Simone Collio

atleta italiano
Simone Collio
Collio de gregorio.jpg
Collio (a sinistra), esulta con Emanuele Di Gregorio dopo l'argento con la staffetta agli Europei di Barcellona 2010.
Nazionalità Italia Italia
Altezza 180 cm
Peso 74 kg
Atletica leggera Athletics pictogram.svg
Specialità Velocità
Record
50 m 5"75 (indoor – 2009)
60 m 6"55 (indoor – 2008)
100 m 10"06 (2009)
100 m 10"33 (indoor – 2003)
200 m 20"84 (2009)
200 m 21"08 (indoor – 2001)
4×100 m 38"17 (2010)
Società Atletica Brescia 1950 flag.svg Pro Sesto Atletica
Carriera
Società
2000-2014Fiamme Gialle
2015-Atletica Brescia 1950 flag.svg Pro Sesto Atletica
Nazionale
2003-2014 Italia Italia29
Palmarès
Europei 0 1 0
Giochi del Mediterraneo 2 0 0
Giochi mondiali militari 0 1 0
Campionati mondiali militari 1 0 0
Per maggiori dettagli vedi qui
Statistiche aggiornate al 27 febbraio 2015

Simone Collio (Cernusco sul Naviglio, 27 dicembre 1979) è un ex velocista italiano.

Ai campionati europei del 2010 a Barcellona ha conquistato la medaglia d'argento come membro della staffetta 4×100 metri che ha battuto il record italiano di specialità dopo 27 anni, fissandolo a 38"17.

BiografiaModifica

Simone Collio cresce agonisticamente nelle giovanili della Pro Sesto; nel 2000 entra a far parte del gruppo sportivo Fiamme Gialle. Qualche anno dopo si trasferisce a Rieti per allenarsi sotto la guida del professor Roberto Bonomi.

Nel 2003 partecipa ai Mondiali indoor di Birmingham sui 60 metri piani arrivando in semifinale, dove conclude al 7º posto. L'anno successivo, sempre sui 60 m piani, partecipa ai Mondiali indoor di Budapest; questa volta raggiunge una prestigiosa finale dove, con il tempo di 6"60, arriva 7º. Sempre nelle indoor è 2º in Coppa Europa a Lipsia con il tempo di 6"63.[1] Ai Giochi olimpici di Atene partecipa ai 100 metri piani raggiungendo i quarti di finale dove viene eliminato col tempo di 10"29.

Nel 2005 agli Europei indoor di Madrid (dove partecipa nonostante un brutto infortunio nei giorni precedenti che ne limita il rendimento) raggiunge la sua seconda finale di rilievo arrivando quinto con 6"66 sui 60 m piani. In Coppa Europa è 3º a Firenze con 10"15 ventoso.[2] Ad agosto ai Mondiali di Helsinki raggiunge i quarti di finale sui 100 m piani dove viene eliminato con un tempo di 10"60.

Partecipa nel 2007 ai Mondiali di Osaka, Giappone, con la staffetta 4×100 metri ottenendo il decimo posto complessivo (quarto in semifinale) con il tempo di 38"81 e nei 100 m, dove viene eliminato nei quarti di finale con il tempo di 10"31. Al meeting di Rieti ottiene il suo nuovo personale, prima in batteria con 10"16 (vento +0,9 m/s) e poi in finale con 10"14 (vento 0,0 m/s), tempo che lo proietta in quel momento al terzo posto nella lista delle migliori prestazioni italiane nei 100 metri piani.

Nel 2008 ai Mondiali indoor di Valencia arriva fino alle semifinali dei 60 m piani, venendo eliminato con un 6º posto e un tempo di 6"74. Alle Olimpiadi di Pechino partecipa sia ai 100 m che alla 4×100 m; sui 100 m viene eliminato nei quarti di finale facendo registrare un tempo di 10"33 mentre la staffetta 4×100 m (Cerutti, Collio, Di Gregorio, Riparelli) viene eliminata per cambio irregolare in semifinale.

Il 21 luglio 2009 alla 5ª prova del Trofeo città di Rieti stabilisce il proprio primato e la seconda prestazione italiana di tutti i tempi sui 100 metri piani con 10"06, a 5 centesimi dal record di Pietro Mennea.[3] Ai Mondiali di Berlino raggiunge, insieme ai compagni Donati, Cerutti e Di Gregorio, la finale della staffetta 4×100 m, dove con il tempo di 38"56 si classifica al sesto posto.

Dal 2009 è legato sentimentalmente alla velocista bulgara Ivet Lalova, quarta nei 100 m piani ai Giochi olimpici di Atene 2004,[4][5] conosciuta in occasione dei Campionati mondiali militari, che si sono svolti a Sofia nel 2009, allorché si aggiudicò la medaglia d'oro nei 200 m piani con il tempo di 20"84.[6]

Record nazionaliModifica

SenioresModifica

ProgressioneModifica

100 metri pianiModifica

Stagione Risultato Luogo Data Rank. Mond.
2013 10"37   Roma 6-6-2013
2012 10"27   Ginevra 2-6-2012 156º
2011 10"30   Sundsvall 31-7-2011 167º
  Chaux-de-Fonds 3-7-2011
2010 10"16   Grosseto 30-6-2010 45º
2009 10"06   Rieti 21-7-2009 32º
2008 10"28   Roma 11-7-2008 136º
2007 10"14   Rieti 9-9-2007 38º
2006 10"30   Gateshead 11-6-2006 123º
2005 10"22   Roma 8-7-2005 55º
2004 10"20   Firenze 10-7-2004 63º
2003 10"30   Rieti 2-8-2003 133º
2002 10"40   Nuoro 10-7-2002
2001 10"36   Bellinzona 12-5-2001
1999 10"58

PalmarèsModifica

Anno Manifestazione Sede Evento Risultato Prestazione Note
2003 Mondiali indoor   Birmingham 60 m piani Semifinale 6"71
Mondiali   Saint-Denis 4×100 m Semifinale 38"93
2004 Mondiali indoor   Budapest 60 m piani 6"60
Giochi olimpici   Atene 100 m piani Quarti di finale 10"29
4×100 m Batteria 38"79
2005 Europei indoor   Madrid 60 m piani 6"66
Mondiali   Helsinki 100 m piani Quarti di finale 10"60
4×100 m Batteria sq
2007 Mondiali   Osaka 100 m piani Quarti di finale 10"31
4×100 m Batteria 38"81
Giochi mondiali militari   Hyderabad 100 m piani   Argento 10"29
2008 Mondiali indoor   Valencia 60 m piani Semifinale 6"74
Giochi olimpici   Pechino 100 m piani Quarti di finale 10"33
4×100 m Batteria sq
2009 Europei indoor   Torino 60 m piani Batteria 6"72
Giochi del
Mediterraneo
  Pescara 4×100 m   Oro 38"82
Mondiali   Berlino 100 m piani Batteria 10"49
4×100 m 38"54
Mondiali militari   Sofia 200 m piani   Oro 20"84
2010 Europei   Barcellona 100 m piani nf
4×100 m   Argento 38"17  
2011 Mondiali   Taegu 4×100 m 38"96
2012 Mondiali indoor   Istanbul 60 m piani Semifinale 6"71
Europei   Helsinki 100 m piani Finale sq
4x100 m Batteria nf
Giochi olimpici   Londra 4×100 m Batteria 38"58  
2013 Europei indoor   Göteborg 60 m piani Semifinale 6"89
Giochi del
Mediterraneo
  Mersin 4×100 m   Oro 39"06

Campionati nazionaliModifica

Altre competizioni internazionaliModifica

2003
2004
  •   Argento in Coppa Europa indoor (  Lipsia), 60 m piani - 6"63
2005
2006
2008
2009
2010

NoteModifica

  1. ^ (EN) European Indoor Cup, su gbrathletics.com, GBR Athletics. URL consultato il 16 marzo 2011.
  2. ^ (EN) European Cup A Final and Super League (Men), su gbrathletics.com, GBR Athletics. URL consultato il 16 marzo 2011.
  3. ^ Collio 10.06 a Rieti, su fidal.it, FIDAL, 22 luglio 2009. URL consultato il 27 febbraio 2015.
  4. ^ Luigi Bolognini, L'uomo più veloce di Milano 'Il mio segreto è donna', su repubblica.it, la Repubblica, 3 agosto 2010. URL consultato il 16 marzo 2011.
  5. ^ Collio-Lalova, su rietilife.it, Rieti Life, 28 agosto 2010. URL consultato il 16 marzo 2011.
  6. ^ Atletica, n. 2-2018, http://www.fidal.it/upload/files/ATLETICArivista/atletica_2_2018.pdf.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica