Apri il menu principale

Silvio Napoli

generale italiano
Silvio Napoli
NascitaVilla San Giovanni, 17 luglio 1902
MorteRoma, 14 ottobre 1961
Dati militari
Paese servitoItalia Italia
Italia Italia
Forza armataRegio Esercito
Regia Aeronautica
Aeronautica Militare Italiana
ArmaArtiglieria
Aeronautica
SpecialitàBombardamento
GradoGenerale di squadra aerea
GuerreSeconda guerra mondiale
Comandante di46º Gruppo B.T.
15º Stormo
Capo di stato maggiore dell'Aeronautica Militare
Decorazioniqui
dati tratti da Promozioni negli alti gradi dell'Aeronautica Militare[1]
voci di militari presenti su Wikipedia

Silvio Napoli (Villa San Giovanni, 17 luglio 1902Roma, 14 ottobre 1961) è stato un generale e aviatore italiano. Dopo aver preso parte alla Crociera dell'Atlantico meridionale e a quella del Decennale, divenne comandante del 15º Stormo Bombardamento Terrestre, alla cui testa prese parte alla seconda guerra mondiale. Tra il 1º febbraio 1958 e il 1º settembre 1961 ricoprì l'incarico di Capo di stato maggiore dell'Aeronautica Militare.

BiografiaModifica

Nacque a Villa San Giovanni (Reggio Calabria) il 17 luglio 1902.[1] Dopo aver completato gli studi si arruolò nel Regio Esercito, frequentando| la Scuola allievi ufficiali di artiglieria di Roma, da cui uscì nel settembre del 1924 con il grado di sottotenente di complemento. Appassionatosi al mondo dell'aviazione divenne Allievo pilota presso la Scuola idrovolanti di Passignano sul Trasimeno (Perugia), frequentandola dal gennaio del 1925 al gennaio del 1926. dopo aver conseguito il brevetto di pilota di idrovolanti[1] il 12 febbraio del 1926. conseguì quello di pilota militare di idrovolanti il 22 giugno dello stesso anno. Nel 1928 transitò dai ruoli del Regio Esercito a quelli della Regia Aeronautica, assegnato alla 171ª Squadriglia del 91º Gruppo Autonomo Bombardamento Marittimo, inquadrato nel 31º Stormo.

Prese parte alla Crociera Aerea del Mediterraneo Occidentale (1928),[1] del Mediterraneo Occidentale (1929), alla Crociera dell'Atlantico meridionale (1930-1931)[1] e a quella[2] del Decennale[3] (1933) in veste di primo pilota[3] di apparecchio[4] Savoia-Marchetti S.55X.[3] La partecipazione alle due ultime crociere gli valsero la promozione da Tenente a Capitano e da capitano a Maggiore per meriti straordinari.[1] Divenuto comandante del 46º Gruppo B.T.,[5] nel 1936 fu promosso al grado di tenente colonnello[1] e si trasferì insieme al suo reparto in Africa settentrionale italiana.[1] Nominato Direttore dell'Ufficio servizi dell'Aeronautica della Libia, nel 1939 fu promosso al grado di colonnello[1] assumendo dal mese di giugno il comando del 15º Stormo Bombardamento Terrestre,[6] equipaggiato con velivoli da bombardamento Savoia-Marchetti S.79 Sparviero.[7] Alla testa del suo reparto prese parte alle fasi iniziali della seconda guerra mondiale, combattendo contro gli inglesi.[7] Lasciò tale incarico nel maggio del 1942,[8] assumendo nel corso dell'anno l'incarico di comandante dell'8º Reparto Difesa dello Stato maggiore dell'Aeronautica.[1]

Nel corso del 1943 fu promosso al grado di Generale di brigata aerea,[1] ed alla data dell'armistizio dell'8 settembre scelse di rimanere fedele al governo Badoglio ma fu posto in aspettativa. Dopo le fine delle ostilità, nel giugno del 1946 fu promosso Generale di divisione aerea transitando nella neocostituita Aeronautica Militare Italiana. Riprese servizio attivo nel 1947 come capo del 1º Reparto dello Stato Maggiore dell'Aeronautica, divenendo nel 1948 Direttore generale dei servizi, del materiale e degli aeroporti,[1] è stato nominato nel 1950 Ispettore delle telecomunicazioni.[9] Il 18 ottobre del 1951 venne elevato al rango di Generale di squadra aerea.[1] Nel febbraio del 1955 fu nominato capo di Gabinetto del Ministro della difesa, e tra il 1º febbraio del 1958 e il 1º settembre 1961 ricoprì la carica di Capo di Stato Maggiore dell'Aeronautica Militare. Si spense a Roma il 14 ottobre 1961.

OnorificenzeModifica

  Medaglia d'argento al valor militare
«Comandante di stormo da bombardamento terrestre, valoroso e capace, in due mesi di dura campagna, reiterava di giorno e di notte, l'offesa dei suoi reparti su munite basi nemiche conseguendo efficaci risultati nonostante l'accanita reazione della caccia e delle artiglierie contraeree che colpivano equipaggi ed apparecchi. In difficili azioni su mare aperto, condotte al limite massimo dell'autonomia, infliggeva sensibili danni a grosse formazioni navali nemiche, sostenendo e vincendo, con perizia al pari valore, duri scontri contro la preponderante caccia nemica.»
— Cielo del Mediterraneo Orientale e dell'Africa Settentrionale, giugno-luglio 1940-XVIII.
— Regio Decreto del 9 maggio 1941[10]
  Croce al merito di guerra
  Medaglia commemorativa delle campagne di Libia
  Medaglia commemorativa della Crociera aerea del Decennale
  Medaglia militare aeronautica per lunga navigazione aerea (20 anni)
  Grande Ufficiale dell'Ordine al Merito della Repubblica
«Su proposta della Presidenza del Consiglio dei Ministri»
— Roma, giugno 1955
  Cavaliere Magistrale del Sovrano Ordine Militare di Malta
  Gran Croce al Merito con Placca dell'Ordine al Merito della Repubblica Federale Tedesca
— 1958

NoteModifica

  1. ^ a b c d e f g h i j k l m Cielo n.14, luglio 1954, p. 2.
  2. ^ In questa data militava nel 93º Gruppo Bombardamento Marittimo, in seno al 15º Stormo Bombardamento Terrestre, ed aveva frequentato la Scuola di navigazione aerea d'alto mare di Orbetello.
  3. ^ a b c Colombini 1933, p. 18.
  4. ^ Si trattava dell'S.55X I-NAPO, appartenente alla V Squadriglia “Bianco Stellata”.
  5. ^ Dunning 2000, p. 39.
  6. ^ Ufficio Storico dell'Aeronautica Militare 1977, p. 85.
  7. ^ a b Ufficio Storico dell'Aeronautica Militare 1977, p. 86.
  8. ^ Ufficio Storico dell'Aeronautica Militare 1977, p. 88.
  9. ^ Ricoprì contemporaneamente anche l'incarico di Presidente del Comitato delle Telecomunicazioni Militari e Presidente del Comitato Elettronico presso il Ministero dell'industria e del commercio.
  10. ^ Registrato alla Corte dei Conti, addì 3 giugno 1941-XIX, registro n.26 Aeronautica, foglio n.341.

BibliografiaModifica

  • Paolo Alberto Colombini, Le Aquile del Decennale, Milano, Edizioni P.A.C., 1933.
  • Chris Dunning, Solo coraggio! La storia completa della Regia Aeronautica dal 1940 al 1943, Parma, Delta Editrice, 2000.
  • Paolo Ferrari, Giancarlo Garello, Le ali del ventennio: l'aviazione italiana dal 1923 al 1945. Bilanci storiografici e prospettive di giudizio, Milano, Franco Angeli Storia, 2005, ISBN 88-464-5109-0.
  • Paolo Ferrari, Giancarlo Garello, L'Aeronautica italiana. Una storia del Novecento, Milano, Franco Angeli Storia, 2004, ISBN 88-464-5109-0.
  • (EN) Robin Higham, Brian R. Sullivan, Why Air Forces Fail: The Anatomy of Defeat, Lexington, University Press of Kentucky, 2006, ISBN 0-8131-7174-1.
  • (EN) Marco Mattioli, Savoia-Marchetti S.79 Sparviero Torpedo-Bomber Units, Botley, Osprey Publishing Company, 2014, ISBN 1-78200-809-8.
  • I Reparti dell'Aeronautica Militare Italiana, Roma, Ufficio Storico dell'Aeronautica Militare, 1977.

PeriodiciModifica

  • Promozioni negli alti gradi dell'Aeronautica Militare, in Cielo. Uomini, Macchine e Avventure di volo, nº 14, Roma, Arti Grafiche “Nemi”, luglio 1954, p. 2.
  • Mentre si svolge il volo dall'Italia al Brasile. Alcuni cenni sugli equipaggi, in L'Ala d'Italia, nº 1, Roma, Edizioni Italiane Aeronautiche, gennaio 1931, pp. 10-29.

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN138147095175625082738 · GND (DE1110378424 · WorldCat Identities (EN138147095175625082738