざる物語? lett. Documentario sui 1000 giorni di "Si alza il vento" / La storia e una dichiarazione di pensionamento sconosciuta), venne mandato in onda come speciale dal canale televisivo il 26 agosto 2013[23] e distribuito in Blu-ray dal 27 giugno 2014[50]. Nello stesso periodo, Mami Nusada realizzò un altro docufilm, Yume to kyôki no ôkoku (夢と狂気の王国 lett. Il regno dei sogni e della follia?), che invece tratta delle ultime fasi lavorative del progetto. Uscito nelle sale giapponesi il 16 novembre 2013, fu presentato in anteprima mondiale in Francia nel giugno 2014 al Festival International du Film d'Animation d'Annecy[51] e in seguito in numerosi altri concorsi cinematografici di tutto il mondo[52].

Doppiaggio ed effetti sonoriModifica

(JA)

«突然ある日、鈴木(敏夫)さんから「二郎の声をやってほしい」と電話がかかってきました。“まぁ無理だろう”と思いましたが、無理とはいえ宮さん(宮崎駿)から是非にということでしたし、まずはオーディションをして本当にいけるかどうか確認してみようということになりました。オーディションが終わると、しばらく見たことないくらいニコニコと満面の笑みの宮さんに「やって」と言われまして、“これはやるしかないんだろうな”と思ったのが正直なところです。»

(IT)

«Un giorno ho ricevuto una telefonata da Toshio Suzuki che mi ha detto: "Vorremmo che tu sia la voce di Jirō". All'inizio ho pensato che non sarei stato capace. Ma mi fu precisato che era stata una richiesta esplicita da parte di Hayao Miyazaki, allora abbiamo deciso di fare una prova, per vedere. Dopo l'audizione Miya-san è venuto verso di me, mi ha fatto un grande sorriso come non lo avevo visto fare da tempo e mi ha detto: "Voglio che sia tu a fare Jirō". Sapevo che non avrei più avuto scelta.»

(Hideaki Anno[53])
 
Hideaki Anno, doppiatore originale di Jirō Horikoshi.

La scelta del doppiatore per il ruolo di Horikoshi pose non pochi problemi al team di produzione: se da un lato si era infatti d'accordo sulle caratteristiche della voce del personaggio (Jirō è un uomo riservato, che parla spesso in tono neutro), dall'altro non si riusciva a trovare una voce adatta al ruolo[49]. Nel dicembre del 2012, dato che i tempi cominciavano a stringere, Suzuki propose a Miyazaki di fare un'audizione ad un regista di loro conoscenza, Hideaki Anno, perché, anche se non aveva esperienza nel mondo del doppiaggio, il suo modo di parlare e la sua personalità sembravano appropriate per il protagonista. Noto per le serie anime Nadia - Il mistero della pietra azzurra e soprattutto Neon Genesis Evangelion, egli era anche loro amico e vecchio animatore (fu uno degli animatori di Nausicaä della Valle del vento)[54]. Molto soddisfatto dalle prime audizioni, egli accettò e divenne la voce del protagonista[49].

Gli altri ruoli furono attribuiti più facilmente: Nahoko fu doppiata da Miori Takimoto, che aveva cominciato la sua carriera come cantante di un gruppo j-pop, prima di diventare attrice, mentre i personaggi secondari furono assegnati a collaboratori di lunga data dello Studio Ghibli (Kayo, la sorella di Jirō, fu doppiata da Mirai Shida, che aveva già prestato la sua voce ad Arrietty in Arrietty - Il mondo segreto sotto il pavimento, e Hans Castorp da Stephen Alpert, membro anziano del dipartimento internazionale, al cui aspetto fisico si rifa quello del tedesco)[49].

Per la prima volta in un lungometraggio Ghibli, molti effetti sonori (tra gli altri, i rumori creati per i motori degli aerei, il fischio di una locomotiva, il rombo di un'automobile e quello del terremoto del '23) vennero realizzati manipolando dei suoni emessi con la bocca[49]. Questa tecnica fu sperimentata da Miyazaki nel 2006 per il suo cortometraggio Yadosagashi destinato al Museo Ghibli[49]. Miyazaki insistette che la registrazione audio fosse ripresa in mono anziché in stereo. La scelta, se da una parte limitava la possibilità di stratificare il sonoro (come dialoghi, effetti ambientali e musica), dall'altra permise al regista di far risaltare i suoni che reputava più importanti per la storia[55].

Colonna sonoraModifica

Kaze Tachinu Soundtrack
(風立ちぬ サウンドトラック?)
ArtistaJoe Hisaishi
Tipo albumStudio
Pubblicazione17 luglio 2013
Durata53:12
GenereColonna sonora
EtichettaTokuma Japan Communications

La colonna sonora di Si alza il vento venne composta da Joe Hisaishi, alla sua decima collaborazione con Hayao Miyazaki[56]. Venne interamente eseguita dalla Yomiuri Nippon Symphony Orchestra e fu pubblicata su CD dalla Tokuma Japan Communications a metà luglio 2013[57].

Il tema musicale, Hikōki-gumo (ひこうき雲?), è invece di Yumi Matsutoya, che lo scrisse nel 1973 dopo la morte prematura di una sua compagna di scuola e che lo registrò soltanto trent'anni dopo per la pellicola[56].

Si intitola poi Das gibt's nur einmal (in italiano: Accade soltanto una volta) la canzone tedesca eseguita al pianoforte da Hans Castorp, nell'Hotel Kusakaru. La musica fu composta da Werner Richard Heymann per il film Der Kongreß tanzt del 1931, su testo di Robert Gilbert[58][59].

L'albumModifica

L'album comprende trentadue tracce e la prima edizione è stata accompagnata da un CD bonus, The Wind Rises Sound Source (風立ちぬ 音源), che contiene due canzoni del film registrate in mono[57].

TracceModifica

  1. Tabiji (Muchuu Hikou) (旅路(夢中飛行)?) – 2:55
  2. Nagareboshi (流れ星?) – 1:37
  3. Caproni (Sekkeika no Yume) (カプローニ(設計家の夢)?) – 1:45
  4. Tabiji (Ketsui) (旅路(決意)?) – 1:12
  5. Nahoko (Deai) (菜穂子(出会い)?) – 0:48
  6. Hinan (避難?) – 1:20
  7. Onjin (恩人?) – 0:47
  8. Caproni (Maboroshi no Kyodaiki) (カプローニ(幻の巨大機)?) – 1:43
  9. Tokimeki (ときめき?) – 0:40
  10. Tabiji (Imouto) (旅路(妹)?) – 1:43
  11. Tabiji (Hatsushussha) (旅路(初出社)?) – 1:28
  12. Hayabusa-Han (隼班<?) – 1:34
  13. Hayabusa (?) – 1:22
  14. Junkers (ユンカース?) – 1:28
  15. Tabiji (Italia no Kaze) (旅路(イタリアの風)?) – 1:45
  16. Tabiji (Caproni no Intai) (旅路(カプローニの引退)?) – 1:20
  17. Tabiji (Karuizawa no Deai) (旅路(軽井沢の出会い)?) – 1:45
  18. Nahoko (Unmei) (菜穂子(運命)?) – 0:46
  19. Nahoko (Niji) (菜穂子(虹)?) – 1:09
  20. Castorp (Ma no Yama) (カストルプ(魔の山)?) – 1:10
  21. Kaze (?) – 0:52
  22. Kami Hikouki (紙飛行機?) – 2:38
  23. Nahoko (Propose) (菜穂子(プロポーズ)?) – 1:10
  24. Hachishi Tokutei (八試特偵?) – 0:58
  25. Castorp (Wakare) (カストルプ(別れ)?) – 1:49
  26. Nahoko (Aitakute) (菜穂子(会いたくて)?) – 3:06
  27. Nahoko (Meguriai) (菜穂子(めぐりあい)?) – 3:04
  28. Tabiji (Kekkon) (旅路(結婚)?) – 1:57
  29. Nahoko (Manazashi) (菜穂子(眼差し)?) – 1:04
  30. Tabiji (Wakare) (旅路(別れ)?) – 1:18
  31. Tabiji (Yume no Oukoku) (旅路(夢の王国)?) – 3:36
  32. Hikoukigumo (ひこうき雲?) – 3:23

Durata totale: 53:12

DistribuzioneModifica

 
Il logo del film.

Kaze tachinu è uscito nelle sale giapponesi il 20 luglio 2013 e, secondo i programmi dello Studio Ghibli, avrebbe dovuto essere distribuito contemporaneamente a La storia della principessa splendente, diretto da Isao Takahata[60], così come era avvenuto esattamente 25 anni prima con l'uscita contemporanea di Il mio vicino Totoro e Una tomba per le lucciole, il 20 luglio 1988[60]. Ritardi nella produzione però posticiparono l'uscita nelle sale del secondo lungometraggio, che fu infine presentato il 23 novembre[61]. In seguito all'annuncio del ritiro dalle scene di Miyazaki, il film venne riproposto per due settimane, dal 22 febbraio al 7 marzo 2014, in sei sale giapponesi[62].

La Walt Disney Studios Motion Pictures confermò la distribuzione della pellicola negli Stati Uniti tramite la Touchstone Pictures[63]. L'adattamento venne curato dal responsabile al doppiaggio Gary Rydstrom e, come consuetudine per le edizioni nordamericane delle opere dello studio, presenta un cast di attori noti nel mondo dello spettacolo: Joseph Gordon-Levitt (nei panni di Jirō), Emily Blunt (come Nahoko), John Krasinski (nel ruolo di Honjo, collega e amico di Jirō), Werner Herzog (come Castorp) e, tra gli altri, Martin Short, Stanley Tucci ed Elijah Wood[64][65]. Intitolato The Wind Rises, venne proiettato il 21 febbraio 2014 nelle sale di alcune città selezionate ed il 28 febbraio in maniera più diffusa in tutto il Paese[66]. In Australia i diritti per la sua distribuzione furono acquistati da Madman Entertainment che lo fece uscire il 27 febbraio 2014, dopo due anteprime (una il 19 febbraio a Sydney e l'altra il giorno dopo a Melbourne)[67].

In Europa infine il lungometraggio arrivò sempre nel 2014 per merito di una collaborazione tra il distributore Wild Bunch e lo Studio Ghibli[68], tranne in Francia, dove venne distribuito il 22 gennaio dalla Disney[69]. In Spagna la Vértigo Films ne aveva annunciato l'uscita nel dicembre 2013 con il titolo di Se levanta el viento, salvo cambiarne poi il nome in El viento se levanta nell'aprile successivo, prima dell'uscita cinematografica il 25 aprile 2014[70][71]. Nel Regno Unito il film venne rilasciato da StudioCanal il 9 maggio[72]. In Italia il lungometraggio si chiamò Si alza il vento ed uscì al cinema il 13 settembre con una tenitura di soli quattro giorni[73], distribuito dalla Lucky Red.

Data di uscitaModifica

Le date di uscita cinematografiche internazionali sono state[74][75]:

DivietiModifica

Le commissioni di censura di alcuni Paesi stabilirono alcune limitazioni per la visione della pellicola[76]:

  • in U.S.A. venne vietata ai minori di 13 anni (la MPAA la valutò PG-13 per le tematiche adulte, per alcune immagini scioccanti e perché alcuni personaggi fumano);
  • nel Regno Unito, in Irlanda e Svizzera venne sconsigliata ai minori di 8;
  • in Svezia ai minori di 7.

Edizione italianaModifica

 
Gualtiero Cannarsi, responsabile del doppiaggio italiano di Si alza il vento.

I diritti per l'adattamento italiano sono stati acquisiti dalla Lucky Red, che aveva già distribuito gran parte dei film prodotti dallo Studio Ghibli. Il film è uscito in anteprima nazionale alla 70ª Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia il 1º settembre 2013 in versione sottotitolata in inglese e italiano. Per l'edizione uscita nei cinema italiani il 13 settembre 2014, la traduzione dal giapponese è stata eseguita da Elisa Sato Nardoni, mentre Gualtiero Cannarsi ha curato l'adattamento ai dialoghi ed ha diretto il doppiaggio[77]. Questi ha spiegato, in un'intervista di Gabriele Niola per il webzine Badtaste, che il testo si presentava molto complesso da tradurre per via dei molti tecnicismi, soprattutto aeronautici, che lo connotavano. Per esempio «[...] una parola semplice come 桁 (keta) non è che significhi schiettamente “longherone”. Anzi, nessun dizionario né giapponese-italiano, né giapponese-inglese e neppure giapponese monolingua ne riporta quell'accezione: è troppo tecnica. Normalmente, 桁 (keta) significa: “colonna, raggio, misura, decina (colonna d’ordine decimale), ordine di grandezza” e altro ancora. Quindi, come si fa a capire che se parliamo di progettazione aeronautica si tratta specificamente di un “longherone”, termine che la persona comune (come me) non ha forse mai sentito? [...]» È stata pertanto necessaria una ricerca a livello linguistico e semantico di numerosi termini, che inoltre variavano nella sfumatura di significato a seconda del registro linguistico del personaggio che li pronunciava.[78]

Edizioni home videoModifica

In Giappone il film venne distribuito da Walt Disney Studios Japan il 18 giugno 2014 in DVD (due dischi) e Blu-Ray Disc (disco singolo). L'edizione in DVD contiene tracce audio e sottotitoli in giapponese e inglese, oltre ad alcuni extra come storyboard, trailer, un videoclip di Hikouki-gumo e video promozionali. Il Blu-ray presenta invece, in aggiunta, audio e sottotitoli in francese, russo, coreano, cantonese e mandarino, una registrazione audio della sceneggiatura e la conferenza stampa di addio alle scene del regista Miyazaki[79][80]. Entrambe le versioni, alla prima tiratura, contenevano una cartolina in tema con l'opera ed un aeroplanino di carta[81]. Il lungometraggio venne inserito nei cofanetti DVD e Blu-ray contenenti tutti i film di Hayao Miyazaki e distribuiti in Giappone il 2 luglio 2014 da Walt Disney Studio Home Entertainment[82].

Il 2 dicembre dello stesso anno la Warner Home Video, per conto della Lucky Red, pubblicò il film in Italia, sempre in DVD e Blu-Ray[83].

AccoglienzaModifica

IncassiModifica

Si alza il vento debuttò in Giappone in quattrocentocinquantaquattro sale cinematografiche, attirando circa 750.000 spettatori e guadagnando circa un miliardo di yen nel weekend di apertura[84]. Rimase in cima alle classifiche del botteghino per otto settimane consecutive[85]. Con 12 miliardi di yen di ricavi, è la produzione di maggior incasso in patria del 2013, surclassando altri blockbuster quali One Piece Film: Z, Doraemon: Nobita no himitsu dōgu museum e Meitantei Conan - Zekkai no private eye[86][87][88].

Anche a livello internazionale ottenne un buon riscontro. Negli Stati Uniti, dopo un'apertura limitata a ventuno sale, nel secondo fine settimana la trasmissione venne ampliata a altre quattrocentonovantasei in tutto il Paese, rimanendo in programmazione per tredici settimane e generando introiti per 5,2 milioni di dollari[89]. Secondo i dati di Box Office Mojo, gli Stati in cui il film ha incassato di più sono la Francia (5.446.333 $), Hong Kong (1.886.354 $), il Regno Unito (1.210.181 $) e l'Italia (676.464 $)[90]. Il sito Cineblog.it inoltre riporta che durante i quattro giorni di programmazione, il film ha incassato quasi un milione di euro[91].

CriticaModifica

Kaze tachinu ha ricevuto ampi consensi tra i critici cinematografici; sul sito Rotten Tomatoes ha ottenuto l'89% di "freschezza" su un totale di 157 recensioni, con un voto medio di 7.9/10[11]. Nel sito Metacritic è valutato con un punteggio di 83/100 basato su 41 recensioni, risultante in un'"acclamazione universale"[92].

Il critico cinematografico David Ehrlich di IndieWire gli ha dato 9,7/10 e lo ha definito come «forse il miglior film di animazione mai realizzato», aggiungendo: «Sebbene l'inizio del film sia discordante, le deviazioni per nulla dispiaciute di Miyazaki dalla realtà dei fatti aiutano Si alza il vento a oltrepassare la linearità della sua struttura scontata, il film si rivela quindi essere meno biografico e piuttosto un irresistibile e sincero lamento per la corruzione della bellezza, e di come dev'essere inevitabilmente commovente la risposta umana a quella perdita. I film di Miyazaki sono spesso ossessionati dall'assenza, il valore delle cose che ci lasciamo indietro e di come i fantasmi di cose bellissime siano ricercati dentro i nostri ricordi come le ombre di un fallout nucleare, e Si alza il vento "ricorda" come solo un capolavoro finale può fare.»[93]

Il Japan Times gli ha assegnato anime 3 stelle e 12 su 5, definendolo «Una sontuosa celebrazione visiva di un autentico Giappone prebellico.»[94] In una recensione per l'Asia-Pacific Journal: Japan Focus, Matthew Penney ha scritto: «Quel che Miyazaki offre è uno sguardo stratificato di come la passione per il volo di Horikoshi sia stata resa prigioniera dal capitale e dal militarismo», e «(il film) è una delle visioni più ambiziose e stimolanti di Miyazaki oltre ad essere uno dei suoi progetti visivi più belli»[95].

Gabriele Niola su MYmovies.it gli ha conferito 4 stelle su 5 e nella sua critica commenta come sia «un film il cui linguaggio e la cui grammatica audiovisiva ricordano più la messa in scena dal vivo che quella animata» e sul regista dice: «Miyazaki torna a descrivere le emozioni più elevate, a raccontare lo splendore di essere vivi in questo pianeta, unito all'esigenza di continuare a vivere nonostante tutto (...), utilizzando uno stile che rifiuta il tratto grosso e si ostina a dimostrare come si possano toccare le corde più profonde e stimolare gli stordimenti emotivi più vertiginosi attraverso lo stile più delicato e sottile possibile»[96].

Scrivendo per il webzine Everyeye.it, Marco Lucio Papaleo ha dato all'opera 9/10, definendola «il testamento spirituale e artistico di Hayao Miyazaki: uno spaccato storico e umano di rara profondità.»[97].

ControversieModifica

In patria, l'anime ricevette aspre critiche dagli schieramenti politici di Destra e Sinistra e da un'organizzazione anti-tabacco[98][99]. Hayao Miyazaki rinfocolò le polemiche, irritando i nazionalisti, pubblicando un articolo nel quale deprecava la proposta dei conservatori liberal democratici di cambiare la Costituzione giapponese[98][99].

Alcuni politici della Sinistra erano in particolare scontente che il protagonista del film fosse un progettista di aerei da guerra[99] e si chiedevano perché il regista avesse voluto fare un film adulatorio su di un uomo che «costruiva macchine assassine»; altri facevano inoltre notare come tra chi li assemblava materialmente ci fossero prigionieri coreani e cinesi[100]. Infatti ricevette critiche anche da parte del pubblico sudcoreano[99].

In un'intervista all'Asahi Shimbun, Miyazaki affermò di avere «sentimenti molto complicati» riguardo alla Seconda Guerra Mondiale dato che, da pacifista, sentiva come il Giappone militarista avesse agito con «insensata arroganza». Tuttavia, disse anche come lo Zero «rappresentasse una delle poche cose di cui noi giapponesi possiamo andare fieri - (Gli zero) erano una presenza davvero straordinaria, così come i piloti che ci volavano»[99].

Citazioni letterarieModifica

 
Lo scrittore Tatsuo Hori.

Il titolo Kaze tachinu è un omaggio ai primi versi della poesia Le cimetière marin di Paul Valéry, che lo hanno dato anche al romanzo Si alza il vento (風立ちぬ Kaze tachinu?) di Tatsuo Hori. A causa di un errore di traduzione tuttavia vennero a suo tempo male interpretati dallo scrittore, che li intese in senso negativo: «Si alza il vento!... e dovremmo forse cercare di vivere?». Lo Studio Ghibli con il film di Miyazaki ha ripristinato il loro senso positivo originale[101].

In tre scene (nella sala riunioni della Mitsubishi, e per due volte nell'ingresso della casa del Signor Kurokawa, il diretto superiore di Jirō) si legge bene in evidenza una sentenza scritta con la calligrafia del poeta e monaco Zen Ryōkan Taigu (良寛大愚 Ryōkan Taigu?), che recita «Tenjō taifū» (天上大風?), letteralmente «Sopra il cielo il grande vento», tradotta nei sottotitoli italiani con «Grande vento nell'alto dei cieli». Ryōkan è uno dei massimi poeti e maestri spirituali del Giappone; dal punto di vista letterario basti citarne l'elevata considerazione da parte di Yasunari Kawabata, che lo ringraziò nel suo discorso di accettazione del premio Nobel nel 1968.

 
Ritratto con calligrafia di Ryōkan Taigu.

Un ulteriore tributo può ritrovarsi nella scena finale del film, ove Jirō cammina tra i resti degli aerei distrutti (quasi personificati), in una sterminata pianura erbosa. In questo caso il rinvio è agli ultimi versi dettati da Ryōkan, in punto di morte, che recitano: «Come rugiada / sui fili d'erba / di Musashino / così scompare / la nostra vita»[102].

La parte di storia del lungometraggio legata al rapporto tra i due protagonisti è interamente basata sull'omonimo romanzo del 1936-37 scritto da Tatsuo Hori. Nel libro, il nome della fidanzata è Setsuko, mentre nel film è stato cambiato in Nahoko, in omaggio alla protagonista di un altro celebre scritto del medesimo autore, Nahoko (菜穂子 Nahoko?) (1941), narrato in prima persona da un uomo il cui nome non viene mai menzionato.

Molti aspetti della parte centrale dell'anime inoltre, ambientata nell'albergo montano, richiamano il romanzo La montagna incantata di Thomas Mann: in primo luogo il personaggio di Hans Castorp ha lo stesso nome del protagonista del libro e lo stesso cita esplicitamente quest'ultimo in una battuta, notando e sottolineando le somiglianze tra l'albergo dove lui e Horikoshi soggiornano ed il Berghof dell'opera letteraria e come entrambi influenzino la vita di coloro che vi trascorrono le vacanze. Inoltre l'eremo dove Nahoko si ricovera per guarire dalla tubercolosi assomiglia, oltre al già citato Berghof, anche alla residenza sempre da Mann nel romanzo breve Tristano.

Influenza culturaleModifica

 
Il dolce giapponese Siberia.

Si alza il vento descrive con precisione la società giapponese degli anni venti e trenta: in una scena Jirō offre a tre bambini affamati un dolce, chiamato "Siberia", formato da due fette di castella (カステラ Kasutera?) (pan di Spagna fatto con uova, zucchero e farina) che racchiudono dello Yōkan (composto gelatinoso di pasta di fagioli rossi, agar agar e zucchero). Molto popolare prima della Seconda guerra mondiale, andò via via scomparendo a partire dagli anni Sessanta. Al momento dell'uscita del film in Giappone infatti, non era più in commercio. Però, proprio questa sua apparizione nella pellicola risvegliò la curiosità e la voglia nel pubblico e le poche panetterie che lo producevano videro un aumento esponenziale delle vendite, in particolare tra le donne anziane che lo avevano consumato all'epoca[103].

 
Un birrificio Kabuto ad Handa.

L'anime suscitò anche l'interesse per i luoghi raffigurati, come la fabbrica della birra Kabuto di Handa, nella Prefettura di Aichi, costruita in mattoni rossi e considerata patrimonio culturale importante inaccessibile al pubblico: l'afflusso di visitatori, che avevano visto l'opera di Miyazaki, spinse le autorità locali a intraprendere dei lavori di restauro per poter consentire una migliore accoglienza all'area[104].

Anche Villa Maeda, la casa che è stata presa a modello per la dimora in cui abitano Nahoko e Jirō, beneficiò del lungometraggio e vide aumentare considerevolmente il suo turismo[28].

MerchandisingModifica

Come per i suoi precedenti lavori, lo Studio Ghibli accompagnò l'uscita di Si alza il vento mettendo sul mercato diversi prodotti ad esso legati: molte pubblicazioni in giapponese, che riportano la trama o parlano delle diverse tappe della creazione dell'opera, un manga in due volumi, edito nell'agosto del 2013 da Tokuma Shoten, che riprende le immagini e i dialoghi[105], un libro illustrato a copertina rigida, dello stesso editore, che racconta la storia utilizzando la sceneggiatura e fotogrammi di alcune sequenze[106], e così via. Nello stesso periodo del fumetto, venne edita dalla Kakokawa Shoten una Guida visuale al film, contenente, oltre alla trama, le interviste con il produttore Toshio Suzuki e l'attrice Miori Takimoto[105]. The Art of The Wind Rises è invece un libro che raccoglie ricerche, schizzi, storyboard, dietro le quinte della produzione, interviste allo staff, foto e la sceneggiatura completa in giapponese; curato sempre da Tokuma Shoten, è stato stampato su carta lucida ad alta qualità e messo sul mercato il 24 luglio 2013[107].

Tra i prodotti più curiosi legati al film e in vendita al Museo Ghibli, c'è la perfetta riproduzione degli occhiali indossati dal protagonista, creati su richiesta dello studio da un'azienda di Sabae[108].

RiconoscimentiModifica

NoteModifica

  1. ^ (EN) Si alza il vento (2013) Company Credits, su IMDb. URL consultato l'8 maggio 2018.
  2. ^ (EN) The Wind Rises (movie), in Anime News Network. URL consultato il 21 maggio 2018.
  3. ^ (EN) Russ Fischer, Studio Ghibli Titles New Films From Hayao Miyazaki and Isao Takahata; ‘Grave of the Fireflies’ Picked Up For US Re-Release, in slashfilm.com, 21 novembre 2012. URL consultato l'8 maggio 2018 (archiviato il 18 gennaio 2013).
  4. ^ (EN) Asahi Shimbun, Excerpts of Hayao Miyazaki's news conference announcing his retirement, su ajw.asahi.com, 6 settembre 2013. URL consultato l'8 maggio 2018 (archiviato dall'url originale il 7 settembre 2013).
  5. ^ (EN) James Vincent, Hayao Miyazaki is out of retirement and working on a new film, says Studio Ghibli producer, in The Verge, 24 febbraio 2017. URL consultato l'8 maggio 2018 (archiviato il 27 febbraio 2018).
  6. ^ (EN) Hayao Miyazaki vuole realizzare un nuovo lungometraggio anime, in Mangaforever, 13 novembre 2016. URL consultato il 13 novembre 2016.
  7. ^ (EN) Hayao Miyazaki Working on Proposed New Anime Feature Film, in AnimeNewsNetwork, 13 novembre 2016. URL consultato il 13 novembre 2016.
  8. ^ Roberto Addari, Kaze Tachinu di Hayao Miyazaki al cinema dal 20 luglio 2013, mangaforever.net, 27 marzo 2013. URL consultato il 15 febbraio 2014.
  9. ^ Mostra del Cinema di Venezia: ecco i film, Corriere della Sera, 25 luglio 2013. URL consultato il 15 febbraio 2014.
  10. ^ Kaze tachinu - Hayao Miyazaki, Mostra internazionale d'arte cinematografica. URL consultato il 15 febbraio 2014.
  11. ^ a b (EN) The Wind Rises, Rotten Tomatoes. URL consultato il 24 luglio 2014.
  12. ^ a b c d e (EN) Si alza il vento (2013) Awards, su IMDb. URL consultato l'8 maggio 2018.
  13. ^ Il verso di Valéry ha ispirato il titolo del romanzo originale di Tatsuo Hori e del film e viene citato all'interno del lungometraggio.
  14. ^ Dana Stevens, Hayao Miyazaki’s The Wind Rises, reviewed, slate.com, 20 febbraio 2014. URL consultato il 1º settembre 2014 (archiviato dall'url originale il 1º marzo 2014).
  15. ^ (EN) Hiroyuki Ota, INTERVIEW/ Hayao Miyazaki: Newest Ghibli film humanizes designer of fabled Zero, Asahi Shimbun, 4 agosto 2013. URL consultato il 7 ottobre 2014 (archiviato dall'url originale il 16 ottobre 2014).
  16. ^ (ZH) 人物專訪/風起了 聽宮崎駿內心的聲音, Yahoo Taiwan, 18 settembre 2013. URL consultato il 5 ottobre 2014.
  17. ^ Marco Lucio Papaleo, Kaze Tachinu: conferenza stampa Studio Ghibli - Intervista, everyeye.it, 1º settembre 2013. URL consultato il 5 ottobre 2014.
  18. ^ Kaze tachinu Visual Guide, p. 88.
  19. ^ a b c d e f g (FR) Le vent se lève : Origines et production, buta-connection.net. URL consultato il 5 ottobre 2014.
  20. ^ a b c d Si alza il vento pressbook (PDF), Lucky Red Distribuzione. URL consultato il 5 ottobre 2014 (archiviato dall'url originale il 6 settembre 2014).
  21. ^ (EN) Rebecca Keegan, 'The Wind Rises': Hayao Miyazaki's new film stirs controversy, Los Angeles Times, 15 agosto 2013. URL consultato il 5 ottobre 2014.
  22. ^ (JA) 風立ちぬ メッセージ, kazetachinu.jp, 10 gennaio 2011. URL consultato l'8 ottobre 2014.
  23. ^ a b c d e f g h (FR) 1 000 jours dans la production du Vent se lève, buta-connection.net. URL consultato il 6 ottobre 2014.
  24. ^ a b (FR) Stéphane Jarno, Hayao Miyazaki: “J'ai été très gâté, j'ai pu accomplir tout ce que je voulais”, Télérama, 4 gennaio 2014. URL consultato il 6 ottobre 2014.
  25. ^ a b (FR) Olivier Séguret, Hayao Miyazaki: «J’aspire toujours à une société plus juste», Libération, 10 gennaio 2014. URL consultato il 6 ottobre 2014.
  26. ^ (EN) Dan Sarto, Hayao Miyazaki – The Interview, awn.com, 14 febbraio 2014. URL consultato il 6 ottobre 2014.
  27. ^ (FR) Philippe Mesmer, L'avion de Miyazaki crée des remous au Japon, Le Monde, 2 settembre 2013. URL consultato il 6 ottobre 2014.
  28. ^ a b (EN) Nao Hidaka, ‘Soseki villa’ that inspired Miyazaki now on the map, Asahi Shinbun, 27 settembre 2014. URL consultato il 6 ottobre 2014 (archiviato dall'url originale il 16 ottobre 2014).
  29. ^ Tutti gli aerei di: “Si alza il Vento”, widemovie.it, 27 settembre 2014. URL consultato il 3 ottobre 2014.
  30. ^ (EN) Mary-Ann Russon, Hayao Miyazaki's The Wind Rises: The WWII Fighter Planes that Inspired the Animation Master, International Business Times, 19 maggio 2014. URL consultato il 9 ottobre 2014.
  31. ^ a b Kaze tachinu Visual Guide, p. 8.
  32. ^ (EN) Caproni Ca.4 1917, aviastar.org. URL consultato il 10 agosto 2013.
  33. ^ a b c (EN) Rob Mulder, The civilian transport aircraft of Caproni (1918-1939) (PDF), europeanairlines.no. URL consultato il 10 agosto 2013.
  34. ^ a b c Kaze tachinu Visual Guide, p. 56.
  35. ^ Kaze tachinu Visual Guide, pp. 24-25.
  36. ^ (EN) Junkers F 13, century-of-flight.net, 17 dicembre 2013. URL consultato il 30 novembre 2013.
  37. ^ Roman Album Extra: Kaze tachinu, p. 103.
  38. ^ (EN) Mitsubishi Hayabusa-type Fighter (1MF2), su historyofwar.org, 25 settembre 2012. URL consultato il 10 agosto 2014.
  39. ^ Kaze tachinu Visual Guide, p. 22.
  40. ^ Kaze tachinu Visual Guide, pp. 29, 47.
  41. ^ Kaze tachinu Visual Guide, pp. 29, 46.
  42. ^ Kaze tachinu Visual Guide, pp. 47-48.
  43. ^ (RU) G1M (Ka.9), airwar.ru. URL consultato il 10 agosto 2014.
  44. ^ Kaze tachinu Visual Guide, p. 62.
  45. ^ Kaze tachinu Visual Guide, p. 67.
  46. ^ Kaze tachinu Visual Guide, p. 59.
  47. ^ (ES) Manuel Robles, Antología Studio Ghibli: Volumen 2, Barcellona, Dolmen Editorial, 2013, p. 80, ISBN 978-84-15296-93-5.
  48. ^ (EN) Richard Corliss, The Wind Rises: An Animation Master’s Last Flight?, TIME, 20 febbraio 2014. URL consultato il 9 ottobre 2014.
  49. ^ a b c d e f g h (FR) Le vent se lève : Art et technique, buta-connection.net. URL consultato il 9 ottobre 2014.
  50. ^ (JA) Professional Shigoto no Ryugi Tokubetsu Hen Eiga Kantoku Miyazaki Hayao no Shigoto "Kaze Tachinu" 1000 Nichi no Kiroku / Intai Sengen Shirarezaru Monogatari, cdjapan.co.jp. URL consultato il 9 ottobre 2014.
  51. ^ (EN) The Kingdom of Dreams and Madness, Annecy, 2014. URL consultato l'11 gennaio 2015.
  52. ^ (EN) Yume to kyôki no ôkoku (2013) - Release Info, Internet Movie Database. URL consultato l'11 gennaio 2015.
  53. ^ (JA) 風立ちぬ 庵野秀明さんコメント, kazetachinu.jp. URL consultato l'8 ottobre 2014.
  54. ^ (EN) Newspaper: Evangelion's Hideaki Anno to Star in Ghibli's Kaze Tachinu Film, Anime News Network, 9 maggio 2013. URL consultato il 15 febbraio 2014.
  55. ^ (EN) 10 Need-To-Know Fun Facts About The Wind Rises, d23.com, 20 febbraio 2014. URL consultato il 3 settembre 2014.
  56. ^ a b (FR) Le nouveau Miyazaki au cinéma, Animeland, 20 luglio 2013. URL consultato il 21 luglio 2013.
  57. ^ a b (EN) The Wind Rises (OST), su nausicaa.net. URL consultato l'11 agosto 2014.
  58. ^ (EN) Si alza il vento (2013) - Soundtracks - IMDb, su Internet Movie Database. URL consultato il 20 settembre 2014.
  59. ^ (EN) The Wind Rises (movie) - Anime News Network, su Anime News Network. URL consultato il 20 settembre 2014.
  60. ^ a b (EN) Ghibli Announces Miyazaki's Kaze Tachinu, Takahata's Kaguya-hime no Monogatari, Anime News Network, 13 dicembre 2012. URL consultato il 15 febbraio 2014.
  61. ^ (EN) Isao Takahata's Kaguya-hime Film Delayed to This Fall, Anime News Network, 5 febbraio 2013. URL consultato il 15 febbraio 2014.
  62. ^ (JA) 「風立ちぬ」アンコール上映2週間限定、5都市で 宮崎駿監督の引退作品が再び, animeanime.jp, 21 febbraio 2014. URL consultato l'11 ottobre 2014.
  63. ^ (EN) Todd Cunningham, Disney Will Release Hayao Miyazaki's 'The Wind Rises' in U.S., The Wrap, 27 agosto 2013. URL consultato il 4 ottobre 2014.
  64. ^ (EN) Jim Hill, Joseph Gordon-Levitt Loves How Hayao Miyazki's 'The Wind Rises' Celebrates the Magic of Normal, Everyday Life, The Huffington Post, 26 febbraio 2014. URL consultato il 4 ottobre 2014.
  65. ^ (EN) Max Nicholson, English-Speaking Voice Cast Revealed for The Wind Rises, IGN, 18 dicembre 2013. URL consultato l'11 ottobre 2014.
  66. ^ (EN) Rebecca Keegan, Miyazaki's 'The Wind Rises' to get Oscar-qualifying run in November, Los Angeles Times, 11 settembre 2013. URL consultato l'11 ottobre 2014.
  67. ^ (EN) Madman Publishes Hayao Miyazaki Timeline for The Wind Rises, Anime News Network, 16 gennaio 2014. URL consultato l'11 ottobre 2014.
  68. ^ (EN) Wild Bunch, Miyazaki Re-Team on ‘The Wind Rises’ (EXCLUSIVE), Variety, 19 agosto 2013. URL consultato l'11 ottobre 2014.
  69. ^ (EN) Wild Bunch, Disney Bring The Wind Rises to Europe, Anime News Network, 21 agosto 2013. URL consultato l'11 ottobre 2014.
  70. ^ (ES) Borja Jiménez, Fecha de estreno para ‘Se levanta el viento’, de Hayao Miyazaki, en España: 25 de abril[collegamento interrotto], objetivocine.es, 18 marzo 2014. URL consultato l'11 ottobre 2014.
  71. ^ (ES) El Viento se Levanta, Vértigo Films. URL consultato l'11 ottobre 2014 (archiviato dall'url originale il 3 luglio 2014).
  72. ^ (EN) Mike Williams, The Wind Rises confirms UK release date, Yahoo!, 7 febbraio 2014. URL consultato il 3 ottobre 2014 (archiviato dall'url originale il 5 marzo 2014).
  73. ^ Aldo Lastella, Brutta sorpresa per i fan di Miyazaki, la Repubblica, 15 settembre 2014. URL consultato il 16 settembre 2014 (archiviato il 16 settembre 2014).
  74. ^ (EN) Si alza il vento - Release Info, Internet Movie Database. URL consultato il 30 luglio 2014.
  75. ^ (EN) The Wind Rises (movie), Anime News Network. URL consultato l'11 agosto 2014.
  76. ^ Si alza il vento (2013) - Parents Guide, su imdb.com. URL consultato il 31 luglio 2014.
  77. ^ Si Alza il Vento - Pressbook (PDF), su luckyred.it, Lucky Red Distribuzione Cinematografica, p. 3. URL consultato il 6 settembre 2014 (archiviato dall'url originale il 6 settembre 2014).
  78. ^ Gabriele Niola, Speciale: Si alza il Vento spiegato da chi l’ha tradotto, su Badtaste.it. URL consultato il 18 maggio 2018.
  79. ^ (JA) 風立ちぬ, disney.co.jp. URL consultato il 4 ottobre 2014.
  80. ^ (EN) The Wind Rises Blu-ray (Japan), blu-ray.com. URL consultato l'11 agosto 2014.
  81. ^ (JA) 映画『風立ちぬ』DVD&ブルーレイ発売記念 大きな風立ちぬ GIANT PAPER, kazetachinu.jp. URL consultato il 4 ottobre 2014.
  82. ^ (JA) 2014年6月12日 いよいよ、「風立ちぬ」のブルーレイとDVDが発売されます, ghibli.jp. URL consultato il 4 ottobre 2014.
  83. ^ Roberto Addari, La Città Incantata e Si Alza il Vento in DVD e Blu-ray, mangaforever.net, 23 settembre 2014. URL consultato il 4 ottobre 2014.
  84. ^ (EN) Miyazaki's The Wind Rises Earns 961 Million Yen in 1st Weekend, Anime News Network, 23 luglio 2013. URL consultato il 4 ottobre 2014.
  85. ^ (EN) 2013 Japan Box Office Index, Box Office Mojo. URL consultato il 4 ottobre 2014.
  86. ^ (EN) Box Office Leaders 2013 Japanese Films, Motion Picture Producers Association of Japan. URL consultato il 4 ottobre 2014.
  87. ^ (EN) Noriki Ishitobi, Animated films dominate Japanese box office in 2013, Asahi Shinbun, 15 febbraio 2014. URL consultato il 4 ottobre 2014 (archiviato dall'url originale il 6 ottobre 2014).
  88. ^ (EN) 2013 Japan Yearly Box Office, Box Office Mojo. URL consultato il 4 ottobre 2014.
  89. ^ (EN) The Wind Rises - Weekend, Box Office Mojo. URL consultato il 4 ottobre 2014.
  90. ^ (EN) The Wind Rises - Foreign, Box Office Mojo. URL consultato il 4 ottobre 2014.
  91. ^ Federico Boni, Box Office Italia 16 settembre: Si alza il Vento di Hayao Miyazaki chiude alla grande - 1 milione in 4 giorni, cineblog.it, 17 settembre 2014. URL consultato il 4 ottobre 2014 (archiviato il 17 settembre 2014).
  92. ^ (EN) The Wind Rises, Metacritic. URL consultato il 24 luglio 2014.
  93. ^ (EN) Review: ‘The Wind Rises’. Film.com, su film.com. URL consultato il 12 maggio 2014.
  94. ^ (EN) Mark Schilling, 'Kaze Tachinu (The Wind Rises)' - The Japan Times, su japantimes.co.jp, 18 luglio 2013. URL consultato il 29 luglio 2014.
  95. ^ (EN) Matthew Penney, Miyazaki Hayao’s Kaze Tachinu (The Wind Rises), in The Asia-Pacific Journal, vol. 11, nº 30, New York, Ithaca, N.Y., 5 agosto 2013. URL consultato il 29 luglio 2014 (archiviato il 9 agosto 2013).
  96. ^ Gabriele Niola, Si alza il vento - MYmovies, su mymovies.it. URL consultato il 29 luglio 2014.
  97. ^ Marco Lucio Papaleo, RECENSIONE SI ALZA IL VENTO, su Everyeye.it, 13 settembre 2014. URL consultato il 18 maggio 2018.
  98. ^ a b (EN) Rebecca Keegan, The Wind Rises': Hayao Miyazaki's new film stirs controversy, Los Angeles Times, 15 agosto 2013. URL consultato il 16 agosto 2013.
  99. ^ a b c d e (EN) Justin McCurry, Japanese animator under fire for film tribute to warplane designer, The Guardian, 23 agosto 2013. URL consultato il 25 agosto 2013.
  100. ^ (EN) Moeko Fujii, Miyazaki’s Film ‘The Wind Rises’ Spurring Mixed Emotions, The Wall Street Journal, 26 luglio 2013.
  101. ^ (JA) Conferenza stampa di Toshio Suzuki[collegamento interrotto], Toho, 13 dicembre 2012. URL consultato il 4 ottobre 2014.. Per una traduzione in inglese si rimanda a (EN) Press Conference Excerpt, Nausicaa.net.
  102. ^ Per maggiori informazioni su Ryōkan in lingua italiana cfr. Poesie di Ryōkan monaco dello zen a cura di L. Soletta, La Vita Felice Editore, 2000, ove i riferimenti ai versi citati.
  103. ^ (EN) Keiko Sato, Miyazaki movie whets appetites for once popular sweet, in Asahi Shinbun, 8 settembre 2013. URL consultato il 2 agosto 2014 (archiviato dall'url originale il 6 ottobre 2014).
  104. ^ (EN) Yusuke Kato, PHOTO: Kaze Tachinu scene leads to early public viewing of beer factory, in Asahi Shinbun, 3 ottobre 2013. URL consultato il 2 agosto 2014 (archiviato dall'url originale il 24 febbraio 2014).
  105. ^ a b The Wind Rises Film Comic - First Part, su nausicaa.net. URL consultato il 2 agosto 2014.
  106. ^ (EN) Tokuma Anime Picture Book: The Wind Rises, su nausicaa.net. URL consultato il 2 agosto 2014.
  107. ^ The Art of The Wind Rises (Japanese), su nausicaa.net. URL consultato il 2 agosto 2014.
  108. ^ (EN) Koichi Hotta, Studio Ghibli selling replica of 1930s glasses popularized in new film, in Asahi Shinbun, 10 ottobre 2013. URL consultato il 4 agosto 2014 (archiviato dall'url originale il 27 febbraio 2014).
  109. ^ 2013 Academy Awards Nominations and Winners by Category, in Box Office Mojo, 16 gennaio 2014. URL consultato il 18 settembre 2014.
  110. ^ (EN) Oscar nominations 2014: full list of nominees, su telegraph.co.uk, 2 marzo 2014. URL consultato il 6 febbraio 2018.
  111. ^ Premi Oscar 2014: tutti i film e gli artisti vincitori. L’Italia festeggia per La Grande Bellezza di Sorrentino., su nientepopcorn.it. URL consultato il 6 febbraio 2018.
  112. ^ Davis Clayton, 2014 Golden Globe Nominations Announcement, AwardsCircuit. URL consultato il 18 settembre 2014.
  113. ^ (EN) Kim Lee, Miyazaki "The Wind Rises" Nominated For "Best Foreign Language Film" Golden Globe, 247 Asian Media, 12 dicembre 2013. URL consultato il 15 febbraio 2016 (archiviato dall'url originale il 12 dicembre 2013).
  114. ^ 2013 EDA Award Nominess, in Alliance of Women Film Journalists, 11 dicembre 2013. URL consultato il 18 settembre 2014.
  115. ^ Kevin Jagernauth, ‘Frozen’ & ‘Monsters University’ Dominate Annie Awards Nominations With 10 Each, su Indiewire, 2 dicembre 2013. URL consultato il 18 settembre 2014 (archiviato dall'url originale il 3 dicembre 2013).
  116. ^ David Derks, 41st #AnnieAwards Nominations Announced, su ASIFA-Hollywood, 2 dicembre 2013. URL consultato il 18 settembre 2014.
  117. ^ Hayao Miyazaki Wins Annie Award for Writing The Wind Rises, su Anime News Network, 2 febbraio 2014. URL consultato il 18 settembre 2014.
  118. ^ Full List: 2013 APSA Nominees, su Asia Pacific Screen Academy, 12 novembre 2013. URL consultato il 5 ottobre 2014.
  119. ^ BOFCA AWARDS: 2013, su BOFCA, 7 dicembre 2013. URL consultato il 5 ottobre 2014.
  120. ^ Boston Society of Film Critics: 2013 Winners, su Boston Film Critics. URL consultato il 5 ottobre 2014 (archiviato dall'url originale il 13 dicembre 2017).
  121. ^ 2013 Chicago Film Critics Association Award Winners, su Rotten Tomatoes, 16 dicembre 2013. URL consultato il 5 ottobre 2014.
  122. ^ American Hustle, 12 Years A Slave Lead BFCA’s Critics Choice Movie Awards Nominations, Deadline, 17 dicembre 2013. URL consultato il 18 settembre 2014.
  123. ^ Guy Lodge, 2013 Dallas-Fort Worth Film Critics Association winners, Hitfix, 16 dicembre 2013. URL consultato il 5 ottobre 2014.
  124. ^ Denver Film Critics Society Nominations, Awards Daily, 6 dicembre 2013. URL consultato il 18 settembre 2014.
  125. ^ Ryan Adams, Denver Film Critics Society Award Winners, Awards Daily, 13 gennaio 2014. URL consultato il 18 settembre 2014.
  126. ^ 2013 FFCC Award Winners, su Florida Film Critics, 18 dicembre 2013. URL consultato il 5 ottobre 2014.
  127. ^ 2013 Georgia Film Critics Association Nominations, Hitfix, 6 dicembre 2013. URL consultato il 18 settembre 2014.
  128. ^ Sasha Stone, 12 Years a Slave wins Pic, Cuaron Director for Houston Film Critics, Awards Daily, 15 dicembre 2013. URL consultato il 18 settembre 2014.
  129. ^ IGN: Best Animated Movie, IGN. URL consultato il 18 settembre 2014.
  130. ^ Indiana Film Journalists Association Award Winners, in The Hollywood News, 19 dicembre 2013. URL consultato il 18 settembre 2014.
  131. ^ Joey Magidson, International cinephile society nominations, Awardscircuit, 13 febbraio 2014. URL consultato il 18 settembre 2014.
  132. ^ Ryan Adams, 12 Years a Slave wows Iowa Critics, Awards Daily, 10 gennaio 2013. URL consultato il 18 settembre 2014.
  133. ^ Egan Loo, The Wind Rises, Madoka, Lupin vs. Conan, Harlock, Kaguya Earn Japan Academy Prize Nods, in Anime News Network, Christopher Macdonald. URL consultato il 18 settembre 2014.
  134. ^ Shintaro Seto, 日本アカデミー賞にスタジオジブリ2作品、ハーロック、まどかマギカ、ルパンvsコナンの5本, su AnimeAnime.jp. URL consultato il 18 settembre 2014.
  135. ^ 39TH ANNUAL LOS ANGELES FILM CRITICS ASSOCIATION AWARDS, su LAFCA. URL consultato il 5 ottobre 2014.
  136. ^ MVFF36 AUDIENCE FAVORITES, su MVFF. URL consultato il 5 ottobre 2014 (archiviato dall'url originale il 19 febbraio 2014).
  137. ^ NATIONAL BOARD OF REVIEW ANNOUNCES 2013 AWARD WINNERS, su National Board of Review, dicembre 2013. URL consultato il 5 ottobre 2014.
  138. ^ NYFCC 2013 Award Winners, su NYFCC, 3 dicembre 2013. URL consultato il 5 ottobre 2014.
  139. ^ New York Film Critics, Online Awards for 2013, su IMDb. URL consultato il 5 ottobre 2014.
  140. ^ OFCS 2013 Awards (17th Annual), su OFCS. URL consultato il 5 ottobre 2014.
  141. ^ Phoenix Film Critics Society 2013 Award Nominations, su Phoenix Film Critics Society. URL consultato il 5 ottobre 2014 (archiviato dall'url originale il 13 dicembre 2013).
  142. ^ San Diego Film Critics Select Top Films for 2013, su SDFCS, 11 dicembre 2013. URL consultato il 5 ottobre 2014.
  143. ^ Sasha Stone, San Francisco Film Critics Nominations, Awards Daily, 13 dicembre 2013. URL consultato il 18 settembre 2014.
  144. ^ 2013 WINNERS OF THE ST. LOUIS FILM CRITICS AWARDS ANNOUNCED!, su stlfilmcritics. URL consultato il 5 ottobre 2014 (archiviato dall'url originale il 24 giugno 2015).
  145. ^ Gregg Kilday, Satellite Awards: '12 Years a Slave' Wins Best Motion Picture, su Hollywood Reporter, 23 febbraio 2014. URL consultato il 5 ottobre 2014.
  146. ^ Kristopher Tapley, 2013 Southeastern Film Critics Association winners, Hitfix, 16 dicembre 2013. URL consultato il 18 settembre 2014.
  147. ^ Liam Lacey, Toronto film critics name Coen brothers movie the best of 2013, The Globe and Mail, 17 dicembre 2013. URL consultato il 18 settembre 2014.
  148. ^ Cassandra Szklarski, Toronto critics pick Inside Llewyn Davis, Metron News, 17 dicembre 2013. URL consultato il 18 settembre 2014.
  149. ^ Ryan Adams, Utah Film Critics ###., Awards Daily, 20 dicembre 2013. URL consultato il 18 settembre 2014.
  150. ^ The 2013 WAFCA Awards, su dcfilmcritics. URL consultato il 5 ottobre 2014.
  151. ^ Kristopher Tapley, 2013 Women Film Critics Circle winners, Hitfix, 16 dicembre 2013. URL consultato il 5 ottobre 2014.
  152. ^ (EN) 2015 Saturn Awards: Captain America: Winter Soldier, Walking Dead lead nominees, su ew.com. URL consultato il 24 agosto 2015.

BibliografiaModifica

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica