Apri il menu principale

Simbol-X è una missione spaziale organizzata dall'Agenzia Spaziale Italiana e dal CNES francese, finalizzata alla messa in orbita di un telescopio spaziale a raggi X.

Il range energetico di funzionamento del telescopio sarà compreso tra 0,5 e 80 KeV.

Simbol-X costituirà il primo esemplare di telescopio spaziale in formazione di volo: in pratica, le funzioni di focalizzazione e fotorivelazione saranno svolte da due satelliti diversi, tenuti allineati e a distanza costante da un sistema di controllo.

La scelta di questa soluzione è dettata dal fatto che le particelle X (e gamma di bassa energia) possono essere riflesse, anziché assorbite, dalle superfici metalliche solo se l'angolo di incidenza è molto piccolo. La distanza focale è quindi lunga, dell'ordine delle diverse decine di metri: non è possibile inviare in orbita un oggetto di tali dimensioni, e l'unica soluzione per realizzare un telescopio spaziale che lavori a tali energie senza ricorrere al metodo delle maschere codificate è quello di "spezzare" il telescopio su due satelliti di dimensioni normali.

Il lancio è previsto nell'anno 2014.

Nel mese di marzo 2009 il CNES ha annunciato il suo ritiro dal progetto per ragioni di budget. La missione è stata pertanto annullata.

Collegamenti esterniModifica

  • (EN) [1] - Simbol-X sul sito dell'ASI
  • (EN) [2] - Simbol-X sul sito del CNES
  Portale Astronautica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di astronautica