Silvia Calandrelli

Silvia Calandrelli (Roma, 11 ottobre 1963) è una dirigente d'azienda italiana, direttrice di Rai Cultura.

BiografiaModifica

Dopo la laurea in Filosofia, nel 1989 inizia a lavorare in Rai come programmista regista.

Dal 1989 al 1995 è programmista regista e autrice di Radio 2 3131 e, per Radio 3, di numerosi programmi tra cui Palomar. Viaggio intorno alle Scienze, Mosaico e Radio 3 Suite. Nel 1991 lavora come consulente per Rai 2, nell'ambito della struttura Cinema, analizzando e selezionando soggetti e sceneggiature. Dal 1995 e per quattro anni collabora con Videosapere e Rai Educational. Segue in particolare, come capo progetto e autrice: La storia del pensiero filosofico dalle origini al Novecento, con Hans Georg Gadamer, il programma quotidiano di scienza, cultura e politica Il grillo; l'Enciclopedia Multimediale delle Scienze Filosofiche e Mediamente, il primo programma di alfabetizzazione digitale della Rai.

Nel 1999 è alla Direzione Teche e Servizi Tematici/Educativi, e l'anno successivo è chiamata a dirigere l'area Contents Entertainment di Rai Net. Nel 2006 riceve l'incarico di operare nella Direzione di Rai 3, e nel giugno 2007 è nominata vicedirettore dei Nuovi Media e consigliere di amministrazione di Rai Net con deleghe sul prodotto e la tecnologia. Un anno dopo è responsabile dell'area Sviluppo Offerta di Rai Net.

Nel 2010 è nominata vicedirettore di Rai 3, con responsabilità diretta su Palinsesto, Marketing e Innovazione Prodotto, e nel luglio 2011 assume la direzione di Rai Educational, divenuta nel giugno 2014 Rai Cultura, che comprende Rai Scuola, Rai Storia, Rai 5, l'Orchestra sinfonica nazionale e le produzioni di prosa e musica colta per le reti generaliste. È membro del Comitato Storico Scientifico per gli Anniversari di Interesse Nazionale. Ha curato numerose docenze presso la facoltà di Scienze della Comunicazione dell'Università La Sapienza di Roma e la facoltà di Economia dell'Università Tor Vergata per il Master in Economia e Gestione della Comunicazione e dei Media.

Il 14 gennaio 2020 viene nominata direttore di Rai 3, dove rimane per quattro mesi, sostituita nel maggio dello stesso anno da Franco Di Mare.[1][2]

NoteModifica

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica