Apri il menu principale

Sibilla di Barcellona

Contea di Barcellona
Casato di Barcellona
Aragon arms.svg

Goffredo
Figli
Goffredo II Borrell I
Figli
  • Riquilda
Sunyer I
Figli
Mirò I
Borrell II
Figli
Raimondo Borrell III
Figli
Berengario Raimondo I
Figli
Raimondo Berengario I
Figli
  • Arnau di Barcellona
  • Berengario di Barcellona
  • Pietro Raimondo di Barcellona
  • Raimondo Berengario II el Cap d'Estopes ("Testa di Stoppia")
  • Berengario Raimondo II el Fratricida ("il Fratricida")
  • Inès o Agnese di Barcellona
  • Sancha di Barcellona
Raimondo Berengario II
Figli
Berengario Raimondo II
Raimondo Berengario III
Figli
Raimondo Berengario IV
Modifica

Sibilla, Sibylle in francese, Sibil·la in catalano, Sibil·la in spagnolo, in aragonese, in portoghese e in galiziano. Sibylla in latino (1035 circa – Barcellona, dopo il 6 luglio 1074), fu infante della contea di Barcellona e duchessa consorte di Borgogna.

Origine[1][2]Modifica

Figlia ultimogenita del conte di Barcellona, Berengario Raimondo I e di Gisela de Lluça, figlia del Signore di Lluça e Villanova, Sunifredo II e di sua moglie, Ermesinda di Balsareny.

BiografiaModifica

Sibilla molto probabilmente ebbe modo di conoscere il suo futuro marito, Enrico di Borgogna (1035 - ca. 1074) e il padre di quest'ultimo, il duca di Borgogna Roberto I, quando essi dalla Borgogna si recarono nella penisola iberica per combattere la crociata contro i Mori.

Nel 1056, Sibilla sposò Enrico di Borgogna (1035 - ca. 1074), il figlio secondogenito del duca di Borgogna, Roberto I e di Helie[3] di Semur, figlia di Dalmazio, signore di Semur.

Non si conosce l'anno esatto della morte di Sibilla, si sa solo che l'ultima volta che viene citata in un documento è il 6 luglio del 1074.
Fu tumulata nella chiesa di Santo Stefano a Besançon.

Figli[4]Modifica

Sibilla a Enrico di Borgogna diede sette figli:

NoteModifica

  1. ^ (EN) Dinastie comitali catalane
  2. ^ (EN) Barcellona
  3. ^ Il nome era un omaggio al Sole (in latino Helios).
  4. ^ (EN) Dinastie di Borgogna

Voci correlateModifica