Apri il menu principale
Simone Colombari

Simone Colombari (Firenze, 6 aprile 1961) è un attore italiano.

Indice

BiografiaModifica

Ha studiato alla Bottega Teatrale di Firenze, diretta da Vittorio Gassman. È sposato ed ha due figlie di nome Chiara e Carolina.

RadioModifica

Dal 2003 Simone prende parte alla trasmissione radiofonica di Radio 2 Rai 610, di Lillo & Greg e condotta in studio da Alex Braga, a cura di Angelica Scianò con la regia di Peppe Verdel, interpretando vari personaggi:

  • il poeta ufficiale Gianfilippo Caraglia, autore di cinque raccolte di poesie in un italiano ignoto ai conduttori (Sbirugliando tra le frezze; La gnagna affaccettata; La chiolla e il vitipeno; Lo gniffo sofolento; La strulla corsòfana). Dopo aver declamato una nuova lirica, Caraglia invita a commentarla il malcapitato Lillo, che tenta suo malgrado di inventare estemporanee quanto improbabili esegesi, per giustificare le quali è infine costretto ad ammettere oscuri episodi di vita vissuta, suscitando la sprezzante perplessità del sommo vate.
  • il poeta Altibano Colombani, in arte Fru Fru, che dopo la fortunata raccolta Gaie Rime, ha esordito a livello internazionale con il bestseller autobiografico I'm Very, Very Gay, seguito nel 2016 dall'antologia Coming Out, e nel 2019 dalla mini-raccolta, ancora esplicitamente autobiografica, Gli Uomini della Mia Vita. Nonostante il contenuto delle poesie, tutte incentrate su personaggi maschili con cui Colombani ha avuto relazioni sentimentali, il poeta nega recisamente di essere gay e ribadisce con puntiglio la propria convinta eterosessualità, respingendo le velate allusioni che i conduttori gli rivolgono a proposito dei connotati fin troppo femminili che contraddistinguono profumazioni, abbigliamento, calzature e accessori vari, sfoggiati con disinvoltura da Altibano.
  • lo stilista Frankie Porello, ispirato creatore di abbigliamento prét-à-porter per l'uomo contemporaneo, che espone elaborate collezioni di capi multimaterici, vere e proprie opere d'arte d'alta moda, sapientemente catalogate nelle collezioni Autunno Estate, oppure Inverno Inverno, e fatte indossare in studio da Samantho, Jessico e Pamelo, fedelissimi modelli del couturier
  • il poeta distrattista Alcibiade Simonari
  • il poeta Genesio Orso Guardini Viendalmonte, inventore del genere poetico "infantilismo", che vede l'autore regredire al livello della scrittura di un bimbo di tenera età
  • il poeta Enrico Maria di Giada Ombrosa, propulsore dell'avanguardia poetica denominata "volgarismo", la cui peculiarità consiste nel terminare i versi con una parola di volgarità estrema, del tutto gratuita ed avulsa dal contesto, ma essenziale e caratterizzante, che però risulta alquanto imbarazzante alle orecchie dei conduttori del programma.
  • Simone Piccionari, definito dalla critica letteraria il Poeta Ingenuo. Andato precocemente in pensione dopo un'intera vita lavorativa trascorsa per lo più all'estero, e ritrovatosi improvvisamente a casa, pronto a godersi a pieno le gioie della vita coniugale, dopo pochi giorni Piccionari si scopre poeta grazie all'intuito ed alla determinazione della giovanissima moglie, che lo convince a partire ed a trattenersi per lunghi periodi in luoghi lontani ed inospitali, per favorire la sua vena poetica. I versi del Poeta Ingenuo raccontano le peripezie di questa nuova dimensione, descrivendo i disagi delle proprie trasferte, ed esaltando le specchiate virtù della moglie, rimasta sola e sacrificata a casa, per mesi, con l'esplicito obbligo, da parte di Simone, di avvertirla con largo anticipo prima dei suoi sempre più sporadici e fugacissimi ritorni al tetto coniugale.
  • l'artista concettuale Eric Castellan, raffinato designer e progettista multimediale, autore di audaci installazioni urbane che mirano a provocare intense reazioni nel pubblico. Ispiratore di numerose collezioni di forte impatto sensoriale, tra cui spiccano Disagio e Disturbo, Castellan propone le proprie opere alle municipalità delle più prestigiose metropoli del mondo. Ma quando confida a Lillo e Greg l'esorbitante prezzo di acquisto richiesto per tali dirompenti creazioni, l'artista è brutalmente colpito con gli arredi presenti nello studio di 610, e stramazza al suolo in fin di vita.

Veste i panni anche di un inviato molto speciale curando varie rubriche:

  • Sport estremi: collegamenti da varie parti del mondo, per illustrare le discipline sportive più pericolose. Si tratta di sport del tutto assurdi, probabilmente più adatti ai personaggi dei cartoni animati, in cui la morte del concorrente è quasi garantita. Ma i toni enfatici dell'inviato, che descrive le performances con la massima professionalità, riescono a trasmettere la suspense dell'evento in modo bizzarro e divertente. Tra questi gli sport del Carso, con la chiara allusione fonetica dettata dalla località geografica.
  • Olimpiadi del sesso: dal Palaporno di Stoccolma, ma poi anche da altre località, è la radiocronaca delle prime Olimpiadi del Sesso. Il fatto di essere su di una radio nazionale, e in orario pomeridiano, costringe lo speaker a ricorrere ad estemporanei eufemismi e complicati giri di parole per non menzionare continuamente termini troppo espliciti.
  • Escapologia estrema: servizi in diretta sugli esperimenti di grandi illusionisti, che devono evadere da situazioni pericolose, ma inesorabilmente muoiono.
  • Gli scoop di Simone Colombari: rubrica che gode di grande audience, protratta per più stagioni del programma, e che si può suddividere in tre diverse modalità di reportages. Nella prima versione, la Rai incarica Colombari di realizzare degli scoop giornalistici teoricamente sensazionali, e pertanto lo spedisce in luoghi estremamente disagiati e pericolosi: il tema scelto dalla redazione di 610 per "l'eccezionale" collegamento, risulta però di scarso rilievo (la liana più larga del mondo, l'albero del capoc, il lemming delle steppe), mentre le difficoltà logistiche realmente incontrate dall'inviato sono evidenziate con estremo disappunto, e ripetute invettive. Per ovviare a tali contrarietà, Colombari elabora un secondo approccio al servizio, con caratteristiche affatto originali: non soltanto, l'argomento dello scoop lo sceglie direttamente l'inviato (una retrospettiva su Gauguin, la riproposizione teatrale del Rocky Horror Show, una visita al Monastero del Monte Athos), ma dagli effetti sonori che pervengono via radio (una sala bowling, un locale di lap dance, una gara di pesca sportiva) si percepisce nitidamente che Simone in realtà si sta dedicando ai suoi hobby, intascando impropriamente il lauto rimborso spese, e giungendo a negare ripetutamente, senza alcuna remora, l'evidenza di tali messe in scena. La terza modalità della rubrica propone ipotetici scoop sul ritrovamento in esclusiva di esseri soprannaturali (fantasma, vampiro, zombie, lupo mannaro), personaggi o animali mitologici (Minotauro, Cerbero, Unicorno, Mostro di Loch Ness) o fantastici (Babbo Natale, Yeti, Sirena, Folletti, Ninfe); in altri casi, Simone attesta la sua presenza ad eventi etologici rari e suggestivi (l'accoppiamento di due panda, il ritrovamento di un dodo, una famiglia di gorilla), oppure documenta nel dettaglio le fasi di fenomeni naturali di grande richiamo (un vulcano in attività, l'eruzione di un geyser, l'occhio di un ciclone). Ma stavolta, nonostante l'iniziale credito concesso dai conduttori, la finzione è troppo scoperta: i rumori ed i suoni con cui Simone tenta di ricreare l'atmosfera e le locations degli scoop sono talmente arrangiati e fatti in casa, che Lillo e Alex smascherano agevolmente l'intento truffaldino. Simone, piccato, rimprovera i conduttori in studio per non essere stati al gioco, ottenendo soltanto inevitabili critiche ed esplicite intimazioni a vergognarsi in diretta.
  • Tempio del gusto: reportage dalla rassegna gastronomica, che ha luogo a Milano. Vengono presentati piatti sperimentali di grandissimi chef (celebre il "profiterole di trippa" di Gianni Merisi o "l'amatriciana al miele" di Franco Corsi), che l'inviato segue in tutte le fasi della loro preparazione, per poi degustarli... con effetti alquanto prevedibili.
  • CS Factor: si tratta di un enorme esperimento che stanno conducendo con tutti gli stati e le nazioni del mondo per dimostrare quanto il senso civico, l'educazione, la civiltà siano importanti al giorno d'oggi. Sono tutti ripresi a loro insaputa i soggetti di questo esperimento, e tra la platea internazionale di giornalisti provenienti da tutto il mondo a commentare la cosa naturalmente è stato chiamato anche l'inviato Simone Colombari.
  • Collaudi estremi: cronaca dei collaudi di alcuni prototipi di veicoli, utensili, od oggetti del vivere quotidiano, che dovrebbero cambiare la nostra vita, una volta immessi sul mercato. Sono gli stessi inventori che cercano di far funzionare i nuovi dispositivi, realizzati con materiali di recupero ed a bassissimo impatto ambientale, ed alimentati con fonti di energia pulita. Ma la tendenza a discostarsi troppo dalla tecnologia convenzionale, puntualmente risulta fatale: il collaudo fallisce, l'oggetto non funziona, e provoca quasi sempre il decesso dell'inventore.
  • Selfie Estremi: commenti in diretta dal campionato del mondo di selfie estremi. Lo scopo degli atleti consiste nel realizzare l'autoscatto in prossimità di un luogo notoriamente pericoloso (sul ciglio di una cascata, sul bordo di un vulcano in eruzione), o nei momenti che precedono il verificarsi di un evento ad alto rischio (l'arrivo di un treno in corsa, la carica di un toro durante una corrida). Come prevedibile, gli autori di tali temerarie imprese finiscono regolarmente per soccombere. Ma se l'inviato constata che il selfie è comunque riuscito, il record viene omologato tra l'ammirazione e l'entusiasmo generale.

Con gli altri partecipanti del programma si è anche esibito dal vivo in varie occasioni[1].

 
Simone Colombari

TeatroModifica

  • 5740170 - 06 per chi chiama da fuori Roma, di Lillo & Greg (1994)
  • Troilo e Cressida, regia di Maurizio Panici, ruolo: Priamo (2009)
  • Il mistero dell'assassino misterioso, di Lillo & Greg (2000)
  • Work in regress, di Lillo & Greg (2004)
  • La baita degli spettri, di Lillo & Greg (2006-2007)
  • La festa è di là, di Agnès Jaoui e Jean Pierre Bacrì, regia di Siddhartha Prestinari (2007)
  • Piccoli crimini coniugali, di Éric-Emmanuel Schmitt, regia di Lorenzo Gioielli (2008)
  • Far West Story, di Lillo & Greg (2009)
  • Vita, regia di Angelo Longoni (2009)
  • Col piede giusto, regia di Angelo Longoni, ruolo: Bruno (2009)
  • E tu sei bellissima, scritto e diretto da Claudio Proietti, ruolo: Paolo (2011)
  • Sister Act, il musical, ruolo: Monsignore (2011)
  • Nerone, di Ettore Petrolini, ideazione e regia di Roberto Marafante, ruolo: Guida (2012)
  • Non sarà mica la fine del mondo?!, scritto e diretto da Roberto Marafante, ruolo: Carlo, ginecologo (2012)
  • Come tu mi vuoi di Luigi Pirandello, regia di Francesco Zecca, ruolo: Carl Salter, scrittore (2013 e 2014)
  • La fantastica avventura di Mr Starr, di Claudio "Greg" Gregori (Lillo & Greg), regia di Mauro Mandolini (2015)
  • The Blues Legend, il musical, regia di Chiara Noschese (2015)
  • L'ultima strega, il musical, regia di Andrea Palotto (2016)
  • La cena dei cretini di Francis Veber, regia di Nicola Pistoia e Paolo Triestino (2017)
  • Boomerang, regia di Angelo Longoni (2017)

CortometraggiModifica

  • L'erba del vicino non è sempre più verde di Giulia Cerulli, Simona Coppini, Livia Mucchi

DoppiaggioModifica

FilmografiaModifica

TelevisioneModifica

NoteModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica